SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

"la passione, solo la passione"

C Silver – Cus vince a Vado, primo, Spezia seconda. Ospedaletti si avvantaggia per il terzo posto. Ardita e Follo faranno il playout

Posted by superbasketball su 19 febbraio 2018

La penultima giornata di C Silver ha già dato due responsi fondamentali, in testa e in coda: l’ultima deciderà ancora la classifica delle posizioni dalla terza all’ottava, e di conseguenza anche la composizione dei gironcini e le loro classifiche iniziali. SUPERBAsketball era su entrambi i campi decisivi 😀 , e quindi voi potete vedervi più di 3 ore di basket ligure, se volete.

Al primo posto di questa prima fase ci sarà sicuramente il CUS, che è tornato dalla trasferta vincente di Vado con la certezza dato che mantiene 2 punti di vantaggio su Spezia, e se per caso nell’ultimo turno dovesse perdere e venisse raggiunto, come tutti sappiamo ha il vantaggio negli scontri diretti con i bianconeri. Quella del Geodetico è stata una partita abbastanza divertente, che i ragazzi di Pansolin e Taverna (Mangione 16, Dufour 15) hanno saputo controllare nel punteggio sin da subito, salendo velocemente ad un vantaggio in doppia cifra, anche di 14 punti, che pareva preludere ad una gara a senso unico. Invece i ragazzi di coach Costa (Brignolo 14, Tsetserukou 13) si sono mano mano sbloccati, e sopratutto grazie alle numerose triple e giochi da 3 punti a segno, hanno tenuto duro, tornando sotto e chiudendo entrambi i primi 2 parziali sotto di 8 punti, quindi ancora in partita. Nel secondo quarto i genovesi sul 28-32 hanno dovuto purtroppo accusare l’infortunio di Bestagno che in un’azione d’attacco è terminato a terra con un problema da verificare nei prossimi giorni al ginocchio destro (forza!). Al rientro bene i vadesi, e partita totalmente riaperta e quasi impattata: ma l’esperienza dei cussini ha permesso loro di impedire il riaggancio, e di lì in poi, a parte nelle ultime azioni della partita, il gap si è allargato gradualmente sino quasi ad un tranquillizzante ventello, anche grazie ai problemi di falli dei padroni di casa (fuori Tsetserukou). Nel finale qualche azione spettacolare, coine un’inchiodata Bimane di Anaekwe da fermo (!), un po’ di spavento per Mangione in un tentativo di alley oop che lo ha visto poi uscire dal campo (ma l’impressione è che il problema sia stato momentaneo), ma vittoria in ghiaccio per i genovesi, e con essa il primo posto di questa prima fase. Un primo posto figlio dell’imbattibilità casalinga, e di una apparente superiorità rispetto a tutto il girone tranne, chiaramente, nei confronti della Tarros Spezia, con la quale la differenza è stata di un solo canestro negli scontri diretti. I cussini saranno, dopo l’inutile (per sé) gara conclusiva con Sarzana, i primi del girone A, insieme con quarta, quinta e ottava, tutte posizioni ancora da definire. I vadesi invece restano nel gruppetto a tre con Ospedaletti, ora davanti grazie all’avulsa a 3, e Tigullio, secondo nell’avulsa, dovendo andare a Santa Margherita per un’elettrizzante finale di girone, domenica.

Per chi ha seguito la diretta, un bel grazie! Chi non l’ha fatto, può comunque guardarsi la differita qua sotto, insieme ad alcune foto.

2017-2018 C Silver Vado-CUS.

Non è servito dunque alla Tarros Spezia battere il Tigullio al Palasprint in modo anche netto: i bianconeri saranno secondi qualunque cosa facciano nell’ultimo turno. Buona però la prestazione dei ragazzi di Padovan (Peychinov 22, Garibotto 13), soprattutto nella seconda parte quando hanno premuto sul pedale dell’acceleratore soprattutto nella fase offensiva, ma tenendo anche a 8 punti i sammargheritesi (Wintour 11, Aldrighetti 9) nel terzo quarto, e aperto il buco che ha permesso loro di gestire il tempino finale anche con ampie rotazioni, aggravando ancora il passivo degli ospiti. La partita di Lerici del prossimo weekend per il team del presidente Caluri è un po’ un proforma, perché non serve per la classifica di entrambe le squadre, ma servirà per calibrare qualche imperfezione vista, in attesa della seconda fase, che la Tarros affronterà sicuramente da leader del proprio girone qualunque sia la composizione (ma non a punteggio pieno se finisse con l’Aurora). Invece Annigoni e Pieranti nel palazzetto di via Generale Liuzzi giocheranno uno spareggio, con l’orecchio alla radiolina sulla partita di Ospedaletti, con Pallacanestro Vado. Da queste 3 squadre con tutta probabilità usciranno due delle semifinaliste, a meno di ribaltoni nella seconda fase, e per loro potrebbe essere, più che il piazzamento vero e proprio, più semplice finire in un girone da sole…ma staremo a vedere.

Chi si è forse candidato più autorevolmente per il terzo posto è a questo punto l’Ospedaletti, che in extremis potrebbe riuscire a prendersi quel ruolo che molti all’inizio avevano pronosticato, quello di probabile contendente al primato delle finaliste dell’anno scorso. In assenza di coach Lupi il team orange (Cacace 20, Bedini 14), guidato da coach Carbonetto (sempre assistito dal team manager Leoncini), ha espugnato infatti il campo del Sarzana, a sua volta in lotta per una posizione tra la sesta e l’ottava, e raggiunto a quota 20 Vado e Tigullio, scavalcandoli in virtù dell’avulsa migliore. I biancoverdi di Giannetti e Bencaster (Carnesi 14, Dell’innocenti 13) hanno subito visto scappar via gli ospiti, che sono poi rimasti davanti sino all’epilogo vincente. Nel prossimo turno Ospedaletti sembra avere un buon vantaggio dovendo ospitare una già rassegnata Ardita; per i sarzanesi invece la trasferta di Genova sponda CUS sembrerebbe precludere chances di migliorare la posizione, anzi i biancoverdi rischiano di finire ottavi, a meno di risultati favorevoli altrove.

Il PalaMajorana sabato ha visto scendere in campo due squadre, Ardita e Pegli, che avevano in palio la salvezza diretta. In realtà per l’Ardita serviva poi anche fare un altro risultato, mentre per Pegli una vittoria avrebbe chiuso i discorsi. Così è stato: dopo un inizio molto equilibrato e piuttosto sparagnino, già nel finale di frazione gli ospiti (Corba 15, Brichetto M. 13) trovavano un primo vantaggio, che veniva ulteriormente dilatato al rientro in campo dopo la prima sirena. Ardita (Rossi 10, Ferrari 7) aveva relativamente poco contributo in attacco dai top scorer, a parte qualche fiammata, e i ragazzi di Piastra pian piano allungavano, andando al riposo già avanti di 14 punti. Ai ragazzi di Chiesa serviva una buona terza frazione, e invece gli arancioblu hanno incrementato, per poi dilagare nel quarto tempino quando tra le file dei padroni di casa sono entrati tutti i ragazzi della panchina. Pegli ottiene così con una giornata di anticipo una salvezza che non era certo scontata a inizio campionato, quando con poco preavviso la società genovese ha dovuto tararsi per la serie superiore a quella in cui militava l’anno scorso: ora giocando in casa con l’Aurora può anche puntare al sesto posto. I nerviesi sono invece apparsi relativamente poco convinti di poter evitare il playout: la loro determinazione è calata velocemente con il vantaggio esterno che cresceva. Il playout, da affrontare dopo aver chiuso il girone ad Ospedaletti contro una delle migliori squadre del lotto, li vedrà affrontare al meglio delle 3 il Follo, col quale sinora hanno vinto largamente in entrambe le occasioni.

Il vostro blogger era anche al PalaMajorana, quindi potete vedere o rivedere la partita integralmente con il mio prezioso commento.

2017-2018 C Silver Ardita-Pegli.

Ho lasciato per ultima la partita di Chiavari, che vedeva il già ultimo Follo presentarsi al Palacarrino contro un’Aurora che traguarda la possibilità di finire addirittura sesta. I gialloblu di coach Marenco (Ferri, Calzolari e Pantic 8) non hanno sbagliato l’occasione, lasciando ai ragazzi di coach Cristelli (Giuliani 11, Petani 6), in grado di resistere per poco più di un tempino e poi staccati soprattutto nella seconda metà dell’incontro, solo 36 punti in tutta la partita, e portandosi a casa una vittoria che li mette in prima fila nel gruppetto che si contende gli ultimi posti della seconda fase. I chiavaresi nell’ultima andranno a Pegli a giocarsi nello scontro diretto (supponendo che Sarzana non faccia la sorpresa vincendo con il CUS) la sesta posizione. I follesi invece ospiteranno nientemeno che la Tarros Spezia, poi dovranno preparare il playout con l’Ardita.

In settimana analizzeremo poi un po’ le varie possibilità di classifica, prima che si giochi l’ultima giornata, in funzione dei possibili risultati!

Situazione:

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: