SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

C Silver – Sarzana-Follo, Cus-Spezia. L’ultimo atto vede i cussini corsari al PalaSprint. Nel weekend il via alla seconda fase

Posted by superbasketball su 8 marzo 2016

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaLa C Silver ha concluso la fase di qualificazione e dal prossimo fine settimana si parte con la fase più importante, quella che deciderà davvero tutto.

Vediamo cosa è successo, e partiamo naturalmente dalla zona playoff.

La pole se l’è aggiudicata Sarzana (Irving 25, Pené 18), come sembrava probabile alla vigilia. I ragazzi di Bertieri hanno rifilato un trentello al Sestri Levante (Conti Fr. 28, Mariani 10), per l’occasione con molti giovani in campo, e messo un’ipoteca serissima sul primo posto sin dal sabato. Sarzana chiude quindi con 34 punti sui 40 disponibili, avendo perso 3 volte ma solo in trasferta: ad Ospedaletti, a Genova con il Cus, e a Spezia con la Tarros, rispettivamente di 5, di 8 e di 1 punto. E’ solo il terzo miglior attacco, dietro a Tarros e Ospedaletti, e seconda miglior difesa, dopo il Cus. Dunque non un dominio, ma comunque una stagione solida. Ora le toccherà Follo in semifinale. Sestri invece perdendo resta dietro al Tigullio, e pesca Aurora e Red nel playout. Considerata la classifica di partenza, la salvezza sembra davvero ad un passo, dunque sconfitta probabilmente indolore, anzi.

Il clou era Tarros-Cus, e la partita non ha tradito le aspettative. Più per il risultato, e per come è maturato, che per la bellezza della partita in sé. I genovesi (Bedini A. 21, Macrì 15) hanno iniziato trovando una squadra spezzina (Jonikas 14, Pipolo 11) un po’ svagata, e non si sono fatti pregare ad affondare la lama nel burro nella prima frazione, scavando un solco che i ragazzi di Martini sono riusciti a riempire solo nell’ultimo quarto, risalendo dal -21 registrato nella terza frazione, chiusa sotto di 16, sino al -1. Qui però ancora una volta i ragazzi di Pansolin e Taverna si sono dimostrati più lucidi, e hanno respinto gli ultimi assalti spezzini. Molto scontenti l’allenatore Martini e il presidente Caluri. “Non l’ho, non l’abbiamo mandata a dire ai ragazzi: non ci è piaciuto per niente l’atteggiamento e l’abbiamo detto loro direttamente negli spogliatoi“, ha raccontato a SUPERBAsketball Danilo Caluri. “Nella mia società i ragazzi sono trattati benissimo, siamo organizzati a livello di squadra di diverse categorie superiori, e questo i giocatori lo sanno. Potrei fare tanti esempi, di servizi che in serie A a volte sono meno puntuali di quelli che trovano da noi. Costa, ma non è un problema, lo facciamo perché ci sembra giusto fare così, però si pretenderebbe, quando si dà tanto, avere un comportamento simile. L’atteggiamento visto in campo ieri non è da squadra che dichiaratamente vuole essere promossa. C’era in palio il fattore campo e abbiamo iniziato la partita come se tutto ci dovesse venire per diritto. E’ vero che per certi aspetti iniziare fuori può essere perfino preferibile, ma comunque dovevano giocare con altro piglio. Insomma, a Genova avevamo perso ma ci mancava Cota, e Delibasic si era infortunato, era stata una bella partita lo stesso e secondo me con la squadra al completo dovevamo fare il risultato“. Tutt’altro feeling da parte genovese, ovviamente, dove si festeggia il secondo posto, la quattordicesima W consecutiva e l’accesso ai playoff con il vantaggio del fattore campo rispetto a quella che doveva, sulla carta, esser la favorita alla promozione. Il PalaCus deve però mostrarsi all’altezza del confronto con il campo degli spezzini, perché sinora in termini numerici e qualitativi il confronto non regge…e per questo coach Pansolin ha più volte cercato di scuotere l’ambiente. Vedremo se il fascino delle eliminazioni dirette riempirà gli spalti dell’impianto di viale Gambaro. E comunque alzi la mano chi aveva pronosticato a settembre il Cus secondo a pari merito a questo punto…

Sul quarto gradino si è naturalmente accomodato il Follo (Russo 18, Steffanini N. 16), che nel suo match di sabato non ha faticato più di tanto a superare un’Aurora (Vercellotti 14, Garibotto 13) che già da molte settimane gira un po’ in folle. I ragazzi di Padovan hanno fatto il break decisivo nel terzo quarto, e hanno chiuso con un tranquillo +16. A loro spetta ora la capolista, e proveranno a fare da mina vagante del seeding. Vero è che quest’anno i due derby sono stati persi nettamente, mentre contro Tarros e Cus almeno una vittoria c’è stata, quindi i biancoverdi al momento erano l’avversario peggiore. Ma i follesi non erano più padroni del proprio destino sino a ieri; da gara1 lo ridiventano, e possono provarci. Quanto al team di Marenco, parte con 6 punti nel gironcino dove c’è anche il Red a 0, direi che farseli recuperare tutti dai reds sembra difficile, però in una stagione così forse è il caso di darsi una mossa a mettere in ghiaccio al più presto la salvezza per evitare rischi.

Le altre due gare erano sostanzialmente ininfluenti.

Ad Ospedaletti la squadra di Lupi (Scala 29, Bonino 21) ha salutato i propri tifosi con una vittoria larga sull’Ardita Juventus (Lotti 15, Ferrari 14). Salvi gli orange e senza necessità di punti i genovesi, il risultato ideale sarebbe stato un bel pareggio, ma il nostro sport non lo contempla, per cui si è comunque giocato senza patemi e la partita ha visto prevalere i padroni di casa dopo l’intervallo lungo. L’Ospedaletti va dunque in vacanza e ciò è piuttosto inusuale a marzo appena iniziato: siamo ancora in inverno! Quanto all’Ardita, il suo gironcino è quello più equilibrato ma il team di Chiesa parte sotto, a quota 2 contro i 4 del Pool e i 6 del Tigullio. C’è da pedalare, se si vuole evitare di finire nello spareggio della morte.

Proprio il Pool (Cognigni 14, Olowu e Zavaglio 12) tra l’altro ha finito la sua qualificazione con una vittoria ampissima ad Ovada (Paro 14, Cruder 13), che non conta niente per la classifica di questa fase se non per le statistiche, ma in prospettiva sì; perché è evidente che gli oltre 30 punti rifilati ai ragazzi di Brignoli, come detto in presentazione oramai privi di Barber ma ieri anche di Ferrando febbricitante, in trasferta, fanno molto bene sperare ai vadesi se anche si dovesse malauguratamente finire all’atto finale insieme agli ovadesi. Naturalmente da parte Red la sconfitta non fa che scurire ulteriormente la sfumatura di grigio della stagione più negativa (nessuna vittoria in casa credo che sia un dato che parla da sé) da quando io seguo la pallacanestro ligure in questo blog.

Domani, martedì 8, si dice usciranno i calendari ufficiali della seconda fase: importante soprattutto quello dei playout, perché dei playoff si sa sostanzialmente chi e dove, mentre nel caso dei gironcini a 3, dovendo una per girone riposare ogni giornata, l’ordine delle partite è critico ma ancora ignoto.

Risultati e classifica:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: