SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

Archive for the ‘C Silver’ Category

C Silver – Vado-CUS e Spezia-Tigullio per i primi posti, Ospedaletti a Sarzana, Ardita-Pegli per la salvezza diretta

Posted by superbasketball su 15 febbraio 2018

La C Silver è al penultimo atto della fase di qualificazione: ancora 80 minuti di gioco più eventuali overtime, che devono decidere da un lato la composizione dei due gironi che qualificheranno alle semifinali playoff, e dall’altro chi giocherà con il Follo nel playout salvezza, e qui già sappiamo che i follesi avranno anche lo svantaggio del campo. In queste due giornate ci sono da assegnare definitivamente quasi tutte le posizioni: nessuna squadra ha già il destino segnato a parte il Follo, anche se CUS e Spezia possono solo scambiarsi la posizione, Vado, Tigullio e Ospedaletti giocano per i posti tra il terzo e il quinto, e le restanti squadre si devono dividere i restanti 3 posti, ma le posizioni sono ancora da decidere. Forse dopo la penultima ci sarà qualche altro verdetto.

Il big match della giornata per somma di punti è quello del Geodetico di Vado, dove il CUS di Pansolin e Taverna, sempre senza Nicola Vallefuoco, arriva a far visita ai biancorossi di coach Costa, terzi in classifica ma con un finale difficile complicato dall’assenza di senior disponibili dopo l’infortunio anche di Ottone. I vadesi hanno ormai una età media inferiore ai 18 anni, e proveranno a supplire con l’energia e la determinazione al gap di peso ed esperienza dalla squadra campione in carica. I genovesi con una vittoria sarebbero certi del primo posto di questa prima fase, potendo anche perdere la successiva senza essere superati dalla Tarros; parimenti i vadesi vincendo potrebbero andare la settimana successiva a Santa con il terzo posto già assicurato, o alle brutte se i sammargheritesi vincessero domenica a Spezia potendo difendere il +19 dell’andata per restare comunque terzi. Però attenzione, se Ospedaletti arrivasse a quota 22 a sua volta, e ci fosse la parità a 3, sarebbero terzi gli orange (hanno 3 vittorie nell’avulsa, Vado e Tigullio 1 a testa e al massimo una delle due ne avrà 2 alla fine). Palla a due alle 18.15, e spero di potervi dare la diretta dal pallone sulla pagina Facebook di SUPERBAsketball, e la differita poi su YouTube.

Non è da meno la gara del Palasprint, in cui la Tarros Spezia affronta appunto il Tigullio, seconda contro attuale quarta. Coach Padovan per agguantare la prima posizione non ha altre opzioni che vincere entrambe le rimanenti gare, sperando che il CUS non vinca più: il 24 giocherà a Lerici col Follo e quella sembra abbastanza chiaramente da 2 fisso, quindi l’ostacolo è rappresentato proprio dal team di Annigoni e Pieranti. Sulla carta i bianconeri sono certamente favoriti, ma dopo la giornataccia di Chiavari i sammargheritesi, che nel turno scorso hanno battuto proprio l’Aurora, potrebbero anche dare del filo da torcere ai più altolocati padroni di casa. Chiaramente ai biancorossi 2 punti insperati a Spezia farebbero davvero la differenza nella lotta per il terzo posto, perché nel caso di una sconfitta del Vado col CUS basterebbe poi battere i vadesi sul parquet tigullino per prendersi la terza posizione, Ospedaletti in questo caso non riuscirebbe a raggiungere i biancorossi a quota 24 (e in ogni caso il Tigullio ha il vantaggio negli scontri diretti con gli ospedalettesi). Palla a due domenica alle ore 18, in quasi contemporanea con la gara di Vado.

L’altra contendente per i “posti alti”, l’Ospedaletti di Lupi, ha un impegno sulla carta meno pesante rispetto al Vado e al Tigullio che giocano contro le prime due, anche se il Sarzana di questi tempi appare sensibilmente migliorato rispetto a quello che aveva collezionato ben 7 referti gialli in fila. I ragazzi di Giannetti e Bencaster sono praticamente a posto dopo la vittoria di Pegli: questo potrebbe magari renderli meno “affamati”, ma sul campo di casa e con il nuovo acquisto Carnesi più inserito dopo un’altra settimana di allenamenti i biancoverdi rappresentano senz’altro un test importante. Gli orange d’altro canto hanno subito sì la sconfitta in casa dal CUS, ma lottando sino agli ultimi possessi, per cui è difficile non riconoscere loro un certo favore nel pronostico. E nell’ipotesi che entrambe le due davanti perdessero, non improbabile, Ospedaletti aggancerebbe Tigullio e potrebbe sperare nell’arrivo a 3 a quota 22 che spiegavo più sopra, o comunque di essere quarto se Tigullio non battesse Vado. Palla due domenica, anche in questo caso alle 18.

L’unica gara che si disputerà sabato è anch’essa molto importante: alle 18 al Palamajorana verrà alzata la palla a due tra l’Ardita Juventus e il Pegli. Il derby deciderà se l’Ardita potrà ancora sperare di salvarsi direttamente, o se sarà il Pegli, con attualmente 2 punti di vantaggio in classifica e il +9 dell’andata, a uscire imbattuto dal campo dei nerviesi, condannandoli a disputare il playout con il Follo. Coach Chiesa deve puntare al colpaccio, ovvero vincere con 10 punti di scarto (e in caso di parità solo con i pegliesi alla fine del girone sono sufficienti anche 9, probabilmente, perché i suoi ragazzi hanno un miglior quoziente punti complessivo nel girone. A coach Piastra potrebbe anche bastare tener duro e non perdere la differenza canestri, ma forse anche nel caso peggiore gli arancioblu potrebbero ancora cavarsela, perché nel turno successivo possono poi giocare ancora in casa contro l’Aurora, salva, mentre l’Ardita deve andare ad Ospedaletti, con gli orange probabilmente in corsa per una posizione di prestigio. Si gioca alle 18, speriamo in una partita combattuta, e da parte mia spero di poter raccontarvi anche questa in diretta audio (ma poi vedrete anche il video). Doppia razione di basket “radiotelecronacato”! Non vi abituate troppo bene però!

La partita con meno pathos, non me ne vogliano i protagonisti, sarà quella di Chiavari, dove domenica alle 18 si incrociano l’Aurora di coach Marenco, salva e quindi già alla seconda fase, e il Follo di coach Cristelli, ormai ufficialmente ultimo e col posto più scomodo nel playout, quello che darà loro la possibilità di giocare in casa solo in gara2. I gialloblu vengono dalla sconfitta di Santa Margherita, un anticlimax dopo la gran vittoria sulla Tarros, e tornano davanti ai propri sostenitori con la voglia di far bene e approfittare magari della contendente sulla carta sfavorita per prendersi 2 punti che con la giusta combinazione di risultati, in particolare la sconfitta di Sarzana e Pegli, consentirebbero loro di essere già sicuri del sesto posto. Per i follesi la gara del Palacarrino potrebbe invece essere l’ultima chance sensata di cercare il referto rosa (non credo sia immaginabile battere Spezia nell’ultima giornata) prima del playout, per non arrivare alle partite decisive con quello 0 nella tabella vittorie (sul campo).

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 17

18/02/2018 – 18:00 AD AURORA BASKET CHIAVARI-BASKET FOLLO AD n.d.; Punti: 12+2=14
18/02/2018 – 18:15 PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA-CUS GENOVA ASD n.d.; Punti: 20+30=50
18/02/2018 – 18:00 SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL-B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM n.d.; Punti: 12+18=30
18/02/2018 – 18:00 SPEZIA BASKET CLUB AD-AS D.TIGULLIO SPORT TEAM n.d.; Punti: 28+20=48
17/02/2018 – 18:00 ASD ARDITA JUVENTUS-AD BASKET PEGLI n.d.; Punti: 8+10=18

.

Annunci

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Cus vince a Ospedaletti, Spezia a Vado. Bene Tigullio, Sarzana inguaia Pegli. Ardita condanna Follo all’ultimo posto

Posted by superbasketball su 11 febbraio 2018

La terzultima giornata di C Silver conserva, ma era scontato, la supremazia in classifica del CUS, passando anche sul campo dell’Ospedaletti, anche se Spezia non demorde e vince a Vado. Nella lotta per il terzo posto sale solo il Tigullio che ha superato l’Aurora, mentre Sarzana espugnando Pegli ha inguaiato un po’ gli arancioblu. Il Follo ormai è sicuramente ultimo ritrovandosi a -6 da Ardita, corsara a Lerici, con lo 0-2 negli scontri diretti, mentre i nerviesi possono ancora sperare nella salvezza diretta proprio a spese dei pegliesi.

Al CUS la trasferta di Ospedaletti ha portato altri 2 punti, e per 24 ore un vantaggio di ben 4 punti su Spezia: ma gli orange hanno lottato sino agli ultimi possessi, in una gara che si è risolta proprio negli ultimi 30″. Pansolin e Taverna sono arrivati in via Isnart con Nicola Vallefuoco in borghese e anche pochi cambi da giocarsi nel settore lunghi, proprio nella giornata in cui c’erano da affrontare Colombo (affidato a Mangione che ha rifiatato giusto un paio di minuti) e Michelis. La partita l’hanno fatta i genovesi (Bedini A. 19, Dufour 18), con tentativi di allungo che Ospedaletti (Bedini 17, Colombo 10) ha però via via ricucito. Le frazioni centrali sono state molto parche in termini realizzativi, tanto che nel secondo tempino il punteggio è rimasto per lunghi minuti sul 26 pari, ad esempio. L’intermedio del 20′ recitava 31-35, con i ragazzi di Lupi decisamente in partita; ma la terza frazione è stata poi nettamente appannaggio dei biancorossi, che viravano al 30′ avanti di 11 (39-50), e nell’ultimo tempino allungavano ulteriormente. Nel finale però i padroni di casa producevano il massimo sforzo, e con la capolista ferma nel punteggio man mano recuperavano, sino alla tripla di Fabio Bedini che a circa 30″ dalla fine li riportava a un possesso (57-60). Nelle azioni successive Ospedaletti però non riusciva a gestire la palla, perdendola con lanci lunghi e non precisi, era costretto a commettere fallo sui possessi cussini e mandava due volte Angelo Bedini in lunetta, per il 4/4 che metteva fine al dubbio sul risultato. Per il CUS il prossimo weekend c’è un’altra trasferta pericolosa, anzi di pericolosità teoricamente maggiore, in casa della terza in classifica Vado. Ospedaletti si farà invece un bel viaggetto all’estremo levante per giocare a Sarzana contro un team in crescita negli ultimi turni.

Nella seconda giornata in cui la diretta audio ha funzionato (forse ho trovato quindi la soluzione definitiva? Speriamo!), ecco qui sotto la produzione della BraunTV, con foto e video commentato in diretta!

2017-2018 C Silver Ospedaletti-Cus.

.

La Pallacanestro Vado (Tsetserukou 17, Pintus 9) ha dovuto arrendersi al Geodetico alla Tarros Spezia (Garibotto 30, Steffanini 10), tornata al referto rosa dopo lo scivolone a Chiavari. La partita è stata punto a punto nel primo e nel secondo quarto, con i vadesi avanti di 1 nei primi 2 parziali, e quindi anche all’intervallo lungo. Nel terzo quarto però saliva la Tarros, in particolare in difesa e con Garibotto a martellare dall’arco (il tiro da 3 è stato il punto più negativo invece per i vadesi), e con un break da 0-10 a cavallo delle ultime due frazioni il team di Padovan è volato via, arrivando anche al +18. La reazione vadese ha consentito di limare un po’ il divario, ma i bianconeri hanno vinto pur essendo stati tenuti a punteggio relativamente basso (curiosamente CUS e Spezia hanno segnato entrambe 64 punti) dai ragazzi di Costa. Dunque la Tarros è ripartita, su un campo difficile come quello vadese, e resta seconda (ora è matematico), con ancora la possibilità teorica di sopravanzare anche il CUS, dovendo sperare però in due ko dei genovesi. Gli spezzini giocheranno la penultima in casa con il Tigullio, mentre i vadesi ospiteranno il CUS, intrecciando la lotta per il primo posto con quella per il terzo posto (e ricordo che nell’ultima giornata ci sarà Tigullio-Vado).

La quarta piazza resta in mano al Tigullio (Radchenko 12, Caversazio 11) che ha dovuto lottare a lungo con l’Aurora (Ciotoli 19, Calzolari 13), ma facendo un decisivo break nella terza frazione si è imposto nel derby con i gialloblu. I chiavaresi arrivavano a Santa Margherita sull’onda lunga della bella vittoria con Spezia, e a parte quei minuti centrali in cui i ragazzi di Annigoni e Pieranti sono stati decisamente più efficaci, non hanno demeritato, partendo fortissimo e rimontando un po’ nel finale dopo che i sammargheritesi erano saliti anche al +20. I biancorossi hanno approfittato dunque della sconfitta dell’Ospedaletti per lasciarlo dietro e agganciare i vadesi davanti, ma restano quarti in virtù dello svantaggio con Vado, con il quale però spareggeranno nell’ultimo turno, supponendo che a Spezia con la Tarros difficilmente sarà possibile fare punti. Coach Marenco ha un turno potenzialmente favorevole, arriva il Follo ormai senza obiettivi a parte il playout, e potrebbe essere una buona occasione per mettere l’ipoteca sul sesto posto, anche se Sarzana sta crescendo.

Lo scontro diretto del PalaSharkers ha visto infatti imporsi il Sarzana (Casini 21, Dell’innocenti 17), che ha conquistato un importante vantaggio sul Pegli (Brichetto M. 13, Gottingi 8), 2 punti e il 2-0 negli scontri diretti, e mantenuto 4 punti di distacco dall’Ardita, che in realtà non sono aritmeticamente sufficienti (ma ci vanno molto vicini) a garantire ai biancoverdi la partecipazione ai playoff. A Pegli Giannetti e Bencaster hanno potuto schierare anche il rinforzo Andrea Carnesi, play classe 1986 con esperienze anche all’estero (A2 danese), arrivato in settimana: fatto sta che i sarzanesi hanno preso un vantaggio ampio sin dalla prima frazione (6-21), cresciuto sino al trentello nei secondi dieci minuti, per andare poi via in tranquillità e permettersi anche di dare ampie rotazioni nel finale. Brusco stop per i ragazzi di Piastra, penalizzati da percentuali di tiro molto basse, che rischiano ora abbastanza grosso, dovendo andare a giocare il derby con l’Ardita con solo 6 punti di differenza canestri da difendere e la salvezza diretta in palio, mentre i biancoverdi pur dovendo ricevere l’Ospedaletti possono anche traguardare, ma non è facile, il sesto posto.

L’altro tema fondamentale della giornata era la questione playout, e Follo-Ardita era proprio lo scontro diretto che poteva, e lo è stato, risultare decisivo. Infatti con la sconfitta il Follo ora resta sicuramente ultimo, costretto ad affrontare la seconda fase decisiva per la salvezza senza nemmeno il vantaggio del campo. I ragazzi di Chiesa (Ferrari 27, Pietronave 18) hanno comandato nel punteggio, ma quelli di Cristelli (Petani 16, Langone 13) hanno tentato di riaprire la gara, riuscendoci dopo l’intervallo, ma senza riuscire a saltar davanti ai nerviesi, che poi hanno preso nuovamente il sopravvento e allungato definitivamente. Come detto in fase di presentazione, per il Follo era veramente difficile ribaltare il pronostico, e per l’Ardita è stato sufficiente mantenere il focus sull’obbiettivo, che era duplice, intanto non rischiare di farsi recuperare in classifica dai biancocelesti, e poi tenere accesa la fiammella della speranza di non fare proprio i playout, sapendo che tra Pegli e Sarzana una sarebbe rimasta al palo, e quindi a tiro. Vedremo ora cosa succederà, forse saranno queste due squadre a giocare il playout davvero, ma la matematica non lo garantisce.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – CUS a Ospedaletti, Spezia a Vado; lotta in coda

Posted by superbasketball su 8 febbraio 2018

Terzultima giornata della prima fase di C Silver, i punti cominciano a scarseggiare e, con la corsa in testa che ora pende più decisamente verso il CUS (ma mancano pur sempre 6 punti, e varie sfide tra le migliori), l’interesse forse si sta spostando un po’ sulla classifica in coda e la distribuzione delle squadre nei due successivi gironi. Anche perché alcune squadre hanno potenziali vantaggi a finire nel girone con altre che magari sono davanti ma hanno gli scontri diretti sfavorevoli, perché portandosi dietro solo i risultati diretti nel gironcino la classifica si può sconvolgere. Indubbiamente, questa parte della formula è interessante, anche se un po’ “spietata”.

Il CUS di Pansolin e Taverna ha incassato l’inaspettato regalo fatto da Spezia perdendo a Chiavari, ma non ha certo risolto del tutto a proprio favore questa prima fase: anche considerando l’ultimo turno con Sarzana in casa come favorevole, prima i biancorossi hanno due trasferte decisamente insidiose, prima a Ospedaletti e poi a Vado, contro due squadre molto diverse in lotta per il terzo posto. Tra l’altro, i genovesi hanno perso per qualche settimana Nicola Vallefuoco per una piccola frattura al piede, se ne riparla nella seconda fase. E quindi sabato al PalaIsnart per i cussini si tratta di una partita difficile. L’Ospedaletti di Lupi è in serie positiva da quattro giornate, dopo aver reinserito Colombo ha ora sì un Generale in meno ma anche un Fabio Bedini (sfida tra fratelli con Angelo) e un Cruz Salas in più, e tra le tre che si accapiglieranno nelle prossime settimane per il terzo posto è quella che sta risalendo la classifica e che quindi ha l’inerzia dalla propria parte. Palla a 2 alle 18, e speriamo che sia una gara interessante come si prospetta.

La Tarros Spezia dopo l’inatteso stop avrà sicuramente avuto una settimana di riflessione, in cui coach Padovan ha cercato di correggere i difetti visti a Chiavari: arriverà quindi a Vado carica, su un campo comunque difficile, dove i ragazzi di Costa cercano i punti per mantenere la terza posizione in un finale di girone difficile per i biancorossi (CUS in casa e chiusura a Santa Margherita nello scontro diretto). Se ce l’ha fatta l’Aurora, perché non i vadesi? E quindi anche per la Tarros sarà un turno delicato, anche se come sapete Vado è senza senior, ma è comunque squadra che col ritmo e l’intensità può creare problemi se non si scende sul parquet con l’approccio più reattivo possibile. Si gioca domenica, con inizio alle 18.15, anche qui si prospetta un incontro di grande interesse.

L’altra contendente di alta classifica, il Tigullio, se non fosse successo quello che è successo domenica scorsa avremmo detto che avesse stavolta un turno più favorevole rispetto alle dirette avversarie, perché invece di giocare contro una delle capoliste deve ospitare una delle squadre della metà inferiore della graduatoria. Invece il team Aurora di coach Marenco viene dalla partita dell’anno, e arriverà a Santa nello stato psicologico migliore, con la salvezza ormai certa (+6 sull’Ardita, +3 in differenza canestri, a meno di strane avulse non ci saranno problemi). Per i ragazzi di Annigoni e Pieranti quindi una sfida, un derby diciamo noi, certo poco rassicurante, anche se i sammargheritesi a loro volta nel turno scorso si sono rinfrancati con una vittoria larga in casa Ardita. Si gioca sabato alle 18.15, e vedremo se i biancorossi riusciranno a sfruttare questo presunto vantaggio di calendario.

Calendario che mette invece in palio punti pesantissimi per le ultime quattro.

Pegli-Sarzana, terzultima contro quartultima, è una partita che probabilmente mette in palio la salvezza. In realtà entrambe le squadre hanno lo svantaggio negli scontri diretti con l’Ardita (mentre all’andata Sarzana vinse di 29, quindi non è banale che questo vantaggio venga ribaltato), ma chi vince lascia dietro l’altra e quindi in caso i nerviesi riuscissero nella rimonta vedrebbero riassorbiti prima gli sconfitti. Quindi i ragazzi di Piastra proveranno a sfruttare il fattore campo per imbrigliare i sarzanesi, più brillanti in questo scorcio di stagione, mentre Giannetti e Bencaster guideranno la squadra alla ricerca della sicurezza, anche perché poi avranno da giocare con Ospedaletti e CUS con prospettive non molto rosee. Pegli avrà poi il derby in casa Ardita, altro scontro cruciale, e chiuderà con l’Aurora.

In coda il Follo già sicuro del playout si gioca l’ultimissima carta, quella di non giocarlo lasciando il vantaggio del campo agli avversari: per farlo deve sostanzialmente battere proprio l’Ardita, sabato sera alle 21, a Lerici. Ci sarebbero anche 17 punti dell’andata da ribaltare per fare il miracolo completo, e non basterebbe nemmeno perché nei due successivi turni il team di Cristelli dovrebbe fare ancora 2 punti in più rispetto a quello di Chiesa (Follo giocherà a Chiavari e poi in casa con Spezia, Ardita in casa con Pegli e poi a Ospedaletti), e quindi per i biancocelesti paradossalmente non basterebbe nemmeno vincere un’altra gara, se i nerviesi facessero risultato in una delle restanti gare. Senza il ribaltamento del quoziente canestri, Follo dovrebbe assolutamente battere sia Aurora sia Spezia e sperare in 2 sconfitte della penultima. Vedremo se i follesi troveranno le energie per questi exploit, resi oggettivamente improbabili dalla constatazione che sinora sul campo non sono riusciti ad ottenere un referto rosa, subendo sconfitte con scarto medio di 23 punti. Vista la situazione dal lato nerviese, è ovvio che per l’Ardita fare risultato a Follo, come da pronostico, chiuderebbe il discorso ultimo posto, e permetterebbe forse ancora di sperare nell’aggancio a quelle davanti, anche se complicato.

Come sapete nelle ultime settimane guardo anche quali partite potenzialmente interessano squadre dello stesso gironcino di seconda fase: è un gioco che mi ricorda la meccanica quantistica, perché il risultato cambia magari la classifica e quindi anche i gironi, e quindi alla fine potrebbe non contare più! Facciamo finta di no; e allora conterebbero molto, al momento, sia Ospedaletti-CUS nel girone A, sia Vado-Spezia nel girone B: quest’ultima addirittura deciderebbe la leadership nel girone!

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 16

10/02/2018 – 18:15 AS D.TIGULLIO SPORT TEAM-AD AURORA BASKET CHIAVARI n.d.; Punti: 18+12=30
10/02/2018 – 18:00 B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM-CUS GENOVA ASD n.d.; Punti: 18+28=46
11/02/2018 – 18:30 AD BASKET PEGLI-SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL n.d.; Punti: 10+10=20
11/02/2018 – 18:15 PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA-SPEZIA BASKET CLUB AD n.d.; Punti: 20+26=46
10/02/2018 – 21:00 BASKET FOLLO AD-ASD ARDITA JUVENTUS n.d.; Punti: 2+6=8

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Spezia cade a Chiavari, CUS davanti da solo, Ospedaletti e Tigullio riavvicinano Vado, risalgono Aurora e Sarzana, Follo sicuramente ai playout

Posted by superbasketball su 4 febbraio 2018

Prima delle 20 di stasera un articolo sulla giornata di C Silver avrebbe raccontato soprattutto che si comincia ad arrivare al tempo dei verdetti, che il primo è che il Follo, ormai impossibilitato a raggiungere le terzultime, farà certamente il playout, che in coda, risale Sarzana che si toglie quasi sicuramente dai problemi della coda, che davanti non cambia nulla, a parte il fatto che Vado viene riavvicinato dalle inseguitrici, con Ospedaletti in vantaggio negli scontri diretti (e davanti in un’eventuale avulsa a 3 con anche il Tigullio, ma dietro a quest’ultimo in un testa a testa). Dopo le 20 invece bisogna raccontare soprattutto della sconfitta, imprevedibile direi, della Tarros a Chiavari, che lascia il CUS da solo davanti (e quindi cambia sì qualcosa in testa!) e permette ai chiavaresi di lasciarsi praticamente alle spalle ogni residuo dubbio salvezza, e di essere in vantaggio per la conquista del sesto posto finale.

E allora partiamo proprio dalla gara appena conclusa, quella di Sanpierdicanne, che ha dato un esito credo difficile da immaginare alla vigilia. Il team di Marenco e Benvenuto (Calzolari 19, Ferri 17) ha ottenuto uno scalpo davvero prestigioso, quello della capolista Spezia, e con un impatto importante forse nell’intero campionato. Ovviamente è presto per avere commenti e descrizioni dai diretti interessati, ma l’andamento è stato assolutamente equilibrato sino a metà della seconda frazione, quando i bianconeri (Peychinov 17, Bracci 14) hanno infilato un parziale di 0-13 a cavallo dell’intervallo lungo che sembrava far svoltare la gara. Raggiunto il massimo vantaggio di 12 punti però i chiavaresi rimontavano, e nel finale di terzo quarto la tripla di Varrone li riportava davanti. Nell’ultima frazione si lottava punto a punto sino al 50-51, poi i gialloblu mettevano la freccia e con un break da 10-0 salivano in cattedra, raggiungendo poi il massimo vantaggio a 3′ dalla fine sul 64-54. Finita? No, perché a loro volta i ragazzi di Padovan risalivano gradualmente, sino alla tripla di Pipolo del 66 pari a 15 secondi dal termine. Qui il fallo di Peychinov mandava in lunetta Poltroneri, al quale la mano non tremava, 2/2, e poi i chiavaresi hanno tenuto botta sull’ultimo assalto spezzino. Secondo referto giallo stagionale per la squadra del presidente Caluri, che ora avrà la trasferta di Vado, il Tigullio in casa e poi il derby con Follo: sconfitta pesante per questa prima fase perché per diventare primi i bianconeri ora dovrebbero fare 4 punti in più del CUS, su 6 disponibili, oggettivamente difficile (anche se dopo stasera, impossible is nothing). In casa Aurora festeggiati questi 2 pesantissimi punti c’è da preparare il derby di Santa, certo con rinnovata tranquillità: dai 12 punti i playout sono lontanissimi, e l’obbiettivo sesto posto, malgrado il rientro di Sarzana, sembra raggiungibile.

Al PalaCUS la prima notizia è che la diretta audio su Facebook finalmente ha funzionato senza particolari intoppi! Archiviato questo dato fondamentale nella storia di Internet, possiamo passare al match, che i cussini (Dufour 15, Cassanello 9) hanno messo abbastanza al sicuro già con un primo quarto in cui hanno lasciato al Pegli (Nicoletti 11, Brichetto M. e Nsesih 5) solo 4 punti. Aumentando ancora il bottino offensivo, i ragazzi di Pansolin e Taverna sono andati negli spogliatoi per la pausa lunga già avanti di 26, sul 39-13. Poteva diventare un risultato molto punitivo per i ragazzi di Piastra, in prospettiva; invece, complice certamente anche un maggior utilizzo degli under da parte biancorossa, nella seconda parte  il bilancio del derby è stato perfettamente in parità, con il CUS a imporsi nel terzo quarto 10-9 e Pegli a pareggiare i conti nell’ultima frazione vinta 16-15, cosicché il divario finale è stato esattamente quello di metà gara. Bene per il referto rosa per la capolista, che evidentemente quando ha un vantaggio largo non mantiene la stessa determinazione di quando il punteggio è in discussione, ma che comunque a 3 giornate dalla fine di questa prima fase mantiene la vetta, e grazie allo scivolone spezzino ora anche con 2 punti (3 con gli scontri diretti, diciamo) di vantaggio. Sabato a Ospedaletti i cussini dovranno probabilmente gestire una gara più impegnativa però. Quanto agli arancioblu, che hanno subito non solo la sconfitta in Viale Gambaro ma il sorpasso in classifica da Sarzana, nella prossima partita potranno discuterne direttamente con i biancoverdi in via Cialli, e hanno un finale in cui incontreranno anche Ardita e Aurora, tutti scontri vitali per la permanenza nella serie.

Come al solito, un po’ di foto e la videocronaca integrale in differita!

2017-2018 C Silver CUS-Pegli.

.

La Pallacanestro Vado (Cerisola 16, Pelegi 13) ha concesso la vittoria in trasferta all’Ospedaletti (Cavallaro 18, Cruz 16), che ha acquisito quindi un vantaggio negli scontri diretti che rischia di essere decisivo per l’assegnazione del terzo posto della prima fase. Eppure i biancorossi erano partiti molto meglio dei padroni di casa, salendo a un rassicurante +15 a metà gara. Invece, gli orange sono saliti di intensità e hanno recuperato tutto lo svantaggio. Malgrado ciò, i ragazzi di Costa erano ancora avanti a 2 minuti dalla fine, ma nelle ultime azioni quelli di Lupi hanno risorpassato e conquistato il referto rosa. Bella vittoria per l’Ospedaletti, che conferma il buon momento e punta deciso verso la terza piazza: dovrà però prima affrontare il CUS in casa, poi forse avrà due turni più favorevoli, a Sarzana e in casa con Ardita. I vadesi per difendere la posizione senza dover sperare nelle disgrazie altrui hanno bisogno di fare punti nei prossimi 3 durissimi turni: Spezia, ora più che mai probabilmente vogliosa di riscatto, e poi CUS in casa, e il Tigullio avversario diretto a Santa Margherita.

Il Tigullio (Caversazio 17, Zolesi 15) ha a sua volta ottenuto punti a Genova, imponendosi nettamente sul campo dell’Ardita Juventus (Ferrari e Pietronave 15), la cui “candidatura” ai playout si “rafforza”, anche per la concomitante vittoria del Sarzana e dell’Aurora, a causa di una prestazione decisamente negativa dei ragazzi di Chiesa. I sammargheritesi salgono a quota 18, a un passo dal Vado con il quale giocheranno in casa nell’ultimo turno, partita che potrebbe valere anche il terzo posto; intanto sabato prossimo ospiteranno la (immagino) gasatissima Aurora nel derby. I nerviesi, che hanno visto appunto allontanarsi due delle squadre sulle quali speravano di poter fare la corsa per evitare i playout, sono chiamati invece alla fondamentale trasferta di Lerici di sabato sera, che vale, quantomeno, il vantaggio nella serie di playout: poi certo sulla carta si può ancora pensare di riagguantare il Pegli, sfruttando la gara casalinga della penultima giornata.

E veniamo alla gara in realtà disputata per prima, quella di Sarzana in cui il team di Giannetti e Bencaster (Casini 32, Somma 18) ha vinto largamente il derby con il Follo (Langone 16, Mazzi 15). Alla tensostruttura Diego Bologna i follesi nella prima parte hanno visto i padroni di casa prevalere, ma senza crollare del tutto: il patatrac per i ragazzi di Cristelli è avvenuto nel terzo quarto, in cui hanno subito ben 31 punti e il divario è passato da -13 a -34, sfiorando il -40. Delusione tra i biancocelesti, che l’aritmetica ormai incasella nel playout, esito congruo per un team che sul campo non ha ancora ottenuto una vittoria. Rimane sulla carta ancora la chance di agguantare e sorpassare l’Ardita, ma per fare questo servono molti eventi: battere l’Ardita sabato sera, possibilmente ribaltare il -17 dell’andata, e poi vincere almeno una gara in più dei genovesi nei restanti due turni (per il Follo, a Chiavari e in casa con la Tarros, per l’Ardita in casa con Pegli e l’ultima ad Ospedaletti). I biancoverdi scavalcano Pegli, non l’Aurora per via dell’exploit chiavarese, e iniziano la volata finale di questo terzetto in seconda posizione, ma devono andare proprio a Pegli domenica.

Il ribaltone causato dal Sarzana e dall’Aurora scompiglia i gironi teorici della seconda fase: i biancoverdi al momento sono nel girone B insieme all’Aurora, mentre nell’A guidato dal CUS al momento ci va il Pegli. E attenzione, nel B Spezia e Vado sono per ora alla pari.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – CUS con Pegli, Spezia a Chiavari. Sfida Ospedaletti-Vado e derby Sarzana-Follo

Posted by superbasketball su 1 febbraio 2018

Quindicesima giornata di C Silver, quartultima di ritorno: con 8 punti ancora a disposizione per tutte le squadre, si avvicina il tempo dei primi verdetti. In questo turno, usando il giochino della somma dei punti, ben tre partite si dividono il ruolo di match clou, a queste si aggiunge almeno un derby con implicazioni in chiave salvezza, tra l’altro anticipato a venerdì sera.

Il CUS di Pansolin e Taverna torna a difendere l’imbattibilità al PalaCUS e lo fa nel derby genovese con il Basket Pegli. All’andata i ragazzi di Piastra avevano resistito poco più di un quarto e i cussini avevano accumulato ben 35 punti di scarto; da allora i pegliesi hanno però fatto bene e quasi messo in ghiaccio la salvezza, obbiettivo primario della truppa della presidentessa Traversa. E allora la sfida di sabato tutt’al più la possono perdere in modo altrettanto largo, mentre per il CUS, in un momento di leggera difficoltà fisica, giocare contro una squadra giovane senza particolari pressioni (ma gli arancioblu devono fare una figura migliore di quella del Pegli poco combattivo visto a Spezia che aveva irritato lo staff tecnico degli Sharkers) può diventare un problema se la gara non viene affrontata in modo adeguato dalla palla a due, che verrà alzata alle 18.45. Per l’occasione SUPERBAsketball riproverà a fare la diretta Facebook, speriamo che sia la volta buona.

La Tarros Spezia va invece in trasferta, e giocherà domenica alle 18, a risultato del CUS acquisito, al Palacarrino di Chiavari contro l’Aurora. I gialloblu di Marenco sono a pochi punti dalla salvezza, e chiaramente non trascureranno le chances che eventualmente l’altra capolista dovesse permetter loro, ma i bianconeri non possono certo rischiare di restare indietro, e quindi sarà coach Padovan a tener desta l’attenzione dei suoi per portare a casa un altro referto rosa. All’andata al Palasprint fu +17 per gli spezzini, che contano di allungare la serie positiva che dura già da 11 giornate, se riusciranno a fare 12 sarà già sicuramente la più lunga del girone.

La gara forse più importante nella parte alta della graduatoria sarà quella di via Isnart, dove la Pallacanestro Vado arriverà in formato supergiovane per i noti infortuni ai suoi due senior, dovendo contendersi con l’Ospedaletti molte delle chances di arrivare sul terzo gradino della classifica della prima fase. Detto che arrivare terzi serve solo a scegliere la seconda classificata come compagna di seconda fase invece della prima, il che potrebbe al limite essere né meglio né peggio vista la sostanziale equivalenza tra le prime due, bisogna dire che al contrario dei vadesi l’Ospedaletti di Lupi arriva a questa sfida, modulo problemi eventuali di questa settimana, in una condizione psicofisica tra le migliori della stagione. Dato che gli orange all’andata avevano già espugnato il Geodetico con 12 punti di scarto, la vittoria dei padroni di casa darebbe loro la chance (ma servono altri punti perché ora il distacco è di 4 lunghezze) di sopravanzare i ragazzi di Costa nelle prossime giornate, sfruttando il micidiale calendario dei vadesi, che devono giocare ancora con entrambe le capoliste e con il Tigullio dopo la partita di sabato (ore 18). Speriamo sia una bella partita.

Il Tigullio appena menzionato potrebbe approfittare un po’ della sfida diretta tra Ospedaletti e Vado: per farlo deve però essere corsaro sul campo dell’Ardita di coach Chiesa, battuta a Santa all’andata con un ventello abbondante. I ragazzi di Annigoni e Pieranti hanno rivisto il rosa nella gara vinta in casa con Sarzana, e vincendo si lancerebbero nella volata per il terzo posto, per quanto al momento in un’avulsa con Vado e Ospedaletti sarebbero terzi (ovvero quinti complessivi), ma potendo ancora giocare in casa con Vado proprio nell’ultimo turno. I nerviesi sono a 2 punti da Sarzana e se riuscissero ad avere disponibili un po’ più effettivi (la scorsa gara erano in 8 con tanti assenti) dovrebbero provarci, a prenderseli. Palla a due al PalaMajorana sabato alle 18.

Sarzana, appunto: i ragazzi di Giannetti e Bencaster per un motivo o per l’altro negli ultimi 7 turni non hanno mosso la classifica, scivolando indietro sino a un pericoloso terzultimo posto, come detto con una sola vittoria di vantaggio (meno lo scontro diretto a sfavore) sull’Ardita. E allora il derby con il Follo ultimo in classifica potrebbe essere il modo per cavarsi sostanzialmente d’impaccio. Ma vista dalla parte di coach Cristelli, la gara di Sarzana, che si gioca in anticipo venerdì sera alle 21 nella tensostruttura Diego Bologna, è ovviamente una delle ultime spiagge: Sarzana, poi Ardita e poi Aurora, non direi l’ultima giornata con Spezia, sono le ultime chances di ottenere una o più vittorie sul campo, e, aritmeticamente è ancora possibile, tentare di non fare i playout o almeno affrontarli con il vantaggio del campo. All’andata i sarzanesi vinsero a Lerici di 13 punti.

Guardando le attuali composizioni dei gironi, le gare che in prospettiva contano di più perché darebbero punti anche nella seconda fase sono Ospedaletti-Tigullio e Aurora-Tarros. Tra parentesi, anzi fuori di parentesi, vi farei notare come la suddivisione in gironi nella seconda fase riduca di molto le distanze tra le prime dei gironi, almeno al momento: il CUS ha 2 soli punti di vantaggio sul Tigullio (ma con 2 gare in meno), Spezia è addirittura a pari con Vado (con una gara in meno e lo scontro diretto ancora da disputare).

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 15

02/02/2018 – 21:00 SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL-BASKET FOLLO AD n.d.; Punti: 8+2=10
03/02/2018 – 18:00 B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM-PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA n.d.; Punti: 16+20=36
03/02/2018 – 18:45 CUS GENOVA ASD-AD BASKET PEGLI n.d.; Punti: 26+10=36
04/02/2018 – 18:00 AD AURORA BASKET CHIAVARI-SPEZIA BASKET CLUB AD n.d.; Punti: 10+26=36
03/02/2018 – 18:00 ASD ARDITA JUVENTUS-AS D.TIGULLIO SPORT TEAM n.d.; Punti: 6+16=22

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Liguria verso l’Eccellenza – Intervista a Giovanni Baiardo coach genovese di Stella Azzurra e Fortitudo Roma

Posted by superbasketball su 1 febbraio 2018

Se pensavate che la rubrica “Liguria verso l’Eccellenza” fosse morta, beh è viva e vegeta! Intanto perché con gennaio sono ripartiti i gironi (e al più presto farò il punto), e poi perché c’è ancora molto da dire, dentro e fuori dalla Liguria! E quindi, via con la nona puntata!

Oggi andiamo mooooolto fuori! Scendiamo sino nella Capitale, per via telefonica naturalmente, perché è lì che da alcune stagioni sta facendo grandi esperienze un giovanissimo coach genovese, Giovanni Baiardo. Il ragazzo sta venendo su bene, perché dalle prime esperienze genovesi a Granarolo e poi CAP, dopo il trasferimento a Roma nella mitica Stella Azzurra per lui c’è stata una girandola di emozioni, inframmezzate a duro lavoro, e tante soddisfazioni: l’anno scorso un titolo nazionale da capo allenatore e uno di eccellenza da assistente, la vittoria nell’EYBL da capo allenatore. Quest’anno, l’incarico di head coach alla Fortitudo Roma in C Silver, con 15 vittorie consecutive e l’onore di allenare nientemeno che David Hawkins, sì, QUEL David Hawkins, il mitico “Falco”!

Il video dell’intervista vi porterà via una buona mezzora, ma credo che sia interessante: soprattutto la descrizione del metodo di lavoro della Stella Azzurra, per cui secondo me potreste, certificando di aver ascoltato tutta l’intervista, chiedere almeno 1-2 punti PAO, se siete allenatori ;-)!

.

Grazie a coach Baiardo per la disponibilità! Alla prossima!

Posted in Allenatori, C Silver, Giovanili | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Giornata senza scossoni

Posted by superbasketball su 29 gennaio 2018

La quattordicesima giornata della C Silver non ha visto verificarsi particolari sorprese: certo, ci sono state vittorie esterne, ma in tutti i casi la squadra davanti in classifica si è imposta, e la graduatoria ne è risultata confermata.

Al CUS è bastato un buon inizio per risolvere velocemente la pratica Follo nel testa-coda sul campo di Lerici. Pur senza Nicola Vallefuoco i genovesi (Bedini 26, Vallefuoco S. 20) erano già avanti di 12 dopo i primi 10′, e il +18 dell’intervallo lungo ha permesso a Pansolin e Taverna di allungare le rotazioni all’intera panchina, tutta utilizzata (e anche a segno) nella restante parte di gara, in cui i ragazzi di Cristelli (Canini 15, Giuliani 13) sono peraltro riusciti a pareggiare il parziale, cedendo alla fine appunto con lo stesso scarto dell’intervallo lungo. Pronostico ampiamente rispettato, e CUS ancora davanti a tutti: i biancorossi devono ora provare a recuperare una migliore condizione fisica, per preparare il derby casalingo con il Pegli di sabato prossimo. Quanto ai follesi, il loro campionato prosegue nella speranza di acciuffare qualche altro punto: non sarà facile nel derby a Sarzana, ma è obbligatorio provarci sempre e comunque.

Anche l’altro testa-coda non ha riservato sorprese: la Tarros (Peychinov 26, Garibotto 23) ha infatti disposto relativamente facilmente di un’Ardita Juventus (Bovone 11, Rossi e Ferrari 10) arrivata al Palasprint con 8 giocatori, con varie assenze importanti. Eloquente il 27-8 della prima frazione, e anche se nella seconda i ragazzi di Chiesa hanno tenuto la posizione, nel terzo quarto con solo 3 punti all’attivo i nerviesi hanno definitivamente capitolato, finendo di fatto doppiati nel punteggio con cui si è chiuso il referto. Padovan, così come Chiesa, ha ruotato tutti gli effettivi, cercando di lavorare per le gare future, a partire dalla trasferta di Chiavari; per l’Ardita al Palamajorana ci sarà invece il Tigullio, ma le partite fondamentali saranno le successive, in trasferta con Follo e in casa con Pegli.

La Pallacanestro Vado (Brignolo 17, Fazio e Tsetserukou 12) ha confermato la sua terza posizione vincendo al Geodetico la sfida con l’Aurora Chiavari (Ferri 16, Calzolari 15). Non è stata una passeggiata, perché l’Aurora ha tenuto botta, andando dietro nel punteggio al rientro negli spogliatoi, ma reagendo nella terza frazione e riuscendo a rimettere anche il naso avanti. I ragazzi di Costa non si sono però persi d’animo e hanno controbattuto, rimandando indietro quelli di Marenco e conquistando il decimo referto rosa stagionale. Per i biancorossi ora il calendario diventa però infernale, dovendo giocare le restanti contro le prime della graduatoria, a cominciare dalla trasferta di sabato ad Ospedaletti che potrebbe essere decisiva per il terzo posto: c’è anche la tegola Ottone, fuori per il menisco e un trasferimento di studio all’estero. “Fino alla fine dell’anno, eta’ media 17 anni in campo (non seduti). Le sei vittorie consecutive sono frutto di un calendario benevolo che abbiamo ben sfruttato, difenderemo il terzo posto anche se non sarà facile“, commenta il dirigente Stefano Dellacasa. L’Aurora resta a quota 10, zona di tranquillità relativa: pur con la Tarros in arrivo, in realtà una sconfitta dell’Ardita potrebbe significare salvezza anticipata in ogni caso.

A Santa Margherita il Sarzana di Giannetti e Bencaster (Ferrari 23, Tesconi 16) ha lungamente tenuto in scacco i padroni di casa del Tigullio (Vexina A. 17, Radchenko 14), rimanendo avanti nel punteggio e dando l’impressione di poter interrompere la serie negativa ormai perdurante da mesi (ultima vittoria il 18 novembre scorso in casa con Pegli), ma poi i ragazzi di Annigoni e Pieranti sono venuti fuori alla distanza e in una quarta frazione tirata si sono imposti con un possesso di vantaggio, conquistando una vittoria che permette loro di tenere la testa avanti rispetto all’Ospedaletti ed essere ancora quarti. Per i sammargheritesi ora due gare contro squadre che stanno dietro, a Genova con l’Ardita e poi in casa con l’Aurora, prima del rush finale con Spezia e Vado; i sarzanesi non possono sbagliare la gara con il Follo, e vada come vada a questo punto soprattutto devono fare da qui in poi almeno gli stessi punti dell’Ardita per non correre rischi (il vantaggio negli scontri diretti è dei nerviesi).

L’Ospedaletti di coach Lupi (Colombo 34, Cavallaro 13) ha espugnato il Palasharkers, grazie ad una super prestazione del proprio pivot Colombo, e malgrado un paio di assenze importanti (Zunino, e il neo-bipadre Michelis, auguri!) nell’occasione, ma con l’altrettanto importante aggiunta fissa di Fabio Bedini nel roster, che compenserà Generale in partenza per gli States, si pone come seria candidata a una delle prime 4 posizioni. Gli orange hanno dovuto lottare, perché i ragazzi di Piastra (Prezioso 20, Brichetto M. 10) non si sono arresi sino all’ultima frazione, pagando certamente in esperienza nel momento topico e non riuscendo ad arginare Colombo nel pitturato. Ora l’Ospedaletti deve dare continuità al campionato se vuole puntare più in alto, e la sfida casalinga con Vado dirà se può ancora puntare al terzo posto; i pegliesi faranno del loro meglio al Palacus, ma probabilmente la salvezza aritmetica è ad un passo, e il sesto posto alla fine della prima fase alla loro portata.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – CUS in casa del Follo, Tarros in casa con Ardita, doppio testa-coda

Posted by superbasketball su 25 gennaio 2018

Quattordicesima giornata di C Silver, quinta di ritorno e quindi “scollinamento” di metà ritorno: le capoliste hanno impegni sulla carta abbordabili contro ultima e penultima, un doppio testa-coda sulla carta piuttosto scontato.

Il CUS di Pansolin e Taverna lascia il “fortino” PalaCUS (per inciso: normalmente i campi sono particolarmente difficili quando sono “caldi”, con il pubblico a contatto, con particolarità come luci che possono disturbare, riferimenti buoni per il tiro per chi ci si allena sempre, dimensioni peculiari, righe con visibilità inconsueta, e il PalaCUS non sembra rientrare in questa casistica) ma la trasferta di sabato sera, unica gara del giorno, è contro il Follo di coach Cristelli, che il suo impianto a Lerici (suo è un eufemismo nel senso che come ricorderete ha dovuto cercarlo affannosamente prima dell’inizio del torneo, negli altri scorsi casa Follo era il PalaMariotti) sinora non è ancora riuscito a difenderlo. All’andata fu una gara a senso unico, chiusa con un trentello scarso di divario: i follesi devono far punti per tanti motivi, anche se forse l’esito playout, con 5 gare da disputare e 6 punti da Sarzana, è difficile che non si verifichi, per cui ci proveranno, ma il pronostico è davvero chiuso. Per il CUS lasciare punti all’ultima in classifica sarebbe semplicemente disastroso.

La Tarros Spezia torna a giocare al Palasprint, dove domenica alle 18 si presenterà l’Ardita Juventus. Gli spezzini non possono perdere punti, figuriamoci in casa, e quindi coach Padovan spronerà i suoi a non approcciare con sufficienza la partita. La differenza in classifica è enorme e all’andata a Genova lo scarto fu di 20 punti: pronostico dunque tutto per i bianconeri, anche se coach Chiesa nelle ultime settimane ha visto il suo gruppo trovare punti importanti, anche su un campo difficile come quello di Sarzana, riaprendo anche il discorso terzultimo posto, e quindi la situazione mentale è certamente dei nerviesi è una delle migliori immaginabili. Vedremo se farà qualche differenza.

La Pallacanestro Vado domenica alle 18.15 al Geodetico dei Giardini a Mare ospita l’Aurora Chiavari di coach Marenco. I biancorossi sono al momento terzi, con 4 lunghezze di vantaggio su Tigullio e Ospedaletti, una posizione che dovranno legittimare nei prossimi molto impegnativi turni, in cui incontreranno sia le due capoliste sia le contendenti menzionate: quella con l’Aurora per i ragazzi di Costa è quindi una tappa da superare assolutamente con successo, dato che nei turni successivi di punti potrebbero arrivarne pochi. I chiavaresi invece sono alla ricerca dei punti salvezza definitivi, ne bastano pochi ma anche qui il calendario non è banale. Vista l’età media dei due gruppi, la partita dovrebbe risultare divertente.

A centro della classifica le altre due partite del turno.

A Santa Margherita, ore 18.15, il Tigullio di Annigoni e Pieranti aspetta la visita del Sarzana di Giannetti e Bencaster. Entrambe le squadre nel turno scorso hanno pagato dazio con le capoliste, entrambe giocando partite tutto sommato positive e cedendo nel finale dopo aver dato buoni segnali. Si incrociano, con i sammargheritesi in piena lotta per il quarto posto, con la speranza di riavvicinare il terzo, mentre i sarzanesi dopo i recenti successi dell’Ardita hanno la necessità di cavarsi d’impiccio per non rischiare di uscire dai playoff e ritrovarsi nel playout. Partita per la quale il pronostico pende forse per i padroni di casa, ma con quote non proprio basse basse, i biancoverdi possono mettere in campo anche il carico di esperienza di alcuni giocatori abituati a partite importanti.

Nell’altra partita di domenica sarà il Palasharkers a vedere alzata la palla a 2, alle 18.30, tra gli arancioblu di coach Piastra e i neroarancio di coach Lupi. Gli ospedalettesi cercano sul campo del ponente genovese la vittoria numero 8, che in caso di sconfitta del Tigullio varrebbe già il 4° posto, con la possibilità poi di giocare 3 partite sulle 4 restanti in casa. I pegliesi hanno una situazione identica a quella dell’Aurora, non sono ancora aritmeticamente salvi anche se andando avanti nei turni la salvezza potrebbe anche avvicinarsi per disgrazie altrui, ma avendo tutti gli scontri diretti in arrivo, preferirebbero certo giocarli con meno patemi di classifica.

Un’altra chiave di lettura è il fatto che sulla carta le otto squadre davanti in classifica al momento sono suddivise nei gironi della seconda fase in un certo modo, che potete consultare nelle solite tabelle qui sotto al testo, e che se questo ranking fosse conservato (ovviamente non è per nulla detto), ci sono 2 partite i cui risultati verrebbero “trasportati” nella seconda fase, quella tra Vado e Aurora e quella tra Tigullio e Sarzana: potenzialmente “contano doppio”.

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 14

28/01/2018 – 18:15 PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA-AD AURORA BASKET CHIAVARI n.d.; Punti: 18+10=28
27/01/2018 – 21:00 BASKET FOLLO AD-CUS GENOVA ASD n.d.; Punti: 2+24=26
28/01/2018 – 18:15 AS D.TIGULLIO SPORT TEAM-SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL n.d.; Punti: 14+8=22
28/01/2018 – 18:30 AD BASKET PEGLI-B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM n.d.; Punti: 10+14=24
28/01/2018 – 18:00 SPEZIA BASKET CLUB AD-ASD ARDITA JUVENTUS n.d.; Punti: 24+6=30

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Vincono le prime tre, Ospedaletti aggancia il Tigullio, l’Ardita sale e minaccia Sarzana

Posted by superbasketball su 22 gennaio 2018

La classifica della parte alta della C Silver è stata poco modificata dalla tredicesima giornata, quarta di ritorno: hanno vinto le prime tre, e l’unica che è rimasta al palo è stata la sammargheritese Tigullio, agganciata di conseguenza dall’Ospedaletti. Importante colpo Ardita, che si avvicina a Sarzana e quindi ora traguarda anche la possibilità di non fare il playout con il sempre più inguaiato Follo ora indietro di 4.

Al PalaCUS il risultato ha rispecchiato il pronostico, e a guardare il +14 con cui i padroni di casa hanno chiuso la gara, si immaginerebbe magari una tranquilla progressione con gli ospiti tagliati fuori gradualmente. Non è stato così: se l’Aurora prima di Natale aveva dato filo da torcere ai cussini grazie al tiro pesante, ma aveva ceduto già a partire dalla seconda frazione, stavolta il Tigullio ha fatto anche meglio arrivando nella quarta frazione ancora alla parità, e poi cedendo nel finale. I genovesi nella prima parte sembravano poter prendere un po’ di vantaggio, ma questo non è mai salito oltre il +8, ad esempio quello che ha sancito il punteggio del primo quarto. Nel secondo quarto però i ragazzi di Pansolin e Taverna, che in settimana avevano avuto difficoltà fisiche per vari elementi del gruppo senior, sono calati e soprattutto quando coach Annigoni ha messo in campo il giovane Mouhamadou Moustapha Mete, un 1998 con un fisico eclatante che ha avuto un impatto devastante sulla gara, stoppando, segnando (in particolare un bellissimo movimento spalle a canestro per un potenziale and one contro Mangione nel terzo quarto, e non gli è riuscita una schiacciata in tap-in nel secondo che sarebbe stata clamorosa) e prendendo rimbalzi, i sammargheritesi hanno invertito l’inerzia. All’intervallo lungo sono andati negli spogliatoi sotto di 1, e nel terzo quarto hanno perfezionato il sorpasso, con un massimo vantaggio di 4 punti. Il CUS però reagiva, e mandando a segno ben 7 giocatori nella frazione ritornava davanti e chiudeva al 30′ sul +4. Non era finita qui, perché la tripla di Adriano Vexina nei primi minuti dell’ultima frazione riportava gli ospiti sul 51 pari: tutto da rifare e tutto ancora in gioco! Finiva però poco dopo: lo spartiacque era il fallo più tecnico, con conseguente allontanamento dal campo, per somma di falli con un antisportivo commesso in precedenza, di Zolesi. Questa sequenza toglieva al 33′ una pedina fondamentale nel team tigullino e influiva sul resto della gara. Fatto sta che dal 51 gli ospiti non si schiodavano più: il resto della frazione era un continuo dilatarsi del vantaggio genovese, sino al +14 di cui si parlava inizialmente. Rischio scampato per il CUS (coach Pansolin ricorda che dopo le gare con Spezia anche negli anni scorsi la sua squadra ha faticato e anche perso), che estende l’imbattibilità casalinga anche in una serata abbastanza complicata; bel losing effort per il Tigullio che forse ha trovato aperta la sliding door sbagliata ma ha anche trovato un’arma importante, da implementare al meglio, nel suo atletico nuovo innesto Mete. Genovesi sempre al comando, con la potenzialmente comoda (dal punto di vista tecnico) trasferta in casa del Follo nel prossimo weekend; Tigullio che ora deve difendere la posizione dall’Ospedaletti, e riceverà Sarzana.

Il vostro blogger sabato ancora una volta non è riuscito a fare la diretta audio: il mio gestore telefonico evidentemente ora schifa anche il PalaCUS. Vi lascio il video, con qualche foto aggiuntiva, scusandomi con chi era online ad aspettare la diretta.

2017-2018 C Silver Cus-Tigullio.

Non ha perso terreno il team di coach Padovan (Peychinov 27, Pipolo e Garibotto 13), benché fosse impegnato nel derby a Sarzana che è sempre insidioso. Forse anche il team bianconero ha un po’ subito il post big match, perché nella tensostruttura intitolata a Diego Bologna i padroni di casa di Giannetti e Bencaster (Ferrari 14, Bencaster e Tesconi 13) pur restando dietro alla Tarros per tutta la gara, sono rimasti aggrappati al risultato, e grazie a questo nell’ultimo tempino hanno anche potuto tentare l’aggancio, arrivando a due soli possessi dagli avversari, per poi cedere di nuovo nel tourbillon del fallo sistematico, e perdere poi di 12 punti. Anche qui, un divario che è praticamente il massimo vantaggio della squadra che si è imposta. Non una grande prestazione per gli spezzini dunque, ma per le squadre più forti vincere comunque queste gare non è strano, significa che comunque anche nelle giornate peggiori possono trovare le risorse per girare la partita a proprio favore anche in piccoli episodi. La Tarros nel prossimo turno ospiterà l’Ardita, con il favore del pronostico; per i biancoverdi c’è una trasferta a Santa Margherita che devono provare a rendere fruttuosa visto che in classifica ora cominciano a sentire la pressione proprio dei suddetti nerviesi.

La terza in classifica Pallacanestro Vado (Brignolo e Tsetserukou 14, Pesce 13) ha dovuto sudare abbastanza sul campo del Basket Pegli (Prezioso 16, Meneguz 14). In una partita inizialmente ad elastico, i biancorossi di coach Costa hanno preso un vantaggio nella terza frazione, che sono poi riusciti a mantenere ed incrementare negli ultimi 10′, mentre i padroni di casa di coach Piastra perdevano contatto. Una buona vittoria comunque per i vadesi, sia perché gli arancioblu non hanno fatto male sinora e se fossero rimasti a contatto sino all’ultimo potevano diventare davvero pericolosi, sia perché in classifica permette di lasciare indietro il Tigullio di 4 punti e quindi di consolidare davvero la terza piazza. Domenica al Geodetico arriverà l’Aurora, mentre a Pegli arriverà l’Ospedaletti che è in caccia del quarto posto.

L’Ospedaletti, appunto: i ragazzi di Lupi (Cacace 16, Colombo 15) non hanno sbagliato l’occasione dell’arrivo in via Isnart dell’ultima in classifica, il Follo di coach Cristelli (Petani 16, Langone e Giuliani 8). Pochi rischi per gli orange, già avanti di 15 dopo la prima frazione, e gara definitivamente in ghiaccio all’intervallo lungo (52-18). Referto rosa numero 7, e aggancio ai danni del Tigullio che resta davanti per il vantaggio negli scontri diretti; però l’Ospedaletti al completo (e ha reinserito anche Cruz Salas che già conosciamo dall’anno scorso) è davvero un gruppo temibile che può puntare ai playoff se trova continuità, a cominciare dalla trasferta di Pegli dove devono anche vendicare l’andata. I follesi restano a secco, e con il CUS sarà dura sbloccarsi nel prossimo turno.

Importante il risultato registratosi in via Allende, dove l’Ardita Juventus (Ferrari 20, Lotti 17) ha infilato la terza vittoria, di cui già due nel girone di ritorno: i ragazzi di Chiesa sono riusciti a ribaltare il vantaggio ottenuto dall’Aurora Chiavari (Ferri 24, Poltroneri 14) nel primo tempino per poi salire velocemente nel terzo quarto ad un vantaggio che i ragazzi di Marenco non hanno più rimontato del tutto, pur rientrando sino al -3 nell’ultima frazione. Una vittoria che per i nerviesi è molto importante, cambia infatti un po’ le prospettive perché ora può essere pensabile anche cercare di agguantare Sarzana (c’è anche il vantaggio negli scontri diretti!) e giocarsi con i biancoverdi il terzultimo posto, che garantisce la salvezza senza passare dal playout. Difficile pensare di far risultato a Spezia, ma nei restanti turni altre occasioni arriveranno. Per l’Aurora una sconfitta che non consente di sognare ulteriori avanzamenti nelle parti alte, ma c’è ancora poca strada da fare per la salvezza: intanto bisogna andare a Vado domenica.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – CUS ospita Tigullio, derby a Sarzana per la Tarros

Posted by superbasketball su 18 gennaio 2018

Dopo Tarros-CUS, che ha lasciato la vetta ai genovesi, la C Silver prosegue con la quarta di ritorno: ridendo e scherzando siamo quasi a tre quarti di questo girone iniziale (tredicesima giornata su diciotto).

Assorbito il big match con la sconfitta “indolore” del Palasprint, Pansolin e Taverna proveranno a prolungare i 1000 giorni di imbattibilità del PalaCUS in regular season (altrimenti qualche referto giallo è arrivato, nei playoff e come ricorderete nel girone di spareggio dello scorso maggio), che festeggeranno con una maglia dedicata da distribuire a tutti i giocatori che si sono avvicendati in biancorosso in questo periodo, sabato sera nella sfida casalinga con il Tigullio. Con il recupero di Zavaglio i cussini dovrebbero ritornare in formazione standard, e benché i sammargheritesi siano in effetti la quarta in classifica i pronostici credo siano abbastanza allineati a favore dei padroni di casa. Tuttavia, Annigoni e Pieranti hanno un team giovane, che specialmente se supportato da una buona serata balistica, può mettere in difficoltà chiunque: la sconfitta appena patita in casa con Ospedaletti può essere facilmente dimenticata se al PalaCUS la squadra avrà un buon avvio. Aggiungiamo che al momento la classifica mette queste due squadre nello stesso girone, per cui il risultato verrebbe anche “trasportato” come pregresso nella seconda fase, e pertanto diventa doppiamente importante. All’andata i genovesi si imposero di 8, fu la mia prima telecronaca/audiocronaca diretta; vedremo come andrà (ore 21). Speriamo soprattutto che funzioni stavolta la diretta audio su Facebook!

Sarzana-Tarros negli anni passati era un big match, si giocava per il podio nel girone. Oggi gli spezzini sono lì, secondi solo per differenza canestri, mentre i biancoverdi di fatto sono terzultimi, con buon vantaggio sulla “zona playout” per ora, ma decisamente lontani, 14 punti, dalla vetta. E allora che partita sarà? I bianconeri hanno vinto col CUS ma non sono certo appagati, non sono riusciti a scavalcarli; e quindi per la trasfertina di domenica (ore 18) alla tensostruttura “Diego Bologna” i ragazzi di Padovan senz’altro arriveranno carichi per prendersi il referto rosa e continuare la corsa, perché tutta la fatica fatta sinora non la vorranno certo vanificare. Da parte sarzanese Giannetti e Bencaster dovranno fare i conti con i disponibili e far dare il massimo per onorare il derby: e in fondo contro il CUS poche settimane fa la partita era rimasta aperta sino alla fine, quindi non diamo nulla per scontato.

La terza in classifica, Pallacanestro Vado, domenica alle 18.30 è di scena sul campo del Pegli, che possiamo anche abbastanza apertamente definire una delle squadre col maggior differenziale tra classifica reale e classifica pronosticata di questo primo scorcio di stagione. I ragazzi di Piastra hanno preso qualche scoppola qua e là, compreso il -22 dell’andata, ma si sono tolti molte soddisfazioni e difficilmente avranno problemi di salvezza. Nella giornata in cui i due coach sono entrambi ex (e ci mettiamo anche l’ex vadese Pozzi), coach Costa può legittimamente sperare di uscire indenne dal Palasharkers, e forse così facendo di mettere anche spazio tra la classifica dei suoi e quella delle inseguitrici, a meno di sorprese al PalaCUS. Anche qui vale il discorso fatto per CUS e Tigullio, Pegli e Vado al momento sono entrambe nel girone B della seconda fase.

Turno sulla carta piuttosto favorevole all’Ospedaletti, che dopo la buona prestazione di Santa Margherita dovrebbe veramente invertire la fase per rischiare contro il Follo. Il team di Cristelli certamente ci proverà, deve provarci ad ogni gara, casa o trasferta non importa, se vuole portare a casa qualche punto e tentare, magari, di arrivare al playout senza doverlo giocare anche con lo svantaggio del campo. Ma gli orange di coach Lupi, al completo, sono squadra molto competitiva e non possono che avere il pronostico dalla loro: e sarebbe anche possibile, vincendo, agganciare un Tigullio sconfitto a Genova (ma i biancorossi hanno mantenuto il vantaggio negli scontri diretti). Palla a 2 in via Isnart sabato alle 18.

Completerà la giornata, sempre sabato alle 18, la gara del Palamajorana, in cui l’Ardita Juventus di coach Chiesa e l’Aurora Chiavari di coach Marenco e coach Benvenuto cercheranno con animi abbastanza diversi la vittoria. I nerviesi sono al momento invischiati nella zona playout: 4 lunghezze di distanza dalla terzultima sono tante, e se vogliono provare ad evitare la pur sempre rischiosa coda “mors tua vita mea” devono vincere qualche gara delle rimanenti. Sarebbe normale provare a farlo in casa e con un’avversaria relativamente abbordabile come la squadra chiavarese, che all’andata si impose al Palacarrino con 9 lunghezze di scarto. I gialloblu ritengo che grossi patemi di classifica non ne abbiano, ma sicuramente non ci staranno a perdere, e comunque espugnando la palestra genovese potrebbero a loro volta anche approfittare di una sconfitta del Pegli per scavalcarlo al sesto posto.

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 13

20/01/2018 – 21:00 CUS GENOVA ASD-AS D.TIGULLIO SPORT TEAM n.d.; Punti: 22+14=36
20/01/2018 – 18:00 B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM-BASKET FOLLO AD n.d.; Punti: 12+2=14
21/01/2018 – 18:30 AD BASKET PEGLI-PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA n.d.; Punti: 10+16=26
21/01/2018 – 18:00 SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL-SPEZIA BASKET CLUB AD n.d.; Punti: 8+22=30
20/01/2018 – 18:00 ASD ARDITA JUVENTUS-AD AURORA BASKET CHIAVARI n.d.; Punti: 4+10=14

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Vince Spezia, ma il CUS resta primo!

Posted by superbasketball su 15 gennaio 2018

La gara più importante di questa prima parte di stagione non tradisce le attese, si gioca punto a punto e si risolve negli ultimi secondi, con la vittoria della Tarros Spezia ma con uno scarto di 2 punti che permette al CUS di mantenere la testa della graduatoria, pur in parità con i bianconeri!

Al Palasprint la cornice è quella delle partite importanti, il palazzetto è gremito per il big match della C Silver e ci sono anche le autorità (il sindaco spezzino, ad esempio). Coach Padovan deve rinunciare a Visigalli ma rispetto all’andata inserisce Garibotto, che non è al debutto perché ha già giocato ad Ospedaletti, ma si presenta ai tifosi del palazzetto di via Parma; Pansolin e Taverna hanno invece la defezione dell’ultimo momento di Zavaglio (influenza) da gestire. Il primo quarto è piuttosto contratto, si segna pochissimo, ma ne esce un po’ meglio il CUS (Bedini 18, Dufour 16) che va anche sul +6 e arriva alla sirena avanti 11 a 8. Nel secondo quarto le parti si invertono, e i bianconeri (Garibotto 12, Steffanini 9) rubando alcuni palloni e con un Garibotto via via più incisivo, a compensare prestazioni realizzative sotto standard come quella di Peychinov, soprattutto dall’arco, mettono a segno un 11-0 a cavallo dei due tempini, sorpassano quasi subito e prendono il comando delle operazioni, mentre il CUS ha difficoltà in attacco e trova punti a volte un po’ estemporanei. E’ proprio la tripla dell’ex sestrino della Tarros a dare agli spezzini il +6 con il quale le squadre tornano negli spogliatoi. Al rientro dall’intervallo lungo dapprima i padroni di casa arrivano al +9, ma poi il CUS reagisce, e in breve tempo, poco dopo metà frazione, con un libero di Stefano Vallefuoco ottiene addirittura il pareggio (36-36). Tutto da rifare per gli spezzini, che però ci riescono, tenendo a secco gli ospiti nei rimanenti minuti del quarto, e riprendono i 9 di scarto, per il 45-36 con il quale si torna alle panchine per l’ultimo intervallo breve. In questo momento la Tarros è al comando della classifica nel computo della differenza canestri, e all’inizio dell’ultima frazione arriva anche il massimo vantaggio, 10 lunghezze. Qui si accende Dufour, che non ci sta: due bombe consecutive da grande distanza riaprono completamente la gara e portano il gap a quei 4 punti che pareggerebbero esattamente quelli dell’andata (per inciso, con la parità negli scontri diretti Spezia avrebbe il vantaggio dovuto al miglior quoziente canestri complessivo). Inizia una gara nella gara, punto a punto. La contesa diventa molto agonistica e gli animi, che si erano via via scaldati già nel tempino precedente per qualche contatto non fischiato, portano a varie discussioni in campo. Garibotto esce per falli. Il vantaggio spezzino non sale oltre i 5 punti, e soprattutto nell’ultimo minuto il CUS arriva a -2, palla in mano. Paradossalmente ai genovesi non conviene nemmeno pareggiare: nell’eventuale supplementare rischierebbero di perdere più pesantemente (anche di vincere, ovvio). Non riescono comunque a segnare, e allora i bianconeri hanno l’ultima chance in transizione, liberando tra l’altro un buon tiratore come Peychinov nell’angolo, per la tripla che significherebbe primato in classifica: il bulgaro però prende solo il ferro, e il rimbalzo di Dufour fa esultare, pur nella sconfitta, il team cussino. Ma si è giocato tutto sino all’ultimo: in una partita spigolosa, combattuta e con tanta suspense, quello che doveva essere questo match di vetta.

Ne escono abbastanza bene entrambe: la Tarros perché vince, appaia i genovesi, e toglie loro l’imbattibilità stagionale, pur non riuscendo nel colpo da ko, il CUS ovviamente perché riesce a difendere la prima posizione, pur dovendo rinunciare allo 0 alla voce sconfitte. Da qui alla fine del girone se entrambe faranno ancora percorso netto quel ferro preso da Peychinov (ma ovviamente potremmo parlare di qualsiasi altro canestro fatto o sbagliato nel corso della gara, ci si sofferma sempre sull’ultima azione ma è chiaro che è una semplificazione) manderà avanti da prima il CUS e da seconda la Tarros, e, ancor più importante, nell’ipotetica finale saranno i biancorossi ad avere il vantaggio del campo. Intanto la settimana prossima coach Padovan ha il derby a Sarzana, oggi direi con il vantaggio chiaro nel pronostico; gli “universitari” aspettano al PalaRomanzi il Tigullio, ospite un po’ più indigesto, sulla carta.

Il vostro blogger ieri non è riuscito a fare la diretta audio: il mio gestore telefonico e la struttura del Palasprint evidentemente non si piacciono. C’è naturalmente il video, anche se l’audio della mia voce in alcuni momenti concitati è un po’ sovrastato. Ringrazio i ragazzi dello Spezia Basket Club che mi hanno fatto spazio nella postazione centrale in alto, dato tutte le informazioni necessarie per il mio “lavoro” (esagerando) e fatto avere anche una comoda sedia da cui riprendere e parlare con agio! Peccato solo per la diretta, perché la partita, soprattutto nella parte finale, meritava.

2017-2018 C Silver Tarros-Cus.

Il big match ci ha fatto un po’ dimenticare le altre partite, diciamolo, ma l’agonismo non è mancato anche negli altri campi.

La terza in classifica Pallacanestro Vado (Brignolo e Tsetserukou 12) ha consolidato la sua posizione superando al Geodetico l’Ardita (Pietronave 11, Ferrari 10), faticando un po’ nella prima metà di gara, chiusa avanti ma col minimo vantaggio; poi i ragazzi di Chiesa pur tentando di limitare i danni anche con la zona subivano gli attacchi dei padroni di casa che allungavano e mettevano al sicuro il risultato nell’ultima frazione. Per coach Costa, che guida l’inseguimento alle prime due ma con ben 6 lunghezze di distacco, c’è ora una trasferta “amarcord” in via Cialli contro il Pegli, mentre i nerviesi ospiteranno in via Allende l’Aurora con la speranza di tornare al successo.

Scivola invece in casa la quarta in classifica, il Tigullio (Wintour e Caversazio 13), anche perché l’Ospedaletti (Colombo 18, Cacace 12), reduce dalla sconfitta nel recupero infrasettimanale a Chiavari, sfodera tutt’altra prestazione. Gli orange al completo hanno espugnato il campo di Santa Margherita, anche se negli scontri diretti il team di Annigoni e Pieranti resta avvantaggiato rispetto a quello di Lupi,  che però resta in corsa, in quinta posizione, a soli due punti dai tigullini, e con un turno sulla carta favorevole in arrivo perché in via Isnart dovrà ospitare il fanalino di coda Follo. Per i biancorossi invece c’è la già menzionata trasferta in casa del CUS.

Chi sale velocemente in classifica in questi giorni è l’Aurora Chiavari, perché dopo la vittoria con Ospedaletti per coach Marenco e i suoi (Ferri 16, Calzolari 15) è arrivata anche quella con Sarzana (Dell’Innocenti, Casini e Ferrari 17): sfruttato dunque al meglio il doppio impegno casalingo nel giro di 72 ore. D’altronde i biancoverdi sono arrivati a Chiavari in piena emergenza, con Bencaster squalificato e assenze per vari motivi di Tesconi, Santini e Pizzanelli, e con l’inserimento di Zucchini. La partita è stata comunque equilibrata, con gli ospiti aggrappati alla partita sino all’ultimo, ma costretti a lasciare il rosa ai padroni di casa che li hanno ora sopravanzati in classifica. Sarzana la settimana prossima ospita il derby con la Tarros, mentre i chiavaresi andranno in casa dell’Ardita, dove sperano di non dare speranze di recupero ai nerviesi.

Dura poco più di un quarto la resistenza del Follo (Petani 14, Canini 12) a Lerici contro il Pegli: gli ospiti (Prezioso 31, Meneguz 17) aprono il campo con ottime percentuali di tiro e hanno il sopravvento già dalla seconda frazione, riuscendo poi a dilatare il gap nei restanti tempini e conquistando il quinto referto rosa, risultato che pone gli arancioblu in posizione di relativa tranquillità per il futuro. Niente male per una squadra (come anche il Follo, a dire il vero, “convinto” in extremis a rientrare dalla decisione di non partecipare) che in questa serie quest’anno non era previsto ci fosse. Coach Piastra ora ha il test con Vado (anche lui è un ex) in Via Cialli, mentre coach Cristelli affronterà la trasferta più lunga portando i suoi ragazzi sino ad Ospedaletti.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Domenica Spezia-CUS: si gioca per la vetta provvisoria!

Posted by superbasketball su 12 gennaio 2018

La gara decisiva, probabilmente, di questa prima parte della stagione di C Silver: domenica al Palasprint andrà in scena Tarros-CUS, che significa seconda contro prima. Finalmente ci siamo.

La stagione è certo ancora lunga, finita la prima fase quest’anno prima dei playoff ce ne sarà una seconda con i due gironi a quattro, e poi i playoff su due turni. Qualunque sia il risultato della sfida di domenica pomeriggio (palla a due alle 18), nulla sarà davvero definitivo, ricordo che il CUS l’anno scorso era secondo ma ribaltò tutto in finale, e quindi anche se la stagione attuale sembra voler confermare al momento lo stesso atto finale tra le stesse due squadre, nemmeno una vittoria dei genovesi al Palasprint significherebbe granché. Il primato negli scontri diretti darebbe però la priorità per il fattore campo, fattore anche questo non decisivo (e torniamo all’esempio della stagione scorsa), ma importante. Ieri ho intervistato coach Padovan (se non l’avete fatto andate a sentirvi le sue parole), non vi ho fatto sentire la campana biancorossa ma certamente entrambe le squadre scenderanno in campo per la vittoria. Il CUS difende anche l’imbattibilità stagionale, la Tarros vuole ribaltare il -4 dell’andata. L’andata dice che queste sono, con un certo distacco, le migliori squadre del lotto: dopo una sosta di diverse settimane qualcosa può essersi spostato, ma l’aspettativa è di una gara al livello massimo possibile oggi in Liguria. La Spezia garantisce anche una buona affluenza di pubblico, il resto lo metteranno i protagonisti, e se la tecnologia mi assiste anche SUPERBAsketball ci metterà il suo. E domenica sera ne riparliamo!

Il big match oscura un po’ le altre partite, chiaramente: se si confronta la somma dei punti in classifica il confronto bianconeri-biancorossi ne totalizza 42, la più alta delle altre solo 24. Questo non significa che le altre gare siano del tutto prive di interesse!

Forse un turno abbastanza favorevole ce l’ha la terza in classifica: Pallacanestro Vado ospita domenica (18.15) la penultima Ardita, con la possibilità di allungare e tenere il passo nel confronto con il Tigullio che è a pari merito. Coach Chiesa metterà in campo la volontà dei nerviesi, che sono certamente ancora lontani dalla tranquillità perché al momento sarebbero coinvolti nel playout con il Follo per restare anche l’anno prossimo in C Silver, ma i ragazzi di coach Costa sul parquet del Geodetico non sono propensi a fare regali.

Un po’ più rischioso l’impegno della quarta in classifica, il Tigullio di Annigoni e Pieranti, che riceve domenica la visita dell’Ospedaletti. Gli orange hanno in realtà giocato già (Colombo 11, Cacace 10) giovedì sera nel recupero a Chiavari, dove però hanno pagato dazio nei confronti dell’Aurora (Ferri 16, Ciotoli 11), pagando anche le assenze di Zunino e Picerno e l’indisponibilità di Generale. I ragazzi di Lupi al completo hanno fatto spesso bene, anche se in stagione sono stati molto discontinui per vari motivi; però i sammargheritesi hanno cercato di utilizzare la sosta per recuperare gli acciaccati e puntare al terzo posto nella lotta con Vado, e in Via Isnart avevano già vinto ampiamente, per cui punteranno al 2-0 in modo da “eliminare” definitivamente una possibile concorrente alla propria posizione.

Grazie alla vittoria gialloblu di ieri sera, la sfida del Palacarrino (domenica ore 18) tra i ragazzi di Marenco e Benvenuto e il Sarzana di Giannetti e Bencaster è diventato davvero uno scontro diretto, perché entrambe hanno ora 8 punti in classifica insieme al Pegli. All’andata Sarzana vinse di 4, e anche per questo nell’avulsa al momento i biancoverdi sono davanti. I chiavaresi dopo lo scalpo orange proveranno a vincere e magari ribaltare la differenza canestri: se riuscisse questa operazione in tre giorni avrebbero guadagnato diverse posizioni, e probabilmente chiuso definitivamente col patema salvezza. I sarzanesi non penso però che abbiano rinunciato alla volontà di risalire nella parte alta della graduatoria, e un risultato a Sanpierdicanne servirebbe allo scopo.

L’altra partita in programma, che si giocherà sabato alle 21 a Lerici, è quella tra il Follo di coach Cristelli e il Pegli di coach Piastra, due squadre in condizioni di classifica e psicologiche piuttosto diverse. Senza vittorie sul campo, e con le avversarie che invece si stanno man mano allontanando, i follesi devono al più presto riuscire a sbloccarsi, perché la formula prevede sì il playout in cui si può comunque giocarsela, ma arrivarci senza vittorie e senza il vantaggio del campo non è il modo migliore per nessuno. I pegliesi, partiti con tanti dubbi sulla propria consistenza a questo livello, sono invece ne gruppo a quota 8, con le altre due appaiate che giocano tra di loro, e una vittoria non solo permetterebbe, come accennato nel discorso sull’Aurora, di mettere ancora più distanza distanza forse definitiva, tra sé e il summenzionato playout, ma di scavalcare almeno una concorrente diretta nella momentanea griglia.

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 12

14/01/2018 – 18:00 AD AURORA BASKET CHIAVARI-SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL n.d.; Punti: 8+8=16
14/01/2018 – 18:15 AS D.TIGULLIO SPORT TEAM-B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM n.d.; Punti: 14+10=24
13/01/2018 – 21:00 BASKET FOLLO AD-AD BASKET PEGLI n.d.; Punti: 2+8=10
14/01/2018 – 18:00 SPEZIA BASKET CLUB AD-CUS GENOVA ASD n.d.; Punti: 20+22=42
14/01/2018 – 18:15 PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA-ASD ARDITA JUVENTUS n.d.; Punti: 14+4=18

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C Silver – Intervista a coach Padovan

Posted by superbasketball su 11 gennaio 2018

La C Silver riparte nel weekend (in realtà stasera a Chiavari sono in campo Aurora e Ospedaletti per il recupero) e soprattutto siamo tutti in attesa del big match del girone di ritorno (moooolto probabilmente), ovvero la partita del Palasprint tra Tarros Spezia e Cus Genova, che potrebbe decidere, o quantomeno influirà su, la prima posizione in questa prima fase. Come sapete, il Cus deve difendere il +4 ottenuto a Genova, mentre i bianconeri vincendo scavalcherebbero i ragazzi di Pansolin e Taverna, pur a pari punti.

Con l’obbiettivo di parlare della gara di domenica, ma non solo, ho avuto la disponibilità di coach Andrea Padovan, l’allenatore degli spezzini, per un’intervista telefonica che si è estesa sino a una mezzora di chiacchierata, in cui abbiamo spaziato 😉 . Non solo la C Silver, ma anche la Supercoppa e in generale il racconto di questa prima parte di stagione per lo Spezia Basket Club, chiudendo con la recente partecipazione vincente al torneo “Canestri senza reti” di Ivrea della selezione Under 14 maschile regionale della quale lui stesso era allenatore (avendo come assistente proprio Marco Dufour, cussino doc, e coach Toselli come dirigente accompagnatore, ironicamente!). Coach Padovan ha condito in tutto con un po’ della sua filosofia, specialmente per quanto riguarda il rapporto con i giovani. Una mezzora ben spesa se vorrete ascoltare! Enjoy!

E grazie ancora a coach Padovan per il tempo dedicatomi (dedicatovi)!

Posted in C Silver, Eventi, Giovanili, SuperCoppa Liguria | Contrassegnato da tag: , , , , , | 1 Comment »

C Silver – CUS espugna il campo dell’Ardita e conclude l’annata da solo in testa

Posted by superbasketball su 22 dicembre 2017

La C Silver ha dunque una capolista sola, il CUS che arriverà alla sfida con la seconda, la Tarros Spezia, con 2 punti di vantaggio, e pertanto mal che vada al Palasprint potrà essere eventualmente sorpassata solo per differenza canestri negli scontri diretti. I biancorossi si sono infatti imposti mercoledì sera nel derby di ritorno in casa Ardita, e hanno chiuso il 2017 imbattuti in questa prima parte di girone.

La palestra di via Allende ha dunque ospitato questa appendice di C Silver, in cui i padroni di casa si sono presentati anche rimaneggiati, senza Visca e Bongioanni e con età media ulteriormente ribassata, mentre CUS recuperava Bestagno che era assente con Aurora. Il primo quarto non è nemmeno stato male per i ragazzi di Chiesa (Ferrari 17, Pietronave 14), che sono stati più volte in vantaggio, salvo poi lasciare strada al CUS (Dufour 23, Bedini 8) nel finale di tempino chiuso sotto di 4. I biancorossi hanno accelerato nella seconda frazione, riuscendo a recuperare molti palloni e chiudendo la prima metà di gara già avanti di 14. Al rientro dagli spogliatoi l’Ardita illudeva con la tripla di Bovone, ma era un fuoco di paglia perché da lì subiva un parziale pesante, scivolava indietro sino al ventello di scarto che portava alla quarta frazione, dieci minuti con poca tensione, in cui si svuotavano le panchine, si mettevano in luce i più giovani dei roster e il divario scendeva un po’, ma il risultato non veniva mai messo in discussione. Ottimo per Pansolin e Taverna, che possono vantare un’annata davvero eccellente: in Liguria hanno rimediato davvero pochissime sconfitte in questo anno solare. Per l’Ardita non era questa una delle partite da vincere assolutamente, saranno presumibilmente le sfide con Follo, Aurora e magari Pegli quelle su cui puntare per tentare di evitare le ultime due posizioni, e queste arriveranno dalla seconda metà di gennaio in poi.

Ecco le solite poche foto (devo dirvi sempre che cliccando si apre l’album di Flickr?), e ormai posso dire anche questo, la solita cronaca video della gara ripresa dalla BraunCam e commentata al BraunMicrofono! E se non capite qualche parola, andate a risentire l’audio dalla pagina Facebook di SUPERBAsketball, dove trovate le dirette!

2017-2018 C Silver Ardita-Cus.

.

Dunque inizia la sosta natalizia del massimo campionato ligure maschile, durante la quale credo che CUS e Tarros faranno il possibile per arrivare carichi al 14 gennaio, quando, senza aver giocato partite con i 2 punti in palio dopo ieri sera, sia Pansolin/Taverna sia Padovan saranno chiamati allo scontro diretto. Non è mai facile ritrovare il ritmo gara dopo una sosta che in questo caso è di quattro settimane (o poco meno per il CUS), davvero la sfida del Palasprint, che non decide certamente tutto perché anche conquistare la prima posizione e quindi il fattore campo nell’eventuale finale, come dimostrano i playoff dell’anno scorso, non è condizione sufficiente, ma è importante per le convinzioni delle due squadre.

Ma torneremo a parlarne ai primi di gennaio, quando parleremo tra l’altro anche del recupero di Aurora-Ospedaletti, ora ufficialmente fissata all’11 gennaio alle 20.30 a Sanpierdicanne. Per ora, buon riposo a tutti e tanti Auguri natalizi da SUPERBAsketball!

Situazione:

.

 

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C Silver – Vincono le prime, colpaccio Ardita

Posted by superbasketball su 19 dicembre 2017

La C Silver ha quasi chiuso il 2017: resta solo il recupero di mercoledì di Ardita-CUS. Poco è cambiato in classifica, anche se per un paio d’ore la Tarros è stata da sola in testa poi il CUS si è riappaiato, mentre Vado vinceva a Lerici e domenica il Tigullio ha fatto lo stesso a Pegli. Vittoria insperata e potenzialmente importantissima per Ardita a Sarzana.

La partita del PalaCUS tra i ragazzi di Pansolin e Taverna e l’Aurora Chiavari è stata la tipica gara dai due volti. Equilibrata la prima metà, in cui i chiavaresi (Ferri e Calzolari 17), sorretti da un tiro dall’arco fenomenale (9 le triple a segno per loro dopo i primi 20′, e non ho il dato dei tiri tentati, ma le percentuali da 3 erano ben oltre il 50%), non solo hanno rintuzzato ogni tentativo genovese (Dufour 29, Vallefuoco S. e Zavaglio 13) di allungare, ma addirittura hanno avuto nel secondo quarto il comando del punteggio, andando anche sul +8 prima che CUS tornasse avanti, ma di uno solo punticino, alla sosta di metà partita. I 10′ di interruzione consegnavano allo scarso pubblico del palazzetto tutt’altro andazzo: per lunghi minuti segnava solo il CUS, che saliva difensivamente e rispondeva da par suo alla prestazione balistica ospite della prima parte con le sue bombe (5 a segno nella frazione), con un 27-10 perentorio scacciava i fantasmi della prima metà e approcciava l’ultimo tempino con un molto più rilassante 72-54. Nella frazione finale il vantaggio biancorosso saliva ancora anche a 24 punti, poi i cambi permettevano ai ragazzi di Marenco e Benvenuto di ridurre il gap, sino anche al -15, per poi chiudere, in una gara dal punteggio alto, sul 91-76 che va agli archivi. Buona gara sino al 20′ per i gialloblu, che oggi hanno ceduto quando il tiro è “tornato sulla Terra” ma che davvero sino alla pausa lunga avevano dato ottima impressione, e se riusciranno a giocare così contro le avversarie dirette potranno anche fare buoni risultati: per loro dopo la sosta natalizia pare possa esserci dapprima il recupero della gara saltata con Ospedaletti (si vocifera dell’11 gennaio), poi nel primo turno del 2018 dovranno ospitare Sarzana. I genovesi mantengono l’imbattibilità, si godono la prestazione super di Dufour (29 con 5 triple a segno per il numero 9 biancorosso, e 2 schiacciate) e ben 5 in doppia cifra, e se riusciranno a confermarsi anche al Palamajorana mercoledì sera con l’Ardita faranno Natale e Capodanno ancora in testa da soli, in attesa della trasferta per la supersfida del Palasprint del 14 gennaio con la Tarros.

Ecco foto, poche e statiche, e cronaca video della gara dai potenti mezzi del sottoscritto!

2017-2018 C Silver CUS-Aurora.

.

Netta la vittoria dell’altra capolista Tarros Spezia in quel di Ospedaletti, almeno per quanto riguarda il divario finale: però la gara non è stata scontata, tutt’altro. I ragazzi di Lupi (Colombo 22, Generale 13) hanno tenuto testa alla Tarros per 30′ (57-58 al 29′), poi nell’ultima frazione gli ospiti (Peychinov 40, Pipolo 19), trascinati da una prova monstre del bulgaro Peychinov, hanno dilagato e banchettato sui padroni di casa limitati da rotazioni e falli. Da notare tra i ragazzi di Padovan, privi di Visigalli e di Steffanini, l’esordio di Gianluca Garibotto, un’aggiunta importante che ha già fornito 16 punti nella trasferta di Ospedaletti. Per gli spezzini, un buon finale di 2017, e ora testa alla sfida con il CUS in cui devono non solo vincere ma ribaltare il -9 dell’andata. Per gli orange il 2018 dovrebbe portare a quanto pare il recupero di Chiavari di cui sopra, e poi l’altra trasferta a Santa Margherita.

Follo-Vado era la “rivincita” della partita mai giocata all’andata: lo 0-20 era figlio del ritardo del medico (sostituto) arrivato al Geodetico con 180″ di ritardo sul massimo consentito. A Lerici è finita in modo ben diverso: un Vado (Fazio 14, Pelegi 13) pur menomato dalle assenze (a parte Prato infortunato che probabilmente ha già chiuso la stagione, ben 3 pedine importanti come Tsetserukou, Pesce e Ottone erano a casa per influenza) ha avuto la meglio del Follo (Langone 15, Mazzi 14), andando via in progressione. I padroni di casa recriminano per qualche decisione nell’ultimo quarto che ha tagliato le gambe definitivamente alle loro chances: alla fine i vadesi hanno vinto esattamente di 20, e pareggiato anche la differenza canestri (servisse). Per il team di Cristelli la situazione si fa un po’ critica ora, con l’Ardita avanti nei punti e con lo scontro diretto a favore: nel prossimo turno arriva il Pegli. I biancorossi di coach Costa consolidano la posizione e ora dopo la sosta natalizia devono ospitare l’Ardita.

Il Tigullio (Caversazio 20, Wintour 17) ha espugnato via Cialli, imponendo al Pegli (Prezioso 18, Nicoletti 12) un nuovo stop casalingo e mantenendo la posizione sul terzo gradino della classifica, in realtà al quarto posto per lo svantaggio nello scontro diretto rispetto al Vado. I sammargheritesi di Annigoni e Pieranti avevano già accumulato un vantaggio in doppia cifra nelle prime battute, in parte limato da i padroni di casa già all’intervallo lungo. Mini svolta al rientro quando i pegliesi di coach Piastra sono riusciti a ribaltare il punteggio grazie ad un parziale di 8-0, senza però consolidare il trend: e così nella gara punto a punto dell’ultimo tempino l’hanno poi spuntata di nuovo i biancorossi, più solidi nel finale. Nel primo turno del 2018 gli arancioblu andranno in casa del Follo, gara da vincere per garantirsi una sicurezza aggiuntiva, mentre il Tigullio tornerà sul proprio parquet dove arriverà la visita dell’Ospedaletti.

Ho lasciato per ultima la gara di Sarzana, che forse risulta la più importante però di questo turno. E’ stata una partita che i biancoverdi di casa (Casini 15, Ferrari e Pizzanelli 12) pareva avessero ampiamente messo al sicuro, malgrado l’assenza di Dell’innocenti che sconta ancora la squalifica, avanti di 15 a metà gara sull’Ardita Juventus (Pietronave 27, Ferrari 17) e +18 oltre la metà della terza frazione; qui però, complici anche i cambi, Sarzana si disuniva e l’Ardita passando a zona insteriliva l’attacco del team di Giannetti e Bencaster. I ragazzi di Chiesa ricucivano tutto il gap e addirittura passavano davanti in quei pochi minuti restanti del tempino. L’ultima frazione era sostanzialmente pari ma premiava i nerviesi, che con questi 2 punti, inattesi alla vigilia, conquistano un vantaggio significativo sul Follo e addirittura riavvicinano l’Aurora ad una sola vittoria, e tra l’altro ribaltano anche la differenza canestri sul Sarzana. Per l’Ardita il 2017 non finisce qui perché c’è il recupero infrasettimanale, piuttosto difficile anche se in casa, con il CUS; i sarzanesi devono recuperare energie fisiche e mentali e puntare alla rimonta nella seconda parte del girone, a cominciare dalla trasferta a Chiavari.

Dunque mercoledì alle 20.15 ultimo appuntamento con la C Silver per il 2017: il CUS cerca di confermarsi solo al comando, l’Ardita non ci sta a lasciare il derby di ritorno ai biancorossi e sul proprio campo darà tutto, tanto poi si tornerà a giocare solo a metà gennaio. Stay tuned!

Situazione:

.

Partita in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – Giornata n. 10 – recupero
20/12/2017 – 20:15 ASD ARDITA JUVENTUS-CUS GENOVA ASD n.d.; Punti: 4+20=24

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: