SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

"la passione, solo la passione"

Posts Tagged ‘Lega2 Gold’

Amichevole internazionale ad Alassio, cambio di avversaria e di data, si gioca giovedì 17 Casale-Monaco

Posted by superbasketball su 15 settembre 2015

locandina casale-monacoAttenzione! Purtroppo a poco più di 24 ore dall’evento c’è un cambio di programma piuttosto significativo per quanto riguarda l’amichevole tra Junior Novipiù Casale e Olympique Sharks Antibes, che era prevista per domani pomeriggio. Ecco il comunicato della Pallacanestro Alassio, che segnala il cambio di avversaria (A.S. Monaco, comunque sempre dalla serie A francese) e purtroppo anche di data, da domani a dopodomani, con le istruzioni per eventualmente ottenere il rimborso qualora non si possa partecipare:

A causa di numerose indisponibilità Antibes è stata costretta a rinunciare alla partita di Mercoledì ma grazie alla JUNIOR CASALE è stata subito trovata una squadra di pari livello che milita anch’essa in Serie A Francese, L’A.S. MONACO BASKETBALL!!!
La partita però non si disputerà più Mercoledì ma GIOVEDI’ (un giorno dopo) 17 Settembre sempre alle ore 19.00 con biglietteria aperta dalle 17.30. Chi avesse già acquistato il biglietto e non potesse venire giovedì può chiedere il rimborso dello stesso riconsegnando il tagliando.
Costo biglietti:
INTERO 6 Euro
RIDOTTO: 4 Euro
Per informazioni: 3391383659

Annunci

Posted in Eventi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Amichevole internazionale ad Alassio il 16/09/2015

Posted by superbasketball su 26 agosto 2015

Per fortuna non tutti i giorni ci sono solo cattive notizie da dare. Oggi dò spazio ad un evento che porta il basket di alto livello in Liguria, anche solo per una serata. Ricevo infatti, e volentieri vi pubblico, il comunicato della Pallacanestro Alassio che annuncia l’amichevole tra Junior Novipiù Casale e Olympique Sharks Antibes, che si terrà a metà settembre:

52609443_fastweb_casale_basket

Junior Novipiù Casale

Tra meno di un mese ad Alassio si terrà un evento cestistico che non si verificava da molto tempo per gli amanti della palla a spicchi ligure. Mercoledì 16 settembre, alle ore 19, con la biglietteria aperta dalle ore 17,30, si incontreranno in una partita amichevole la Junior Novipiù Casale militante nella Lega Gold Italiana e l’Olympique Sharks Antibes che gioca nel massimo campionato francese.
La Junior Casale ha sfiorato la Serie A1 lo scorso anno ed ha nel proprio roster giocatori come il capitano Niccolò Martinoni che vanta presenze in Nazionale maggiore, l’ala estone Martin Jurtom, le due guardie americane TJ Bray e Brett Alan Blizzard, il senegalese Abdel Kader Pierre Fall, gli italiani Nicola Natali e Giovanni Tomassini, il lungo bulgaro Nikolay Vangelov e i nazionali italiani giovanili Eric Ruiu, Luca Valentini e Giovanni De Nicolao.

Olympique Sharks Antibes

Olympique Sharks Antibes

L’Olympique Sharks Antibes la scorsa stagione sportiva ha vinto i playoff di “Serie A2″ francese ed è stata promossa nel massimo campionato che ha già vinto per ben tre volte nella sua storia. Ottimi giocatori sono i quattro americani Tim Blue, Akil Mitchell, Paul Carter e Will Solomon, il capitano Diarra, il camerunense Junior Mbida, il croato Sime Spralja e tanti validi francesi come Frédéric Bourdillon, Timothé Cabarrot, Karim Atamna, Lesly Bengaber, Sade Aded Hussein, Lens Aboudou e soprattutto il 218 Moustapha Fall.

“La speranza è che ci sia una buona affluenza di pubblico perché questa può essere l’occasione per le grandi squadre di venire a giocare in Liguria incontri di alto livello come non succedeva da tempo. Oltre al palazzetto di Alassio, nel Savonese e nell’Imperiese ci sono altre belle strutture ad Imperia, Loano, Bordighera, Albenga, Quiliano, Varazze, Cairo dove, in caso di successo dell’evento, si potrebbero riproporre incontri di questo livello quindi l’invito è quello di non perdere questa occasione e promuoverla anche perché il tasso tecnico è molto alto“.
Per chi vuol godere di uno spettacolo cestistico a pochi giorni dall’inizio del campionato italiano e francese è un evento da non perdere. Per avere informazioni sui biglietti consentendo ai bambini e alle bambine dei centri minibasket, ai ragazzi delle giovanili, alle famiglie e a tutti gli appassionati di assistere all’incontro si può contattare il numero 3391383659. Il prezzo per l’evento è di 6 euro per il biglietto intero e di 4 euro il ridotto.

Dunque fatevi sotto, prenotate e partecipate numerosi!!!

Posted in Eventi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Coach Costagliola alla conquista dell’Adriatico

Posted by superbasketball su 26 settembre 2013

Massimo Costagliola con la divisa jesina

Massimo Costagliola con la divisa jesina

Ne avevo accennato qualche giorno fa nell’articolo sulla nuova DNC: nel giugno scorso coach Massimo Costagliola ha lasciato il Pool 2000 Loano per cogliere al volo una bellissima occasione, quella di diventare responsabile del settore giovanile di una società prestigiosissima come l’Aurora Jesi. Dal mar Ligure all’Adriatico, seguendo il fil rouge della palla a spicchi…Massimo ha risposto ad una gragnuola di domande che il vostro blogger preferito, o quantomeno il migliore di questo blog (ma anche il peggiore) gli ha rivolto…ecco qua l’intervista!

SBB: Allora Massimo, da 3 mesi sei ormai in riva all’Adriatico. Visto che andandotene hai raccontato sul sito del Pool le tue impressioni alla partenza, salutando e ringraziando tutti, devi ora scrivere la seconda puntata, ovvero raccontarmi, anzi, raccontarci, il tuo impatto con l’Aurora Jesi!

MC: A parte le vacanze nella mia Sorrento dimezzate, direi senz’altro positivo. Ho vissuto l’impatto in due fasi, senza soluzione di continuità infatti dopo le finali nazionali dal 20 Giugno mi sono catapultato al lavoro a Jesi dove sono rimasto sino al 28 Luglio. È stato un periodo molto importante perché ho conosciuto la realtà marchigiana, ho avuto modo di dialogare con le persone dell’ambiente e praticamente ho buttato giù le basi programmatiche andando a lavorare sull’organigramma del settore giovanile, sul reclutamento e sulla divisione dei gruppi. Ritornato il 18 Agosto ed avviata la macchina organizzativa è aumentato il lavoro sul campo, dalla prossima settimana con l’inizio della prima squadra, della DNG e dei vari campionati entreremo a tutti gli effetti a regime.

SBB: L’Aurora è una società pazzesca, arrivata in A1 qualche anno fa e comunque dal 1997 in Lega2 o A2. Di qua sono passati e ancora ci sono fior di campioni e fior di allenatori. Va bene che non sei direttamente impegnato con i senior, ma anche a livello giovanile, del cui settore sei responsabile, l’Aurora ha sicuramente dei target di altissimo livello. Ci racconti come siete organizzati, quante squadre ci sono, quanto staff ci ruota intorno? Nello specifico come si svolge il tuo lavoro?

MC: Diciamo che a Jesi hanno palato fine, qui ha iniziato a farsi conoscere come allenatore seniores Luca Banchi così come coach Andrea Capobianco, attuale Responsabile del Settore Squadre Nazionali, che ha vissuto due annate straordinarie. La cosa certamente mi inorgoglisce e responsabilizza ulteriormente. Il settore giovanile ha vissuto un primo momento di crescita con la precedente gestione, adesso dopo un anno di transizione la società ha deciso di ripartire con un nuovo ambizioso progetto triennale. Dopo due anni di assenza abbiamo così deciso di partecipare nuovamente alla Under 19 Nazionale (attuale DNG) ed abbiamo operato anche un reclutamento extraregionale in tal senso allargando la foresteria a 7 unità. Abbiamo 5 ragazzi che sono inseriti nel lavoro settimanale con la prima squadra, inoltre tutti i ragazzi Under 19 partecipano a fini formativi ad un campionato seniores (serie C e serie D) con due società a noi collegate e totalmente integrate nel progetto. Con gli Under 17 e gli Under 15 partecipiamo ai campionati di eccellenza marchigiana cosi come con gli Under 14 e gli Under 13 a quelli Elite. Considerato che ogni gruppo, inoltre, ha il suo omologo nel campionato regionale arriviamo ad un totale di nove squadre giovanili e due seniores aventi il sottoscritto come riferimento tecnico. Per quanto riguarda lo staff, invece, sono assistito da varie figure dirigenziali per quanto riguarda l’organizzazione e la gestione delle strutture, la logistica e foresteria, i trasporti, e da quest’anno in società abbiamo inserito anche la figura del Direttore Sportivo Giovanile che si occupa in concreto di tutte le operazioni di reclutamento in entrata ed uscita dal settore. Gli allenatori che invece orbitano nel progetto sono dieci, per i campionati di eccellenza prevediamo un allenatore e due assistenti mentre per gli altri gruppi sempre una coppia, fortunatamente abbiamo a disposizione quasi full time nel pomeriggio un preparatore atletico che segue con almeno un intervento ogni gruppo a partire dagli esordienti sino all’Under17. Questo è tutto quello che riguarda la “squadra” Aurora perché poi c’è il programma Teammates già partito da anni che coinvolge una decina di società affiliate e vogliamo implementare e migliorare.
Nello specifico, quindi, per quanto riguarda le mie competenze, oltre al lavoro organizzativo e gestionale nel raccordare tutte queste figure allenerò la squadra DNG ed il gruppo molto interessante degli Under15.

SBB: Discorso impianti: mi preme perché tu sai quanto in Liguria ci sia da fare, anche se magari a Loano si può dire che la situazione non fosse malaccio, in confronto ad altre località, Genova in primis…voi dove vi allenate, dove giocate?

MC: Anche da questo punto di vista sono cascato più che bene. Come Loano, infatti, anche Jesi è una città europea dello sport, un riconoscimento che viene assegnato in base agli standard qualitativi delle strutture che una città può offrire. Noi possiamo contare sulla Palestra “Primo Novelli” che è una struttura di nostra proprietà, utilizzabile 24h, che ha il suo unico neo nelle dimensioni ridotte del campo visto che poi è completa di segreteria, ufficio allenatori, sala video e sala pesi. Qui svolgiamo tutta l’attività delle fasce alte del Minibasket e di quelle basse del settore giovanile, poi ci lavoriamo per gli allenamenti integrati individuali e di squadra con il preparatore fisico in modo da usufruire della sala pesi e di quella video. Oltre a questa completiamo l’attività dividendoci tra il PalaTriccoli, dove destiniamo la serie A e le squadre seniores oltre alla DNG, ed un’altra struttura fresca di inaugurazione con ottimo parquet e tribuna per 500 persone dove giochiamo i campionati giovanili di eccellenza.

SBB: Quali sono i campionati giovanili nei quali riponete le maggiori speranze? Quali le avversarie principali?

MC: Su questa domanda mi trovi un po’ disorientato. In questa prima parte della stagione più che fare il ranking o i pronostici ci siamo dedicati principalmente alla costruzione delle fondamenta, delle basi su cui incentrare il lavoro nei prossimi anni, siamo molto più proiettati ad un percorso di crescita che ad un discorso immediato di risultati. Anche il reclutamento dei ragazzi per la DNG è stata fatta in ottica biennale, siamo all’anno di partenza di un progetto che dovrà dare i suoi frutti nel tempo e per questo motivo voglio far passare il concetto di guardare aldilà della singola vittoria o sconfitta e focalizzare l’attenzione sull’insieme che si sta cercando di creare. Certo che se vinciamo i derby nei vari campionati con Pesaro male non è!!!

SBB: Magari è troppo presto, in fondo la stagione deve ancora iniziare, ma quali sono i prospetti migliori (si dice così nel “gergo degli addetti ai lavori” no?) che Jesi sta coltivando?

MC: In effetti è troppo presto, in questa prima fase ci siamo concentrati molto sulla costruzione di gruppi di lavoro omogenei. Nel mio modello viene prima la squadra poi il singolo, per questo mi piace segnalare che abbiamo sicuramente degli ottimi gruppi su cui lavorare nel tempo all’interno dei quali ci sono diversi ragazzi interessanti per ogni annata. Noi come staff abbiamo l’onere di seguirli con competenza e passione nel loro percorso mentre compito dei ragazzi sarà quello di lavorare con umiltà e spirito di sacrificio per esplorare il massimo del loro potenziale. Nel tempo vedremo cosa riusciremo a produrre in termini di giocatori, ci vuole il tempo che ci vuole.

SBB: Due parole sulla prima squadra sono d’obbligo: cosa potrà fare il gruppo allenato da Piero Coen? E quali sono le tue impressioni a vedere da dentro il lavoro che si fa a questo livello, con americani, ex nazionali, campioni d’Europa giovanili, eccetera?

IMG_0929MC: Ci vorrebbe la sfera di cristallo!!! Quest’anno il campionato di Legadue Gold è veramente di gran livello con diversi campioni scesi al piano di sotto, le squadre sono molto attrezzate e le piazze che vi partecipano sono veramente affamate di gran basket. Noi non dobbiamo fallire l’obiettivo postoci dalla società che è quello di ricreare il feeling ed il connubio con il pubblico un po’ perso negli ultimi anni poco soddisfacenti. Questo può avvenire sia raggiungendo il traguardo dei playoff sia battagliando con ardore su ogni campo facendosi apprezzare per le qualità morali di gruppo. Da questo punto di vista credo che coach Piero Coen, lo staff tecnico, alcuni giocatori come Mason Rocca e Michele Maggioli siano una garanzia. Il gruppo nelle prime uscite amichevoli ha dimostrato già un ottimo livello di coesione con delle gerarchie in campo e fuori già ben definite. Sul lavoro a livello seniores rispetto a quello giovanile, ovviamente c’è grande differenza. In Legadue si allenano giocatori già pronti e il compito del coach è quello di cercare di sfruttare al meglio le loro qualità nascondendone spesso i limiti; a livello giovanile gran parte del lavoro viene proprio incentrato invece sull’acquisire nuove conoscenze fornendo agli atleti gli strumenti tecnico-tattici, fisici o psicologici per superare quei limiti.

SBB: A Trapani si è creato un mini-“polo ligure”, con Lardo e Renzi. Da queste parti molti seguiranno le loro prestazioni con un occhio di riguardo e magari un po’ di tifo…

MC: Con Lino ci siamo salutati la settimana scorsa in occasione di un’amichevole a Jesi. Allenare a Loano mi ha dato la possibilità di conoscere una gran persona e di trovare modo di confrontarmi con lui spesso su vari argomenti. Direi che anche lui a Trapani è all’anno zero di un progetto importante, ha costruito una squadra già molto interessante dove spiccano atleti di interesse nazionale come Renzi, Ferrero o Baldassare e sono sicuro che farà bene, io non posso che rinnovargli pubblicamente un grosso in bocca al lupo.

SBB: E adesso ti riporto in Liguria, quantomeno con il pensiero. Hai seguito immagino gli sviluppi estivi, con il tuo Loano promosso in DNC…dal tuo osservatorio come vedi quel campionato e, se hai seguito sino a quel dettaglio, cosa pensi della C regionale di quest’anno, con il Sestri Levante ridisceso nella mischia ligure?

MC: Il mio pensiero torna a Loano più spesso di quanto immagini, mi sento quotidianamente con tutte le persone dello staff a cui sono legato da rapporti profondi. Il “tuo” Loano però è un’affermazione grossa, mi fa piacere ma non mi appartiene. Preferisco che si parli in termini plurali, di “NOI”, della “FAMIGLIA” a cui ho fatto parte in cinque anni stupendi. A Loano abbiamo creato un modello meraviglioso, non nego che nel mio nuovo mandato cerco di ispirarmi quotidianamente al vissuto ligure e fare tesoro delle esperienze maturate. Sono felicissimo della promozione estiva, lo smacco della retrocessione era un sasso nella scarpa che mi faceva malissimo. Sento di aver contribuito a riportare la società al livello in cui ha meritato di stare in questi anni e sono contento che i ragazzi possano quest’anno fare un campionato come la DNC che sicuramente offrirà loro grande possibilità di crescita. Preso dalle mie vicende non ho seguito bene il mercato estivo in DNC, mi mancherà però sicuramente partecipare all’ennesima serie di derby contro il Follo del patron Amadori. A livello regionale mi pare che il livello si alzi sempre di più sia con la partecipazione di vari club importanti come Sarzana o Sestri Levante sia con la partecipazione di giocatori di categoria superiore, credo sarà un bel campionato avvincente e spero che dia ulteriore slancio al movimento ligure che in questi ultimi anni è cresciuto tanto.

SBB: Grazie coach, intanto ti rifaccio l’in bocca al lupo per questa avventura; poi, fermo restando che magari di puntate ne aggiungeremo una terza e poi magari anche delle altre, ti lascio la parola per concludere con quel che vuoi tu: salutare Tizio, Caio e Sempronio, o declamare la Divina Commedia, o spiegarci il significato ultimo della pallacanestro e rivelarci lo “Schema Infallibile”, vedi tu, spazio libero!

MC: Mah, spero che le mie avventure in giro per l’Italia non diventino una saga mediale stile Beatiful. Declamare la Divina Commedia la vedo difficile se non impossibile, agli schemi infallibili non ci credo mentre il significato ultimo della pallacanestro è quello di fare centro! È quello che sicuramente sento di aver fatto scegliendo di allenare a Loano cinque anni fa, la palla però comunque me l’ha passata qualcuno e quindi colgo nuovamente occasione di ringraziare Stefano Dellacasa, Marco Prati, Piero Guarnieri e tutti quelli che mi sono stati vicini in questi anni liguri. Dal confronto quotidiano con queste persone sono cresciuto come persona ed allenatore meritandomi questa chance importante a Jesi. Un saluto, inoltre, a tutti gli addetti ai lavori del basket ligure e l’invito a fare meno “mugugno”, i sogni nella vita si possono realizzare…basta crederci!!!

SBB: Sai com’è, il mugugno è libero qui 😉 , comunque mi associo!

Posted in Allenatori, Giovanili, Legadue | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: