SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

C Silver – CUS CAMPIONE LIGURE! 3-1 in una gara 4 dominata nella seconda parte

Posted by superbasketball su 22 aprile 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaCapolinea! La C Silver si è conclusa ieri sera con la vittoria, stavolta netta e in quindi ancor più meritata, del CUS Genova, che pertanto si laurea campione regionale 2016-2017 e acquisisce il diritto di giocarsi la chance promozione nel girone di spareggio interregionale che inizierà tra un paio di settimane!

Se eravate ieri sera al PalaCUS, e c’era tanta gente, o se avete seguito la mia diretta testuale su Facebook, la notizia e quanto vi racconterò adesso naturalmente sono tutte cose che sapevate già. Se seguite il basket ligure anche solo su Facebook penso che sappiate anche in questo caso già tutto. Beh, qualcuno che non saprà nulla ci sarà, possiamo aiutarlo nelle prossime righe.

E allora torniamo alle 20.44 di ieri sera, un attimo prima che si schierino in campo le squadre: la Tarros arriva a gara 4 con la classica situazione delle spalle al muro, un solo risultato utile e tra l’altro con una gara 3 persa in volata ma senza aver mostrato, fatto peggiore, la voglia degli avversari, mentre il CUS dall’alto del 2-1 conquistato e con il morale a 1000 riesce in extremis a giocarsi anche la carta Mangione, che fa il riscaldamento per la prima volta dopo 6 partite saltate (tutta la semifinale e le prime 3 gare di finale), senza allenamento nelle gambe e con una specie di bendaggio rigido. Al via è la squadra spezzina, come doveva, a prendere l’iniziativa, ma Pansolin dopo l’iniziale 0-4 ha subito fermato il gioco con il timeout. Mossa utile perché i cussini sono subito risaliti al 5-4 e poi al 10-7 dopo una tripla frontale di tabella di Bigoni; ma la reazione spezzina con Visigalli e Kuntic permetteva ai ragazzi di Padovan di stare davanti alla prima sirena sul 12-15. Punteggio bassino. Alla ripresa, la Tarros dava il meglio: Visigalli, poi Kuntic, e le triple di Russo e ancora di Visigalli scavavano un vantaggio di 9 punti (14-23) che, pur essendo solo il 13′, potevano far presagire un andamento della gara favorevole agli ospiiti. Invece…merito anche di CUS che ha proseguito senza stravolgere il proprio gioco, ma i bianconeri hanno a loro volta invece un po’ smesso di giocare, affidandosi alla propria capacità di tiro. Il risultato è stato che i biancorossi con una bomba di Dufour e 6 consecutivi di Macrì costringevano Padovan al timeout sul 23 pari; l’inerzia era però completamente annullata in soli 3′ (ho dedicato a questo un filmatino di highlights su Facebook). Sul finale di quarto faceva il suo ingresso in campo Mangione, dimostrando di poter stare in campo pur dovendo davvero stringere i denti. Proprio lui lanciava la “preghiera” (non a segno) sulla sirena e rientrava per primo (zoppicante) negli spogliatoi, col punteggio di 31-30 per il CUS. Menzione d’onore per lui, che ha dato il contributo anche nei minuti successivi. Era probabilmente importante per gli spezzini ripartire al meglio nel terzo quarto; e invece, dopo il sorpasso firmato Pipolo dapprima si andava avanti senza violare le retine per un po’, poi era Bigoni a colpire dalla lunga per il +2 interno, e poi ad innescare Dufour per il massimo vantaggio CUS sino allora (+4). Era Kuntic a riportare a livello lo score, ma qui la Tarros si fermava a lungo, e prima un fadeaway di Bigoni, poi un contropiede 3vs1 con Macrì a segno, e una nuova tripla del 7 bianco lanciavano i ragazzi di Pansolin e Taverna sul +7, con il pubblico genovese in delirio. Macrì e Mangione segnavano 3 punti dalla lunetta, poi Dufour piantava un altro missile di lunga gittata per un +13 che sembrava il de profundis per Santoni & C. CUS aveva anche la palla per il +15 nell’ultima azione del tempo, ma perdeva palla a metà campo e Pipolo limava a -11 il divario, riaccendendo un po’ la fiammella. La riavvivava ancora Visigalli a inizio ultimo quarto, ma arrivava il timbro pesante di Mangione, che segnava dall’arco, frontalmente, il suo tiro, un canestro importante anche mentalmente. Spezia non si arrendeva: con la tripla di Kuntic tornava a -8 (52-44 al 33′): in questa fase emergevano i singoli, con Dufour a intervallare i propri canestri con quelli di Visigalli, che firmava il -6, ma subito dopo era il cussino a riportare il vantaggio ad 8 lunghezze. Il pressing spezzino era asfissiante e i contatti moltiplicati, rendendo difficile il lavoro agli arbitri, ma è normale (tant’è vero che qualche fischio errato è venuto fuori, fisiologicamente). Col pressing si esaltava Pettineo, spesso liberato dai raddoppi (5 punti per lui alla fine). Si proseguiva, registrando nel frattempo un paio di assist da cineteca di Bigoni per Dufour (altro filmato di highlights su Facebook) e il divario in aumento sino all’ultimo minuto, affrontato da CUS sul +15. Partita ovviamente finita, pandemonio sugli spalti e abbracci in campo tra i biancorossi con tradizionale taglio della retina e premiazione con la coppa da parte di FIP Liguria, mentre i bianconeri lasciavano il parquet e la stagione a capo chino, dopo una partita discreta ma sfuggita nella seconda parte avendola forse avuta a disposizione nel secondo tempino.

IMG_3108CUS corona così un’ottima stagione, con qualche scivolone qua e là: a Sarzana (ma contro un’avversaria chiaramente complicata), a Sestri Levante (sconfitta che ha fatto perdere la testa della regular season), in gara 1 in semifinale in casa sempre con i ragazzi di Bertieri, e in gara 2 a Spezia in finale, più qualche gara vinta un po’ in extremis, ma sempre mostrando un po’ di quelle qualità di squadra che hanno poi permesso di arrivare sino in fondo, ovvero la capacità di continuare a giocare anche nei momenti difficili, e soprattutto negli uomini chiave la propensione ad uscire al di sopra degli altri nei momenti decisivi. Il tutto portando in panchina sempre da 2 a 4 ’99, un ’97 (Pettineo), e un ’96 (Vallefuoco), che secondo le loro possibilità hanno dato il loro contributo (Vallefuoco è stato a volte anche top scorer).

Dopo 3 anni dall’ultima vittoria in campionato quindi, quella ottenuta con un altro 3-1 ai danni di Sarzana a giugno 2014 e che aveva portato il CUS in C Nazionale, dalla quale poi è dovuto tornare due anni fa in C regionale per la cancellazione della categoria, i biancorossi hanno ora la chance, toccata l’anno scorso a Sarzana, di giocare per la promozione in B. La formula prevede l’inserimento dei genovesi in un girone a 4 (ce ne sono 3 in totale) contro Sardegna1 (Esperia Cagliari), Marche 1 (Janus Fabriano, come capitò l’anno scorso con Sarzana, o la vincente di Civitanova-Pisaurum) e Campania2 (in corso la finale tra Angri e Battipaglia). Il girone sarà su andata e ritorno e chi lo vince sarà promosso in B, mentre la seconda classificata avrà ancora un gironcino di spareggio con le altre 2 seconde degli altri gironi, e la terza classificata sarà eliminata ma le altre due saranno promosse. Ne passano quindi 5 su 12 in totale, il che non è nemmeno poco, ma comunque mi aspetto che la competizione sarà molto forte. In fondo, la stessa Sarzana l’anno prossimo aveva cominciato bene ma finì poi con solo 2 punti all’attivo, ben lontana dal rischiare di salire. Sarà anche un finale di stagione dipendioso, sia come energia sia come puri costi (basti pensare alle 3 trasferte decisamente lunghe!).

IMG_3116In ogni caso, bravissimo CUS, gran campionato e playoff ancora migliori; in subordine brava la Tarros, anche se questa finale l’ha giocata a mio parere “sotto livello” (credo parere condiviso dallo staff tecnico bianconero). Menzioni per Sarzana, che questo CUS è riuscita a batterlo due volte in stagione, unica a farlo in viale Gambaro, e per Vado, che con la sua energia e qualità giovane tutto sommato anche in finale non avrebbe sfigurato. Appuntamento per tutti (tranne CUS, diciamo) al via della nuova stagione, dove dovremmo avere Pro Recco al posto di Alcione Rapallo, e vedremo chissà quale altra squadra proveniente dai playoff di D.

Ecco anche l’integrale di gara 4 (se volete utilizzarne parti se non per uso personale per favore chiedetemelo prima almeno) e le foto dell’album di Flickr. In coda, gran parte dei festeggiamenti di fine partita!

E forza CUS per gli spareggi!!!

2016-2017 C Silver finale G4 CUS-Tarros

Playoff:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: