SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

Archive for gennaio 2017

D Reg/M – Pegli sorprende Busalla, Valpetronio stoppa Pro Recco

Posted by superbasketball su 31 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaGiornata con risultati importanti in D regionale, che confezionano una classifica cortissima in vetta, con 3 squadre a pari merito e ben 6 squadre in 4 punti. Il che significa che nei prossimi turni gli scontri diretti fioccheranno, e ricordo che la prima posizione vale la promozione diretta…

Busalla (Parentini 16, Mazzorana 12) ha toccato con mano la pericolosità del Basket Pegli (Brichetto M. 20, Prezioso e Mazzorana 11), che è uscito vittorioso dal campo dei valligiani con il minimo scarto, dopo una partita equilibratissima, e decisa ovviamente proprio sulla sirena. Gli arancioblù di coach Di Chiara hanno fatto una partita decisa, non da matricola, contro una delle formazioni più esperte della categoria, e a questo punto, quinti a due sole vittorie dalla vetta, possono anche sognare un po’: devono andare a Vado a confermarsi però. I busallesi di coach Tarantino, ora appaiati a Recco ma anche a Valpetronio, sono attesi a loro volta da un altro scontro diretto, a La Spezia contro la Diego Bologna, dove rischieranno di essere agganciati in caso di esito negativo…

La Pro Recco era in serie positiva da tempo immemore, però tutte le cose hanno una fine, e così è successo alla serie rosa recchelina, interrotta dalla Valpetronio che ha inflitto ai ragazzi di Bertini la prima sconfitta casalinga stagionale (beh su sole 3 gare però), dimostrandosi una specie di bestia nera per loro. Grazie al 2-0 maturato in stagione infatti i ragazzi di Benvenuto si aggregano al gruppetto di testa scavalcando la Pro Recco, e ora vanno a fare visita all’Auxilium sperando di rimpolpare il bottino di punti e di approfittare magari di un passo falso di una delle due. I recchelini naturalmente giocheranno nuovamente in casa: arriva il Villaggio, una delle vittime dell’andata.

La Diego Bologna, pur ferma per il turno di riposo, ha conservato la quarta posizione a 2 punti dalla prime: come detto sabato avrà Busalla in casa per provare l’aggancio, e se ribaltasse il -6 dell’andata, addirittura il sorpasso.

Al quinto posto c’è il già nominato Pegli, ma a pari merito, sesta, c’è anche l’Imperia (Giulini 26, Carlucci 18), che dopo una lunga serie di sconfitte, ben cinque, è tornata a sorridere vincendo in casa con l’Auxilium (Grazzi 16, Pera 15). I ragazzi di Damonte hanno prima costruito un vantaggio di un ventello che sembrava definitivo, poi nell’ultima frazione l’hanno sprecato praticamente tutto, visto che il team di Barbieri è rientrato al -1; infine hanno avuto la lucidità di tenere duro e pian piano riprendersi i 2 punti. Dovendo andare ad Albenga, il Riviera potrebbe risalire la china sfruttando l’appiattimento della graduatoria; l’Auxilium invece deve reagire per affrontare al meglio la Valpetronio che verrà in via Cagliari decisa a portare via i 2 punti.

Altra vittoria della Pallacanestro Sestri (Grazzi 19, Zenobio M. 16), che ha confermato il pronostico favorevole con l’Albenga di coach Accinelli (Vaccarezza 11, Giromini 8). Partita chiusa dopo 2 quarti dai “gabbiani” di Borzoli, che ora coach Mariotti porterà a Sanremo, dove il pronostico è ancora a favore e potrebbero arrivare punti utili per consolidare la zona playoff. L’Albenga dovrà invece ospitare l’Imperia in risalita, cliente piuttosto indigesto.

A Chiavari nello scontro diretto tra Villaggio e Cogoleto è uscito l’1, e coach Annigoni ha quindi ottenuto i punti che valgono non solo il sorpasso ai danni proprio dei ragazzi di Dellarovere, ma anche l’aggancio all’Auxilium. Ora per i cogornesi c’è da andare a Recco, sul campo difficile di una delle capoliste, ci si può provare ma serve una prestazione come quella fornita contro Busalla qualche settimana fa, mentre Cogoleto, scivolato fuori dalla zona postseason, dovrà oltretutto riposare.

A Sanremo i vadesi dell’Amatori (Vigliola e Cacace 17) hanno strappato il referto rosa sul campo del BVC (Bonino 22, Tacconi 18), disinnescando il pericolo di riaggancio proprio dei matuziani, e avvicinando il Cogoleto, ora a tiro di sorpasso. I ragazzi di coach Dagliano hanno creato lo strappo decisivo nella terza frazione, ottenendo un divario che i sanremesi non sono riusciti più a ridurre sotto la doppia cifra. Bene per i biancorossi, che ora però devono ospitare i galvanizzati arancioblù pegliesi; coach Bonino dovrà a sua volta tornare sul campo di casa per ricevere la visita della Pallacanestro Sestri, per provare a conquistare qualche punticino ai danni dei genovesi.

Situazione:

.

Partite in programma:

.

Posted in Campionati, D Reg M | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A1/F – Venezia troppo dura per la Carispezia, progresso lento, ma non c’è tempo

Posted by superbasketball su 31 gennaio 2017

logo_cestistica_nuovoLa Carispezia ha subìto una sconfitta preventivabile e abbastanza pesante a Mestre con la Reyer, malgrado l’esordio della nuova arrivata Březinová. E ora arrivano i momenti topici, a cominciare dalla trasferta di Vigarano con punti pesanti in palio.

Il solito link allo streaming della Lega Basket Femminile stavolta non ve lo metto, perché paradossalmente il video è stato bloccato da Youtube :-O . E quindi non l’ho vista nemmeno io! (Edit: il video è tornato disponibile! Eccolo qui sotto:)

Le bianconere (De Pretto 19, Brezinova 8) hanno di fatto tenuto botta solo nel primo quarto, chiuso sotto di 7. Nel secondo tempino Venezia ha spinto, tenendo a secco le spezzine e salendo al +21 dell’intervallo lungo. Al rientro la musica è ripresa come dopo una semplice pausa, il divario si è dilatato sino a più di 30 punti, e solo nell’ultimo quarto la Carispezia è riuscita un po’ a limitare i danni, contenendo il passivo al -31.

La nuova arrivata Březinová ha fatto vedere qualcosa, ma certamente non ha in quel frangente creato scalpore. Bene il ritorno di De Pretto ai livelli di inizio campionato; passo indietro per Premasunac e Benić, almeno in termini di punti.

Naturalmente perdere, anche così, in casa della Reyer era preventivabile e non rappresenta un segnale particolare, persino Schio ne ha presi trenta dalle orogranata qualche turno fa. Il focus deve essere sulle prossime gare: prima di tutto quella di Vigarano di domenica prossima, in cui coach Barbiero dovrà provare a sgambettare una delle squadre che ancora sono raggiungibili. C’è poco tempo, ma sul campo estense bisognerà dare tutto e di più. Poi ci sarà Broni, poi…il resto. Ma intanto serve un mattoncino da incastrare sull’unico già piazzato.

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – CUS respinge Sarzana e resta in scia a Tarros; colpo Alcione, riaperta la lotta in coda

Posted by superbasketball su 31 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaIn C Silver dopo la sedicesima giornata sono rimaste in due staccate davanti, la Tarros è in testa con una vittoria di vantaggio sul CUS. A 4 lunghezze dai genovesi c’è Sarzana, poi, in modo alquanto inusuale, la classifica si sgrana con le squadre in fila indiana, ognuna staccata da qualla davanti e da quella dietro di soli 2 punti. Si è anche riagganciato al trenino l’Alcione, andando a vincere in casa Ardita!

La Tarros Spezia (Manzini 18, Melley 15) ha superato in casa il Tigullio (Zolezzi 16, Caversazio e Ferrando 12), approfittando di qualche assenza nelle file dei sammargheritesi, e mettendo a posto la partita nella seconda frazione, dopo un primo tempino equilibrato. L’espulsione di Diouf ha reso la gara ancora più semplice per i bianconeri di Padovan, che hanno ampiamente ribaltato quanto subìto all’andata in casa dei ragazzi di Pezzi. Dunque missione compiuta per gli spezzini, che restano sempre soli davanti ma devono ora riposare (in realtà per preparare il derby con il Follo, quest’anno probabilmente un po’ meno “critico” ma sempre importante); per i tigullini sabato ci sarà il derby con Sestri, per cercare di riavvicinare il quarto posto.

Il CUS (Bigoni 25, Macrì 15) ha evitato con Sarzana (Jonikas 22, Bencaster 14) varie cose: la prima sconfitta casalinga in C Silver, la seconda sconfitta consecutiva, e il 2-0 con i biancoverdi. L’ha spuntata in fondo ad una gara combattuta, giocata con determinazione e con gioco molto fisico, un po’ sottostimato nel metro arbitrale. Come spesso succede, alla fine qualcosa si fischia e chi si vede penalizzato dalla chiamata a fronte magari di non chiamate precedenti, si irrita, diciamo. Ne ha fatto le spese Sarzana, con l’espulsione praticamente contemporanea nel finale di Jonikas e Bencaster (il lituano aveva anche già commesso 5 falli), nel quarto decisivo, dopo che la tensione era salita alle stelle. Per questo motivo da parte sarzanese si recrimina: chi vuole può vedere le azioni importanti nel video che vi metto a disposizione. La cronaca comunque racconta di un CUS uscito meglio dai blocchi di partenza, poi rimontato e superato dai ragazzi di Bertieri per chiudere davanti i primi 10′ con scarto minimo. Ancora Sarzana nella seconda frazione prova a fare il buco andando a +5, ma i genovesi ribattono e rimettono il naso davanti, e con un Mangione elettrizzato da un’inchiodata in entrata arrivano al +7. Le contendenti sono però entrambe concentrate, e gli ospiti piazzano, nel momento migliore cussino , un 10-0 che li riporta davanti. La prima metà di gara si chiude sul +1 esterno, tutto in bilico. Nel terzo quarto si gioca in modo molto equilibrato, con Sarzana avanti, ma bilancio finale pari che lascia un solo punto tra le due come a metà. L’ultima frazione pende pian piano a favore dei genovesi. Salgono di tono Bigoni e Mangione, i genovesi vanno anche a +10, e si vedono azioni spettacolari come un tentativo di schiacciata “terminale” di Dufour rigettato da Salazar, e poi le azioni che procurano i falli contestati di cui sopra, tra cui il fallo fischiato in attacco a Jonikas su Mangione che di fatto ha chiuso le porte ad un possibile rientro sarzanese. Peccato, perché la partita è stata vibrante, magari non perfetta, ma certamente una delle più interessanti viste quest’anno, e avrebbe magari meritato un arrivo in volata senza polemiche finali (e successive), anche per alcune giocate spettacolari (non ho citato, nel primo quarto, un passaggio “laser” di Bencaster che ricevendo da rimessa nella sua metacampo ha pescato Jonikas libero con un lancio di una ventina di metri). Premiata la volontà cussina di fare tutto il possibile per cancellare la brutta sconfitta dell’andata, non ribaltabile in termini numerici: ora i genovesi devono affrontare una trasferta insidiosa come quella di Ospedaletti, che se positiva potrebbe fruttare il riaggancio. Per i biancoverdi c’è da smaltire la frustrazione ospitando l’Aurora, per ripartire nella corsa che è ancora lunga, anche nel girone di andata si è visto che anche le migliori possono perdere colpi in giornate “insospettabili”.

Per i moviolisti, e per tutti, ecco foto e video della BraunCam (purtroppo inizia tutto da qualche minuto alla fine del primo quarto, ma le parti più importanti ci sono).

2016-2017 C Silver Cus-Sarzana.

.

Il Vado di coach Dagliano (Milosevic 19, Zavaglio 14) ha continuato il suo bel momento andando a espugnare il Palacarrino. L’Aurora di coach Marenco (Costacurta 20, Dmitrovic 13), in emergenza roster, non ha demeritato, specialmente quando nella terza frazione è riuscita a riavvicinare i biancorossi che nella prima parte avevano preso un buon vantaggio. Il calo di stamina dei gialloblù nell’ultimo quarto ha però permesso ai vadesi di conquistare un altro referto rosa, e di conquistare il quarto posto, a due soli punti da Sarzana, una posizione credo poco preventivabile prima del campionato. Molto bene per Vado, che se non sbaglia la sequenza Ardita-Alcione-Follo in arrivo, potrebbe ospitare poi Sarzana addirittura sperando nell’aggancio. Quanto all’Aurora, deve mantenere alta l’attenzione perché dietro sembra ripartito l’Alcione e qualche certezza sembra vacillare: sarà difficile nel prossimo weekend a Sarzana, ma qualche punticino in giro sarà forse meglio metterlo insieme per non rischiare.

Dietro a Vado e Tigullio lo scontro diretto di Sestri Levante ha arriso ai ragazzi di coach Canepa (Garibotto 22, Poltroneri 17), che hanno rotto la serie gialla con l’Ospedaletti. Eppure gli orange (Cruz Salas 19, Michelis 18), con la novità Cruz Salas in campo, erano riusciti a prendere un discreto vantaggio nel terzo quarto, poi Zunino ha rimediato 2 tecnici e i biancoverdi di casa hanno meglio giocato nell’ultimo decisivo tempino, mettendo un solo, ma sufficiente, possesso tra sé e gli avversari. Il vantaggio dell’andata dà ancora la priorità ai ragazzi di Lupi, ma i sestrini sono passati davanti consolidando la posizione playoff. Per Sestri il prossimo turno porta il derby di Santa Margherita; l’Ospedaletti deve invece ospitare la seconda in classifica CUS.

Abbastanza incredibile la seconda vittoria dell’Alcione Rapallo di coach Pieranti in questa stagione: recuperando un ventello di scarto all’Ardita Juventus di coach Chiesa, sul campo di via Allende, dopo che i nerviesi erano stati avanti praticamente sempre e che invece nella terza frazione hanno dimenticato che di minuti ce n’erano ancora tanti. I ruentini hanno chiuso i ranghi in difesa, e recuperato punto su punto sino all’incredibile referto rosa finale, che vale non solo 2 punti ma apre prospettive di possibili recuperi che qualche settimana fa, da quota 0, sembravano un po’ fantascientifici. Tra l’altro, la settimana prossima c’è proprio in arrivo il Follo, che in fondo all’andata vinse solo di 5 e che quindi potrebbe essere scavalcato se l’Alcione si imponesse con 6 punti di scarto! I genovesi devono andare a far visita al Vado, non una trasferta granché “amichevole”.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A1/F – Carispezia a Venezia, altra gara con poche chances per le bianconere

Posted by superbasketball su 28 gennaio 2017

logo_cestistica_nuovoReyer Venezia: terza in classifica (con una gara da recuperare), 22 punti, 3 turni fa un trentello rifilato in casa a Schio campione d’Italia. In Final Four di Coppa e agli ottavi di Eurocup. All’andata, +18 al Palasprint. In un paio di righe la sintesi di quello che aspetta la Carispezia al Taliercio domenica alle 18, quando scenderà in campo sul parquet mestrino contro le orogranata.

promo-ve-spLe avversarie di domenica sono impegnate su tre fronti (campionato, coppa Italia ed EuroCup), nei quali si stanno districando piuttosto bene, visto che per i primi due sono in piena corsa (per la Coppa addirittura la notizia è che la Final Four si giocherà proprio al Taliercio il 25 e il 26 febbraio prossimi), e nel terzo hanno appena ottenuto, vincendo largamente in Israele col Maccabi, l’accesso agli ottavi. In campionato invece nel turno scorso non hanno potuto giocare, perché al Palaminardi di Ragusa la pioggia aveva reso il campo impraticabile (toh, succede anche fuori Liguria e nei campi delle squadre blasonate…) e quindi la partita è stata rinviata a data da (ancora oggi) destinarsi. Quindi l’ultimo risultato delle veneziane in campionato risale addirittura all’8 di gennaio, quando si imposero su Battipaglia “solo” per 61-53 (Fontenette 20, Ruzickova 14), un risultato che forse è l’unico appiglio a cui aggrapparsi per sperare che le spezzine possano restare in partita anche sul campo veneto.

Certamente un banco di prova importante per testare l’ennesima versione della Carispezia. Riusciamo a contarle? Non è banale: prima c’era Šesnić, poi è stata tagliata alla vigilia del campionato, poi è toccato a Hrynko, e poi è arrivata McIntyre, poi è cambiata la guida tecnica da Corsolini a Barbiero, poi è arrivata Striulli, poi Benić, e ora anche Březinová. Trascurando il per fortuna breve infortunio di De Pretto e il rilascio della poco utilizzata Pappalardo, fanno 8 versioni diverse. Vediamo questa: del nuovo innesto sarà da valutare oltre all’inserimento, importante ma che magari per domenica potrebbe ancora essere un po’ precario e non sarebbe strano, soprattutto la sua capacità di coniugare gioco interno e maggiore velocità, anche nella fase difensiva. Certamente la taglia la favorisce in agilità rispetto a McIntyre. Peraltro, ci si aspetta una conferma dell’approccio mentale delle ragazze, abbastanza positivo con Schio, che devono mostrare di poter reggere per 40′ con concentrazione e grinta anche in situazioni di svantaggio (probabile visto con chi si gioca) e magari anche ampio, senza cedere emotivamente. Perché con altri avversari questa resilienza potrebbe diventare vincente.

Naturalmente ci sarà la diretta sullo Youtube della Lega Basket Femminile.

Forza ragazze!

Partite in programma:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

9° allenamento del CTF femminile 2002-2003 domenica 29 gennaio

Posted by superbasketball su 27 gennaio 2017

scuolambgiovanLogo Comitato Regionale FIP LiguriaDomenica 29 gennaio, ad una sola settimana dall’ottavo, i coach(es) Grandi, Carbonell e Griffanti Bartoli svolgeranno il nono allenamento del Centro Tecnico Federale femminile delle annate 2002-2003: “stessa spiaggia stesso mare”, l’allenamento si svolgerà dalle 11 alle 13, nel PalaFigoi di Genova Borzoli.

Buon lavoro e divertimento a tutti!

Posted in Giovanili | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Big match CUS-Sarzana, ma c’è anche Tarros-Tigullio

Posted by superbasketball su 26 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaDue sfide tra le squadre in vetta caratterizzeranno questa sedicesima giornata in arrivo, quinta di ritorno della C Silver ligure: a Genova il CUS ospiterà Sarzana (seconda contro terza), mentre al Palasprint la Tarros riceverà il Tigullio (prima contro quarta).

C’è onestamente curiosità per quello che succederà al PalaCUS sabato pomeriggio. Intanto perché all’andata la partita fu vinta dai biancoverdi in modo così netto che certamente ai ragazzi di Pansolin e Taverna la voglia di dimostrare di non valere quel -24 non può non venire. Poi perché i biancorossi vengono da una sconfitta bruciante, la partita di Vado in cui sono stati soverchiati dai giovani avversari, senza far vedere granché delle usuali micidiali combinazioni veloci delle proprie punte. D’altro canto coach Bertieri ha un gruppo che, a parte le due sfide con Tarros, ha sbagliato solo la trasferta di Ospedaletti, e ha spesso sopperito ad importanti assenze (Bencaster su tutti): in risalita dopo aver dovuto scontare il turno di riposo, e passando a Genova agguanterebbero la seconda piazza. Auguriamoci che ne esca una partita interessante, magari davanti ad un congruo pubblico!

Non è molto da meno la partita che metterà domenica davanti alla capolista Tarros il Tigullio di coach Pezzi, una delle squadre che nel girone di andata hanno fatto lo sgambetto ai bianconeri. I sammargheritesi arriveranno a La Spezia col +5 dell’andata, e coach Padovan ha sicuramente preparato la gara con la massima attenzione visto quel che era appunto successo in via Liuzzi, perché c’è da difendere sia il primo posto, anche perché tra un mesetto ci sarà a propria volta da andare a far visita al CUS e nel turno prossimo invece ci sarà da riposare, sia l’imbattibilità casalinga. Da parte Tigullio sarebbe un gran colpo perché utilissimo nella lotta col Vado per la quarta piazza, se non per puntare più in alto.

La Pallacanestro Vado, galvanizzata dal gran match di sabato scorso, avrebbe un turno favorevole, visto che l’Aurora Chiavari, pur giocando sul campo di Sanpierdicanne, ha perso come sapete la sua “chioccia” Baiardo e quindi uno dei terminali offensivi principali. E’ però una sfida tra squadre giovani e come sempre conterà molto magari l’approccio, e forse anche qualche episodio. Certo i biancorossi con la sequenza Aurora-Ardita-Alcione-Follo potrebbero mettere molto fieno in cascina, e arrivare alla sfida finale dell’ultimo turno con Tigullio messi piuttosto bene. Coach Marenco si ritrova in emergenza nel settore play-guardie, e proverà ad affidarsi ai suoi più giovani come Stefani.

Scontro diretto interessante quello di Sestri, dove la squadra del presidente Conti riceve l’Ospedaletti con cui condivide quota 12. I biancoverdi condividono con gli orange anche un frangente con pochi risultati utili: è chiaro che sabato sera una delle due squadre, quella di coach Canepa o quella di coach Lupi, si ritroverà con 2 punti in più e magari un po’ più di fiducia per i prossimi turni. All’andata vinsero gli ospedalettesi per 80-71, dunque per i sestrini sarebbe anche importante rovesciare quel gap.

In via Allende sabato l’Ardita Juventus di coach Chiesa proverà a ammorbidire un po’ le sue statistiche sul campo di casa, ospitando l’Alcione Rapallo. Partita che vale molto per entrambe: per i nerviesi, reduci da un’importante incursione in quel del Palamariotti, i due punti potrebbero significare tranquillità quasi totale, mentre per l’Alcione potrebbero permettere di riavvicinarsi al Follo, che in questo turno riposa, per poi ospitarlo la settimana prossima con la possibilità di riagganciarlo.

Partite in programma:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rappresentative province – Allenamento della rappresentativa Genova femminile 2004

Posted by superbasketball su 25 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaAltro raduno di una rappresentativa provinciale della classe 2004 (e 2005): a Genova, al PalaFigoi, alle 9 di domenica 29 le femmine allenate da coach Brovia e dall’assistente coach Albano sosterranno il loro terzo allenamento.

Buon lavoro (e divertimento) a tutte!

Posted in Generale | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

C/F – Sempre più Lavagna l’unica a tener dietro a Cestistica Savonese

Posted by superbasketball su 25 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaIn C femminile c’erano vari scontri diretti: ebbene, l’effetto sulla classifica è stato solo quello di ribadire quanto si era visto sinora, con una sola eccezione, ma in cui ha vinto la squadra di casa. Certo, a questo punto la fuga delle prime due è diventata chiara, con la seconda attaccata alla prima ma con 3 vittorie di vantaggio, e gli scontri diretti a favore, sulla terza. La lotta per la terza e la quarta posizione resta aperta al momento a 3 squadre; dietro si gioca, penso, con aspettative varie ma non più legate alla postseason.

La Cestistica Savonese potesse, si diceva, probabilmente avere un po’ più di filo da torcere domenica, al PalaPagnini, ospitando l’NBA-Zena. Ebbene, centello non è stato, per cui si potrebbe dire di sì; però il divario al 40′ è stato di quasi 60 punti, più del doppio dell’andata. Le biancoverdi (Skiadopolou 19,  Zanetti 17) non hanno lasciato speranze alle rosanero di coach Grandi (Policastro 11, Giacchè 6), archiviando la pratica già nel secondo quarto ma senza togliere le mani dal manubrio neanche nel resto dell’incontro, in cui le genovesi hanno continuato a subìre in difesa e faticare in attacco contro le ragazze di coach Pollari. E’ chiaro che a Savona non spaventa la trasferta di Alassio in arrivo, né tantomeno la successiva in casa, il testa-coda impari con lo Junior: si guarda a sabato 11 febbraio quando si andrà al Cotonificio contro la Polysport con solo 3 punti di vantaggio dell’andata. E comunque ci sarà anche, con tutta probabilità, la finale. Il team del presidente Margiotta invece torna sulla Terra e ospiterà la Pallacanestro Loano, con l’obbiettivo di puntare al terzo posto dell’Audax.

La Polysport Lavagna (Principi 23, Annigoni 11) resta l’unica antagonista sensata alla Cestistica, ancor di più dopo aver ribadito col 2-0 il vantaggio sull’Audax San Terenzo (Moltedo 8, Cattoi e Russo M. 5). Anche a Lerici infatti le ragazze di coach Daneri hanno messo il coperchio al proprio canestro, laciando sempre poco alle padrone di casa, facendo il break definitivo dopo l’intervallo lungo, in una frazione vinta 12-2, e allungando nell’ultimo quarto. Come dicevo all’inizio, sono ora 6 i punti che dividono la Poly dalle inseguitrici Audax e NBA, e con le santerenzine gli scontri diretti dicono biancoblù (NBA ha subìto 10 punti all’andata, può ancora sperare di ribaltarli, ma servirebbe certo una superprestazione). Le lavagnesi ospiteranno ora l’Amatori, squadra molto giovane ancora in lotta per i playoff, con il favore del pronostico. Coach Rossi potrebbe beneficiare della trasferta a Genova sponda Sidus per far riconquistare un po’ di fiducia alle sue ragazze: però la gara clou a questo punto potrebbe essere quella dell’ultimo turno al Paladonbosco con NBA-Zena, forse ancora col terzo posto in palio.

Dietro alle prime 4 ha fatto il suo dovere l’Amatori Savona (Riello 17, Mata e Franchello 14), che sul proprio parquet ha conquistato il referto rosa ai danni del fanalino di coda Junior Rapallo (Rodríguez 23, Primavori e Barresi 10). Lo ha fatto certamente dal punto di vista del risultato, meno, a parere dello staff tecnico biancorosso, in quello della performance, che se nella prima parte era stata convincente è poi calata a tal punto da far risaltare la seconda parte di gara delle ragazze di coach Orio, che saranno ultime, ma evidentemente hanno comunque la voglia e la capacità di far canestro se ci sono le condizioni. Vittoria comunque larga, ma coach Dagliano certamente pretende altro, specialmente se non si vuole far brutta figura a Lavagna, e magari si ha in sogno, come è normale sogni una squadra molto giovane come quella vadese, l’obbiettivo (insperato prima dell’inizio del torneo) di intrufolarsi nelle prime posizioni. Coach Orio ha portato in sede un altro referto giallo, ma ha visto qualche buona cosa delle proprie ragazze: proverà a farle ripetere con l’Aurora a Rapallo.

Le chiavaresi hanno vinto la partita più equilibrata del turno, superando al Palacarrino l’Alassio di coach Ciravegna. Le ragazze di coach Migliazzi (Vaccaro 14, Ortica E. 10) erano partite meglio, ma si sono un po’ spente facendosi recuperare e sorpassare dalle alassine (Benso 14, Ardoino 9), per poi trovare nell’ultima frazione qualceh sprazzo decisivo in più che permette loro di restare attaccate al trenino playoff, a 2 vittorie dal quarto posto, senza particolari patemi di poter perdere la posizione a favore delle inseguitrici che sono ora a 6 lunghezze. Anche la trasferta a Rapallo del prossimo weekend potrebbe aiutare a consolidare le speranze. Guardando invece all’Alassio, la sconfitta pesa sicuramente più di quella direi quasi certa in arrivo al Palaravizza con la Cestistica, che dovrebbe essere assorbita con filosofia, in attesa di occasioni per fare punti contro qualche concorrente diretta.

L’unica partita in cui è stata sovvertita la previsione in base alla classifica è stata quella di Loano, dove il team di coach Iannuzzi (Zappatore V. 12, Bellenda 11) si è imposto nettamente sulla Sidus Genova (De Ferrari 13, Saturnino 7). Le loanesi sono partite forte, prendendo un margine importante, e hanno continuato ad allargare il gap, tranne nell’ultima frazione, a partita decisa. Grazie a questo risultato è arrivato l’aggancio e il sorpasso (2-0 negli scontri diretti) proprio ai danni delle genovesi di coach Marco Rossi. Il quale deve ora preparar qualcosa per arginare l’Audax, anche se potrà provarci in casa; le loanesi, che ora guidano il gruppetto delle squadre della parte bassa della graduatoria, dovranno invece incontrare l’altra e più quotata genovese, l’NBA-Zena, in trasferta a Sanpierdarena.

Situazione (e partite in programma):

.

Posted in C F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miaschi apre al nuovo millennio in serie A, e va al raduno della nazionale Under 18

Posted by superbasketball su 25 gennaio 2017

La forza evocativa di certe cose è tale che se ne sono occupati anche i giornali generalisti, e io arrivo, se non ultimo, almeno nelle retrovie, ma d’altronde non è mio obbiettivo battere i professionisti, piuttosto, se possibile, registrare tutto o quasi ciò che riguarda la pallacanestro ligure.

Tutto ciò per dire che sicuramente avete già letto altrove, anche perché su Facebook, se l’avete, ve l’avevo già segnalato, che un ragazzo ligure ha scritto una paginetta della storia (dài, con la minuscola, è pur sempre sport) della pallacanestro italiana. Sì, perché Federico Miaschi, nato ad aprile del 2000 e quindi a tutti gli effetti “millennial”, venuto alla luce cioè in un anno che inizia col 2 e non con l’1, è stato il primo tra questi a segnare in serie A!

Di Federico abbiamo già parlato in passato: Aurora Chiavari, poi Cap Genova, sempre protagonista dei campionati regionali anche sottoleva, poi il passaggio alla Reyer, il tutto condito da esperienze ad altissimo livello, a partire dal Trofeo delle Regioni già come osservato speciale, poi con finali nazionali dagli Under 14 in poi (tra cui l’Under 18 dell’anno scorso, vinta “sottolevissima”, da Under 16), nazionale di tutte le età, europei. Il Jordan Classic di Zagabria dell’anno scorso. E da quest’anno la Reyer comincia a fargli assaggiare qua e là anche il parquet con i senior. Il 18 dicembre scorso, a referto, ma non entrato, in Serie A contro Brescia; il 20 “did not play” nella vittoria di Venezia con il Khimik in Champions League. Domenica invece in serie A, contro Cantù, nella gara del Taliercio che ha visto i reyerini imporsi per 93-72, al 39′ Federico si siede sul cubo e sostituisce Jeff Viggiano, e di lì a poco, su assist di Ariel Filloy, segna da sotto il 91-66 per gli orogranata. Bravo Federico, e speriamo che sia solo il primo!

Per inciso ieri sera la Reyer giocava ancora in coppa contro l’Oradea, e stavolta Federico è anche entrato in campo, giocando 1’11” nel finale, senza però registrare nulla. C’è tempo. Questo giovinetto deve ancora compiere 17 anni!!!

Pochi giorni prima che il nostro ragazzo finisse nel rutilante mondo multimediale per questo hype (bene così, serve anche questo), per lui era arrivata anche l’ennesima convocazione in nazionale, ancora una volta sottoleva, per il raduno dell’Under 18 di coach Capobianco che si terrà a Roma dal 30 gennaio all’1 febbraio. Sembra quasi il meno, tra tutte le cose scritte più sopra, ma è importante perché ovviamente quest’anno (e il prossimo), ci sono gli Europei Under 18 dove si può ben figurare. Sicuramente Federico saprà farsi valere anche lì!

Posted in Champions League, Generale, Giovanili, Nazionali, Serie A | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

D Reg/M – Vincono tutte le prime. Sanremo inguaia Albenga

Posted by superbasketball su 25 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaComincia il ritorno, ma in D la musica non cambia granché. Le prime 4 vincono; Sestri batte e scavalca l’Auxilium, Sanremo inguaia Albenga lasciandola all’ultimo posto staccata.

Busalla (Arcolao 17, Parentini 14) ha confermato la prima posizione andando a vincere sul campo dell’Amatori Savona (De Marzi 14, La Rocca 12). Non è stata una passeggiata, anzi i vadesi hanno ceduto solo negli ultimi possessi dopo aver condotto la gara a lungo, a metà gara quasi in doppia cifra. Per coach Tarantino un buon sollievo, per riprendere la corsa col ritmo che serve per stare davanti; anche perché sabato c’è da ospitare Pegli che nel tempo ha dimostrato una notevole crescita e si preannuncia pericoloso. I biancorossi invece incassano ancora una sconfitta di misura contro una delle squadre più forti del girone, e a questo punto devono guardare alla trasferta di Sanremo, se vogliono ancora provare ad agganciare la zona playoff i 2 punti sono obbligatori.

L’altra capolista Pro Recco giocava la seconda in casa della stagione, e i ragazzi di Bertini non hanno sbagliato il colpo, la nona vittoria consecutiva, anche se l’invitato alla festa non era certo uno di quelli facili, trattandosi dell’Imperia di coach Damonte. Il passivo subìto all’andata non era ribaltabile, e così è stato, ma comunque i recchelini continuano a vincere, e ora possono farlo anche comodamente senza viaggiare: sulla carta, un vantaggio non da poco nel girone di ritorno, su tutte. Però la prossima, sempre in casa, è con un altro pesce grosso, ovvero Valpetronio. Il Riviera deve invece sbloccarsi, non vince ormai da 5 giornate e a queste va aggiunto il riposo immediatamente antecedente. Se domenica con l’Auxilium non dovessero arrivare punti, la classifica peggiorerebbe ulteriormente.

Che dire della Diego Bologna (Ceragioli 18, Maestri 11)? Matricola terribile, terza in classifica e capace di mettere sinora in fila ben sette referti rosa (sequenza seconda solo a quella della Pro Recco), l’ultimo dei quali ottenuto senza grandi discussioni con il Villaggio di coach Annigoni (Sciutti 17, Marchetti 11), che pure ultimamente sta andando abbastanza bene. Coach Grassi ora è costretto a fermarsi per il turno di riposo, che potrà sfruttare per preparare al meglio le trappole per Busalla, al rientro. I villaggini ospiteranno invece Cogoleto, che con la penalizzazione recente è a portata di scavalcamento, visto che li precede di 1 solo punto.

Al quarto posto, ma insieme agli spezzini, c’è la Valpetronio (Piazza 24, Podestà e Tealdi 13), che ha vinto in maniera abbastanza ampia sul campo del suddetto Cogoleto. Il team di Benvenuto sta giocando con risultati quasi perfettamente alternati, e il ritmo quindi non è il migliore: a Recco dovranno tentare di difendere il +7 dell’andata, almeno, ma interrompere l’oscillazione sarebbe meglio. Coach Dellarovere, che si ritrova con 3 punti in meno, ora deve difendere la posizione in classifica a Chiavari dall’attacco del Villaggio.

Grazie alla sconfitta dell’Imperia, il Pegli di coach Di Chiara ha mantenuto il quinto posto pur riposando (e preparandosi per Busalla).

Sale invece la Pallacanestro Sestri (Grazzi An. 25, Zenobio 21), che si è imposta bene nel derby con l’Auxilium (Mortara 18, Oneto 15) in via Cagliari, vittoria che ha fruttato l’aggancio in classifica e il superamento, in virtù degli scontri diretti la cui differenza canestri è ora a favore dei sestresi, proprio dei ragazzi di coach Barbieri. Sestri ora giocherà in casa con Albenga: occasione per proseguire di slancio. Quanto all’Auxilium, le spetta una trasferta ad Imperia dove deve cercare di non rivitalizzare un’avversaria un po’ sottotono da diverse settimane.

In coda si disputava invece uno scontro diretto molto importante, quello del PalaMarco tra l’Albenga (Bestoso 14, Angelucci 13) e il BVC Sanremo (Bonino 22, Tacconi 19). Si è imposto, controllando il punteggio per tutta la gara, il team matuziano, che ha pertanto schivato il rischio riaggancio e anche ribaltato la differenza canestri con gli ingauni di coach Accinelli, acquisendo quindi oltre a 4 punti di vantaggio sull’ultima in classifica, anche il vantaggio in caso di parità. Coach Bonino ora deve ospitare l’Amatori, mentre l’Albenga va a Borzoli in casa del rivitalizzato Sestri.

Situazione:

.

Partite in programma:

.

Posted in Campionati, D Reg M | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A1/F – Renata Březinová è il nuovo centro spezzino!

Posted by superbasketball su 24 gennaio 2017

logo_cestistica_nuovoSe si sperava in notizie veloci, beh, stavolta siamo stati esauditi!

Avevamo saputo solo ieri che McIntyre non era più una giocatrice bianconera, e c’è stato giusto il tempo di registrare una certa sofferenza a rimbalzo con Schio (ok, fisiologica contro le venete), che già oggi la Carispezia ha potuto annunciare il nuovo centro!

brezinovaSi tratta di Renata Březinová, classe 1990, ceca, 191 cm, già tre stagioni in Italia, prima a Catania in A2, poi a Orvieto e infine a Parma (foto) in A1. Nell’annata scorsa Renata ha chiuso con le ducali con 9.2 punti e 5.5 rimbalzi di media in circa 27′ a partita, arrivando sino ai quarti con Ragusa. In questi primi mesi della nuova stagione era in Belgio, nel Castors Braine, dove era poco utilizzata. La velocità con cui è stata presentata certifica che le trattative sono state mirate, e che quindi Renata dovrebbe essere quella pedina che coach Barbiero cercava per cercare di quadrare il cerchio bianconero. Di fatto, a quanto pare è già a disposizione e si sta allenando con la Carispezia.

In bocca al lupo, Renata, benvenuta! Poi ci spiegherai bene come si pronuncia il tuo cognome 😉 …

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – CUS battuto a Vado, Tarros sola in testa. Rinviata Alcione-Aurora, Ardita ok con Follo

Posted by superbasketball su 23 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaIn C Silver in questo turno è toccato al CUS beccarsi un referto giallo, in quel di Vado, e così in testa resta da sola la Tarros Spezia, mentre Sarzana si riavvicina ai genovesi proprio prima di andare in trasferta al PalaCus. In coda bel colpo Ardita “a Follo”, mentre non si è giocato a Rapallo.

La Tarros Spezia (Visigalli 24, Kuntic 16) ha saputo far punti ad Ospedaletti (Rossi 28, Michelis 13), pur avendo ancora assenze importanti come Santoni e Russo. I bianconeri hanno tenuto la testa per tutta la gara, riuscendo ad imbrigliare gli orange di Lupi, che pur non avendo demeritato non sono riusciti a mettere in discussione il risultato. Bene per coach Padovan, che si ritrova di nuovo in vetta solitaria, e con la prospettiva di poter tornare in casa, pur contro il Tigullio che all’andata fu capace di imporsi, e con la sfida diretta tra le due inseguitrici su cui lucrare. Quanto all’Ospedaletti, se vuole provare a rientrare sul quarto posto probabilmente deve ricominciare a vincere dalla trasferta di Sestri.

Come accennato, il CUS (Bigoni 27, Macrì 23) è incappato nella terza sconfitta stagionale, stavolta rimediata al Pallone Geodetico per mano di una Pallacanestro Vado (Milosevic 19, Zavaglio e Prato 18) che ha saputo davvero mettere alle corde i genovesi. Dopo un primo quarto a favore dei ragazzi di Pansolin e Taverna, la strigliata di Dagliano per i 21 punti subìti dai suoi nel tempino sortisce l’effetto sperato e i ragazzi vadesi, moltiplicando gli sforzi in difesa e sfoderando una precisione al tiro a tratti davvero chirurgica, realizzano un secondo quarto di grande energia e ribaltano, dal -5 al +6, tenendo il CUS a lungo fermo nel punteggio. Dopo l’intervallo l’inerzia non si modifica: CUS costretto ad affidarsi alle penetrazioni di Macrì che fruttano punti e viaggi in lunetta, ma dall’altra parte i pappagallini o segnano o subiscono fallo trasformando di fatto tutto in punti. Il divario arriva alla doppia cifra e cresce anche all’inizio dell’ultima frazione, sino al +15. Qui finalmente, ma tardivamente, la capolista ha provato il tutto per tutto: raschiando il fondo del barile sono arrivate diverse bombe (saranno ben 7 in questi 10′, di cui 3 di Bigoni che segna 14 punti in questo frangente) che però non sono state sufficienti, perché i falli con i quali riuscivano a riprendere il possesso successivo si portavano dietro sempre un paio di punti per i padroni di casa, a parte qualche rara eccezione. Davvero una bella prova del Vado, che ha messo sul campo la caratteristica evidentemente più indigesta per i cussini, conquistando una vittoria che può fare molto anche in termini di morale per il resto del campionato. I biancorossi sono attesi a Chiavari, dove possono dimostrare maturità. Per il CUS c’è invece un impegno che costringerà la truppa “universitaria” a ricompattarsi al più presto: arriva Sarzana e c’è da riscattare una pesante, l’unica, sconfitta nella gara di andata. Pena perdere la seconda posizione.

La BraunCam ha prodotto foto e il video integrale della partita, e io ve li ribalto qui pari pari.

2016-2017 C Silver Vado-Cus.

.

Sarzana (Jonikas 22, Salazar 16) ha approfittato dello scivolone CUS, battendo sul proprio campo il Sestri Levante (Garibotto e Poltroneri 21), tornando così al referto rosa e rosicchiando due punti ai genovesi, ai quali renderanno poi visita sabato. Già all’andata Sestri era servita a ridare energia ai ragazzi di Bertieri dopo aver perso il derby con la Tarros: anche in questo caso i biancoverdi sarzanesi hanno preso in mano le redini della partita sin dall’inizio, per poi chiuderla dopo l’intervallo lungo. Il divario è salito oltre il ventello, poi il team di coach Canepa ha rosicchiato qualcosa ma senza poter rientrare davvero in partita. La trasferta di Genova dirà molto della classifica di fine regular season di Sarzana, e CUS; per Sestri Levante c’è la visita dell’Ospedaletti, a pari punti proprio con i sestrini.

Si festeggia una bella vittoria anche a Nervi, visto che i ragazzi di coach Chiesa (Visca 17, Ferrari 13) si sono andati a prendere 2 punti, e soprattutto il 2-0 complessivo, ai danni del Follo di coach Bonanni (Favilli 29, Gogaladze 8). La sfida era importantissima per evitare il penultimo posto che può significare il rischio playout (o anche l”ultimo, se Alcione risalisse), e l’Ardita l’ha fatta sua nell’ultimo quarto, dopo una prima metà equilibratissima e un tentativo follese che aveva dato un paio di possessi di vantaggio interno nel terzo quarto. Con la doppietta sul Follo, Ardita approfitta anche della mancata disputa di Alcione-Aurora per salire all’ottavo posto, addirittura nei playoff, e se sabato riuscisse a battere ancora l’Alcione, probabilmente potrebbe considerarsi abbastanza al sicuro da rischi. I follesi non devono mollare: nel prossimo turno riposano, ma al rientro hanno la trasferta importantissima di Rapallo.

Infine, come già detto più volte la gara tra Alcione Rapallo e Aurora Chiavari non si è disputata. Il rinvio è stato concesso per permettere alla società ruentina di partecipare ai funerali del papà scomparso in settimana di uno dei ragazzi di coach Pieranti, che collidevano con l’orario del match. Purtroppo per l’Aurora, la cosa è coincisa con la notizia che Alberto Baiardo, di fatto la “chioccia” giovanissima del gruppo ancor più giovane gialloblù, si trasferisce anche quest’anno in Sicilia, al Cocuzza Basket di S. Filippo del Mela, in C Silver, e quindi non c’è stata la possibilità di far giocare per l’ultima volta l’ex-CAP. Vedremo quando verrà recuperata la gara. Intanto nel prossimo turno Marenco dovrà vedersela al Palacarrino con coach Dagliano e i suoi pappagallini; per l’Alcione invece la trasferta a Genova con l’Ardita è un’altra di quelle gare che sull’ipotetica tabella salvezza devono rappresentare obbiettivi importanti.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A1/F – Carispezia si arrende a Schio dopo un buon inizio. McIntyre lascia La Spezia

Posted by superbasketball su 22 gennaio 2017

logo_cestistica_nuovoLa Carispezia perde come da pronostico contro la favoritissima Famila Schio, subendo un po’ di più nella seconda parte quando le campionesse in carica hanno fatto il buco, ma nel complesso con una prova confortante.

La partita è iniziata (per me, non lo sapevo altrimenti ve ne avrei parlato) con la notizia che Vicky McIntyre ha lasciato la squadra, per scelta tecnica di coach Barbiero ma di comune accordo, a quanto pare, e si accaserà in Belgio. Evidentemente la lunga americana mal si attagliava all’interpretazione del gioco del coach veneto. Best luck, Vicky!

Abbassato giocoforza il quintetto, le bianconere avevano in realtà anche una Premasunac non tototalmente a suo agio per un piccolo problema fisico alla caviglia avuto in settimana: premesse non ottimali nel pitturato quando ti ritrovi davanti una squadra con due dei lunghi della nazionale italiana in roster, più la forte Miyem…che infatti poi ha segnato 22 punti.

Eppure le ragazze di Barbiero (Premasunac 11, Striulli e Nori 10) nelle prime due frazioni non hanno demeritato proprio. Nella prima frazione le spezzine hanno lottato punto a punto sino a circa metà, per poi subìre una prima accelerazione scledense. Sotto di 7 alla sirena, nella seconda hanno provato a rientrare, tornando a -5, poi scivolando a -11, e recuperando di nuovo a -4 per poi andare negli spogliatoi sotto di solo 6, un punteggio determinato soprattutto dal minor numero di possessi gestiti, perché in termini di percentuali di tiro le spezzine erano persino meglio delle venete. Purtroppo questo era evidentemente difficile da sostenere, perché nel terzo quarto Schio ha premuto sull’acceleratore, e con un parziale di 12-0 a metà quarto ha allungato sino a un +20 che sanciva di fatto la fine delle possibilità di colpaccio per le bianconere. La Carispezia a questo punto poteva crollare del tutto, invece, dopo aver visto le avversarie andare ancora oltre, sino al trentello, hanno reagito, magari approfittando un po’ dei cambi delle venete (per carità, quando entrano Bestagno e Sottana e Masciadri è difficile parlare di calo tecnico…), e con punti dalle atlete meno utilizzate, come una positivissima Nori (in doppia cifra), Bacchini e il sigillo finale di Carrara ha contenuto il gap nei 25 punti finali, decisamente meglio dell’andata. Abissale la differenza nei rimbalzi che si è riflessa in un numero di tiri a canestro da 2 punti quasi doppio per le ospiti, che non hanno dovuto nemmeno tirare meglio delle nostre per portarsi a casa il referto rosa (le venete hanno tirato un po’ meglio dalla lunetta, ma guadagnando solo qualche punto lì). Di buono c’è anche la riduzione drastica delle palle perse, e direi anche un numero minore di punti facili per le avversarie: è chiaro che se lasci un minimo spazio alle campionesse d’Italia loro segnano, ma gli appoggi da 10 centimetri o i contropiedi 1vs0 non si sono visti. Anzi, in diversi casi le spezzine hanno recuperato contestando il tiro ed ottenendo l’errore.

Bene, anche se ovviamente non benissimo, come si dice in questi casi. Se qualche ragazza recupera, specialmente nelle prestazioni offensive (e penso soprattutto a De Pretto e Bocchetti, che possono dare di più), e si trova una pezza da mettere in area in modo da non dover far fare pentole e coperchi a Premasunac, Benić e Nori, penso che qualcosa si possa ottenere. Se basterà, lo vedremo. Magari non a Venezia, prossimo impegno delle ragazze; ma la settimana dopo a Vigarano ci vuole qualcosa di eccezionale. Anche perché le ferraresi oggi hanno rischiato di vincere con Umbertide, mentre Battipaglia ha vinto con Broni e si è allontanata a 4 punti di distacco, come Vigarano. Non è il caso di ritrovarsi a 6 punti dalla penultima rischiando di finire a 8 e trovarsi retrocesse dirette, magari sarà difficile lasciare l’ultimo posto ma almeno tenersi aperta la via più stretta del playout è imperativo…

Nota finale per Martina Bestagno, utilizzata da Mendez per 20′ ma soprattutto nell’ultima parte: 8 punti ma valutazione di 18, una buona prova condita da ben 3 palle recuperate. Brava Martina!

Ecco il link allo streaming della Lega Basket Femminile.

.

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A1/F – Carispezia riceve Schio, partita impossibile ma bisogna far bene

Posted by superbasketball su 21 gennaio 2017

logo_cestistica_nuovoSi riparte col campionato, dopo la sosta dovuta ai quarti di Coppa Italia (i dettagli li trovate nella pagina del menù dedicata alla A1/F, ma direi che non ci sono state sorprese particolari, le semifinali saranno Schio-Venezia e Lucca-Ragusa).

Per la Carispezia il ritorno al campionato è rappresentato dalla sfida casalinga contro una delle protagoniste del campionato e della Coppa Italia (e peraltro anche in Europa), ovvero la terza in classifica Famila Schio.

spezia-schioAl Palasprint alle 18 si giocherà quindi questo sostanziale coda-testa, con le bianconere a giocare purtroppo nel ruolo della coda. All’andata a Schio finì con uno scarto tale che non sembra immaginabile, pur nella situazione della partita in casa e magari con le orange un po’ stanche per l’impegno su più fronti. D’altronde l’impegno è ripagato dai risultati: nell’ultimo turno di campionato le scledensi hanno rifilato un ventello ad Umbertide (Masciadri 18, Sottana 17), festeggiando le 600 partite in serie A di Masciadri, poi hanno superato Napoli in Coppa, e infine giovedì hanno vinto larghissimamente in Euroleague a Gyor. Insomma una squadra “lunghissima”, con nazionali (del passato, del presente e sicuramente del futuro) che escono da tutte le parti, con straniere molto forti, che può permettersi ad esempio di usare Martina Bestagno, ex assolutamente doc, che qui iniziò le sue esperienze ad alto livello, per pochi minuti (7 circa di media, però più di 20 nelle ultime gare).

Sarà importante soprattutto fare bene, difficile pensare davvero ai 2 punti. In queste settimane coach Barbiero ha potuto, meglio che nelle precedenti in cui non c’era Benić e in cui gli impegni si erano susseguiti impedendo di lavorare efficacemente in palestra, provare ad inserire cose nuove, che possano portare qualche frutto nel resto della stagione. Contro le venete sarà tutto molto arduo, ma ciò che domani magari non riuscirà perfettamente, o solo a sprazzi, sarà un utile bagaglio per provare a sopravvivere nelle gare da non sbagliare.

Forza ragazze!

Partite in programma:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Trasferte insidiose per Tarros e CUS, Sarzana ospita Sestri. Scontri diretti in coda

Posted by superbasketball su 19 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaDopo lo scossone che ha allontanato Sarzana dalla vetta, in questo turno le due capoliste sono in trasferta a ponente e non sono trasferte semplicissime; Sarzana spera dunque in qualche buona notizia da ovest, mentre ospita Sestri Levante. Dietro ci sono 2 partite che possono dare anche delle indicazioni abbastanza precise sul futuro della lotta salvezza, o riaprirla. O nessuna delle due cose!

La Tarros Spezia deve andare all’altro capo dell’arco ligure, e affrontare l’Ospedaletti sul campo di via Isnart. Gli orange non sono nel loro momento migliore: una sola vittoria negli ultimi turni, quattro sconfitte e la settimana scorsa il riposo. Coach Lupi sembrava aver ritrovato una chimica adeguata, riuscendo a battere anche Sarzana, poi a cavallo della sosta le prestazioni sono calate e la squadra è scesa al sesto posto. E’ chiaro che dopo aver vinto anche il secondo derby con Sarzana i ragazzi di Padovan non possono che avere il favore del pronostico, ma la trasferta imperiese non è mai banale e gli spezzini faranno bene ad impostarla con la massima attenzione, visto che le sconfitte bianconere sono arrivate su campi dove in teoria non sarebbero dovute succedere.

Anche il CUS viaggia, un po’ meno, verso ovest. Sabato al Geodetico di Vado si giocherà tutti in bianco e rosso, con i padroni di casa di Dagliano e Costa a provare lo sgambetto alla capolista. I vadesi non sono messi male e sono reduci da una bella vittoria a Sestri; inoltre, con le prime in classifica hanno avuto partite abbastanza analoghe, perse, ma con all’interno grandi folate in cui hanno recuperato svantaggi notevoli, senza poi riuscire a concretizzare del tutto le rimonte. I genovesi di Pansolin e Taverna anche all’andata avevano dovuto sudare un po’ nel finale per respingere l’assalto dei giovanissimi ospiti. Importante per la capolista non farsi disorientare dall’ambiente del pallone e giocare focalizzati per tutti i 40′.

Non era contento coach Bertieri dopo la scoppola del derby, partita certamente importante per tanti motivi: i sarzanesi saranno certamente ansiosi di ripartire, e l’impegno casalingo con un Sestri Levante sinora a secco nel 2017 sembrerebbe l’occasione giusta. I ragazzi di Canepa invece salgono a Sarzana con un po’ di apprensione per la classifica, perché se qualcuna delle inseguitrici dovesse vincere, arriverebbe a una sola vittoria di distanza: certamente però il pronostico sembra abbastanza chiuso per loro, improbabile che i campioni in carica si facciano strappare i 2 punti sul proprio campo e perdano per due turni consecutivi.

E la lotta per i primi posti non deve far dimenticare quella, forse più ansiogena, per la salvezza. E’ chiaro che di giornata in giornata l’Alcione staccato vede scendere le proprie possibilità, ma l’aritmetica dice che di punti in palio ce ne sono ancora tantissimi. Ad esempio, se i ragazzi di Pieranti riuscissero a imbrigliare l’Aurora e batterla in via Don Minzoni sabato sera, farebbero inevitabilmente salire la pressione sulle squadre che li precedono. Non è facile, perché i ragazzi di Marenco hanno fatto bene negli ultimi turni, vincendo due scontri diretti consecutivi con Follo e Ardita, e se vincessero anche a Rapallo salendo sul 2-0 rispetto ai ruentini, potrebbero sentirsi quasi a posto, quindi hanno un obiettivo molto allettante alla portata che può moltiplicare le forze. L’Alcione deve da parte sua riuscire a fare una partita consistente, e non solo una parte come ad esempio si è visto al PalaCus: con Sestri la cosa era riuscita.

I destini di queste squadre si incrociano con quelli delle protagoniste dell’unica gara di domenica, quella del PalaMariotti in cui il Follo di Bonanni ha una terza occasione consecutiva di ottenere punti contro una diretta concorrente ospitando l’Ardita Juventus. All’andata i nerviesi vinsero per un vantaggio minimo, 2 punti, che i follesi devono cercare di ribaltare: se l’operazione riuscisse, avverrebbe anche il sorpasso in classifica. Ovvio che coach Chiesa voglia evitare questa eventualità: e dall’andata i genovesi hanno aggiunto un centro come Visca, che per un team con qualche problema in area come quello follese può rappresentare una difficoltà ulteriore. Pronostico difficile, soprattutto per il peso della posta in palio.

Partite in programma:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: