SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

"la passione, solo la passione"

C Silver – CUS e Ospedaletti vincono e si incroceranno in semifinale; Vado sopravanza il Tigullio, Spezia vince l’ultimo derby stagionale

Posted by superbasketball su 26 marzo 2018

La C Silver turno dopo turno aggiunge dettagli alla griglia dei playoff. Da ieri sappiamo che CUS e Ospedaletti, dopo le rispettive vittorie decisive, si incroceranno in una delle semifinali; nell’altra Spezia attende di sapere l’avversaria, e anche se Vado ora ha 2 punti di vantaggio sul Tigullio è possibile che tutto si decida sull’ultima sirena al Geodetico.

Il PalaCUS ha visto i biancorossi Pansolin e Taverna (Dufour 23, Bedini 18) risolvere la questione primo posto praticamente già dal primo quarto della sfida con il Tigullio (Wintour 11, Caversazio 9), il team che nell’andata aveva inflitto loro uno stop che di fatto oltre a lanciare i tigullini verso una rimonta (da ieri più difficile) sulla seconda posizione del Vado, aveva anche lasciato aperta la lotta per la prima posizione del gironcino. Quando nel primo quarto la squadra di casa ha infilato 6 triple, più un gioco da 3 punti di Dufour (3 delle bombe erano sue tra l’altro), e la frazione si è chiusa su un eloquente 26-8, è apparso abbastanza chiaro che la serata per il team di Annigoni e Pieranti era abbastanza distante da quella della vittoria dell’andata. Nel secondo tempino i sammargheritesi facevano un po’ meglio, riuscendo a riportare il divario sui 10 punti, ma ci pensava Bedini dall’arco, colpendo ben 3 volte, a confermare la supremazia genovese dai 6.75 metri. Ciononostante, Tigullio restava attaccato al risultato, non fuori gara, mandando a segno quasi tutti, pur con tanti errori. Nel terzo quarto però la situazione precipitava in modo praticamente definitivo: Annigoni era costretto a panchinare Zolesi con 4 falli dopo due fischi ravvicinati ad inizio tempino, Dufour trovava molti punti nel gioco interno (più la sua quarta tripla), e il CUS scappava via. Il risultato diventava abbastanza scontato, come sancito dal tabellone al 30′, con il punteggio sul 61-40; i cussini raggiungevano anche il +26 e poi c’era soprattutto spazio per gli under. Nell’ultimo quarto il CUS toccava quota 12 triple a segno, praticamente metà del fatturato finale, Tigullio a sprazzi dava segni di vita ma subiva comunque la sconfitta, alla fine con un divario di 18 punti. Prova abbastanza rassicurante per i genovesi, che sanno già ora anche l’avversaria, l’insidioso Ospedaletti, e nei prossimi 2 turni in trasferta a Vado e in casa con Pegli potranno di fatto già giocare preparandosi per i playoff veri e propri. Per il Tigullio per il secondo posto forse cambia poco: dovrà comunque, immaginando che Vado non batta i genovesi nel prossimo turno, fare 4 punti nelle prossime 2 partite, ma se Vado dovesse vincere anche la prossima, allora al Geodetico dovrà vincere addirittura di 22 punti per ribaltare anche la differenza canestri.

Stavolta foto e telecronaca sono state un po’ sconvolte da un problema tecnico alla mia telecamera, accidentalmente rimasta accesa nel pomeriggio prima della partita e quindi rivelatasi totalmente scarica (per fortuna il problema pare fosse solo quello, a me sul momento sembrava impazzita) all’accensione sulle tribune del PalaCUS: ho fatto tutto col cellulare, il che ha reso più interessante la cosa su Facebook perché di fatto è stata la mia prima diretta video. Purtroppo il mio telefono dopo un po’ per qualche bug si è rifiutato di riprendere i video in orizzontale (sono riuscito a ripristinare la rotazione automatica solo a casa dopo un riavvio, altrimenti non ne voleva sapere), e quindi sono stato costretto a riprendere tutto il resto con l’odiosa schermata verticale. Ne consegue che il filmato caricato su Youtube è francamente molto “diludente” (manca anche l’inizio del secondo quarto, quando lottavo, finendo col perdere, con la rotazione dell’immagine), e me ne scuso con voi, ma non avevo alternative. Foto non ho praticamente potuto farne.

.

Domenica pomeriggio al PalaSharkers Pegli e Vado si sono affrontate per il secondo match di giornata del girone, che i ragazzi di Costa hanno chiuso a proprio favore nella seconda frazione, quando hanno raddoppiato il divario già ottenuto alla fine della prima, salendo ad un +23 che non lasciava più grandi chances ai padroni di casa. Coach Piastra ha provato a rimescolare un po’ le carte con la zona nella seconda metà di gara, ottenendo un certo rallentamento dei biancorossi, che hanno subito un po’ di recupero degli arancioblu, sino al risultato finale che premia un po’ anche gli sforzi degli Sharkers, arrivati anche a -11 ma tenuti a distanza. I 2 punti sono preziosi per i vadesi, che rimettono la testa avanti nella corsa al secondo posto: nel prossimo turno ospitano il CUS, mentre il Tigullio fa lo stesso con Pegli, e il pronostico “lineare” li porterebbe all’ultimo atto del Geodetico con i sammargheritesi in parità, cosicché sarà una sfida semplice, chi vince regna. A meno di un colpaccio contro i genovesi, che renderebbe importante anche il +21 che tuttora vantano sui ragazzi di Annigoni e Pieranti.

Tutto definito ormai nel girone B, in cui Spezia sarà prima e Ospedaletti secondo.

Infatti nella serata di sabato gli orange di coach Lupi (Cavallaro 16, Colombo 14) hanno chiuso i conti, in trasferta, con l’Aurora (Poltroneri 12, Calzolari 9), andando ad espugnare con autorità il Palacarrino e strappando il timbro sul secondo posto nel gironcino che vale la semifinale con il CUS. Un po’ meno che al PalaCUS, anche la partita di Sanpierdicanne è stata di fatto decisa dalla prima frazione, con l’Ospedaletti partito forte e soprattutto capace di tenere a stecchetto le punte avversarie: il vantaggio del primo tempino è stato portato sino all’intervallo lungo, anche se i ragazzi di Marenco hanno provato a tornare in partita, poi è cresciuto gradualmente nella seconda metà di gara, man mano che il cronometro avvicinava alla sirena finale. Il +4 a due turni dalla fine con il 3-1 sui chiavaresi dà ai ponentini la certezza di restare davanti qualsiasi cosa succeda nelle restanti partite, in casa con Spezia, un anticipo di Top Four, e a Sarzana. Per l’Aurora svanisce la possibilità di raggiungere un obbiettivo che sarebbe stato davvero una grande impresa: la stagione però direi che è “mezza piena”, con una salvezza anticipata, lo scalpo di Spezia e queste emozioni della seconda fase. Che finirà con un po’ di garbage, con due trasferte fastidiose a levante, a Sarzana e poi a Spezia.

Infine, l’ultimo derby di Spezia. Al Palasprint è arrivata una Sarzana (Casini 28, Ferrari 17) priva di Tesconi, ma anche di Carnesi e con Dell’innocenti costretto in panca per onor di firma, troppo poco per il gruppo di Giannetti per opporsi ai ragazzi di Padovan (Garibotto 29, Steffanini 18) che dal secondo quarto in poi hanno dilagato superando il centello. La partita non aveva null’altro in palio che la soddisfazione per un referto rosa, e i bianconeri hanno ottenuto abbastanza agevolmente questo obbiettivo (e con le altre sfide stagionali tutti i derby spezzini quest’anno sono stati  vinti, per un 4-0 nei confronti dei biancoverdi e il 2-0 sul Follo). La Tarros del presidente Caluri giocherà le ultime 2 gare (sabato 7 a Ospedaletti, domenica 15 in casa con l’Aurora) in preparazione della semifinale, attendendo di sapere con chi dovrà giocare, e forse dovrà aspettare sino all’ultimo. Sarzana ha le ultime due in casa, contro gli stessi avversari dei bianconeri, ma invertiti, e sperando di recuperare qualcuno per dopo Pasqua, cercherà più che altro di chiudere al meglio, magari con qualche punto in più.

Dunque la C Silver si prende qualche giorno e torna il 7 aprile, per risolvere l’ultimo dubbio. Poi toccherà alle Top 4 darsi battaglia nel bracket finale.

Situazione:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: