SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

"la passione, solo la passione"

C Silver – Ancora CUS, 2-0, ma che partita! Spezia recupera, sorpassa e viene beffata in extremis! Ora gara 3 al Palasprint

Posted by superbasketball su 11 maggio 2018

Se c’eravate, o siete stati così pazzi da collegarvi alla diretta di SUPERBAsketball su Facebook, io credo che mercoledì sera siate rimasti coinvolti dallo svolgimento, e soprattutto dall’epilogo, di gara 2 della finale di C Silver tra il CUS Genova e la Tarros Basket Spezia Club. Altrimenti avete un bido…no, lasciamo perdere… 😉

Il PalaCUS mercoledì ha risposto adeguatamente ancora, pur in infrasettimanale, e i protagonisti in campo hanno ripagato con una partita viva e vibrante (!), decisa letteralmente nell’ultimo secondo di gara. Tanti gli ingredienti del secondo dell’altra sera, io sono partito dal contorno, il pubblico, ma la pietanza biancorossonera è risultata decisamente stuzzicante.

I due roster, identici a quelli di gara 1, si sono affrontati in questa gara cardine della serie, che rappresentava tantissimo per entrambe. Ci si aspettava una partita più tesa, magari più difensiva, in cui specialmente i ragazzi di Padovan volessero dimostrare che quanto visto in gara 1 non era rappresentativo delle proprie qualità. E se la prima frazione ha abbastanza confermato questa seconda ipotesi, con gli spezzini (Peychinov e Steffanini 16) a cercare subito l’allungo, arrivando un paio di volte al +7, e il CUS (Bedini 21, Dufour 16), non supportato nel frangente dal tiro dall’arco, a cercare di ricucire, lavorando difensivamente e giocando sulle penetrazioni anche da parte dei propri lunghi, così non si può dire della prevalenza delle difese sugli attacchi, visto che la frazione si è chiusa sul 23 a 17 per gli ospiti. Se c’era qualcosa su cui si sarebbe scommesso, era che la Tarros non avrebbe più concesso un intero quarto ai biancorossi: e invece, il secondo tempino vedeva nuovamente soccombere gli spezzini, stavolta per 19-5 (che rapportato al 18-3 di sabato scorso non è davvero sostanzialmente diverso). Il tutto malgrado nel frattempo Mangione si fosse infortunato in modo apparentemente stavolta pericoloso (ancora non si sanno le reali conseguenze) al ginocchio sinistro atterrando male su un tentativo di correggere in tap-in un pallone a canestro: l’evento sembrava di fatto invece caricare maggiormente i ragazzi di Pansolin e Taverna, che trovavano punti anche dai propri under (6 nel tempino) e capovolgevano, con gli interessi, il divario, arrivando a metà gara su un più rassicurante 36-28. Sabato questo scivolone dei bianconeri era valso l’intera partita: stavolta invece non è successo, per quanto al rientro dagli spogliatoi in realtà il trend favorevole ai biancorossi sia continuato. Il CUS volava avanti anche di 15 punti (47-32), ma qui cominciava la reazione, con Steffanini e soprattutto Visigalli a segnare e far segnare i compagni, anche grazie ad una maggiore pressione difensiva. Fatto sta che dopo il tracollo iniziale la Tarros riusciva ad arrivare a fine frazione sul -5, e a riaprire completamente la gara, anche forse grazie a un po’ di zone che hanno costretto i padroni di casa a cercare giochi diversi e di conseguenza a lavorare di più in attacco. Nell’ultimo decisivo quarto inizialmente i cussini riuscivano a riallungare un pochino, e a contenere Spezia, che non riusciva a riavvicinarsi a più di 4 punti, e si arrivava negli ultimi giri di lancette. Da una parte erano Bedini e Zavaglio ad essere precisi da fuori, ma Pipolo e soprattutto il risvegliato Peychinov colpivano a loro volta dai 6.75 metri, e quindi dal -7 a circa 1’20” dalla sirena, un canestro di Steffanini e due bombe del bulgaro firmavano il sorpasso esterno, 69-70, con 13.2″ sul cronometro, nel tripudio dei fan ospiti e della panchina Tarros. Strepitosa in particolare la seconda, da 8 metri, avendo appena tirato un “mattone” da posizione simile 5 secondi prima. Non è finita: timeout per i genovesi, rimessa in attacco, non ci sono penetrazioni valide, i terminali soliti sono costretti a scaricare, ma Garibotto per chiudere su Dufour lascia 3 metri a Zavaglio, che riceve in posizione di guardia destra e spara (credo avesse 0/1 sin lì) con il cronometro che è agli sgoccioli e Garibotto che tenta il recupero disperato: solo retina, +2 CUS, le tribune del palazzetto esplodono. Sulla rimessa Spezia chiama timeout, si discute sul tempo rimanente, 0.7″ o 0.4″, apparentemente il cronometro si è mosso, di quella frazione, a causa della rimessa eseguita. Si torna a giocare con praticamente solo un catch and shoot a disposizione dei ragazzi di Padovan, ma nessuno riesce a liberarsi efficacemente e la rimessa diventa una specie di cross in area che è facile preda dei difensori biancorossi, che possono festeggiare il secondo punto!

Un finale che sa di beffa ovviamente per gli sconfitti, così come sarebbe stato altrettanto beffardo se magari la tripla di Zavaglio non fosse entrata e il CUS si fosse ritrovato sconfitto. Ne vince una sola nel basket, e questo sport dimostra ancora una volta che ti può dare e togliere anche nel giro di una decina di secondi. Bellissimo, e terribile. La Tarros ha fatto una gara ancora non perfetta, ma nella seconda parte decisamente ben più volitiva di quanto visto sin lì, e avrebbe potuto tornare a casa con il suo pullman con il referto rosa appoggiato su un sedile senza rubare granché: per i bianconeri questo grande losing effort deve essere un segnale di possibilità, arrivano le due gare casalinghe e lo 0-2, anche se li mette spalle al muro, non ha chiuso i discorsi, davanti al proprio pubblico il team del presidente Caluri può anche impattare. CUS ha certamente tirato un enorme sospiro di sollievo, ed ha l’inerzia della serie tutta dalla sua, con l’entusiasmo alle stelle; ma ha la tegola Mangione, che non è da poco per quanto l’11 in biancorosso stava dando alla causa in queste settimane. Ieri si è sopperito, ma se la serie si allungherà il deficit potrebbe diventare più pesante. Tutte questioni che fanno crescere l’aspettativa per domenica, quando in via Parma, alle 18, si alzerà la palla a due della terza sfida, con i genovesi a un punto dal back to back del titolo ligure, e Spezia a un punto dalla terza finale persa in tre anni. Stimoli ne abbiamo?

Stimoli che valgono anche per me, e mi faranno percorrere la A12 per darvi ancora il servizio di telecronaca dall’impianto spezzino. Mercoledì la copertura era massima, non c’era solo SUPERBAsketball e infatti potete trovare su Facebook anche altre immagini della partita, sia foto sia video. Mancava solo Sky 😉 . Tutto bello per il nostro basket, e credo che la partita di ieri sera come spot sia stata decisamente positiva.

Ecco qua il mio video (le foto ci sono ma sono così poche che non ve le menziono neanche, opst, le ho menzionate), dove potete anche riascoltare la performance a due voci, totalmente estemporanea, con il commento tecnico puntuale, approfondito e ricco di dettagli anche su tanti ragazzi che conosce personalmente, di coach Andrea Lupi, tecnico dell’Ospedaletti terzo in regular season e fresco sconfitto (ma con molto onore) da entrambe. Dato che non ci eravamo preparati per nulla, credo che un 10 politico ci vada dato 😉 , anche se c’è sicuramente da migliorare la qualità del mix audio. Ci proverò!

Come le altre volte a fine gara sono sceso a sentire le impressioni a caldo dei due tecnici, e qui trovate l’intervista a coach Pansolin, ancora visibilmente scosso dalle emozioni del finale, mentre coach Padovan, che comprensibilmente non ha voluto parlare a caldo per la grande delusione, è però molto sportivamente venuto a complimentarsi in diretta con il tecnico biancorosso, un bel gesto, chapeau, grazie coach.

2017-2018 C Silver Finale G2 Cus-Spezia.

.

.

Appuntamento a tutti per domenica in via Parma! Prometto di fare del mio meglio per chi non ci potrà essere, ma secondo me un po’ ci perdete, perché la mia telecronaca la potrete sempre rivedere, ma le emozioni si gustano meglio dal vivo!

Situazione:

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: