SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

C Silver – Cus vince a Ospedaletti, Spezia a Vado. Bene Tigullio, Sarzana inguaia Pegli. Ardita condanna Follo all’ultimo posto

Posted by superbasketball su 11 febbraio 2018

La terzultima giornata di C Silver conserva, ma era scontato, la supremazia in classifica del CUS, passando anche sul campo dell’Ospedaletti, anche se Spezia non demorde e vince a Vado. Nella lotta per il terzo posto sale solo il Tigullio che ha superato l’Aurora, mentre Sarzana espugnando Pegli ha inguaiato un po’ gli arancioblu. Il Follo ormai è sicuramente ultimo ritrovandosi a -6 da Ardita, corsara a Lerici, con lo 0-2 negli scontri diretti, mentre i nerviesi possono ancora sperare nella salvezza diretta proprio a spese dei pegliesi.

Al CUS la trasferta di Ospedaletti ha portato altri 2 punti, e per 24 ore un vantaggio di ben 4 punti su Spezia: ma gli orange hanno lottato sino agli ultimi possessi, in una gara che si è risolta proprio negli ultimi 30″. Pansolin e Taverna sono arrivati in via Isnart con Nicola Vallefuoco in borghese e anche pochi cambi da giocarsi nel settore lunghi, proprio nella giornata in cui c’erano da affrontare Colombo (affidato a Mangione che ha rifiatato giusto un paio di minuti) e Michelis. La partita l’hanno fatta i genovesi (Bedini A. 19, Dufour 18), con tentativi di allungo che Ospedaletti (Bedini 17, Colombo 10) ha però via via ricucito. Le frazioni centrali sono state molto parche in termini realizzativi, tanto che nel secondo tempino il punteggio è rimasto per lunghi minuti sul 26 pari, ad esempio. L’intermedio del 20′ recitava 31-35, con i ragazzi di Lupi decisamente in partita; ma la terza frazione è stata poi nettamente appannaggio dei biancorossi, che viravano al 30′ avanti di 11 (39-50), e nell’ultimo tempino allungavano ulteriormente. Nel finale però i padroni di casa producevano il massimo sforzo, e con la capolista ferma nel punteggio man mano recuperavano, sino alla tripla di Fabio Bedini che a circa 30″ dalla fine li riportava a un possesso (57-60). Nelle azioni successive Ospedaletti però non riusciva a gestire la palla, perdendola con lanci lunghi e non precisi, era costretto a commettere fallo sui possessi cussini e mandava due volte Angelo Bedini in lunetta, per il 4/4 che metteva fine al dubbio sul risultato. Per il CUS il prossimo weekend c’è un’altra trasferta pericolosa, anzi di pericolosità teoricamente maggiore, in casa della terza in classifica Vado. Ospedaletti si farà invece un bel viaggetto all’estremo levante per giocare a Sarzana contro un team in crescita negli ultimi turni.

Nella seconda giornata in cui la diretta audio ha funzionato (forse ho trovato quindi la soluzione definitiva? Speriamo!), ecco qui sotto la produzione della BraunTV, con foto e video commentato in diretta!

2017-2018 C Silver Ospedaletti-Cus.

.

La Pallacanestro Vado (Tsetserukou 17, Pintus 9) ha dovuto arrendersi al Geodetico alla Tarros Spezia (Garibotto 30, Steffanini 10), tornata al referto rosa dopo lo scivolone a Chiavari. La partita è stata punto a punto nel primo e nel secondo quarto, con i vadesi avanti di 1 nei primi 2 parziali, e quindi anche all’intervallo lungo. Nel terzo quarto però saliva la Tarros, in particolare in difesa e con Garibotto a martellare dall’arco (il tiro da 3 è stato il punto più negativo invece per i vadesi), e con un break da 0-10 a cavallo delle ultime due frazioni il team di Padovan è volato via, arrivando anche al +18. La reazione vadese ha consentito di limare un po’ il divario, ma i bianconeri hanno vinto pur essendo stati tenuti a punteggio relativamente basso (curiosamente CUS e Spezia hanno segnato entrambe 64 punti) dai ragazzi di Costa. Dunque la Tarros è ripartita, su un campo difficile come quello vadese, e resta seconda (ora è matematico), con ancora la possibilità teorica di sopravanzare anche il CUS, dovendo sperare però in due ko dei genovesi. Gli spezzini giocheranno la penultima in casa con il Tigullio, mentre i vadesi ospiteranno il CUS, intrecciando la lotta per il primo posto con quella per il terzo posto (e ricordo che nell’ultima giornata ci sarà Tigullio-Vado).

La quarta piazza resta in mano al Tigullio (Radchenko 12, Caversazio 11) che ha dovuto lottare a lungo con l’Aurora (Ciotoli 19, Calzolari 13), ma facendo un decisivo break nella terza frazione si è imposto nel derby con i gialloblu. I chiavaresi arrivavano a Santa Margherita sull’onda lunga della bella vittoria con Spezia, e a parte quei minuti centrali in cui i ragazzi di Annigoni e Pieranti sono stati decisamente più efficaci, non hanno demeritato, partendo fortissimo e rimontando un po’ nel finale dopo che i sammargheritesi erano saliti anche al +20. I biancorossi hanno approfittato dunque della sconfitta dell’Ospedaletti per lasciarlo dietro e agganciare i vadesi davanti, ma restano quarti in virtù dello svantaggio con Vado, con il quale però spareggeranno nell’ultimo turno, supponendo che a Spezia con la Tarros difficilmente sarà possibile fare punti. Coach Marenco ha un turno potenzialmente favorevole, arriva il Follo ormai senza obiettivi a parte il playout, e potrebbe essere una buona occasione per mettere l’ipoteca sul sesto posto, anche se Sarzana sta crescendo.

Lo scontro diretto del PalaSharkers ha visto infatti imporsi il Sarzana (Casini 21, Dell’innocenti 17), che ha conquistato un importante vantaggio sul Pegli (Brichetto M. 13, Gottingi 8), 2 punti e il 2-0 negli scontri diretti, e mantenuto 4 punti di distacco dall’Ardita, che in realtà non sono aritmeticamente sufficienti (ma ci vanno molto vicini) a garantire ai biancoverdi la partecipazione ai playoff. A Pegli Giannetti e Bencaster hanno potuto schierare anche il rinforzo Andrea Carnesi, play classe 1986 con esperienze anche all’estero (A2 danese), arrivato in settimana: fatto sta che i sarzanesi hanno preso un vantaggio ampio sin dalla prima frazione (6-21), cresciuto sino al trentello nei secondi dieci minuti, per andare poi via in tranquillità e permettersi anche di dare ampie rotazioni nel finale. Brusco stop per i ragazzi di Piastra, penalizzati da percentuali di tiro molto basse, che rischiano ora abbastanza grosso, dovendo andare a giocare il derby con l’Ardita con solo 6 punti di differenza canestri da difendere e la salvezza diretta in palio, mentre i biancoverdi pur dovendo ricevere l’Ospedaletti possono anche traguardare, ma non è facile, il sesto posto.

L’altro tema fondamentale della giornata era la questione playout, e Follo-Ardita era proprio lo scontro diretto che poteva, e lo è stato, risultare decisivo. Infatti con la sconfitta il Follo ora resta sicuramente ultimo, costretto ad affrontare la seconda fase decisiva per la salvezza senza nemmeno il vantaggio del campo. I ragazzi di Chiesa (Ferrari 27, Pietronave 18) hanno comandato nel punteggio, ma quelli di Cristelli (Petani 16, Langone 13) hanno tentato di riaprire la gara, riuscendoci dopo l’intervallo, ma senza riuscire a saltar davanti ai nerviesi, che poi hanno preso nuovamente il sopravvento e allungato definitivamente. Come detto in fase di presentazione, per il Follo era veramente difficile ribaltare il pronostico, e per l’Ardita è stato sufficiente mantenere il focus sull’obbiettivo, che era duplice, intanto non rischiare di farsi recuperare in classifica dai biancocelesti, e poi tenere accesa la fiammella della speranza di non fare proprio i playout, sapendo che tra Pegli e Sarzana una sarebbe rimasta al palo, e quindi a tiro. Vedremo ora cosa succederà, forse saranno queste due squadre a giocare il playout davvero, ma la matematica non lo garantisce.

Situazione:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: