SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

Posts Tagged ‘Interviste’

B/F – Lavagna ospita il Ghezzano

Posted by superbasketball su 10 novembre 2017

La Polysport Lavagna sabato sera alle 20.30 torna sul parquet del Cotonificio per la quarta giornata, e riceve la visita del GMV Ghezzano.

Le lavagnesi, come ricorderete, malgrado le assenze illustri di Principi e Fortunato, nel turno scorso hanno finalmente mosso la classifica vincendo a Firenze, e arrivano quindi in modo positivo a questo impegno, nel quale devono cercare di “espugnare” il proprio campo per la prima volta in stagione in campionato.

Le toscane avversarie condividono con la Polysport i 2 punti in classifica, che hanno ottenuto nel primo turno, in casa con il Valdarno; in seguito hanno subito sconfitte, anche molto ampie, a Pontedera e nell’ultimo turno in casa con il Nico (Luciani 19, Giglio Tos 10). Credo sia possibile pensare ad un referto rosa, se le biancoblu saranno concrete  e consapevoli delle proprie chances. Dice coach Daneri: “Dobbiamo sbloccarci in casa e cercare di stare più vicino possibile alle prime. Ghezzano è una squadra che corre molto, con 2/3 buone individualità: bisognerà coprire il contropiede e gestire i ritmi con molta attenzione“.

E allora forza Lavagna!

Nel resto del programma importante soprattutto la sfida di Firenze tra capoliste, ovvero la Palagiaccio e la Jolly Livorno. Già giocata la gara tra Nico e Figline, con la vittoria delle padrone di casa che arrivano ad agganciare la vetta.

Partite in programma:

B Femminile Toscana 2017-2018 – Giornata n. 4

12/11/2017 – 18:00 NAMED N. 8 S.G.VALDARNO-LE MURA SPRING BASKETBALL n.d.; Punti: 2+0=2
11/11/2017 – 20:30 A.S.D AVVENIRE 2000 RIFREDI-A.DIL. FLORENCE BASKET n.d.; Punti: 2+0=2
08/11/2017 – 21:00 ORZA RENT – NICO BASKET FEMMIN-A.S.D.BASKET DON BOSCO FIGLINE 55 – 50;
11/11/2017 – 21:00 A.D.BASKET FEMMINILE PONTEDERA-IL DRAGO E LA FORNACE COSTONE n.d.; Punti: 6+4=10
12/11/2017 – 20:30 IL PALAGIACCIO P.F. FIRENZE-G.S. JOLLY ACLI BASKET A.S.D. n.d.; Punti: 6+6=12
11/11/2017 – 20:30 POLYSPORT BASKET LAVAGNA A.D.-GMV BASKET A.DIL. n.d.; Punti: 2+2=4

.

Situazione:

.

Annunci

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

“Tutto lo sport minuto per minuto” su Telegenova, venerdì 10 novembre, con Piastra e Innocenti

Posted by superbasketball su 8 novembre 2017

logoVenerdì 10 novembre alle 19.35-19.40 circa Telegenova si occuperà nuovamente del nostro movimento: il nostro amico Luca Lavagetto ospiterà infatti nella sua trasmissione “Tutto lo sport minuto per minuto”, che ormai dovreste conoscere se seguite SUPERBAsketball, due realtà dellla pallacanestro genovese.

Si tratterà stavolta di coach Giovanni Piastra, del Basket Pegli, in particolare capo allenatore quest’anno in C Silver, che ho intervistato varie volte anche qui, e che potrà parlare della società arancioblu che è un punto di riferimento nel ponente cittadino; e di (coach) Michele Innocenti, dirigente, allenatore delle giovanili e giocatore del My Basket Genova, società che pur essendo abbastanza giovane è cresciuta velocemente e tra le altre cose con la squadra senior (in cui gioca Michele) oggi è al top della serie D.

La trasmissione andrà in replica anche lunedì 13 alla stessa ora.

Vi ricordo che Telegenova è visibile in vari modi: canale 18 del digitale terrestre, streaming web qui, sul sito di Telegenova. C’è anche poi la pagina Youtube di Telegenova dove spero il file possa arrivare ed essere a disposizione anche dopo. Come sempre, grazie a Luca e all’emittente per lo spazio concessoci!

Posted in Eventi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

B/F – Lavagna a Firenze spera di rompere il ghiaccio. Intervista con coach Daneri

Posted by superbasketball su 3 novembre 2017

La Polysport Lavagna sabato alle 21 al Palazzetto S. Marcellino di Firenze affronterà, per la terza giornata della B femminile Toscana, la Florence Basket.

Le fiorentine condividono con le biancoblu l’ultimo gradino della classifica, senza vittorie. In entrambe le uscite di campionato il Fotoamatore Florence ha perso con lo stesso scarto, 16 punti; nel turno scorso in casa del Nico Basket (Al Tumi 17, Amato 12). Occasione per la Polysport? Un po’ sì, ma non ci si può illudere, il campionato è difficile e le biancoblu probabilmente devono ancora metabolizzare qualcosa.

Speriamo: comunque, per farvi raccontare meglio come sta andando e quali sono le prospettive anche per sabato sera, ho importunato coach Nicola Daneri e le sue parole le trovate qui, nell’intervista audio che segue.

Intervista:

.

Ringraziando anche per iscritto il coach per il tempo dedicatomi (dedicatovi), e Giorgio Scarfì per avermi gentilmente concesso la foto che fa da sfondo all’intervista, concludo il lancio della trasferta fiorentina della Poly con un bel: forza Lavagna!

Partite in programma:

B Femminile Toscana 2017-2018 – Giornata n. 3

05/11/2017 – 18:00 LE MURA SPRING BASKETBALL-IL PALAGIACCIO P.F. FIRENZE n.d.; Punti: 0+4=4
04/11/2017 – 21:00 GMV BASKET A.DIL.-ORZA RENT – NICO BASKET FEMMIN n.d.; Punti: 2+2=4
04/11/2017 – 21:15 A.S.D.BASKET DON BOSCO FIGLINE-A.D.BASKET FEMMINILE PONTEDERA n.d.; Punti: 2+4=6
05/11/2017 – 18:00 IL DRAGO E LA FORNACE COSTONE-NAMED N. 8 S.G.VALDARNO n.d.; Punti: 2+2=4
05/11/2017 – 18:00 G.S. JOLLY ACLI BASKET A.S.D.-A.S.D AVVENIRE 2000 RIFREDI n.d.; Punti: 4+2=6
04/11/2017 – 21:00 A.DIL. FLORENCE BASKET-POLYSPORT BASKET LAVAGNA A.D. n.d.; Punti: 0+0=0

.

Situazione:

.

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

C/F – La C femminile parte, 10 in corsa ma 2 sono Under 20. Presentazione con audiointervista a coach Grandi

Posted by superbasketball su 19 ottobre 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaParte anche il campionato regionale di C femminile, l’unico che abbiamo. Quest’anno, nel novero delle partecipanti abbiamo 10 squadre, 2 delle quali però partecipano in qualità di Under 20, e sono addirittura ufficialmente escluse dai playoff: sono Basket Cairo e Cestistica Spezzina. Essendo i playoff a 8, tutte le altre li disputeranno al termine della prima fase.

Nel gruppo c’è anche qualche novità, al netto dell’assenza, rispetto all’anno scorso, delle squadre “ammazzatutti” della Cestistica Savonese e della Polysport Lavagna, in questa stagione impegnate ai piani di sopra, e speriamo che ci restino con profitto!

Ad esempio la Blue Ponente Basket, società di Diano che sfrutta la collaborazione con Alassio (che difatti quest’anno non si schiera ai blocchi di partenza), Imperia e Bordighera. Le ponentine esordiranno in trasferta in casa del Villaggio, altra novità, anche se la società cogornese è ben nota nel settore maschile.

A La Spezia quest’anno sono ben 3 le partecipanti: all’Audax San Terenzo e alla già nominata Under 20 della Cestistica Spezzina, con le ragazze che partecipano al gruppo di A2, va aggiunta anche Marola, che ritorna a far capolino a questo livello. Le santerenzine partono in casa con la Sidus Genova, ormai di casa in questo campionato, mentre Marola e Cestistica si sfideranno nel primo derby stagionale.

Non sorprenda troppo invece l’Auxilium Genova: quest’anno la collaborazione tra la società di via Cagliari e l’NBA-Zena prende infatti i colori biancoblu, ma si tratta dello stesso sodalizio di fatto, ne parliamo più sotto. Alle genovesi toccherà il compito di ospitare al Palauxilium l’altra esordiente, il Basket Cairo Under 20, che origina dalla collaborazione con Cestistica Savonese (ultim’ora, e qui è vero e non come è successo nel paragrafo sotto, è stato comunicato da Auxilium: la partita è spostata, su richiesta di Cairo, al 6 novembre, e al Paladonbosco!).

Infine, due squadre che c’erano e ci sono ancora: l’Amatori Savona e l’Aurora Chiavari, che l’anno scorso già avevano fatto una bella stagione, e che partono dall’incrociarsi a Vado nel primo turno. (Attenzione! Mi è stato appena confermato che la gara prevista per domenica è RINVIATA, pare a metà novembre!)(Attenzione, mi è stato appena confermato che sono un…tonno! La data della gara era GIÀ il 22/11/2017, e non il 22/10 come mi ero sognato di leggere. Quindi il rinvio se vogliamo c’è, ma sin da prima che io pensassi di parlare della fantomatica gara di domenica 22 ottobre! Sono tonno o no?)

Per presentare meglio questa stagione ho chiamato coach Andrea Grandi, che sono sicuro tutti conoscete e che quest’anno guida, ovviamente, l’Auxilium Genova. Grazie ai potenti mezzi di SUPERBAsketball (a livello qualitativo audio credo di essere poco oltre la tecnologia degli anni ’60), potete sentire quello che mi ha raccontato. Che grazie alla disponibilità del coach non si limita alla C femminile, ma spazia a tutti i livelli: spero che abbiate la possibilità di stare ad ascoltare per una decina di minuti!

.

Dunque, grazie ancora a coach Andrea Grandi, e in bocca al lupo a tutte!

Situazione (e partite in programma):

.

C Femminile 2017-2018 – Giornata n. 1

22/10/2017 – 18:30 A. DIL. BASKET MAROLA-A.S.D. SOC CESTISTICA SPEZZINA n.d.
21/10/2017 – 19:00 A.S. DIL. AUDAX SAN TERENZO-SIDUS LIFE & BASKET GENOVA A.D n.d.
21/10/2017 – 18:30 AS DIL. VILLAGGIO SPORT PALL.-BLUE PONENTE BASKET n.d.
22/11/2017 – 19:45 AMATORI PALL.SAVONA-A.DIL. AURORA BASKET CHIAVARI n.d.
21/10/2017 – 21:00 A.S.DIL. PGS AUXILIUM-A.S.DIL. BASKET CAIRO n.d.

Posted in C F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

XI Clinic “Vittorio Cavaleri” – Ancora un pienone al PalaCUS per Greco, Moretti e Floris

Posted by superbasketball su 5 ottobre 2017

Il Clinic “Vittorio Cavaleri”, che quest’anno è arrivato alla undicesima edizione, e che ormai ha acquisito rilevanza nazionale, ha riempito domenica scorsa le tribune del PalaCUS, per la gioia degli organizzatori che hanno ottenuto quindi di onorare ancora una volta il ricordo dello scomparso dirigente Ardita con un evento ben partecipato. Il seminario si articolava, come sempre, in tre lezioni, con tre relatori diversi, sulle tre categorie del Minibasket, delle giovanili e delle squadre senior: anche quest’anno i tre interventi sono stati di buon livello.

Come sempre ho ripescato coach Passiatore per fare il punto qualche giorno dopo l’evento, in più vi aggiungo le mie foto e il mio video.

SBB: Ciao coach, anche quest’anno possiamo dire che il Clinic Cavaleri è andato in archivio? Direi che anche quest’anno l’affluenza è stata ragguardevole, e per una volta non ci sono stati neanche particolari problemi di rumore dalle tribune! E anche lo spostamento alla domenica direi che non ha creato contraccolpi.

SP: Buongiorno Braun, e buongiorno ai tuoi lettori. Ebbene sì, tutto bene sia per l’elevata qualità delle relazioni tecniche che per l’affluenza. Anche la giornata di domenica ha aiutato a far sì che tutto filasse liscio.

SBB: Sempre interessanti le relazioni, detto anche da uno come me che non ha formazione specifica. A me hanno colpito le considerazioni di Moretti sulla zona da non demonizzare ma piuttosto da metabolizzare per poterla attaccare senza paure, e la chiacchierata finale di Floris che ha richiamato tutti a fare la propria parte per il miglioramento anche “rivoluzionario” del nostro basket.

SP: Coach Moretti (dopo l’esonero dello scorso anno a Varese), a dirla con parole sue, era un mesetto che scaldava i “motori” per poter rientrare in campo. Mi ha colpito perché allenare è proprio un lavoro particolare se uno bravo come Moretti deve stare (per il momento) in standby. Speriamo di portargli fortuna. Floris ha fatto un’ottima lezione ed effettivamente l’applauso finale alla sua relazione è stato prolungato e per niente scontato. Si vede che la platea ha gradito il lavoro fatto sul campo ed anche le motivazioni che stanno dietro al suo “allenare”. Greco, per il Minibasket, ha portato un’ottima lezione che ha entusiasmato anche il figlio di Floris (un poco più piccolo per la categoria Aquilotti/Gazzelle).

SBB: Sei riuscito ad avere da loro qualche impressione sulla giornata?

SP: Tutti e tre molto felici di aver potuto condividere il loro modo di lavorare con una platea un poco distante (come chilometraggio) dalle realtà dove operano.

SBB: Dopo undici edizioni, non sarà facile trovare qualcuno nuovo per l’anno prossimo! Chi ti resta? 😉

SP: Effettivamente! Per il MB diciamo che cadiamo sempre in piedi, il DT Cremonini manda sempre qualcuno valido al nostro Clinic; ma mentre per il settore Seniores la scelta è abbastanza ampia, nel settore giovanile lo è un poco meno. Cercheremo di andare a scovare i nuovi Guru del settore!

SBB: Prima di chiudere, diamo una notizia, dopo un tot di anni sabbatici sei di nuovo su una panchina (giovanile)…

SP: Sì ho ripreso in mano una squadra Under 18 regionale all’Ardita! Dopo 10 anni dall’ultimo anno Effe 2000 è stato un poco difficile rimettere tutto a regime: fermo completamente non sono mai stato (a volte mi chiamavano per allenamenti a tema) ma fortunatamente i ragazzi (pochi, 9) sono entusiasti e seguono molto. Il 23/10 iniziamo a Pontremoli il campionato, Speremmu di non aver perso il tocco!

SBB: Spazio ringraziamenti!

SP: Grazie veramente a tutti. Alla FIP Liguria (anche per il riconoscimento legato allo sviluppo del Cavaleri), all’Usap Liguria, allo staff Ardita, alla società Ardita, a te ed al grande Lollo Mangini ed al nutrito gruppo “Amici di Vittorio” comprendente molte persone che gli hanno voluto bene e che aiutano, chi fattivamente ed altri economicamente, a far sì che tutto ciò possa continuare (Chessa Alberto, Morandi Marco, Covi Stolfa da Trieste, Giulia Scarsi da Nashville, Paolo Mattioli, Roberto Contri, Massimo Salomone, Ferrari Matteo, Palermo Riccardo, Cavaliere Francesco).Un grazie anche a tutti coloro che non mancano mai al nostro evento…Un abbraccio e buon Basket a Voi.

SBB: Grazie coach, bel lavoro e in bocca al lupo per la tua stagione!

Qui sotto le mie foto (mooooolto artigianali) e un video non integrale ma che bene o male credo dia (oltre al mal di mare per le oscillazioni della telecamera) un’idea della mattinata passata in valletta Puggia. Magari dovrete alzare un po’ il volume.

2017-10-01 XI Clinic Cavaleri.

.

Ancora complimenti a coach Passiatore e a tutti quelli che si sono adoperati per il clinic, e appuntamento all’anno prossimo!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Videointervista a coach Dagliano

Posted by superbasketball su 29 settembre 2017

Raramente mi ricordo di avere una telecamera, al di là delle riprese che faccio delle partite: in quelle occasioni può capitare che mi venga anche in mente di usarla per un’intervista!

Dato che nel weekend in arrivo la Pallacanestro Vado sarà protagonista, sia per gli Oscar in consegna domattina al CONI di Genova, sia per la SuperCoppa di C Silver che si disputa al PalaFigoi (ne parliamo a parte, stay tuned!), ho pensato di sfruttare la conoscenza di coach Roberto Dagliano per farmi raccontare in cinque minuti qualcosa sulla società vadese e la consociata Amatori, partendo da quanto successo l’anno scorso per arrivare alle novità della stagione in avvio. Come sapete Vado affronta ormai stabilmente la C Silver con una squadra sostanzialmente Under, con rinnovamenti profondi ogni anno e l’obbiettivo di sfruttarla per la crescita dei prospetti (e alcuni hanno trovato collocazione quest’estate a livello di B e C Gold). Ma lascio la parola al coach!

.

Bene, molto lavoro davanti ma speriamo molto onore anche quest’anno. Grazie coach!

(per inciso, “il bello della diretta” è che a coach Dagliano non veniva il nome della società in cui è andato in prestito il ’97 bosniaco Rijad Dzigal: completo io l’informazione, è la Pallacanestro Gardonese, appunto in C Gold Lombardia!)

Posted in Allenatori, Generale, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Pegli rilancia con la C Silver e l’Eccellenza. Il punto societario con coach Piastra

Posted by superbasketball su 27 settembre 2017

logo_pegliCi eravamo già sentiti l’anno scorso con coach Giovanni Piastra, perché allora aveva occupato la posizione di neo responsabile del settore giovanile del Basket Pegli. Oggi, sia per fare un riassunto di quanto successo in via Cialli (e anche fuori regione!) nel 2016-2017, sia per parlare delle novità arancioblu per la stagione che inizia (anzi per loro è già iniziata!), sono di nuovo con Giovanni a fare una specie di “punto”. Poi alla fine, se ci arrivate non troppo stanchi, mi allargo un po’ anch’io 😉 .

piastra

Coach Giovanni Piastra

SBB: Ciao Giovanni, ci siamo già sentiti 12 mesi fa e ci parlavi dell’attività di Basket Pegli. Possiamo fare intanto un riepilogo dell’annata passata, che ha dato credo diverse soddisfazioni non da poco?

GP: Ciao Bruno, sì direi che è stata un’annata molto soddisfacente. Per quanto riguarda il settore maschile, la prima squadra, in serie D, ha avuto un ottimo risultato. Pur essendo composta prevalentemente da Under 20, sono arrivati fino ai quarti perdendo purtroppo nel finale di gara 3. Gli stessi under 20 hanno poi raggiunto la finale del loro campionato di categoria perdendo in finale contro l’Aurora Chiavari. Gli U16, che hanno disputato il campionato d’eccellenza piemontese, sono riusciti a raggiungere la semifinale della Coppa Piemonte, mentre gli U14 hanno raggiunto la finale regionale ma si sono dovuti arrendere contro la fortissima formazione biancorossa di Vado. Sicuramente il grande risultato l’hanno ottenuto le ragazze dell’U14 femminile che, dopo aver vinto il campionato regionale, hanno disputato delle grandissime finali nazionali raggiungendo il quinto posto assoluto in Italia, con Matilde Pini che, un anno sotto leva, è stata brava tanto da essere inserita nel quintetto ideale delle finaliste: una grande soddisfazione per lei e per la società.

SBB: Quest’anno a quanto ho letto ci sono diversi cambiamenti societari e per quanto riguarda l’attività diverse conferme…

GP: Sì ci sono stati alcuni cambiamenti nello staff, i nuovi arrivati sono 3: Guido Griffanti, che già l’anno scorso aveva iniziato a collaborare parzialmente con noi mentre da quest’anno lo avremo a tempo pieno, e guiderà l’U18 e U20 regionale maschile, l’U14 femminile e aiuterà con la prima squadra; Jacopo Oneto che sostituirà Beppe Fusco nell’organizzazione del settore Minibasket, allenerà l’U13 elite e aiuterà nel settore femminile; e poi per ultimo, ma non certo per importanza, Riccardo Mortara, preparatore atletico con il quale ho già lavorato al CAP Genova. Insomma tre importanti nuovi arrivi che, sono sicuro, faranno crescere notevolmente la società, a 360 gradi. Come ho già detto, non ci saranno più Beppe Fusco, e la Francesca Di Chiara, che hanno cambiato società e ai quali auguro un grosso in bocca al lupo per la loro nuova avventura. Tutti gli altri sono stati confermati: Stefano Ambrosini guiderà l’U14 élite, gli U16 regionali e gli U15, che quest’anno andranno a disputare il campionato eccellenza in Piemonte; Ezio Torchia allenerà le U16 e le U18 femminili; Andrea Daga aiuterà Jacopo nel settore Minibasket; Federico Pozzi oltre ad aiutare nel minibasket e nei gruppi del settore giovanile, avrà il ruolo di Direttore Sportivo della società; e il sottoscritto che allenerà gli U18 eccellenza in Piemonte e la prima squadra che quest’anno disputerà il campionato di C silver. Faremo così due campionati d’eccellenza nel settore giovanile e la C silver con la prima squadra: avremo sicuramente qualche risultato di squadra in meno ma non è quello il nostro obbiettivo perché noi vogliamo lavorare sui giocatori e quindi dobbiamo dar loro la possibilità di crescere giocando in contesti il più possibile competitivi.

SBB: Situazione palestra, l’anno scorso si parlava di progetti per un nuovo impianto. Come procede?

GP: Procede un po’ a rilento ma procede, con qualche intoppo, soprattutto burocratico; speravamo di averlo già quest’anno ma a questo punto speriamo nella stagione 2018 – 2019. Quest’anno cerchiamo di stringerci ancora nel Palasharker e, per fortuna, abbiamo recuperato qualche spazio alla palestra del Figoi. Purtroppo siamo nello stretto perché le iscrizioni aumentano sempre più e se da una parte ne siamo contenti perché vuol dire che piace quello che stiamo facendo, dall’altra ci dispiace perché questi problemi di spazio non ci permettono di lavorare al meglio.

SBB: Vi siete già impegnati con la stagione agonistica, con lo spareggio Under 18!

GP: Sì, diciamo che dopo esserci iscritti ci è arrivata la comunicazione di questo spareggio, tra noi e Santa Margherita perché c’era ancora solo un posto a disposizione per l’eccellenza piemontese. Dopo la partita di andata persa di 8 punti siamo riusciti a ribaltare la differenza canestri in gara 2 vincendo di 18 punti e guadagnandoci così l’ammissione al campionato. Purtroppo, visto il regolamento che impone l’uso del campo 28×15, non possiamo giocare in casa nostra: siamo costretti a migrare fino a Chiavari. Abbiamo fatto richiesta da Celle Ligure fino a Chiavari ma nessuno si è reso disponibile per concederci anche solo due ore nella propria struttura ogni due settimane, il mercoledì o il giovedì sera. È solo per la gentilezza dell’Aurora Chiavari e del comune di Chiavari che hanno capito la nostra situazione, e approfitto di questa occasione per ringraziarli pubblicamente, che potremo fare questo campionato, anche se, in pratica, giocheremo sempre in trasferta. È scomodo ma i ragazzi sono motivati dall’idea di potersi confrontare con squadre molto forti.

SBB: Giovanni, vuoi fare un commento finale sintetico sulla tua esperienza al Pegli?

GP: Più vado avanti in questo lavoro più mi convinco che i risultati si hanno quando la “filiera” è completa: dal minibasket alla prima squadra. Spesso alcuni settori delle società sono considerati meno importanti ma non è così. La qualità e l’impegno sono necessari in tutti i settori, dalla dirigenza agli allenatori, dal preparatore atletico al fisioterapista. Ed è importante che tutti parlino la stessa lingua, che non necessariamente vuol dire che siano sempre tutti d’accordo, ma che ci sia dialogo, collaborazione e lealtà. Ma un ruolo fondamentale, spesso ignorato, lo hanno le famiglie. I genitori si sobbarcano sacrifici di tempo ed economici, mettono spesso a disposizione le proprie vetture per le trasferte, e i nostri, come altri, sono sempre molto disponibili. E da loro si pretende un comportamento educato sugli spalti, che a volte, raramente, non hanno, anche perché non è sempre facile averlo, ma è proprio compito della società far capire che alla base di ogni progetto e successo c’è sempre l’educazione, il rispetto e un comportamento adulto. Su questo spesso non si transige, anche a costo, purtroppo, di sembrare non riconoscenti.

SBB: Grazie Giovanni, complimenti per quanto già fatto e in bocca al lupo per la nuova stagione!

Alcune considerazioni mie, appunti che nascono da quanto detto da coach Piastra ma che valgono un po’ per tutti in questa nostra regione. Prendetelo come un piccolo “editoriale”, tanto ho tempo perché stamattina sono in ferie.

In primis gli spazi. Le risorse finanziarie sono sicuramente cruciali, ma guardate in quante situazioni le società liguri, e credo di poter dire, soprattutto quelle genovesi, devono fare i salti mortali per far sì che non sia l’impiantistica a mortificare troppo l’iniziativa! Meno male che qualche soluzione viene trovata, magari con l’aiuto di altre società o con convivenze forzate, ma le difficoltà sono certamente elevatissime, e anche i risultati assumono un significato maggiore. In tempi di Oscar, ricordiamocelo: un Oscar al “tappullo” per le società liguri, tutte, io lo assegnerei. Forza.

Secondo, mi piace molto il richiamo alla correttezza del pubblico, leggi al 90% i genitori. Hanno preso un Oscar quelli del Trofeo delle Regioni, eppure io, che per motivi di giovanili e anche di C Silver un po’ di palestre le giro, trovo la situazione di solito piuttosto pesante. In alcuni casi ho temuto che si passasse ai fatti (e parliamo di giovanili). Bene che le società dicano apertamente che non vogliono l’aggressione verbale ad arbitri e avversari (e magari con l’aggravante “razziale”, lo metto tra virgolette perché di razze ce n’è una sola, quella umana). Per favore diciamolo sempre, è chiaro che a qualcuno scapperà sempre qualcosa (capita anche a me di pensare, e dire, che per me quello che ho appena visto è un fallo mentre non lo è stato per i fischietti, si sente anche nelle riprese che faccio), ma ho visto spesso iniziare le contestazioni al primo fischio. Non può essere! Basta, tolleranza zero o quasi. Forza.

Terzo: se i risultati crescono a livello regionale (crescono? Sembra di sì, speriamo sia un trend e non un picco isolato, ma il numero di squadre giovanili nelle varie Eccellenze ad esempio continua a crescere), ancora più interessante è se cresce l’interesse tra i bambini, o le loro famiglie, quantomeno, e questo si traduce in iscrizioni al minibasket. Non sprechiamo, se possibile, questo fenomeno, se generalizzato e confermato. E qui il cane si morde la coda, perché torniamo al punto 1. Magari è generato dai risultati (“il fratello del mio amichetto gioca e l’anno scorso ha vinto/giocato bene/si è divertito, voglio andare anch’io a fare minibasket”; “la zia della mia amica è una giocatrice di pallacanestro, mamma mi porti al campetto che voglio imparare a fare canestro come lei” e così via), magari è generato dalla visione della pallacanestro in TV (un po’ meno) e nei media, ma è un circolo in cui tutto si tiene e se si riesce ad innescarlo si cresce e magari arriveranno anche le risorse e riusciremo a fare cultura sportiva e magari anche risultati, altrimenti alla meglio si vivacchia. Forza!

Vabbé, ritorno nei ranghi, ma il vostro parere mi interessa.

Posted in Allenatori, Generale, Giovanili, Impiantistica, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A2/F – La Carispezia 2017-2018 nel racconto di coach Corsolini

Posted by superbasketball su 22 settembre 2017

logo cestistica spezzinaLa Carispezia Cestistica Spezzina si avvicina all’esordio in A2, con l’incertezza di una squadra fortemente rinnovata rispetto alla stagione scorsa chiusa con la retrocessione nel playout con Battipaglia. Abbiamo visto che il mercato bianconero ha avuto diversi colpi di scena, in negativo e in positivo: in particolare, il contraccolpo della ventilata esclusione, poi non verificatasi, che ha fatto partire due ragazze come Reani e Dzinic già firmate dalla società spezzina.

Per farci raccontare un po’ com’è la situazione in quel di Spezia ho alzato il telefono e chiesto direttamente a coach Marco Corsolini, che come sapete è tornato a dirigere il gruppo dopo la cavalcata dalla B alla A1 e il primo scorcio della stagione nella massima serie, quando poi aveva passato il testimone a coach Barbiero.

SBB: Ciao coach, bentornato! E’ stata un’estate travagliata, con un mercato che ha dovuto fare i conti con contingenze esterne, ma che alla fine ha permesso di allestire una formazione speriamo competitiva. Nessuno meglio di te può dirci come vedi il tuo gruppo che si appresta ad iniziare il campionato.

MC: Per quello che è successo, devo dire di essere contento del mercato, perché se prima di tutto quello che è capitato mi avessero detto che avrei avuto Cadoni e Da Silva insieme avrei messo la firma; non mi fanno rimpiangere Reani e Dzinic, è andata così, va bene. Una sola sarebbe stato problematico, ma con l’arrivo di Cadoni il problema è stato del tutto riassorbito. Faremo il campionato con 4 senior, più una under, Corradino, che per le esperienze fatte in queste stagioni è una senior de facto, e un gruppo di under che hanno talento ma devono ancora lavorare tanto, perché devono crescere nella conoscenza del gioco; questo è l’aspetto che mi dà più preoccupazioni. Se lavoreranno bene le rotazioni diventeranno molto molto lunghe, idealmente addirittura a 11, e potremmo divertirci sul serio, altrimenti resteranno giocoforza decisamente limitate e benché sia contentissimo delle senior, che sono forti e lavorano sodo, ovviamente tutto sarà più difficile: sono 4, non è che possono stare in campo quaranta minuti.

SBB: Queste prime settimane di preparazione? A meno di 10 giorni dal via sei soddisfatto del lavoro svolto sin qui?

MC: La preparazione ormai sta per finire, mancano pochi giorni al debutto e purtroppo devo dire che non c’è  stato di fatto un momento in cui eravamo al completo, una settimana in cui si potesse lavorare con tutte le effettive: per un motivo o per l’altro, vuoi fisico vuoi logistico vuoi scolastico, mi mancavano sempre 2-3 ragazze per volta. Amen, ma come prima avremmo la necessità di lavorare molto sulle under e in questo modo non è facile soddisfarla. Tra l’altro il calendario è pesante, partiamo in trasferta con il Valdarno che è un’ottima squadra, basti pensare che ha rifilato un ventello in preparazione ad una squadra quotata come l’USE Empoli, e poi avremo in casa Progresso Bologna. Non credo che potremo fare 2-0, i primi 2 impegni sono duri e sarà davvero difficile; certo se per caso ci riuscisse diventeremmo pericolosi perché avremmo la possibilità di proseguire con un calendario che migliora.

SBB: In generale come ti sembra, sulla carta, il livello del campionato in questa stagione?

MC: Bisognerà vedere: mi sembra un girone difficile da interpretare. Forse, per quello che si è visto sinora, un po’ inferiore al girone A, ma ho difficoltà ad esempio ad indicare una squadra favorita. Ci sono molte squadre buone, ma ognuna non convince sino in fondo. Empoli ha perso due pedine importanti coma Sesoldi e Fabbri e ha tante giovani un po’ come noi, dunque incognita under anche per loro; Bologna ha perso 3/5 del quintetto, la stessa Campobasso ha fatto tanto mercato ma al momento non pare imbattibile.

SBB: Certo avendo fatto una stagione di A2 incredibile come quella 2015-2016, magari qualcuno ingenuamente si aspetta il bis…com’è l’ambiente, c’è pressione?

MC: L’ambiente è tranquillo, il paragone con due anni fa non si fa e non si pretende di ripetere quella stagione. Qui da noi, più che in altri posti in giro per l’Italia che magari di primo acchito si potrebbero immaginare più propizi, e anche rispetto a tante realtà di A1, si può lavorare bene con la pallacanestro femminile. Se quel pasticcio estivo ci avesse escluso dal campionato credo che la A2 avrebbe perso una piazza davvero importante! Per inciso, questa A2 piena di giovani è forse il campionato più interessante, meno male che esiste!

SBB: Domani quadrangolare a Savona, cosa ti aspetti?

MC: Ecco, tanto per proseguire l’andazzo di queste settimane al torneo di Savona arriveremo rimaneggiatissimi. Faremo il possibile! (Vi linko qui la notizia, Carispezia senza lunghe a Savona, N.d.SBB)

SBB: Per te anche l’esperienza della nazionale Under 14 femminile, col quarto posto al Torneo BAM in Slovenia, impressioni?

MC: L’esperienza con la nazionale al Torneo BAM è stata bellissima! Eravamo partiti con poche illusioni, speravamo più che altro di non subire troppo, ci si diceva che ci aspettavamo di continuare a giocare al massimo anche fossimo sotto di 20 per limitare i danni. Invece abbiamo dimostrato di poter giocare a quei livelli, e mi dispiace solo che la nostra partita migliore, quella per il terzo e quarto posto, l’abbiamo persa non concretizzando, altrimenti saremmo finiti sul podio. Tutti contenti però! E abbiamo anche avuto una ligure, Rossella Gioan, che ha fatto parlare di sé…ci ha fatto vincere il girone con un tiro che non era esattamente quello che pensavamo di fare in quell’ultima azione con la Croazia, ma quando una segna, ha ragione lei! E dire che i croati non avevano neanche fatto i conti della differenza canestri!

Grazie a coach Corsolini, e speriamo che Carispezia si possa fare onore in questa stagione pur con le difficoltà che ci ha raccontato!

Posted in A2 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amichevole internazionale ad Alassio: Casale – Monaco il 19 settembre

Posted by superbasketball su 10 settembre 2017

Abbiamo già parlato dell’evento fortitudino a Spezia, ma c’è un’altra amichevole con una squadra di A2 che si disputerà in Liguria a breve!

Infatti ad Alassio, con organizzazione a cura appunto di Pallacanestro Alassio, torna (era già successo due anni fa) lo Junior Casale, e ancora come avversario avrà l’AS Monaco di A1 francese. Appuntamento al 19 settembre, ore 19 (facile, no?). Ma per l’occasione vi faccio raccontare un po’ di cose da coach Devia, che si è impegnato in prima persona per questo evento.

SBB: Ciao coach, raccontaci un po’ dell’organizzazione di questa amichevole. Se non sbaglio le stesse squadre erano venute ad Alassio già 2 anni fa…

FD: Sono due ottime squadre e hanno nuovamente scelto Alassio per l’amichevole. Monaco disputerà la Champions League e avrà anche l’ex play di Trento Aaron Craft che lo scorso anno in Italia ha sfiorato lo scudetto. Casale parte sempre per arrivare ai play off di A2. Siamo convinti che sarà un bello spettacolo e per questo spero vengano portati tanti ragazzi a vedere l’incontro, perché anche così li si può far appassionare alla palla a spicchi. Altro motivo di interesse per non perdere l’evento è che nelle fila di Casale giocano due ragazzi liguri del 2000, Tulumello e Banchero, che ad ora sono aggregati alla prima squadra e saranno sicuramente presenti Martedì 19 Settembre ad Alassio. Infine, potremo vedere all’opera una terna arbitrale tutta composta da liguri, e da liguri arbitri nazionali, per giunta: Puccini, Gonella e Tulumello (senior).

SBB: Quindi riportate la serie A in Liguria, come succederà qualche giorno prima a La Spezia. A2, ma sempre A. Non capita spesso nella nostra regione…

FD: l’obiettivo è proprio quello di permettere a tutti di assistere a un incontro di alta qualità senza dover andare necessariamente in Piemonte o Lombardia per vedere qualche gara importante. Il mio sogno è che qualche imprenditore ligure s’innamori di questo sport e faccia in modo che eventi di questo tipo diventino la norma e non l’eccezione con, ad esempio, una squadra ligure in grado di disputare campionati nazionali… ma per ora accontentiamoci di goderci queste due belle partite.

SBB: Per chi volesse venire ad Alassio, dài magari qualche indicazione su come arrivare a palazzetto. Il biglietto?

FD: Il palazzetto è facilmente accessibile, nei dintorni ci sono parcheggi gratuiti ma se proprio non si trovasse nulla sotto lo stadio c’è un ampio parcheggio a pagamento. La biglietteria sarà aperta dalle ore 17.30 e la partita inizierà alle ore 19. Il biglietto intero costerà 7 euro e quello ridotto 5 euro.

SBB: Approfittiamo anche per parlare un po’ di Pallacanestro Alassio…facciamo un punto sul progetto? Quest’anno con quali gruppi vi presenterete nei vari campionati?

FD: L’Alassio lo scorso anno, alla vigilia del compimento dei 10 anni dalla propria fondazione, ha avuto per la prima volta nella sua breve storia la prima squadra maschile oltre che quella femminile che è presente da 3 anni. Molti dei ragazzi e delle ragazze che facevano parte della prima squadra quest’anno andranno all’università quindi si è puntato sul settore giovanile avendo tutte le squadre giovanili maschili dall’under 20 in giù e nel femminile abbiamo aderito al progetto del Blue Ponente Basket con la prima squadra in Serie C e le squadre giovanili femminili. Il nostro obiettivo e la nostra mission resta sempre quella di formare giocatori/giocatrici e in questi anni possiamo dire che qualche soddisfazione ce la siamo presa, con una ragazza che è stata protagonista in A2 e nelle finali nazionali a Spezia, un ragazzo in C ligure a Ospedaletti, una 2000 che quest’anno all’Amatori Savona punterà ad arrivare alle finali nazionali, un nostro ragazzo che giocherà a Modena andando là all’università, e un nostro 2003 che dopo aver raggiunto il raduno della nazionale è stato preso dalla Pallacanestro Biella, premiata con il premio Reverberi come migliore settore giovanile in Italia. Non male per una società piccola e giovane come la nostra che cerca di fare in modo che tutti possano giocare fino a quando ne hanno le possibilità; e quest’anno avremo Under 20, Under 16, Under 15, Under 14 elite, Under 13 e tutto il minibasket.

SBB: Bene, in bocca al lupo per la partita (ragazzi riempiamo il palazzetto, mi raccomando!) e per la vostra stagione!

FD: Crepi il lupo e w il basket!

E complimenti per l’organizzazione!

Posted in Eventi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Inizia il ritorno, il CUS riceve l’Esperia Cagliari. Audiointervista con coach Pansolin: “Lo dobbiamo a noi stessi, proviamo a vincere”

Posted by superbasketball su 27 maggio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaIl girone di spareggi per la B gira la boa e incomincia la sequenza delle partite di ritorno, che per il CUS propone subito la rivincita della partita persa sabato scorso in terra sarda contro l’Esperia Cagliari.

Gli esperini vengono in continente certamente con qualche velleità in più: avendo vinto la sfida con i ragazzi di Pansolin e Taverna possono ancora immaginare un percorso netto o quasi che li porti a lottare con le prime due, pur avendo perso con entrambe all’andata. E’ chiaro che al PalaCUS si giocano un buon 50% delle residue speranze di promozione, parola che ricorre molto nei loro discorsi e che apertamente è sempre stato un obbiettivo. Non così si può probabilmente dire del CUS, che questo obiettivo non lo sperava a inizio stagione, ma che lo ha costruito e legittimato, come validamente e giustamente ribadisce coach Pansolin, con la vittoria nel torneo regionale. E allora anche se forse questo obbiettivo ulteriore è ormai off limits, resta quello di ottenere qualche soddisfazione in questa fase nazionale, oltre al diritto di divertirsi in giro per l’Italia e con avversari di questo calibro.

E allora domenica arriverà in viale Gambaro (alle 14.30, si è anticipato rispetto all’iniziale orario delle 15.00) Maurizio Pedrazzini, che probabilmente l’ultima volta ci era venuto quando giocava in B contro la Cambiaso & Risso nelle fila della Russo Cagliari nel 2007-2008, e ancora prima con l’Eutelia Arezzo, nella stagione 2006-2007, mentre Gionata Putignano (che come sapete è infortunato) giocava in entrambe le stagioni nella Russo (c’ero anch’io quelle sere, per inciso, prima di diventare il vostro blogger di fiducia). Con loro tutto il team dell’Esperia, che sabato scorso si è dimostrato più quadrato e determinato dei cussini almeno nei momenti topici. Speriamo che i biancorossi abbiano recuperato quegli acciacchi dovuti a scontri di gioco e possano disimpegnarsi al meglio, c’è sicuramente da provare a cancellare quel passivo subìto da Battipaglia, e a regalarsi un bel referto rosa, finalmente.

Coach Pansolin è stato così gentile da fare un’altra chiacchierata con me sulla partita di Cagliari, su quella di domani con gli stessi avversari, e più in generale sullo stato d’animo del CUS in questa fase nazionale. Io sono gentile e ve la porgo tramite Youtube, approfittatene!

E appuntamento a tutti gli appassionati con il basket nazionale domani alle 14.30 al PalaCUS! No, Bergoglio non viene, ha da fare altrove; in compenso se venite da fuori trovate tutto pulito pulito, è un’occasione.

Nell’altra partita del girone, la Treofan Battipaglia deve provare a ribaltare al PalaZauli il -17 subìto a Civitanova. Le qualità ci sarebbero, le abbiamo ammirate qui a Genova; il passivo però è ampio e potrebbe essere più saggio “accontentarsi” di una vittoria che potrebbe trasformare la successiva partita a Cagliari in una specie di match point, quantomeno per l’accesso allo spareggio promozione che spetta alle seconde.

 

Girone spareggio A:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Il CUS inizia con un referto giallo a Civitanova dopo una buona partenza. Intervista a coach Pansolin

Posted by superbasketball su 7 maggio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaNel primo turno del girone di spareggio per la promozione dalla C Silver alla B, il CUS Genova è uscito sconfitto dalla trasferta di Civitanova Marche, pur avendo lottato per 3 quarti di gara con discrete prospettive, e come sentirete direttamente dalle parole di coach Pansolin, “essendosi divertito”.

Si sapeva infatti che sarebbe stato difficile in casa della Rossella Virtus, e così è stato, ma i biancorossi (Bigoni 23, Macrì 16) pur avendo accusato alla sirena finale un -18 abbastanza eloquente, durante la partita hanno dato del filo da torcere ai più quotati marchigiani di coach Raffaele Rossi.

Il primo quarto vedeva in effetti i ragazzi di Pansolin e Taverna approcciare bene il parquet sin dalla palla a due, e salire a un vantaggio quasi in doppia cifra certificato dal +8 del primo intervallo.

La reazione dei padroni di casa era però veemente e i genovesi non riuscivano a contenere nel secondo quarto la verve offensiva civitanovese, per il -4 dell’intervallo lungo (un po’ tanti i 31 subiti in questo frangente).

Né riuscivano a ribaltare il trend dopo il rientro in campo, tenendo discretamente sino a poco oltre il 30′, quando i padroni di casa hanno infine preso il largo e, pur subendo i liguri relativamente poco in area rispetto a quanto immaginato a priori, erano gli esterni marchigiani a mettere in ghiaccio la vittoria per Civitanova.

Avendo nel frattempo vinto Battipaglia di 19 con l’Esperia nell’altra sfida, il CUS si ritrova nell’ipotetico terzo gradino del girone grazie allo scarto di un solo punticino meno pesante rispetto ai sardi: sabato al PalaCUS arriva la Treofan attualmente alla guida del gruppetto, mentre domenica pomeriggio a Cagliari l’Esperia proverà a far valere il fattore campo con la Rossella.

Ho avuto modo di incrociare coach Pansolin e vi propongo una breve video intervista con il tecnico biancorosso, due minutini di approfondimento agili agili 😉 che servono anche a dare appuntamento al PalaCUS per la seconda giornata, l’esordio casalingo del CUS Genova (alle 19, se volete “salvare la data”).

Playoff:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Trofeo delle Regioni 2017 – I commenti di Andrea Grandi e Andrea Toselli

Posted by superbasketball su 22 aprile 2017

Nel Trofeo delle Regioni “Cesare Rubini” di Roseto degli Abruzzi come ricorderete le nostre ragazze si sono piazzate quarte, mentre i ragazzi hanno ottenuto un decimo posto finale.

Palla a due della finalina con il Lazio

Contavo di tornare sul Trofeo delle Regioni con qualche commento e/o immagine in più, e la promessa che vi avevo fatto la mantengo adesso. Per le foto, ringrazio pubblicamente coach Alessandro Giacobbe, che ne è l’autore, e che mi ha permesso di saccheggiare il suo profilo Facebook 😉

Sia per gentilezza, sia per il piazzamento migliore, mi pare giusto partir dalla prestazion delle pulzelle, sulle quali ho chiesto un parere direttamente al loro coach, Andrea Grandi, che ancora oggi è entusiasta del torneo disputato.

Lo staff della Liguria Femminile (coach Grandi è il secondo da destra)

AG: “Risultato eccellente, al di sopra delle aspettative! La squadra ha giocato un torneo di livello altissimo, meritando il piazzamento nelle prime 4 in Italia. Siamo felici di questo risultato (il secondo di tutti i tempi per la Liguria) e fieri di aver reso orgogliosi tutti gli appassionati della nostra regione. Il raggiungimento della semifinale è da ascriversi allo splendido GRUPPO che giocatrici e staff hanno generato. Lombardia e Emilia Romagna erano oggettivamente fuori portata, ma abbiamo lottato anche con loro. Speriamo che il nostro mondo possa capitalizzare il grande patrimonio di entusiasmo che ci portiamo dietro“.

Le ragazze della Liguria femminile schierate all’inizio di un incontro insieme allo staff

Decisamente condivisibile quanto dice coach Grandi: il riferimento al secondo miglior risultato è al 2009, quando le ragazze delle leve ’94/’95 arrivarono in finale con la Lombardia, meritandosi addirittura un riconoscimento ufficiale dalla Regione Liguria. Da allora tanti piazzamento buoni ma non nelle prime 4, con tanti quinti posti. Tornare ai piedi del podio, avendo sfiorato il terzo posto che quest’anno forse era il primo davvero abbordabile, significa aver fatto davvero bene. Fondamentale aver affrontato con la determinazione massima la prima partita, che ha indirizzato al meglio il cammino, tanto che è bastato poi battere il Veneto per lasciarsi dietro quattro quinti d’Italia. Brave tutte, e bravo anche lo staff!

Coach Andrea Toselli al lavoro come cameraman

Per quanto riguarda i maschi, il commento arriva direttamente dal Responsabile Tecnico Territoriale, coach Andrea Toselli.

AT: La rappresentativa maschile 2003 torna da Roseto con un decimo posto giusto nel complesso. Girone duro, vittoria col Trentino e doppia sconfitta con le due finaliste del torneo: Lombardia (giocando) e Lazio (purtroppo gara d’esordio in cui non siamo riusciti ad entrare quasi mai in partita). Quindi terzo posto e secondo girone per le posizioni 9°/12°. Purtroppo abbiamo nuovamente sbagliato l’esordio perdendo contro Toscana una partita alla nostra portata, per poi vincere con Umbria e perdere nuovamente col Friuli. Nel complesso alti e bassi che hanno influito sulle prestazioni della squadra, e con poca attenzione in più avremmo potuto risalire una posizione, ma poco importa, l’obiettivo di crescita dei nostri giocatori attraverso queste esperienze credo sia raggiunto e starà ora a loro e alle società continuare con entusiasmo il percorso di crescita.

I ragazzi della Liguria maschile schierati con lo staff prima di una gara

Certo un decimo non fa notizia come un quarto; e purtroppo però i ragazzi hanno lasciato i 2 punti in due partite alla portata, ma soprattutto in quella con la Toscana come già ha spiegato appunto coach Toselli si doveva fare bottino e almeno il nono posto sarebbe arrivato. Dato che il miglior piazzamento di cui io sappia è l’ottavo del 2014, non sarebbe stato comunque malaccio.

Appuntamento all’anno prossimo, sperando che le annate succesive possano fare ancora meglio!

Posted in Eventi, Giovanili | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

XI Clinic “Vittorio Cavaleri” – Il resoconto del seminario dirigenziale, altre quattro chiacchiere con coach Passiatore

Posted by superbasketball su 12 aprile 2017

Chi di voi sabato mattina ha preferito qualche altra attività alla partecipazione al seminario dirigenziale del XI Clinic “Vittorio Cavaleri”, troverà qui qualche motivo di fare una scelta diversa l’anno prossimo.

Nella mattinata di sabato 8 aprile infatti, nella Casa delle Federazioni, in viale Padre Santo 1, a Genova, abbiamo assistito a 3 relazioni decisamente interessanti per i dirigenti cestistici liguri, e anche per chi, come me, dirige solo il suo miserrimo blog (ovvero, dirige se stesso).

Come ricorderete, questo seminario è stato introdotto l’anno scorso in occasione della decima edizione del Memorial, ed è organizzato da Ardita Juventus, Amici di Vittorio e Comitato Regionale FIP Liguria, e in particolare da coach Stefano Passiatore, col quale ho fatto di nuovo quattro chiacchiere come scusa per raccontarvi quel che è successo. Questo era il programma:

  • ore 10,00-11,00 Dott. Salvatore Trainotti (General Manager Aquila Trento Lega Basket Serie A) con argomento : “Evoluzione societaria dalle Minors fino alla Serie A ed esperienza del Consorzio”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Alessio Vernazza (Resp.le Org. ed Amm. Settore Giovanile Genoa CFC) con argomento: “Costruire dal basso: programmazione, organizzazione e … passione”;
  • ore 12.00-13,00 Dott. Julio Trovato (General Manager Virtus Bologna Serie A2) con argomento: “Organizzazione societaria: dalle Minors alla Serie A: progetti ed applicazioni”

IMG_2622SBB: Ciao Coach! Qualche giorno per metabolizzare il tutto, ed eccoci qui a rivedere quanto successo sabato nel clinic dirigenziale da te organizzato. Innanzitutto, già l’anno scorso avevamo accennato alla multidisciplinarità del seminario, e quest’anno oltre ad un altro relatore calcistico abbiamo avuto un po’ di partecipazione proprio dal mondo del pallone …

Stefano Passiatore: Ciao a te, Braun, ed ai tuoi lettori! Ebbene sì, si continua (grazie a FIP Liguria e Coni Liguria) con questo format. Un po’ di dirigenti del settore calcio ci hanno accompagnato nello sviscerare la relazione dell’ottimo Alessio Vernazza (Genoa CFC), che come valore aggiunto, due giorni dopo il seminario, ha staccato con la formazione Under 17 le Final 8 di categoria per il titolo italiano. Qualche dirigente in più dal mondo cestistico, e ovvia menzione d’onore a Fabio Poggianti di Livorno: partendo all’alba ha detto di aver fatto bene per l’alta qualità delle relazioni dei dirigenti invitati al seminario. Vittorio ne sarebbe stato orgoglioso.

IMG_2627SBB: Proviamo a raccontare un po’ a chi non c’era (ma non troppo: deve restare loro la curiosità di venire la prossima volta 😉 ) di che cosa si è parlato sabato mattina? Diciamo che dopo i saluti e le introduzioni tua, del presidente Ardita Molisani e del presidente FIP Liguria Bennati si è subito andati al sodo con l’intervento di Salvatore Trainotti, che è riuscito secondo me, pur parlando in generale di come si lavora in una società che cresce negli anni, a farci toccare con mano la realtà Trento, certamente dinamica ed accattivante…e poi ci ha raccontato il confronto con la pallavolo in una città dove non è il calcio a farla da padrone, e la scelta di caratterizzarsi anche in ambito sociale.

SP: Il GM Salvatore Trainotti (un paio di anni che lo inseguo) ha tenuto un ottimo intervento, ben relazionandoci sulla realtà Trento; certo particolare, ma molto vicina a Genova, in quanto anche a Trento c’è una realtà molto forte (pallavolo). Non si sono demoralizzati e, col lavoro, sono saliti pian piano di categoria e si sono strutturati cammin facendo. Molto bella la sua relazione anche per la parte sociale del loro intervento, veramente d’impatto e non di facciata. Anche la relazione sul Consorzio è stata molto interessante anche per i miei due dirigenti Molisani e Livoti, bene che anche altri dirigenti abbiano potuto gustarsi tale “chicca”.

IMG_2659SBB: Poi è stata la volta di Alessio Vernazza, che giocava in casa dovendo raccontare di Genoa a Genova. Diversamente dagli altri relatori, lui ha parlato per parole chiave, come programmazione, organizzazione, passione. Credo sia sempre stimolante ascoltare chi ha esperienze in altre discipline sportive, perché ci fa uscire dalle consuetudini cestistiche e fa capire che non c’è un unico approccio, e non è detto che quello che utilizziamo debba essere più corretto di quello degli altri. Ha stupito quando, ribadendo più o meno quanto affermato l’anno scorso da Montali dell’Entella, ha spiegato come nel calcio si tenti di selezionare “prospetti” ad un’età per noi inimmaginabile, tipo 6 anni…

SP: Alessio è stato bravissimo a farci entrare nel mondo della “Cantera Genoana”! Oltre a fare molti collegamenti anche con la sua esperienza di calcio dilettantistico, ovviamente ha colpito per l’approccio al lavoro in comune. Certo dover selezionare giocatori già a 6 anni (sembra che ciò derivi da vincoli federali) aggiunge anche un bel lavoro di psicologia e lungimiranza. Ottimo il suo contributo, in linea con quello portatoci lo scorso anno da Manuel Montali dell’Entella Calcio. Il prossimo anno (per par condicio ed anche per curiosità) proveremo a farci raccontare il mondo anche dalla parte blucerchiata della città!

IMG_2679SBB: E, infine, l’intervento di Julio Trovato, che è stato ricco di aneddoti della sua esperienza in giro per l’Italia, da Moncalieri a Bologna passando per Trapani. Il tutto mentre in modo sistematico passava in rassegna i vari settori dell’attività di una società sportiva, sportivo, commerciale, marketing, amministrativo, comunicazione…Sono stato colpito, per mia “inclinazione”, da quest’ultimo, soprattutto per gli aspetti relativi alla standardizzazione, alle regole da porre per avere un modo di presentarsi univoco verso l’esterno, dall’uso del marchio alle interviste con i giocatori, aspetti che nelle società piccole spesso vengono totalmente sottovalutati.

SP: Julio Trovato è stato super. Vista la sua grande esperienza “a tutto tondo” dal campo (allenatore Nazionale), alla scrivania, alle giovanili di livello, all’esperienza di seniores sia a Torino e poi a Trapani, fino ad arrivare alla chiamata a Virtus Bologna, pensavo proprio potesse fare un’ottima lezione: direi che è andato oltre. Contento che sia potuto venire a Genova, un valore aggiunto, anche pensando che solo un giorno prima era ancora negli States a Phoenix e San Antonio. Grandissima disponibilità!

SBB: Insomma, anche stavolta si è andati un po’ “lunghi”, ma credo che gli intervenuti abbiano apprezzato!

SP: Beh, ogni anno le parole spese dagli uditori circa la qualità del Seminario fanno bene e ci aiutano ad andare avanti nel proporre tali momenti di aggregazione ed aggiornamento.

SBB: Dammi una tua valutazione sulla qualità e quantità dei partecipanti…

SP: La qualità è alta, sia perché sono venuti, e sia perché credo siano andati via con un paio di idee interessanti per le loro realtà. Certo potrebbero essere di più, ma chi è assente si dice che ha “sempre torto”: vuol dire che cercheremo di lavorare di più per coinvolgere sempre più persone “interessate” a partecipare.

SBB: La parte tecnica? Possiamo dire qualcosa sull’evento per allenatori?

SP: La parte Tecnica dovrebbe andare in scena Sabato 30/09/2017 con il format originario: settore minibasket, settore giovanile e settore Prime Squadre.

SBB: Bene, gliinteressati possono segnarsi la data quindi! Ora, come al solito, hai spazio libero per concludere l’intervista.

SP: Grazie a FIP Liguria (Presidente Bennati), agli “Amici di Vittorio” (Massimo Salomone e Roberto Contri), ai relatori, agli intervenuti, a te Braun per essere sempre presente e così prodigo di resoconti sul tuo riuscitissimo blog, ed anche al mio presidente Molisani e Valerio Livoti, sono proprio contento che si siano goduti dal vivo quello che facciamo per ricordare degnamente Vittorio Cavaleri.

SBB: Grazie Stefano!

SP: Grazie a te Bruno, alla prossima.

Ecco di seguito varie foto e un video con alcune parti degli interventi dei tre relatori.

2017-04-08 XI Clinic "Cavaleri" Dirigenziale

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

XI Clinic “Vittorio Cavaleri” – Sabato 8 aprile al CONI di Genova la 2a edizione della Parte Dirigenziale, tutti i dirigenti convocati, ve lo faccio dire da coach Passiatore!

Posted by superbasketball su 5 aprile 2017

Ci siamo quasi! Il seminario dirigenziale del XI Clinic “Vittorio Cavaleri” si terrà infatti, come dovete sapere se seguite questo blog, nella sede del CONI genovese, la cosiddetta Casa delle Federazioni, in viale Padre Santo 1, nella mattinata di sabato 8 aprile.

SAM_9919Gli organizzatori sono come al solito Ardita Juventus, Amici di Vittorio e Comitato Regionale FIP Liguria, e molto del suo ci mette proprio coach Stefano Passiatore, che vi ho intervistato per farci raccontare un po’ nel dettaglio che cosa ci aspetta sabato. Questo è il programma:

  • ore 10,00-11,00 Dott. Salvatore Trainotti (General Manager Aquila Trento Lega Basket Serie A) con argomento : “Evoluzione societaria dalle Minors fino alla Serie A ed esperienza del Consorzio”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Alessio Vernazza (Resp.le Org. ed Amm. Settore Giovanile Genoa CFC) con argomento: “Costruire dal basso: programmazione, organizzazione e … passione”;
  • ore 12.00-13,00 Dott. Julio Trovato (General Manager Virtus Bologna Serie A2) con argomento: “Organizzazione societaria: dalle Minors alla Serie A: progetti ed applicazioni”

Ma passiamo la parola a coach Passiatore!

SAM_9888SBB: Ciao Stefano! Allora, l’anno scorso era una novità, quest’anno è una riconferma, ma questo seminario per i dirigenti di società ha comunque un po’ cambiato caratteristiche, in quanto la FIP Liguria lo ha “sposato”. Raccontaci un po’.

SP: Buongiorno a te Braun ed ai tuoi lettori! Ebbene il progetto nasce da un’idea del Consigliere Ardita Roberto Contri, che è venuta incontro ad una esigenza della Fip Liguria (presidente Bennati) di cercare di fare qualcosa, come formazione, anche per i dirigenti di società. Lo scorso anno abbiamo “scaldato i motori ” e quest’anno la riproponiamo, con l’avvallo prestigioso, addirittura, del Coni. Spero e confido in una sala un poco più piena dello scorso anno e con più dirigenti “puri”, anche se lo scorso anno gli uditori hanno fatto molte domande (stupendo un poco i relatori abituati alla solita riservatezza ligure).

SBB: Anche quest’anno tre relatori, due dal mondo del basket e uno dal mondo del calcio. Non tutti li conosceranno, per cui è ovviamente interessante una tua presentazione.

SP: Da Trento (Lega A) arriva Salvatore Trainotti, GM della formazione trentina, bellissima realtà, ormai a piani alti del campionato (battuta l’altro giorno l’Armani Milano al Forum!). Ci racconterà come hanno fatto a organizzarsi e consolidarsi in una città che ha un’altra bella realtà ad altissimo livello nella pallavolo (anni fa addirittura vincitori della Champions League). Ci potrebbe essere un’affinità con Genova vista la presenza contemporanea del Genoa e della Sampdoria, che un poco fagocitano interesse e risorse della città. Alessio Vernazza è il dirigente responsabile amministrativo ed organizzativo del settore giovanile del Genoa CFC, con in più competenza sui campionati minors di calcio, e ci potrà raccontare (nella sua esperienza a tutto tondo) come si comporta una bella realtà come il Genoa, che si confronta sia con i cugini, che con le altre potenze giovanili delle altre squadre nazionali. Julio Trovato, GM della Virtus Bologna (A2, ovviamente ambiziosa di risalire nell’elite del basket che conta) potrà deliziarci con il suo percorso dalle palestre come allenatore nazionale fino ad arrivare come dirigente di realtà belle del panorama giovanile (PMS Torino), poi successivamente a Trapani (altra bella realtà per passione e competenza del pubblico e società della Sicilia) ed infine a Bologna, passando per …l’NCAA! Ebbene sì, arriverà a Genova direttamente da Phoenix, spero ci possa raccontare un poco del mondo NCAA (mio antico amore, ho appena visto in registrata le due semifinali e ho passato una notte insonne per vedere la finale dei miei Tar Heels North Carolina contro Gonzaga University), spero che il fuso orario non lo faccia stare male, arriverà a Genova direttamente dall’aeroporto, ritornando dagli States!

SBB: È chiaro che i relatori vengono da realtà molto più grandi di quelle che abbiamo in regione, e uno poi provenendo dal calcio vive in un ambiente molto più “ricco”…però tutti parleranno di sviluppo “dal basso”.

SP: Sarà interessantissimo vedere e  sentire come tutti e tre riescono a fare e consolidare le loro belle realtà in un momento storico non proprio “felice” come investimenti sugli sport, vista la crisi che continua ad attanagliare la nostra amata Italia.

SBB: L’anno scorso direi che l’affluenza era stata buona ma non erano presenti tanti “dirigenti puri”. Ti lascio lo spazio per l’appello a questi ultimi perché affollino la sala del CONI!

SP: Beh lo scorso anno, come abbiamo detto prima, abbiamo scaldato i motori. Confido nel tam-tam mediatico: sempre ottima l’esposizione sia sul sito (sempre tempestivo, complimenti!) sia con il passaparola tra coloro che lo scorso anno c’erano e coloro che invece avrebbero voluto ed non hanno potuto, ed anche sui nuovi uditori attirati dalla variegata esperienza che i tre relatori potranno mettere in “mostra”. Un grazie ai relatori che, accettando subito il nostro invito, ci consentono di mettere un poco il “cervello” su come società di tale livello operano a livello di “business”. Grazie anche a Lorenzo Mangini e Beppe D’Amico per lo spazio sui giornali, ed anche all’ottimo Luca Lavagetto di Telegenova per il consueto spazio a favore del basket. A sabato, con un pensiero a Vittorio Cavaleri, indimenticato dirigente nerviese, a cui è dedicato il seminario di aggiornamento!

SBB: A sabato allora!

SP: Grazie Braun! Buon lavoro e buon basket a tutti.

Forza, riempiamo la sala! E come avevo già detto, è gratis! 😉

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Intervista a coach Giovanni Piastra, le novità a Pegli

Posted by superbasketball su 14 ottobre 2016

logo_pegliHo colto l’occasione di una chiacchierata via mail con coach Giovanni Piastra, neo responsabile del relativo settore giovanile, per dare una finestra di visibilità ad una società genovese che da anni è un riferimento nel ponente e che quest’anno affianca all’attività senior e alle partecipazioni ai campionati regionali anche una partecipazione prestigiosa ad un campionato d’eccellenza. Parlo del Basket Pegli della presidente(ssa) Antonella Traversa, le cui squadre in arancioblù ottengono risultato spesso al massimo livello, e che attira nell’impianto di via Cialli centinaia di partecipanti, dal minibasket fino alla attuale serie D (che esordirà in questo weekend nella stagione 2016-2017).

SBB: Ciao Giovanni, per chi non ti conosce direttamente vuoi magari dare due informazioni sul tuo percorso cestistico?

piastra

Coach Giovanni Piastra

GP: Ciao Bruno, ho iniziato ad allenare a 18 anni a Rapallo; i primi due anni ho fatto da assistente a Riccarco Gaiaschi e Luciano Pizzonia con l’annata ’96-’97. Poi nel 2010 sono stato contattato dal CAP Genova per andare ad allenare da loro e lì sono rimasto per 5 anni facendo da assistente ad Enrico Rocco fino a quando purtroppo la società è fallita. L’anno scorso ho allenato sia a Vado, dove ho fatto assistente a Marco Costa con il gruppo U16 Eccellenza, sia a Pegli dove ho allenato il gruppo Under 15.

SBB: Da quest’anno sei dunque di casa al Basket Pegli dove ci sono importanti novità, ce le racconti?

GP: Sì, quest’anno faccio solo attività a Pegli in quanto la presidentessa mi ha offerto la possibilità di fare il Responsabile del Settore Giovanile, cosa che ho accettato con grande entusiasmo, quindi capisci bene che lavorare in due società sarebbe infattibile. Sì, un po’ di novità ci sono, soprattutto a livello di Staff: abbiamo inserito 3 allenatori nuovi, Stefano Ambrosini, che, dopo aver fatto 3 anni di esperienza a Trento è tornato nella sua patria d’origine; Federico Pozzi, con il quale ho condiviso i 5 anni di CAP e l’anno scorso a Vado; e Guido Griffanti, allenatore di Genova che da quest’anno inizierà a darci una mano con i gruppi del settore Giovanile. Inoltre abbiamo inserito la figura del Fisioterapista Luca Gottingi, anche lui proveniente dall’esperienza CAP. Insomma l’idea è quella di aumentare sempre di più la qualità dello Staff in modo da poter allenare e seguire i ragazzi al meglio.

SBB: Ma la novità in termini di attività è direi quella dell’Eccellenza…

GP: Sì, per quanto riguarda i campionati abbiamo deciso di andare a fare il campionato under 16 eccellenza in Piemonte per cercare di dare l’opportunità a questo gruppo di affrontare un campionato molto competitivo, mentre tutti gli altri parteciperanno per quest’anno ai vari campionati regionali, anche se tutti i gruppi faranno anche il campionato sotto leva in modo da affrontare partite più impegnative. La priorità per noi è la crescita individuale, riuscire a creare giocatori che alla fine del percorso del settore giovanile siano in grado di giocare in una prima squadra possibilmente da protagonisti.

SBB: E pur avendo una palestra a disposizione, comincia a starvi stretta.

GP: Il nostro grande problema è il poco spazio per gli allenamenti, perché con tutti i gruppi che abbiamo il Palasharkers non è più sufficiente; per questo motivo infatti abbiamo cercato nuovi spazi e fortunatamente abbiamo recuperato alcune ore nella palestra del Lago Figoi ed a Genova Pra. Per ovviare a questo ormai insormontabile problema però la società sta progettando la realizzazione di un secondo impianto, un sogno che permetterebbe a tutti, ma soprattutto al minibasket che in questo momento è sacrificato, di fare una più completa attività.

SBB: Una visione ambiziosa che spero si avveri! Grazie, coach, buona stagione!

Auguro alla società pegliese di poter raggiungere il proprio obbiettivo! Magari lo stesso potesse accadere ad altre società, ovviamente non solo a Genova (ma nel capoluogo la problematica è davvero più pressante), e che finalmente si riuscisse ad aggirare uno dei fattori che tanto comprime il nostro sport in Liguria!

Posted in Allenatori, Generale, Giovanili, Impiantistica, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: