SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

C Silver – CUS respinge Sarzana e resta in scia a Tarros; colpo Alcione, riaperta la lotta in coda

Posted by superbasketball su 31 gennaio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaIn C Silver dopo la sedicesima giornata sono rimaste in due staccate davanti, la Tarros è in testa con una vittoria di vantaggio sul CUS. A 4 lunghezze dai genovesi c’è Sarzana, poi, in modo alquanto inusuale, la classifica si sgrana con le squadre in fila indiana, ognuna staccata da qualla davanti e da quella dietro di soli 2 punti. Si è anche riagganciato al trenino l’Alcione, andando a vincere in casa Ardita!

La Tarros Spezia (Manzini 18, Melley 15) ha superato in casa il Tigullio (Zolezzi 16, Caversazio e Ferrando 12), approfittando di qualche assenza nelle file dei sammargheritesi, e mettendo a posto la partita nella seconda frazione, dopo un primo tempino equilibrato. L’espulsione di Diouf ha reso la gara ancora più semplice per i bianconeri di Padovan, che hanno ampiamente ribaltato quanto subìto all’andata in casa dei ragazzi di Pezzi. Dunque missione compiuta per gli spezzini, che restano sempre soli davanti ma devono ora riposare (in realtà per preparare il derby con il Follo, quest’anno probabilmente un po’ meno “critico” ma sempre importante); per i tigullini sabato ci sarà il derby con Sestri, per cercare di riavvicinare il quarto posto.

Il CUS (Bigoni 25, Macrì 15) ha evitato con Sarzana (Jonikas 22, Bencaster 14) varie cose: la prima sconfitta casalinga in C Silver, la seconda sconfitta consecutiva, e il 2-0 con i biancoverdi. L’ha spuntata in fondo ad una gara combattuta, giocata con determinazione e con gioco molto fisico, un po’ sottostimato nel metro arbitrale. Come spesso succede, alla fine qualcosa si fischia e chi si vede penalizzato dalla chiamata a fronte magari di non chiamate precedenti, si irrita, diciamo. Ne ha fatto le spese Sarzana, con l’espulsione praticamente contemporanea nel finale di Jonikas e Bencaster (il lituano aveva anche già commesso 5 falli), nel quarto decisivo, dopo che la tensione era salita alle stelle. Per questo motivo da parte sarzanese si recrimina: chi vuole può vedere le azioni importanti nel video che vi metto a disposizione. La cronaca comunque racconta di un CUS uscito meglio dai blocchi di partenza, poi rimontato e superato dai ragazzi di Bertieri per chiudere davanti i primi 10′ con scarto minimo. Ancora Sarzana nella seconda frazione prova a fare il buco andando a +5, ma i genovesi ribattono e rimettono il naso davanti, e con un Mangione elettrizzato da un’inchiodata in entrata arrivano al +7. Le contendenti sono però entrambe concentrate, e gli ospiti piazzano, nel momento migliore cussino , un 10-0 che li riporta davanti. La prima metà di gara si chiude sul +1 esterno, tutto in bilico. Nel terzo quarto si gioca in modo molto equilibrato, con Sarzana avanti, ma bilancio finale pari che lascia un solo punto tra le due come a metà. L’ultima frazione pende pian piano a favore dei genovesi. Salgono di tono Bigoni e Mangione, i genovesi vanno anche a +10, e si vedono azioni spettacolari come un tentativo di schiacciata “terminale” di Dufour rigettato da Salazar, e poi le azioni che procurano i falli contestati di cui sopra, tra cui il fallo fischiato in attacco a Jonikas su Mangione che di fatto ha chiuso le porte ad un possibile rientro sarzanese. Peccato, perché la partita è stata vibrante, magari non perfetta, ma certamente una delle più interessanti viste quest’anno, e avrebbe magari meritato un arrivo in volata senza polemiche finali (e successive), anche per alcune giocate spettacolari (non ho citato, nel primo quarto, un passaggio “laser” di Bencaster che ricevendo da rimessa nella sua metacampo ha pescato Jonikas libero con un lancio di una ventina di metri). Premiata la volontà cussina di fare tutto il possibile per cancellare la brutta sconfitta dell’andata, non ribaltabile in termini numerici: ora i genovesi devono affrontare una trasferta insidiosa come quella di Ospedaletti, che se positiva potrebbe fruttare il riaggancio. Per i biancoverdi c’è da smaltire la frustrazione ospitando l’Aurora, per ripartire nella corsa che è ancora lunga, anche nel girone di andata si è visto che anche le migliori possono perdere colpi in giornate “insospettabili”.

Per i moviolisti, e per tutti, ecco foto e video della BraunCam (purtroppo inizia tutto da qualche minuto alla fine del primo quarto, ma le parti più importanti ci sono).

2016-2017 C Silver Cus-Sarzana.

.

Il Vado di coach Dagliano (Milosevic 19, Zavaglio 14) ha continuato il suo bel momento andando a espugnare il Palacarrino. L’Aurora di coach Marenco (Costacurta 20, Dmitrovic 13), in emergenza roster, non ha demeritato, specialmente quando nella terza frazione è riuscita a riavvicinare i biancorossi che nella prima parte avevano preso un buon vantaggio. Il calo di stamina dei gialloblù nell’ultimo quarto ha però permesso ai vadesi di conquistare un altro referto rosa, e di conquistare il quarto posto, a due soli punti da Sarzana, una posizione credo poco preventivabile prima del campionato. Molto bene per Vado, che se non sbaglia la sequenza Ardita-Alcione-Follo in arrivo, potrebbe ospitare poi Sarzana addirittura sperando nell’aggancio. Quanto all’Aurora, deve mantenere alta l’attenzione perché dietro sembra ripartito l’Alcione e qualche certezza sembra vacillare: sarà difficile nel prossimo weekend a Sarzana, ma qualche punticino in giro sarà forse meglio metterlo insieme per non rischiare.

Dietro a Vado e Tigullio lo scontro diretto di Sestri Levante ha arriso ai ragazzi di coach Canepa (Garibotto 22, Poltroneri 17), che hanno rotto la serie gialla con l’Ospedaletti. Eppure gli orange (Cruz Salas 19, Michelis 18), con la novità Cruz Salas in campo, erano riusciti a prendere un discreto vantaggio nel terzo quarto, poi Zunino ha rimediato 2 tecnici e i biancoverdi di casa hanno meglio giocato nell’ultimo decisivo tempino, mettendo un solo, ma sufficiente, possesso tra sé e gli avversari. Il vantaggio dell’andata dà ancora la priorità ai ragazzi di Lupi, ma i sestrini sono passati davanti consolidando la posizione playoff. Per Sestri il prossimo turno porta il derby di Santa Margherita; l’Ospedaletti deve invece ospitare la seconda in classifica CUS.

Abbastanza incredibile la seconda vittoria dell’Alcione Rapallo di coach Pieranti in questa stagione: recuperando un ventello di scarto all’Ardita Juventus di coach Chiesa, sul campo di via Allende, dopo che i nerviesi erano stati avanti praticamente sempre e che invece nella terza frazione hanno dimenticato che di minuti ce n’erano ancora tanti. I ruentini hanno chiuso i ranghi in difesa, e recuperato punto su punto sino all’incredibile referto rosa finale, che vale non solo 2 punti ma apre prospettive di possibili recuperi che qualche settimana fa, da quota 0, sembravano un po’ fantascientifici. Tra l’altro, la settimana prossima c’è proprio in arrivo il Follo, che in fondo all’andata vinse solo di 5 e che quindi potrebbe essere scavalcato se l’Alcione si imponesse con 6 punti di scarto! I genovesi devono andare a far visita al Vado, non una trasferta granché “amichevole”.

Situazione:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: