SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

C Silver – Ardita salva, Follo scende! CUS in affanno nel finale ma resiste al Vado, Spezia risponde con Ospedaletti, bene Tigullio e l’Aurora a “trazione Poltroneri”

Posted by superbasketball su 12 marzo 2018

La C Silver ha un primo verdetto definitivo: l’Ardita Juventus ha vinto il playout battendo in trasferta il Follo, per cui i nerviesi sono salvi mentre i follesi devono mestamente fare le valigie e scendere in D regionale.

Per una volta partiamo infatti col parlare della questione salvezza, perché da ieri sera l’Ardita Juventus 1906 può programmare la prossima stagione in questa categoria, mentre il Basket Follo deve rassegnarsi a scendere al piano di sotto. I ragazzi di Chiesa (Pietronave 29, Visca 15), non senza sudarla, hanno espugnato infatti il PalaBiagini, e con la vittoria del sabato precedente ottenuta in casa hanno cumulato il 2-0 che ha chiuso senza bisogno di gara3 il playout. Non è stato facile, e già il 69-72 finale potrebbe farlo capire, ma se aggiungiamo che i ragazzi di Cristelli (Petani 28, Canini 19) nella seconda parte di gara avevano preso il comando delle operazioni e che al 34′ il loro vantaggio era di ben 12 punti, mi pare che si possa davvero parlare di una grossissima occasione sprecata per i biancocelesti, che hanno buttato, anche per merito degli ospiti ovviamente, la possibilità di impattare la serie e di tornare sabato prossimo a Genova per la bella. Non è andata così, perché l’Ardita ha recuperato e ribaltato, e sulla sirena ha potuto festeggiare una salvezza che, pur essendo pronosticabile a bocce ferme, nelle due gare è stata meno tranquilla di quel che si poteva supporre: ma i genovesi mantengono i piedi in C Silver anche per la prossima stagione. Complimenti alla società del presidente Molisani! Per i follesi la stagione è stata certamente dura: schierati al via un po’ forzatamente quando avrebbero più facilmente rinunciato, hanno stretto i denti e subito anche sconfitte pesanti, ma nell’atto finale hanno davvero dato il massimo e chiuso, pur sconfitti, con la sensazione di aver fatto il possibile, anche se con la macchia dei minuti finali. Mestamente, come fa notare la società, Follo torna dove aveva iniziato oltre 20 anni fa (e in effetti da quando ne parlo nel mio blog, ma anche prima, quando me li ricordo nella stagione in cui l’Effe2000 salì in B, sono sempre stati non solo in questa categoria, ma come una delle migliori squadre, o addirittura in C nazionale o C1 che dir si voglia). In bocca al lupo per la società degli Amadori, che speriamo di veder risalire al più presto!

Parlando invece della seconda fase, abbastanza impropriamente definita “playoff” (a questo punto dovremmo parlare di “quarti di finale a gironi”?), il secondo turno ha avuto direi un andamento più prevedibile del primo.

Era iniziato venerdì, quando nell’anticipo chiavarese l’Aurora si era imposta in volata e in recupero sul Sarzana, soffocando praticamente le velleità dei biancoverdi di affacciarsi nella lotta per le semifinali. Partiti male, i gialloblu (Poltroneri 24, Costacurta 14) erano scivolati indietro sul parquet di casa, con i ragazzi sarzanesi (Dell’Innocenti e Ferrari 17), ancora agli ordini di coach Toffi, avanti anche di una ventina di punti; finché non si è scatenato Poltroneri, tra l’altro inizialmente in panca, che è entrato in quel particolare stato di trance in cui riusciresti anche a tirare un elefante dentro al cerchio, e con sette triple a segno ha materializzato una rimonta che sembrava improbabile, permettendo ai ragazzi di Benvenuto di giocarsi i 2 punti nel finale, e alla fine di ottenerli. Sarzana come in altre occasioni ha buttato via la partita negli ultimi minuti, ed è tornata a casa con un pugno di mosche: i 2 punti in classifica non permettono più di immaginare scenari di semifinale. Sabato prossimo i biancoverdi sono attesi ad Ospedaletti. L’Aurora, che ha riagganciato gli orange anche se è dietro per gli scontri diretti, nel prossimo turno giocherà ancora in casa, con Spezia, nel remake della gara più bella giocata quest’anno dai chiavaresi.

Sabato l’unica gara disputata è stata quella del PalaCUS, Cus-Vado. Non pochi i problemi logistici nell’occasione, perché una manifestazione alla fiera di Genova ha creato un ingorgo di proporzioni bibliche che ha fato varie “vittime”, tra cui coach Taverna tra l’altro, non arrivato alla gara, e l’intero gruppo vadese, arrivato alla spicciolata a pochi minuti dall’orario di inizio, che è stato poi posticipato di una quindicina di minuti. Scongiurato il rischio di no game, all’avvio però i ragazzi di coach Costa (Pelegi 12, Lo Piccolo 11) hanno avuto una partenza difficile, andando subito sotto 7-0 e ritrovandosi dopo il primo quarto con uno svantaggio già in doppia cifra (20-9), con Dufour già a quota 11. I genovesi (Dufour 27, Bedini 19), che hanno potuto finalmente rischierare Nicola Vallefuoco, nella seconda frazione raggiungevano anche il massimo vantaggio di 13 punti, per poi subire un po’ il recupero ospite: Vado vinceva infatti la seconda frazione e tornava al -8 a metà gara. Al rientro il CUS premeva sull’acceleratore, e col tiro pesante colpiva più volte con Bedini, Mangione e Dufour, costruendo una frazione fruttuosa vinta 27-15 che li portava ad un +20 che dava l’impressione di partita chiusa. E invece non era così: l’ultimo quarto vedeva i cussini trovare il canestro solo un paio di volte con Cassanello e per il resto solo dalla lunetta, e così pian piano gli ospiti limavano lo svantaggio, sinché a 2′ dalla fine Pelegi riceveva e scaricava nel canestro la sua seconda tripla del quarto, che valeva il 67-64. Di lì in poi però nessuno segnava più dal campo: Vado perdeva palla (rimessa assegnata a CUS, un po’ dubbia a dire il vero) sull’azione del possibile pareggio, poi prima Dufour e poi Bedini facevano 2/2 dalla lunetta e i padroni di casa potevano trarre un bel sospiro di sollievo. L’imbattibilità del PalaCUS tiene, ma Pallacanestro Vado ha davvero fatto una buona gara e sabato a Santa Margherita può andare a giocarsi un di match point per le semifinali, mentre il CUS andrà a Pegli venerdì per lo stesso obbiettivo.

Foto (poche) e video della BraunCam qui sotto!

2017-2018 C Silver 2a fase Cus-Vado

.

Nella gara del Palasprint tra Tarros Spezia e Ospedaletti, buona vittoria dei padroni di casa (Peychinov 18, Garibotto 15), che hanno disinnescato il pericolo orange con un primo quarto favorevole che ha dato ai bianconeri un vantaggio già in doppia cifra, che i ragazzi di Lupi (Cruz 12, Colombo e Cavallaro 9), pur lottando meglio nelle rimanenti frazioni, non sono riusciti a colmare. Ospedaletti ha avuto un momento in cui sembrava poter avvicinarsi ad inizio di terzo quarto, poi però gli spezzini hanno riallungato e solo nell’ultima frazione gli ospiti hanno potuto ridurre un po’ il gap. La Tarros sale quindi a quota 14, mentre gli ospedalettesi rimangono a 8, appaiati all’Aurora, anche se davanti per gli scontri diretti: il team del presidente Caluri è certo della qualificazione alle semifinali, perché è impossibile che Ospedaletti e Aurora passino entrambe davanti agli spezzini. Nel prossimo weekend trasferta del team di Padovan a Chiavari, un incrocio che qualche settimana fa aveva dato luogo ad una sorpresa per loro negativissima, mentre i ponentini ospiteranno in via Isnart il Sarzana con la speranza di approfittare di una congiuntura favorevole e tornare secondi da soli.

Infine, al Palasharkers è uscito il 2, con il Tigullio capace quindi di restare a punteggio pieno in questa seconda fase. I padroni di casa (Mozzone 10, Nicoletti 9), con molte assenze, tutto sommato hanno fatto una discreta partita, anche difensivamente, limitando i danni e restando aggrappati alla partita per più di tre quarti, ma i ragazzi di Annigoni e Pieranti (Caversazio 13, Vexina A. 11) hanno comunque tenuto sempre il vantaggio nel punteggio e chiuso con il +13 che, tra le altre cose, esclude matematicamente la qualificazione degli arancioblu alla fase successiva. I biancorossi tigullini sabato prossimo avranno un fondamentale scontro diretto casalingo con Pallacanestro Vado, che non sarà magari conclusivo ma è snodo cruciale per, almeno, il secondo posto e le semifinali, visto che la distanza in classifica è ora di solo 2 punti tra le due (ma i vadesi vantano il 2-0 e il +25 in differenza canestri). I pegliesi di coach Piastra invece giocheranno nuovamente in via Cialli, dove arriverà il CUS per l’ennesimo derby stagionale: si giocherà venerdì in anticipo.

Situazione:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: