SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

Posts Tagged ‘Passiatore’

XII Clinic “Vittorio Cavaleri” – La Parte Dirigenziale: ottimo livello, partecipazione “rivedibile”. Ne parliamo con coach Passiatore

Posted by superbasketball su 24 aprile 2018

Sabato 21 aprile, nella sede del CONI genovese, la “Casa delle Federazioni, si è svolta la parte dirigenziale del XII Clinic “Vittorio Cavaleri”, organizzata da Ardita Juventus 1906, Amici di Vittorio e Comitato Regionale FIP Liguria. Era rivolta ai dirigenti liguri e a chiunque sia coinvolto, o sia sensibile, alle questioni manageriali delle società.

IMG_5625

Da sinistra a destra: Martelli, Bennati, Bruttini, Caroli, Molisani, Passiatore

Al tavolo dei relatori si sono alternati tre esperti, anche questa volta mescolati tra basket e calcio, che hanno portato la loro esperienza nel campo su vari argomenti, secondo il programma che vi riporto nuovamente:

  • ore 10,00-11,00 Dott. Fabio Bruttini (Presidente Virtus Siena) con argomento : “50 Anni di Basket: la Virtus Siena con il suo Settore Giovanile e tanto altro”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Marco Martelli (Direttore Generale Junior Casale) con argomento: “Junior Casale: identità ed engagement del territorio”;
  • ore 12,00-13,00 Dott. Marco Caroli (Direttore Marketing U. C. Sampdoria e fondatore di Smart Sport agenzia di comunicazione e marketing) con argomento: “L’evoluzione delle sponsorizzazioni sportive”.

Prima del seminario, nell’introduzione, importante quello che ha annunciato il presidente FIP Liguria Bennati (e che potete ascoltare nel video della sintesi qui sotto): nel prossimo Consiglio Federale la FIP varerà l’obbligo, per tutte le società che vogliono fare attività di pallacanestro, dall’Under 13 sino alla A1, di avere un dirigente formato in un corso nell’istituenda Scuola Permanente di Formazione per Dirigenti della Pallacanestro. Si tratta sicuramente di un passaggio importante e delicato, si può discutere sull’obbligo, ma che la formazione dei dirigenti sia diventata non procrastinabile credo sia abbastanza condivisibile. Vedremo come saranno le modalità.

Ma torniamo al seminario. Non ve ne faccio volutamente una relazione “puntuale”: nella sintesi video potete ascoltare qualche passaggio, ma è soprattutto importante che si capisca che è stata un’occasione in cui i relatori hanno condiviso la loro esperienza, Bruttini è presidente della Virtus Siena dal 1989, ha preso il posto di Drocchi alla presidenza di LNP sino alla riforma, e dalla sua società, e dal settore giovanile, in cui sono state investite ingenti risorse, sono uscite decine di giocatori e di tecnici; Martelli,  Direttore Generale del Casale dal 2014, ha dato davvero l’idea di cosa vuol dire avere una società radicata nel territorio e moderna, capace di interagire con i fan e con i media intercettando le preferenze del proprio pubblico ma anche dei propri sponsor; Caroli, Direttore Marketing della Sampdoria dal 2004, ma anche impegnato con Smartsport in altre discipline, ha tracciato paralleli con le realtà del calcio, anche all’estero, e raccontato come si può arrivare ad avere 10 milioni di euro all’anno dalle sponsorizzazioni, ma avere ancora margini di miglioramento imparando dalle eccellenze in ogni settore.

Qui sotto, le mie foto e il mio video di sintesi.

XII Clinic Cavaleri Parte Dirigenziale.

.

Naturalmente come sempre torno da coach Passiatore per avere le sue impressioni, che in parte ha già dato direttamente sul posto!

SBB: Allora Stefano, abbiamo lasciato passare un paio di giorni dal seminario di sabato scorso, in modo da poter far un po’ sedimentare le impressioni. Chi c’era si è fatto le sue, e secondo me è tornato a casa con un bel po’ di idee in più che giravano per la testa, chi non c’era può vedere qualcosa nel video che trova qui sul mio blog. Credo sia stata come al solito un’occasione utile, che molti si son lasciati sfuggire.

IMG_5608SP: Ciao Braun, a te e ai tuoi lettori! Sabato mattina è stata un’ottima occasione per sentire parlare tre relatori che hanno ben illustrato le loro realtà. Marco Martelli ci ha fatto entrare nella realtà Casale Monferrato (a noi molto vicina) occando molti punti di organizzazione societaria. Il dottor Bruttini ci ha coinvolto nella sua storia pluriennale nel mondo della pallacanestro e della sua Virtus Siena (non sapevo di Gallinari quasi a Siena, il cuore della mamma lo ha poi mandato a far le fortune di Casalpusterlengo) con il forte attestato tecnico per Coach Umberto Vezzosi (lanciatore di giovani ed allenatori) mentre il dottor Caroli ha dato molte info circa la Sampdoria, il Ravano ed anche il mondo delle sponsorizzazioni …tutto molto interessante anche per me che sono più un uomo di “palestra”.

SBB: Se ci sarà quanto annunciato dal presidente Bennati, con la scuola per dirigenti obbligatoria per almeno un dirigente per società, io spero che in qualche modo questo tipo di seminario entri nel “circuito” della formazione. Magari l’affluenza cambierà, anche se sarebbe bello non fosse necessario inserire questo tipo di stimoli per avere più partecipazione.

SP: Verissimo. Ottima iniziativa della Federazione centrale, credo anch’io che potrebbe aiutare ad avere più seguito, anche con gli allenatori (i famosi PAO) alla fine è andata così.

SBB: I relatori sono stati tutti interessanti, perché Virtus Siena, Casale e Sampdoria sono esempi di grande livello. Come dicevo altrove, anch’io sono un dirigente, del mio blog 😉 , e ovviamente sono stato più attirato da quei punti nelle presentazioni in cui si ragionava sui rapporti con i media, e vorrei citare soprattutto l’intervento di Martelli quando sottolineava che per il rilancio della loro parte comunicativa è bastato investire in una telecamerina e un PC, alla portata di quasi tutte le società anche piccole! Che non è molto diverso da quello che faccio io, che faccio le dirette con il cellulare, e vedo che la cosa si sta abbastanza diffondendo infatti. Tu, da tecnico, su cosa ti sei sentito più coinvolto?

SP: Martelli ha deliziato con la sua relazione i partecipanti (nota di merito per due dirigenti in arrivo da Livorno: Fabio Poggianti e Paolo Capitani) facendo vedere che non servono molti denari per migliorare alcune parti dirigenziali (certo poi bisogna essere bravi a trovare i giusti e bravi collaboratori) ma investire sulla passione sembra porti buoni risultati visto che a Casale stanno facendo più spettatori di quando era in serie A1. La frase importante (keywords) “laboratorio di talento” mi è piaciuta molto: spero che un giorno potremo vantarcene anche noi dell’Ardita (nel nostro piccolo ovviamente).

SBB: Interessante secondo me anche la discussione sull’incentivazione all’attività giovanile, che secondo Bruttini è stata comunque penalizzata dall’abolizione dei “cartellini”; risulta che i NAS e i premi, come quelli che peraltro ad esempio Casale ha ottenuto, non bastano, sono solo palliativi rispetto ai costi di un settore giovanile di alto livello.

SP: Gli introiti dalla formazione di giocatori che vanno poi a giocare in realtà importanti ovviamente sono stati il centro della discussione generale. Ovvio che si potrebbe fare di più (FIP e Lega) per incentivare le società virtuose che fanno settore giovanile e producono giocatori per i campionati senior. Tutti e due i relatori del basket sono d’accordo. Mentre del calcio ovviamente colpiscono sempre le cifre, ed anche che il 90% degli sponsor della Sampdoria sono “foresti”.

SBB: Se poi, come affermato da Caroli, una società come la Sampdoria pensa davvero di diventare una polisportiva (e chissà che non spinga altri ad emularla), forse potremmo entrare in una fase nuova anche per il basket, e in particolare a Genova. Che ne pensi?

SP: Potrebbe effettivamente aprire degli scenari importanti. Speriamo che ci possa essere una realtà cestistica cittadina che possa approfittare di tale eventuale opportunità.

SBB: Tu hai avuto modo anche di chiacchierare un po’ di più con i relatori, hai qualche loro impressione da riportare?

SP: La loro forma mentis è sempre quella di portare la loro esperienza e lavoro a favore del movimento (i relatori sempre disponibili anche a favore di una piccola società come la nostra dell’Ardita), per cui non si fanno problemi se devono parlare davanti a 10 oppure 100 persone, ma ovviamente il movimento dirigenziale ligure (cittadino e non) non ha fatto proprio una bella figura. Peccato perché le tre relazioni sono state molto interessanti. Speriamo per la prossima edizione. Noi persevereremo e, speriamo, anche il presidente Bennati.

SBB: Bene. Appuntamento allora a dopo l’estate con il Clinic tecnico?

SP: Certamente! Come dici tu (che sei bravo): save the date! Domenica 30/09/2018 mattina probabilmente al PalaCUS, come al solito. Grazie per lo spazio e grazie a coloro che hanno partecipato in platea (le domande sono state copiose). Grazie anche a Massimo Salomone della Virtus Genova, Max Rossi e Pino Gonella di CUS Genova, due dirigenti del calcio, Roberto Contri (ideatore del Seminario), e tutto lo staff societario Ardita, schierato al gran completo e attento alle relazioni (molte domande di Valerio Livoti). Alla prossima, e grazie a te Braun per il solito aiuto mediatico.

SBB: Perfetto, ciao!

E allora, vedremo come sarà la questione l’anno prossimo, ma io spero che per la prossima edizione possiamo parlare di una sala piena…chissà, magari ci saranno i punti obbligatori 😉 …

Annunci

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

XII Clinic “Vittorio Cavaleri” – Sabato 21 aprile al CONI di Genova la Parte Dirigenziale, intervista con Stefano Passiatore

Posted by superbasketball su 16 aprile 2018

Vi avevo promesso di tornare a presentare il seminario dirigenziale del Clinic “Vittorio Cavaleri” che si terrà nella mattinata di sabato 21 aprile, nella sede del CONI genovese, ed eccomi qua. Lo faccio come al solito insieme a coach Passiatore dell’Ardita Juventus 1906, che insieme agli Amici di Vittorio e al Comitato Regionale FIP Liguria ha preparato questa edizione.

SBB: Ciao Stefano! Allora, ne abbiamo già parlato in occasione del nostro Pesce d’Aprile, per il quale naturalmente ci aspettiamo la nomination all’Oscar, niente di meno 😉 , ma ci torniamo ovviamente su perché allora non avevamo potuto parlare dei dettagli. Ormai è un appuntamento fisso, la FIP Liguria ha infatti ormai inserito questo seminario nel suo calendario, insomma torna il Memorial Cavaleri nella sua versione Dirigenziale, con il seminario presso la Casa delle Federazioni.

SP: Buongiorno a te ed ai tuoi lettori! Grazie per la nomination (cosa mi riesci a far fare !!) ma preferisco parlare di una cosa a cui teniamo molto ed è la Parte Dirigenziale della Dodicesima edizione del Clinic Cavaleri. Sabato mattina prossima (21/04/2018 ore 10/13) saremo in casa FIP (Casa delle Federazioni, Salone delle Riunioni) ad aggiornarci con il lavoro fatto e spiegato da tre relatori di assoluto livello.

SBB: Il format non cambia, perché i relatori sono tre, due affermati dirigenti del mondo del basket prima di tutto, e poi la solita escursione fuori dalla palla a spicchi per carpire qualcosa, anche questa volta dal mondo del calcio. Raccontiamo chi sono gli ospiti di sabato prossimo?

SP: Bene! Fabio Bruttini, una vita all’interno del basket, sarà bello sentire come ha lavorato in tutti questi anni per portare e tenere ai vertici del panorama giovanile e non la sua Virtus Siena, oltre ai numerosi aneddoti sul nostro mondo del basket nazionale visto che ha anche avuto dei ruoli di assoluto prestigio come Dirigente di Società e di Lega. Marco Martelli (d.G. Junior Casale Monferrato), altro ottimo dirigente che ha saputo lavorare al meglio vicino ad esperti del settore per poi provare a farcela con le proprie gambe e con le proprie idee. Ottimo ascoltarlo anche su come riescono ad essere ben radicati sul territorio, ci sarà da prendere molti appunti! Marco Caroli (direttore Marketing U.C. Sampdoria) ci darà anche la versione dei cugini blucerchiati di come si lavora in una città prettamente calciofila e ci permetterà di colmare una lacuna (l’altra metà della Genova calcistica) visto che abbiamo avuto già un dirigente del Genoa Calcio. Spero in una buona affluenza anche di dirigenti del calcio ligure, in assoluta tendenza come lo scorso anno.

SBB: Virtus Siena, Casale e Sampdoria sono società dalle quali c’è certamente molto da imparare, e l’esperienza che si sono fatti i tre relatori, Bruttini addirittura da 30 anni presidente, sarà credo sicuramente di grande interesse per chi vorrà venire al CONI.

SP: Essere presenti a queste occasioni di aggiornamento per Dirigenti (tra l’altro ancora molto poche sul territorio nazionale, per cui questa è un’assoluta delizia che la FIP Liguria mette sul tavolo per i dirigenti del movimento ligure) è fondamentale se si vogliono far fare dei salti di qualità alle proprie realtà societarie. Vedere come lavorano ottimi dirigenti nel loro ambito può aiutare molto a capire se ci possano essere delle occasioni da sfruttare anche da noi in Liguria.

SBB: Quindi chiamiamo a raccolta i dirigenti liguri, ricordando che la loro figura dalle nostre parti coincide molto spesso anche con gli allenatori, che spesso devono cambiare cappello e ricoprire entrambi i ruoli

SP: Eh sì spesso gli allenatori di molte realtà sono anche dirigenti, ed infatti in questi due anni abbiamo avuto un’ottima affluenza di allenatori, ma iniziano ad essere presenti anche Dirigenti puri, per cui spero vada sempre meglio.

SBB: Perciò, tutti al CONI di Genova sabato mattina! Magari possiamo dare anche qualche consiglio logistico per chi volesse arrivare sul posto con i mezzi propri.

SP: Certamente: l’orario aiuta, la posizione pure, per cui sia con mezzi propri (auto, molti i parcheggi vicino alla FIP, oltre che in moto, spazi anche per loro nella piazzetta superiore davanti alla chiesa), oppure con i mezzi pubblici vi aspettiamo numerosi sabato prossimo. Grazie mille a te Bruno per il risalto che dai alle nostre iniziative a ricordo di Vittorio Cavaleri. A sabato allora!

Vi ricordo il programma della mattinata (e, no, non ci sono punti PAO, perché non è un clinic per allenatori, ovviamente):

  • ore 10,00-11,00 Dott. Fabio Bruttini (Presidente Virtus Siena) con argomento : “50 Anni di Basket: la Virtus Siena con il suo Settore Giovanile e tanto altro”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Marco Martelli (Direttore Generale Junior Casale) con argomento: “Junior Casale: identità ed engagement del territorio”;
  • ore 12,00-13,00 Dott. Marco Caroli (Direttore Marketing U. C. Sampdoria e fondatore di Smart Sport agenzia di comunicazione e marketing) con argomento: “L’evoluzione delle sponsorizzazioni sportive”.

A sabato!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

XII Clinic “Vittorio Cavaleri” – Sabato 21 aprile al CONI di Genova la Parte Dirigenziale

Posted by superbasketball su 10 aprile 2018

Il seminario dirigenziale del Clinic “Vittorio Cavaleri” è diventata ormai un appuntamento fisso nel panorama degli eventi liguri. Nella  mattinata di sabato 21 aprile, nella sede del CONI genovese, la “Casa delle Federazioni” in viale Padre Santo 1, Ardita Juventus 1906, Amici di Vittorio e Comitato Regionale FIP Liguria, convocano tutti gli interessati, ovvero i dirigenti liguri e chiunque sia sensibile alle questioni manageriali delle società, per seguire gli interventi di tre relatori anche questa volta con provenienza di ampio respiro, che esula anche dalla pallacanestro per sconfinare, come è ormai abituale, nel mondo del calcio.

FB_IMG_1491646809911

Foto di gruppo dei relatori del Clinic Dirigenziale 2017

Questo è il programma della mattinata:

  • ore 10,00-11,00 Dott. Fabio Bruttini (Presidente Virtus Siena) con argomento : “50 Anni di Basket: la Virtus Siena con il suo Settore Giovanile e tanto altro”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Marco Martelli (Direttore Generale Junior Casale) con argomento: “Junior Casale: identità ed engagement del territorio”;
  • ore 12,00-13,00 Dott. Marco Caroli (Direttore Marketing U. C. Sampdoria e fondatore di Smart Sport agenzia di comunicazione e marketing) con argomento: “L’evoluzione delle sponsorizzazioni sportive”.

Credo che le società di provenienza non abbiano bisogno di presentazioni. Bruttini è presidente della Virtus Siena (oggi in C Gold toscana, ma in precedenza in B d’Eccellenza, A Dilettanti, DNA, DNB, serie B, ma anche C regionale e C Silver) dal 1989, rinnovato nel 2016; Martelli, di estrazione tecnica, è Direttore Generale del Casale dal 2014, e ha già avuto vari riconoscimenti (premi nel 2014 e 2018) per il suo lavoro; Caroli è Direttore Marketing della Sampdoria dal 2004, e quindi può portare un’esperienza ultradecennale a livelli di assoluta eccellenza.

Intanto segnatevi la data perché il seminario si è dimostrato sempre molto interessante e merita abbondantemente le 3 ore spese, quindi dovete venire; in ogni caso tra qualche giorno ve lo ricorderò ancora 😉 .

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Serata di presentazione per un libro sul Clinic Cavaleri e un romanzo pieno di basket genovese di coach Passiatore

Posted by superbasketball su 1 febbraio 2018

Il Clinic “Vittorio Cavaleri” è un ospite fisso di questo blog: sicuramente dalla terza edizione in poi potete trovare andando a ritroso tutte le notizie relative (mettete “Cavaleri” nella casella “Cerca” in alto a destra e vi esce tutto quello che volete). Ieri sera all’Ardita Juventus, ovvero nella sede storica di via Serra Gropallo a Nervi, si è riparlato di Vittorio Cavaleri perché sono state presentate due pubblicazioni legate in vario modo alla figura dello storico dirigente e allenatore nerviese. Libri sul basket genovese non è che ne escano tutti i giorni, stavolta 2 in un colpo solo, capirete quanto la cosa fosse speciale!

La prima è una pubblicazione prettamente tecnica, ovvero gli “atti” di tutte le prime 10 edizioni del Clinic “Vittorio Cavaleri” per allenatori. Grazie al lavoro dei tre autori Fulvio Chiesa, Gaetano Frongia e Stefano Passiatore, le lezioni di tutti i relatori sono state raccolte tutte insieme, completate dai diagrammi degli esercizi, un plus che raramente si vede e che nella realtà italiana potrebbe anche essere un unicum. Lavoro certosino ed utilissimo, un condensato di cultura cestistica decisamente pregnante! In realtà, oltre all’arida (mica sempre) descrizione dei segreti del nostro sport, nel libro sono contenuti ricordi di Vittorio Cavaleri che alcuni amici e collaboratori hanno voluto/saputo scrivere su “istigazione” di coach Passiatore: questi ricordi fanno da intercalare tra le varie edizioni e aggiungono una dimensione a questo bel manuale di pallacanestro.

La seconda è una cosa completamente diversa: coach Passiatore si è cimentato in un’opera narrativa, in cui il basket è però assolutamente centrale. In una Genova da universo parallelo si seguono le storie di un coach, Stefano Pastore (eh ma così ti sgamano coach!) e di Alice Taylor, una giocatrice americana della squadra di serie A femminile genovese (Dinamo Genova); c’è anche una squadra giovanile dell’Ardita. La particolarità è che questi due personaggi sono attorniati da molti altri che invece sono protagonisti del vero basket genovese e ligure, con i loro veri nomi, ovviamente in situazioni simili ma un po’ diverse dalla realtà: in primis, ovviamente, Vittorio Cavaleri, ma anche tanti altri. E, tant’è, ci sono indegnamente anch’io (!). Un modo insolito di parlare dell’ambiente della nostra pallacanestro e di farlo, da parte di Stefano, nominando tanti di quelli con cui ha avuto a che fare nel vivere la sua vita cestistica. Di più non posso dire perché il libro lo devo ancora leggere (e soprattutto, devo trovare dove vengo nominato)! Anzi, sì, qualcosa lo dico, senza spoilerare troppo: il titolo perbacco! Si chiama “Una stagione lunga una vita”. Edizioni Ardita.

Il tutto è stato presentato ieri sera in una sala della sede Ardita, in cui Stefano Passiatore ha radunato molti di quelli che ha incluso nel suo libro: allenatori, dirigenti, giocatori e giocatrici, giornalisti veri e anche finti come me, amici e collaboratori. Dopo l’introduzione affidata a Lorenzo Mangini, e il preambolo di Passiatore e del presidente Ardita, e padrone di casa, Molisani, coach Passiatore ha man mano nominato i presenti, chiamati per omaggiare loro copie dei libri, e molti hanno anche offerto un loro ricordo di Vittorio Cavaleri, e le loro sensazioni della serata. Come dite? Non siete stati invitati, o lo siete stati ma eravate impossibilitati a partecipare? Nessun problema, qua sotto c’è il video dell’evento, e qualche foto. L’unica cosa di cui non potrete godere è il rinfresco!

2018-01-31 Presentazione libri ad Ardita Juventus.

.

Dato che il mitico Carlo Besana è stato più veloce di me, vi linko anche il suo articolo sul suo blog personale che aggiunge molto alla mia descrizione.

E complimenti a coach Passiatore, agli altri autori Chiesa e Frongia, all’Ardita Juventus e in generale a tutti quelli che si sono adoperati per la realizzazione dei libri!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »

XI Clinic “Vittorio Cavaleri” – Ancora un pienone al PalaCUS per Greco, Moretti e Floris

Posted by superbasketball su 5 ottobre 2017

Il Clinic “Vittorio Cavaleri”, che quest’anno è arrivato alla undicesima edizione, e che ormai ha acquisito rilevanza nazionale, ha riempito domenica scorsa le tribune del PalaCUS, per la gioia degli organizzatori che hanno ottenuto quindi di onorare ancora una volta il ricordo dello scomparso dirigente Ardita con un evento ben partecipato. Il seminario si articolava, come sempre, in tre lezioni, con tre relatori diversi, sulle tre categorie del Minibasket, delle giovanili e delle squadre senior: anche quest’anno i tre interventi sono stati di buon livello.

Come sempre ho ripescato coach Passiatore per fare il punto qualche giorno dopo l’evento, in più vi aggiungo le mie foto e il mio video.

SBB: Ciao coach, anche quest’anno possiamo dire che il Clinic Cavaleri è andato in archivio? Direi che anche quest’anno l’affluenza è stata ragguardevole, e per una volta non ci sono stati neanche particolari problemi di rumore dalle tribune! E anche lo spostamento alla domenica direi che non ha creato contraccolpi.

SP: Buongiorno Braun, e buongiorno ai tuoi lettori. Ebbene sì, tutto bene sia per l’elevata qualità delle relazioni tecniche che per l’affluenza. Anche la giornata di domenica ha aiutato a far sì che tutto filasse liscio.

SBB: Sempre interessanti le relazioni, detto anche da uno come me che non ha formazione specifica. A me hanno colpito le considerazioni di Moretti sulla zona da non demonizzare ma piuttosto da metabolizzare per poterla attaccare senza paure, e la chiacchierata finale di Floris che ha richiamato tutti a fare la propria parte per il miglioramento anche “rivoluzionario” del nostro basket.

SP: Coach Moretti (dopo l’esonero dello scorso anno a Varese), a dirla con parole sue, era un mesetto che scaldava i “motori” per poter rientrare in campo. Mi ha colpito perché allenare è proprio un lavoro particolare se uno bravo come Moretti deve stare (per il momento) in standby. Speriamo di portargli fortuna. Floris ha fatto un’ottima lezione ed effettivamente l’applauso finale alla sua relazione è stato prolungato e per niente scontato. Si vede che la platea ha gradito il lavoro fatto sul campo ed anche le motivazioni che stanno dietro al suo “allenare”. Greco, per il Minibasket, ha portato un’ottima lezione che ha entusiasmato anche il figlio di Floris (un poco più piccolo per la categoria Aquilotti/Gazzelle).

SBB: Sei riuscito ad avere da loro qualche impressione sulla giornata?

SP: Tutti e tre molto felici di aver potuto condividere il loro modo di lavorare con una platea un poco distante (come chilometraggio) dalle realtà dove operano.

SBB: Dopo undici edizioni, non sarà facile trovare qualcuno nuovo per l’anno prossimo! Chi ti resta? 😉

SP: Effettivamente! Per il MB diciamo che cadiamo sempre in piedi, il DT Cremonini manda sempre qualcuno valido al nostro Clinic; ma mentre per il settore Seniores la scelta è abbastanza ampia, nel settore giovanile lo è un poco meno. Cercheremo di andare a scovare i nuovi Guru del settore!

SBB: Prima di chiudere, diamo una notizia, dopo un tot di anni sabbatici sei di nuovo su una panchina (giovanile)…

SP: Sì ho ripreso in mano una squadra Under 18 regionale all’Ardita! Dopo 10 anni dall’ultimo anno Effe 2000 è stato un poco difficile rimettere tutto a regime: fermo completamente non sono mai stato (a volte mi chiamavano per allenamenti a tema) ma fortunatamente i ragazzi (pochi, 9) sono entusiasti e seguono molto. Il 23/10 iniziamo a Pontremoli il campionato, Speremmu di non aver perso il tocco!

SBB: Spazio ringraziamenti!

SP: Grazie veramente a tutti. Alla FIP Liguria (anche per il riconoscimento legato allo sviluppo del Cavaleri), all’Usap Liguria, allo staff Ardita, alla società Ardita, a te ed al grande Lollo Mangini ed al nutrito gruppo “Amici di Vittorio” comprendente molte persone che gli hanno voluto bene e che aiutano, chi fattivamente ed altri economicamente, a far sì che tutto ciò possa continuare (Chessa Alberto, Morandi Marco, Covi Stolfa da Trieste, Giulia Scarsi da Nashville, Paolo Mattioli, Roberto Contri, Massimo Salomone, Ferrari Matteo, Palermo Riccardo, Cavaliere Francesco).Un grazie anche a tutti coloro che non mancano mai al nostro evento…Un abbraccio e buon Basket a Voi.

SBB: Grazie coach, bel lavoro e in bocca al lupo per la tua stagione!

Qui sotto le mie foto (mooooolto artigianali) e un video non integrale ma che bene o male credo dia (oltre al mal di mare per le oscillazioni della telecamera) un’idea della mattinata passata in valletta Puggia. Magari dovrete alzare un po’ il volume.

2017-10-01 XI Clinic Cavaleri.

.

Ancora complimenti a coach Passiatore e a tutti quelli che si sono adoperati per il clinic, e appuntamento all’anno prossimo!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

XI Clinic “Vittorio Cavaleri” – Il resoconto del seminario dirigenziale, altre quattro chiacchiere con coach Passiatore

Posted by superbasketball su 12 aprile 2017

Chi di voi sabato mattina ha preferito qualche altra attività alla partecipazione al seminario dirigenziale del XI Clinic “Vittorio Cavaleri”, troverà qui qualche motivo di fare una scelta diversa l’anno prossimo.

Nella mattinata di sabato 8 aprile infatti, nella Casa delle Federazioni, in viale Padre Santo 1, a Genova, abbiamo assistito a 3 relazioni decisamente interessanti per i dirigenti cestistici liguri, e anche per chi, come me, dirige solo il suo miserrimo blog (ovvero, dirige se stesso).

Come ricorderete, questo seminario è stato introdotto l’anno scorso in occasione della decima edizione del Memorial, ed è organizzato da Ardita Juventus, Amici di Vittorio e Comitato Regionale FIP Liguria, e in particolare da coach Stefano Passiatore, col quale ho fatto di nuovo quattro chiacchiere come scusa per raccontarvi quel che è successo. Questo era il programma:

  • ore 10,00-11,00 Dott. Salvatore Trainotti (General Manager Aquila Trento Lega Basket Serie A) con argomento : “Evoluzione societaria dalle Minors fino alla Serie A ed esperienza del Consorzio”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Alessio Vernazza (Resp.le Org. ed Amm. Settore Giovanile Genoa CFC) con argomento: “Costruire dal basso: programmazione, organizzazione e … passione”;
  • ore 12.00-13,00 Dott. Julio Trovato (General Manager Virtus Bologna Serie A2) con argomento: “Organizzazione societaria: dalle Minors alla Serie A: progetti ed applicazioni”

IMG_2622SBB: Ciao Coach! Qualche giorno per metabolizzare il tutto, ed eccoci qui a rivedere quanto successo sabato nel clinic dirigenziale da te organizzato. Innanzitutto, già l’anno scorso avevamo accennato alla multidisciplinarità del seminario, e quest’anno oltre ad un altro relatore calcistico abbiamo avuto un po’ di partecipazione proprio dal mondo del pallone …

Stefano Passiatore: Ciao a te, Braun, ed ai tuoi lettori! Ebbene sì, si continua (grazie a FIP Liguria e Coni Liguria) con questo format. Un po’ di dirigenti del settore calcio ci hanno accompagnato nello sviscerare la relazione dell’ottimo Alessio Vernazza (Genoa CFC), che come valore aggiunto, due giorni dopo il seminario, ha staccato con la formazione Under 17 le Final 8 di categoria per il titolo italiano. Qualche dirigente in più dal mondo cestistico, e ovvia menzione d’onore a Fabio Poggianti di Livorno: partendo all’alba ha detto di aver fatto bene per l’alta qualità delle relazioni dei dirigenti invitati al seminario. Vittorio ne sarebbe stato orgoglioso.

IMG_2627SBB: Proviamo a raccontare un po’ a chi non c’era (ma non troppo: deve restare loro la curiosità di venire la prossima volta 😉 ) di che cosa si è parlato sabato mattina? Diciamo che dopo i saluti e le introduzioni tua, del presidente Ardita Molisani e del presidente FIP Liguria Bennati si è subito andati al sodo con l’intervento di Salvatore Trainotti, che è riuscito secondo me, pur parlando in generale di come si lavora in una società che cresce negli anni, a farci toccare con mano la realtà Trento, certamente dinamica ed accattivante…e poi ci ha raccontato il confronto con la pallavolo in una città dove non è il calcio a farla da padrone, e la scelta di caratterizzarsi anche in ambito sociale.

SP: Il GM Salvatore Trainotti (un paio di anni che lo inseguo) ha tenuto un ottimo intervento, ben relazionandoci sulla realtà Trento; certo particolare, ma molto vicina a Genova, in quanto anche a Trento c’è una realtà molto forte (pallavolo). Non si sono demoralizzati e, col lavoro, sono saliti pian piano di categoria e si sono strutturati cammin facendo. Molto bella la sua relazione anche per la parte sociale del loro intervento, veramente d’impatto e non di facciata. Anche la relazione sul Consorzio è stata molto interessante anche per i miei due dirigenti Molisani e Livoti, bene che anche altri dirigenti abbiano potuto gustarsi tale “chicca”.

IMG_2659SBB: Poi è stata la volta di Alessio Vernazza, che giocava in casa dovendo raccontare di Genoa a Genova. Diversamente dagli altri relatori, lui ha parlato per parole chiave, come programmazione, organizzazione, passione. Credo sia sempre stimolante ascoltare chi ha esperienze in altre discipline sportive, perché ci fa uscire dalle consuetudini cestistiche e fa capire che non c’è un unico approccio, e non è detto che quello che utilizziamo debba essere più corretto di quello degli altri. Ha stupito quando, ribadendo più o meno quanto affermato l’anno scorso da Montali dell’Entella, ha spiegato come nel calcio si tenti di selezionare “prospetti” ad un’età per noi inimmaginabile, tipo 6 anni…

SP: Alessio è stato bravissimo a farci entrare nel mondo della “Cantera Genoana”! Oltre a fare molti collegamenti anche con la sua esperienza di calcio dilettantistico, ovviamente ha colpito per l’approccio al lavoro in comune. Certo dover selezionare giocatori già a 6 anni (sembra che ciò derivi da vincoli federali) aggiunge anche un bel lavoro di psicologia e lungimiranza. Ottimo il suo contributo, in linea con quello portatoci lo scorso anno da Manuel Montali dell’Entella Calcio. Il prossimo anno (per par condicio ed anche per curiosità) proveremo a farci raccontare il mondo anche dalla parte blucerchiata della città!

IMG_2679SBB: E, infine, l’intervento di Julio Trovato, che è stato ricco di aneddoti della sua esperienza in giro per l’Italia, da Moncalieri a Bologna passando per Trapani. Il tutto mentre in modo sistematico passava in rassegna i vari settori dell’attività di una società sportiva, sportivo, commerciale, marketing, amministrativo, comunicazione…Sono stato colpito, per mia “inclinazione”, da quest’ultimo, soprattutto per gli aspetti relativi alla standardizzazione, alle regole da porre per avere un modo di presentarsi univoco verso l’esterno, dall’uso del marchio alle interviste con i giocatori, aspetti che nelle società piccole spesso vengono totalmente sottovalutati.

SP: Julio Trovato è stato super. Vista la sua grande esperienza “a tutto tondo” dal campo (allenatore Nazionale), alla scrivania, alle giovanili di livello, all’esperienza di seniores sia a Torino e poi a Trapani, fino ad arrivare alla chiamata a Virtus Bologna, pensavo proprio potesse fare un’ottima lezione: direi che è andato oltre. Contento che sia potuto venire a Genova, un valore aggiunto, anche pensando che solo un giorno prima era ancora negli States a Phoenix e San Antonio. Grandissima disponibilità!

SBB: Insomma, anche stavolta si è andati un po’ “lunghi”, ma credo che gli intervenuti abbiano apprezzato!

SP: Beh, ogni anno le parole spese dagli uditori circa la qualità del Seminario fanno bene e ci aiutano ad andare avanti nel proporre tali momenti di aggregazione ed aggiornamento.

SBB: Dammi una tua valutazione sulla qualità e quantità dei partecipanti…

SP: La qualità è alta, sia perché sono venuti, e sia perché credo siano andati via con un paio di idee interessanti per le loro realtà. Certo potrebbero essere di più, ma chi è assente si dice che ha “sempre torto”: vuol dire che cercheremo di lavorare di più per coinvolgere sempre più persone “interessate” a partecipare.

SBB: La parte tecnica? Possiamo dire qualcosa sull’evento per allenatori?

SP: La parte Tecnica dovrebbe andare in scena Sabato 30/09/2017 con il format originario: settore minibasket, settore giovanile e settore Prime Squadre.

SBB: Bene, gliinteressati possono segnarsi la data quindi! Ora, come al solito, hai spazio libero per concludere l’intervista.

SP: Grazie a FIP Liguria (Presidente Bennati), agli “Amici di Vittorio” (Massimo Salomone e Roberto Contri), ai relatori, agli intervenuti, a te Braun per essere sempre presente e così prodigo di resoconti sul tuo riuscitissimo blog, ed anche al mio presidente Molisani e Valerio Livoti, sono proprio contento che si siano goduti dal vivo quello che facciamo per ricordare degnamente Vittorio Cavaleri.

SBB: Grazie Stefano!

SP: Grazie a te Bruno, alla prossima.

Ecco di seguito varie foto e un video con alcune parti degli interventi dei tre relatori.

2017-04-08 XI Clinic "Cavaleri" Dirigenziale

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

XI Clinic “Vittorio Cavaleri” – Sabato 8 aprile al CONI di Genova la 2a edizione della Parte Dirigenziale, tutti i dirigenti convocati, ve lo faccio dire da coach Passiatore!

Posted by superbasketball su 5 aprile 2017

Ci siamo quasi! Il seminario dirigenziale del XI Clinic “Vittorio Cavaleri” si terrà infatti, come dovete sapere se seguite questo blog, nella sede del CONI genovese, la cosiddetta Casa delle Federazioni, in viale Padre Santo 1, nella mattinata di sabato 8 aprile.

SAM_9919Gli organizzatori sono come al solito Ardita Juventus, Amici di Vittorio e Comitato Regionale FIP Liguria, e molto del suo ci mette proprio coach Stefano Passiatore, che vi ho intervistato per farci raccontare un po’ nel dettaglio che cosa ci aspetta sabato. Questo è il programma:

  • ore 10,00-11,00 Dott. Salvatore Trainotti (General Manager Aquila Trento Lega Basket Serie A) con argomento : “Evoluzione societaria dalle Minors fino alla Serie A ed esperienza del Consorzio”;
  • ore 11,00-12,00 Dott. Alessio Vernazza (Resp.le Org. ed Amm. Settore Giovanile Genoa CFC) con argomento: “Costruire dal basso: programmazione, organizzazione e … passione”;
  • ore 12.00-13,00 Dott. Julio Trovato (General Manager Virtus Bologna Serie A2) con argomento: “Organizzazione societaria: dalle Minors alla Serie A: progetti ed applicazioni”

Ma passiamo la parola a coach Passiatore!

SAM_9888SBB: Ciao Stefano! Allora, l’anno scorso era una novità, quest’anno è una riconferma, ma questo seminario per i dirigenti di società ha comunque un po’ cambiato caratteristiche, in quanto la FIP Liguria lo ha “sposato”. Raccontaci un po’.

SP: Buongiorno a te Braun ed ai tuoi lettori! Ebbene il progetto nasce da un’idea del Consigliere Ardita Roberto Contri, che è venuta incontro ad una esigenza della Fip Liguria (presidente Bennati) di cercare di fare qualcosa, come formazione, anche per i dirigenti di società. Lo scorso anno abbiamo “scaldato i motori ” e quest’anno la riproponiamo, con l’avvallo prestigioso, addirittura, del Coni. Spero e confido in una sala un poco più piena dello scorso anno e con più dirigenti “puri”, anche se lo scorso anno gli uditori hanno fatto molte domande (stupendo un poco i relatori abituati alla solita riservatezza ligure).

SBB: Anche quest’anno tre relatori, due dal mondo del basket e uno dal mondo del calcio. Non tutti li conosceranno, per cui è ovviamente interessante una tua presentazione.

SP: Da Trento (Lega A) arriva Salvatore Trainotti, GM della formazione trentina, bellissima realtà, ormai a piani alti del campionato (battuta l’altro giorno l’Armani Milano al Forum!). Ci racconterà come hanno fatto a organizzarsi e consolidarsi in una città che ha un’altra bella realtà ad altissimo livello nella pallavolo (anni fa addirittura vincitori della Champions League). Ci potrebbe essere un’affinità con Genova vista la presenza contemporanea del Genoa e della Sampdoria, che un poco fagocitano interesse e risorse della città. Alessio Vernazza è il dirigente responsabile amministrativo ed organizzativo del settore giovanile del Genoa CFC, con in più competenza sui campionati minors di calcio, e ci potrà raccontare (nella sua esperienza a tutto tondo) come si comporta una bella realtà come il Genoa, che si confronta sia con i cugini, che con le altre potenze giovanili delle altre squadre nazionali. Julio Trovato, GM della Virtus Bologna (A2, ovviamente ambiziosa di risalire nell’elite del basket che conta) potrà deliziarci con il suo percorso dalle palestre come allenatore nazionale fino ad arrivare come dirigente di realtà belle del panorama giovanile (PMS Torino), poi successivamente a Trapani (altra bella realtà per passione e competenza del pubblico e società della Sicilia) ed infine a Bologna, passando per …l’NCAA! Ebbene sì, arriverà a Genova direttamente da Phoenix, spero ci possa raccontare un poco del mondo NCAA (mio antico amore, ho appena visto in registrata le due semifinali e ho passato una notte insonne per vedere la finale dei miei Tar Heels North Carolina contro Gonzaga University), spero che il fuso orario non lo faccia stare male, arriverà a Genova direttamente dall’aeroporto, ritornando dagli States!

SBB: È chiaro che i relatori vengono da realtà molto più grandi di quelle che abbiamo in regione, e uno poi provenendo dal calcio vive in un ambiente molto più “ricco”…però tutti parleranno di sviluppo “dal basso”.

SP: Sarà interessantissimo vedere e  sentire come tutti e tre riescono a fare e consolidare le loro belle realtà in un momento storico non proprio “felice” come investimenti sugli sport, vista la crisi che continua ad attanagliare la nostra amata Italia.

SBB: L’anno scorso direi che l’affluenza era stata buona ma non erano presenti tanti “dirigenti puri”. Ti lascio lo spazio per l’appello a questi ultimi perché affollino la sala del CONI!

SP: Beh lo scorso anno, come abbiamo detto prima, abbiamo scaldato i motori. Confido nel tam-tam mediatico: sempre ottima l’esposizione sia sul sito (sempre tempestivo, complimenti!) sia con il passaparola tra coloro che lo scorso anno c’erano e coloro che invece avrebbero voluto ed non hanno potuto, ed anche sui nuovi uditori attirati dalla variegata esperienza che i tre relatori potranno mettere in “mostra”. Un grazie ai relatori che, accettando subito il nostro invito, ci consentono di mettere un poco il “cervello” su come società di tale livello operano a livello di “business”. Grazie anche a Lorenzo Mangini e Beppe D’Amico per lo spazio sui giornali, ed anche all’ottimo Luca Lavagetto di Telegenova per il consueto spazio a favore del basket. A sabato, con un pensiero a Vittorio Cavaleri, indimenticato dirigente nerviese, a cui è dedicato il seminario di aggiornamento!

SBB: A sabato allora!

SP: Grazie Braun! Buon lavoro e buon basket a tutti.

Forza, riempiamo la sala! E come avevo già detto, è gratis! 😉

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

“Tutto lo sport minuto per minuto” sul basket ligure su Telegenova del 07/10/2016

Posted by superbasketball su 16 ottobre 2016

logoVenerdì 7 ottobre su Luca Lavagetto aveva ospitato nella sua trasmissione “Tutto lo sport minuto per minuto” due ospiti: coach Stefano Passiatore e il presidente dell’Ardita Juventus Nervi Mauro Molisani.

Qui, in collegamento con il canale Youtube di Telegenova, potete vedere o rivedere l’intera puntata.

Ringraziamo ancora Luca Lavagetto per l’attenzione al nostro sport!

Posted in Eventi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

X Clinic “Vittorio Cavaleri” – Coach Passiatore chiude la decima edizione con l’intervista a SBB

Posted by superbasketball su 7 ottobre 2016

Il X Clinic “Vittorio Cavaleri”di sabato scorso non può andare in soffitta senza la rituale intervista di chiusura con l’organizzatore principale, ovvero coach Stefano Passiatore, di gran lunga la persona che è stata intervistata più volte su queste pagine! Non so se sia un record riconosciuto dal Guinness, mi informerò!

SAM_0584

SBB: Ciao coach, archiviamo il Clinic Cavaleri di quest’anno insieme con qualche considerazione sulla giornata di sabato scorso? Intanto diamo qualche numero sulle presenze?

SP: Ciao a te Braun ed anche ai tuoi lettori. Ottimo clinic, con ottime relazioni e buona resa di presenze, circa 140 allenatori CNA e 173 istruttori di Minibasket. Numeri lusinghieri che ci fanno ben sperare per il prosieguo. Nota di merito per un allenatore di Trento giunto fino a Genova!

SBB: Forse stavolta non erano allenatori o uditori, ma solo genitori dei “dimostratori” che sostavano in galleria, a fare un bel po’ di rumore, e hai dovuto spenderti personalmente per cercare di ristabilire un po’ d’ordine…forse la struttura del PalaCus rende più facile che ci sia qualcuno che pensa di non dare fastidio ma in realtà lo fa e non se ne rende conto.

SP: Beh ho ringraziato i genitori di aver portato i propri figli alla nostra iniziativa per ricordare Vittorio Cavaleri ma ho anche chiesto loro (unitamente a qualche collega magari non interessato tanto da chiacchierare) di posizionarsi fuori dalle porte superiori del loggione, il loro chiacchiericcio (se erano loro) ha portato anche gli altri (pochi) che chiacchieravano ad alzare il volume con il risultato che dal campo il rumore di sottofondo era troppo elevato per consentire a Stefano Bizzozero (bravissimo ad andare avanti ) di spiegare compiutamente cosa stava chiedendo ai giovani dimostratori.Certo poi l’acustica del Palacus rende tutto più amplificato soprattutto dal loggione.

SBB: Ho seguito con maggiore attenzione (anche perché l’ambiente era in effetti più silenzioso, o forse ero semplicemente più fresco) la lezione di Corsolini, che mi è sembrato dare davvero delle regole ben chiare per quanto riguarda la difesa, insistendo sulla difesa nell’1 contro 1 come base imprescindibile. Di Bizzozero ho metabolizzato che dal lato forte si attacca il canestro, da quello debole il difensore, e che con le stesse regole base si può attaccare indifferentemente contro la uomo o qualsiasi zona pari o dispari che sia. Per quanto riguarda Bagni, il suo focus era sul concetto di “vedere” nel minibasket, prerequisito per poter poi “prevedere” gli eventi del gioco, e quindi costruire l’anticipazione, “provocando la tecnica” e non imponendola. (Si vede che c’ero?, N.d.SBB 😉 ) Tu da cosa sei stato colpito?

SP: Ottima analisi Bruno, si vede che sei stato attento. Di Giordano Consolini (vero faro per chi si occupa di settori giovanili in Italia) colpisce sempre la sua semplicità nel lavorare sul campo e nella ricerca di quello che ha in mente. Tale capacità ,oltre alla sua dote innata di insegnante e a quella di avere sempre un ottimo feeling con i suoi giocatori, gli ha permesso di creare molti giocatori di serie A (sono tantissimi a nominarli tutti) e rimanere, nel contempo, accessibile a noi allenatori della base, a cui non disdegna mai una risposta tecnica o metodologica circa i nostri problemi sul campo. L’ho richiamato nella decima edizione sia perché è un’ottima persona sia perché ascoltarlo e vederlo lavorare sul campo è “un toccasana per tutti noi qualunque argomento tecnico svisceri sul campo”, parole del nostro Responsabile CNA Giovanni Pansolin, oltre al fatto che è il viceallenatore della Nazionale Maggiore, e giustamente. Stefano Bizzozero a Milano sta facendo bene da anni e la sua lezione è stata ottima per impatto, velocità ed applicazione, spero sia stata gradita dai colleghi. Allenatore in rampa di lancio, vedremo tra qualche anno dove sarà. Fabio Bagni (altro ritorno) è stato super, difficile arrivare alla terza relazione ma nei due precedenti interventi l’ho notato trascriversi alcune cose circa i lavori dei suoi due colleghi che lo hanno preceduto, e nel suo intervento le ha riprese dando al nostro clinic una nota “integrata” di lavoro (tanto di moda in questo periodo) sia perché ci crede veramente nel Minibasket, fucina di prerequisiti in costruzione per poi essere sviluppati successivamente nel Basket, sia perché, da ottima persona qual è cerca sempre di verificare se quello che propone sul campo possa servire a far crescere “consapevoli e completi” i nostri ragazzi.

Un’ ultima cosa che mi ha colpito sono i complimenti dei tre relatori ai nostri ragazzi (c’erano anche quelli della società Virtus Genova dell’ottimo coach Gabriele) per come si sono impegnati ed hanno ben applicato quanto dai relatori richiesto. In dieci anni non era mai successo che tutti e tre lo facessero, ed andando io anche a molte riunioni PAO fuori regione vedo che non capita spesso. Segno che Virtus e noi Ardita forse siamo sulla strada giusta per cercare di tirare fuori il meglio dai nostri atleti.

SBB: I relatori dopo il clinic sono tutti andati via subito, ma magari hai avuto modo di avere da loro un feedback sulla giornata?

SP: Purtroppo sì sono dovuti tutti scappare appena finito il clinic, chi per raggiungere il figlio a Parma e chi invece doveva raggiungere la propria squadra per l’inizio del proprio campionato.Un peccato , magari sarà per la prossima volta. Bella invece per noi la cena con Giordano Consolini e Fabio Bagni (portato dall’ottimo Varaldo direttamente dall’aeroporto) foriera di aneddoti e di voglia di raccontare come la loro passione li spinga a fare questo lavoro.

SBB: Quest’anno era un’edizione speciale, la decima, con il doppio evento, prima quello manageriale e poi questo solito per gli allenatori. Che ne dici, proviamo a fare un riepilogo dell’esperienza di queste dieci edizioni?

SP: Ottimo, bella occasione per raggruppare un po’ di ricordi ed emozioni. Quest’anno (decima edizione) abbiamo pensato di accorpare un evento di aggiornamento per i dirigenti (idea di Roberto Contri) ben ospitato e supportato da FIP Liguria (idea sposata entusiasticamente dal presidente Bennati, spero desideri replicare) perché Vittorio Cavaleri era un allenatore e dirigente a tutto tondo, vista la sua esperienza in tutt’e due i campi. Per la parte tecnica (“il sapere condiviso” parole di Vittorio una ventina di anni fa) Fulvio Chiesa ed io, nel cercare un modo di ricordarlo degnamente dopo la sua comparsa avvenuta nel 2006, abbiamo pensato a questo format (settore MB, settore giovanile, settore Prime squadre) sia perché nessuno in Italia lo faceva sia perché Vittorio credeva nel lavoro preparatorio dei due settori giovanili della nostra Pallacanestro, utile per lanciare i nostri ragazzi nelle prime squadre che potessero accogliere il loro talento. Quando mandava me in giro (per esempio Livorno sponda Don Bosco, anche per quello abbiamo invitato Massimo Faraoni al nostro incontro per dirigenti) poi mi chiedeva di illustrare in una riunione interna all’Ardita quanto visto e quanto mi avesse colpito. Ricordarlo nella maniera in cui credeva andasse fatta Pallacanestro è sembrato, a Fulvio ed a me, un bel modo per dimostragli riconoscenza per i bei anni di insegnamento passati con lui.

Nota di merito al nostro mondo cestistico nazionale per tutti i relatori passati da nostro Clinic: tutti molto disponibili, tutti interessati al nostro mondo cestistico locale, tutti colpiti dalla nostra bella regione e tutti molto impegnati nel fare una bella lezione.

SBB: So che hai avuto modo di parlare del Cavaleri a Telegenova, nella trasmissione di Luca Lavagetto “Tutto lo sport minuto per minuto”, che è andata in onda oggi venerdì 7 alle 18.35 e in replica lunedì 10 alla stessa ora. Bene, no?

SP: Certamente, una bella occasione per far conoscere il “Cavaleri” al di fuori degli addetti a lavori, cercando nel contempo dfar conoscere una bella realtà sportiva nell’estremo levante della città oltre ovviamente a fare un poco di pubblicità positiva al nostro amato sport. In questo la Fip Liguria mi accompagna da molti anni ed anzi, quest’anno ha voluto essere ancora più presente. Grazie a te Bruno ed a Lorenzo Mangini (altro uomo “new media”che tanto si adopera per la pallacanestro sui giornali dopo la bella e purtroppo breve storia della Effe 2000 Cambiaso e Risso Genova), ovviamente grazie anche a Luca Lavagetto, vero trait d’union per far conoscere queste belle realtà sportive. Il suo impegno deve essere riconosciuto, senza di lui non avremmo questo spazio.

SBB: Concludo come al solito dandoti spazio per quelli che credo siano tanti ringraziamenti da fare!

SP: Tantissimi ringraziamenti ai relatori ed a coloro che, puntualmente ed immancabilmente, ogni anno sono presenti al nostro evento a ricordo di Vittorio Cavaleri. Il clinic è organizzato da una squadra che sta dietro le quinte …ebbene grazissimo a Fip Liguria (tutta, Presidente e componenti Staff Cna e Mb Liguria: Bennati/Varaldo/Mosto/Tallone/Pansolin), all’Usap Liguria (referente Federico Filesi), allo staff Ardita e Staff dirigenziale Ardita (Presidente Molisani e Raoul Bozzo) ed al nutrito ed eterogeneo Gruppo “Amici di Vittorio” e cioè: Alessandro Giacobbe, Roberto Contri, Mario Morabito, Fulvio Chiesa, Enzo Galati, Andrea Cocchi, Massimo Salomone, Matteo Ferrari, Riccardo Palermo, Chessa Alberto, Gianluigi Rezzano, Paolo Mattioli, Carlo Padula dagli Usa, Scarsi Giuliano dagli Usa, Franco Covi Stolfa da Trieste e Francesco Cavaliere dagli Usa.

Un ulteriore ringraziamento va agli amici dei Media e cioè: Bruno Vicenzi (prego prego! N.d.SBB), Lorenzo Mangini, Luca Lavagetto e Beppe D’Amico. Un ringraziamento a Sara, responsabile del Bar al Palacus: spero molti abbiano gradito la novità di quest’anno! Un doppio grazie ad Andrea Toselli, il suo intervento lo scorso anno e quest’anno ha fatto sì che il Clinic potesse partire bene al Palacus (oltre che ex giocatore Ardita ai tempi della mitica squadra della classe 1981).

Grazie per tutto ed a tutti per far sì che tutto ciò possa continuare .

Grazie a te Bruno per lo spazio, e la capacità di raccontare al meglio il nostro evento (basta, altrimenti finisce che mi commuovo 😉 , N.d.SBB)

Alla prossima!

E la prossima sarà…l’undicesima edizione del 2017! Avanti!

.

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

“Tutto lo sport minuto per minuto” sul basket ligure su Telegenova, domani 07/10/2016

Posted by superbasketball su 6 ottobre 2016

logoDomani sera venerdì 7 ottobre alle 18.35 circa (dopo il TG) su Telegenova nuovamente spazio alla pallacanestro ligure!

Luca Lavagetto torna infatti ad ospitare nella sua trasmissione “Tutto lo sport minuto per minuto” due ospiti realtivi al basket ligure, anzi genovese. Uno sarà coach Stefano Passiatore (che sicuramente potrà raccontare qualcosa del clinic Cavaleri appena svoltosi), e l’altro il presidente dell’Ardita Juventus Nervi Mauro Molisani.

La trasmissione dovrebbe andare in replica anche lunedì alla stessa ora.

Canale 18 del DTT, streaming web qui, sul sito di Telegenova. E sempre grazie a Luca e a Telegenova per lo spazio concessoci!

Posted in Eventi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

X Clinic “Vittorio Cavaleri” – Corsolini, Bizzozero e Bagni portano centinaia di allenatori al PalaCus

Posted by superbasketball su 1 ottobre 2016

Stamattina al PalaCus di Viale Gambaro a Genova gli spalti erano piuttosto gremiti di allenatori “di ogni ordine e grado”, intervenuti al X Clinic “Vittorio Cavaleri”, organizzato da coach Stefano Passiatore con la collaborazione di FIP, CNA, USAP, Ardita Juventus, e di tutti gli “Amici di Vittorio Cavaleri” (e ho sicuramente dimenticato qualcuno).

Oggi, e potete vederli nelle modestissime foto e nel video (stavolta molto stringato causa problemi di batteria della Braun Cam – non è colpa della batteria ma del “batterista” che si dimentica di caricarla 😉 ), i tre relatori Giordano Consolini, Stefano Bizzozero e Fabio Bagni, i primi due per le giovanili e l’ultimo per il minibasket, hanno dato ai presenti parte della loro esperienza di formazione cestistica dei nostri ragazzi.

Complimenti a tutti, anche ai dimostratori che in qualche caso hanno sorpreso piacevolmente anche i relatori per come eseguivano quanto spiegato loro in modo corretto! Un po’ meno complimenti a chi stazionava nel retro tribune chiaccherando e disturbando a tratti davvero troppo i lavori…

Foto (è un album di Flickr, dovete cliccare per aprirlo):

2016 X Memorial Cavaleri - Clinic Allenatori

.

Video:

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

IX Clinic “Vittorio Cavaleri” – Coach Passiatore ricapitola l’evento e lancia l’edizione del decennale

Posted by superbasketball su 15 ottobre 2015

Era il 26 settembre scorso quando al PalaCus di Viale Gambaro a Genova si svolgeva il IX Clinic “Vittorio Cavaleri”. Non sia mai che dopo l’evento non si torni sull’argomento con coach Stefano Passiatore, per cui anche se ormai sono passate quasi 3 settimane ho disturbato Stefano per non mancare questo appuntamento. Quest’anno l’intervista contiene anche qualche anticipazione della prossima edizione, che sarà la decima e quindi sarà speciale!

SBB: Ciao coach, sono passate alcune settimane, e a freddo possiamo tornare sul Clinic Cavaleri di quest’anno per dare un po’ di impressioni e ricapitolare un po’ tutto. Possiamo partire dai presenti, se hai già un po’ di numeri definitivi.

SAM_8797

Coach Stefano Passiatore al PalaCus introduce il primo relatore del IX Clinic “Vittorio Cavaleri”

SP: Ciao a te Braun ed ai tuoi lettori! Anche quest’anno abbiamo avuto un’ottima manifestazione ed anche buoni numeri, circa 300 uditori, aiutati in questo da circa 180 studenti di Scienze Motorie del Prof. Varaldo, che sono stati un po’ troppo rumorosi e che non hanno potuto gustarsi appieno la lezione dell’ottimo Coach Sanguettoli.

SBB: Infatti, come dicevi, anche quest’anno tutto bene dal lato del parquet, un po’ meno bene sugli spalti: in qualche frangente era abbastanza complicato seguire. Non tutti erano attenti come hai rilevato, e purtroppo il brusio era piuttosto continuo. Le tribune distanti secondo me portano a questo…

SP: Beh l’ampia capienza del PalaCus (rispetto al Paladiamante dello scorso anno oppure di Via Cagliari nella scorse edizioni) può portare a questo aspetto negativo, anche se non era previsto l’alto volume del brusio devo anche tenere conto della possibilità che vengano molte persone da fuori regione, avendo acquisito negli anni un certo credito per la nostra manifestazione.

SBB: Come ho detto altre volte, non essendo io un allenatore non ho il polso della situazione e non so bene valutare l’impatto dei relatori. Raccontaci quali sono stati per ognuno di loro le cose che ti hanno più colpito dal punto di vista tecnico.

SP: Certo! Maurizio Cremonini ha il maggior pregio nel sapere sempre proporre ottime lezioni, sempre piene di spunti su cui lavorare, e tenendo al centro il minicestista/miniatleta. La lezione di quest’anno sulle capacità motorie è stata super. Coach Buscaglia mi ha colpito per il suo modo di proporre le sue idee, ma non me lo sono potuto godere molto perché sono andato in soccorso di Coach Sanguettoli vagante nelle vicinanze di Corso Italia! La lezione di Coach Sanguettoli ha portato notevoli spunti circa il suo modo di proporre le metodologie tecniche utili al miglioramento dei nostri giovani, ed ha lasciato alcuni commenti molto precisi sulla necessità dell’istruttore giovanile di lavorare sul singolo all’interno della squadra ed non il contrario, come sempre più spesso succede in giro per l’Italia cestistica. D’altronde lui ha tirato fuori fior fior di giocatori: Marco Belinelli, Paolo Barlera, Chicco Ravaglia, Luca Vitali, eccetera…un motivo ci dovrà pur essere!

SBB: Una cosa che ha colpito me è relativa a quanto visto con Sanguettoli. Nella parte in cui chiedeva di fare un arresto in due tempi e poi di partire in penetrazione, i dimostratori commettevano spessissimo infrazione di passi di partenza. Non credo che con altri dimostratori della stessa età sarebbe stato molto meglio, intendiamoci: è che la partenza non incrociata “fallosa” probabilmente la vedono fare in tv 10 volte a partita in NBA, e magari qualche volta anche nel basket FIBA, e allora viene in mente che forse stiamo parlando di due giochi diversi…Un’altra è la questione sollevata da Cremonini e relativa alla “moda” di voler già insegnare la pallacanestro ai bambini piccoli invece di lavorare sulle capacità motorie e con il minibasket.

SP: L’attività tecnica proposta da Sanguettoli è degna di essere sviscerata perché una delle lezioni di Vittorio Cavaleri a noi era proprio quella di ragionare sulle notevoli sfaccettature presenti all’interno delle regole del nostro amato Gioco, mentre Maurizio Cremonini ha giustamente messo l’accento su cose molto più importanti (le capacità motorie) perché lavorando bene su quelle poi avremo più chance per insegnare bene e meglio la tecnica nelle squadre giovanili. Sono importanti questi input che i relatori danno perché all’interno del nostro movimento è vitale avere la possibilità di confrontarsi con i migliori istruttori/allenatori onde poter ridiscutere le nostre idee/metodiche sulla pallacanestro che proponiamo ai nostri giovani.

SBB: Ho avuto poco tempo per parlare con i relatori, per cui chiedo a te come si sono trovati, quali sono state le loro impressioni. Cremonini era già venuto, ma per gli altri era la prima volta, penso.

SP: Maurizio Cremonini era stato alla prima edizione del Cavaleri e, essendo un amico di Vittorio Cavaleri, è sempre un piacere ospitarlo perché lascia sempre un qualcosa di positivo tramite le sue ottime lezioni. Coach Buscaglia (che ringrazio doppiamente in quanto si è sdoppiato essendo al Torneo di Serie A a Livorno) ha avuto molte belle parole circa il nostro Clinic ed è stato piacevolissimo potergli parlare la sera prima di molte cose che circondano il nostro Basket (compreso il fatto che è un forte sostenitore che i giocatori che vincono i campionati minori devono avere la possibilità di confrontarsi con le problematiche tecniche del “piano di sopra”). Coach Sanguettoli lo inseguo da un paio d’anni e quest’anno è riuscito a venire: ha portato una bella lezione, piena di spunti interessanti, compreso l’utilizzo particolare del Big Ball, ed ha gradito molto l’ospitalità offerta dall’organizzazione a lui ed a sua moglie. Anche lui ha avuto belle parole sul nostro Clinic (forse c’entra anche qualcosa Giordano Consolini che era suo collega alla Virtus Bologna).

SBB: Hai avuto modo di discutere con qualcuno di loro della pallacanestro ligure? Siamo nel “radar” del resto d’Italia?

SP: Siamo certamente nel radar delle migliori perché ogni anno qualche giovane ragazzo prende il volo verso società rinomate del panorama cestistico nazionale (vedi Tommaso Oxilia alla Virtus Bologna, l’avrà pur visto uno come Sanguettoli 😉 N.d.SBB). Credo che ci rimarremo finché non troveremo il modo di non far scappare più nessuno dalla nostra regione, ma credo ci voglia una squadra faro del movimento ed anche un po’ meno campanilismo…

SBB: Bene, l’anno prossimo so che sarà un’edizione speciale. Senza scoprire le carte, creiamo un po’ di attesa?

SP: La decima edizione potrebbe svolgersi verso la fine di Giugno, sfruttando la fine delle finali NBA, e sicuramente avrà un’appendice nel pomeriggio con un paio di relazioni tecniche/metodologiche riguardanti Dirigenti di serie A e di settori giovanili di alto livello perché vogliamo proporre, in questa edizione particolare, anche un momento di approfondimento Dirigenziale, essendo stato Vittorio Cavaleri un allenatore prestato al settore Dirigenziale della nostra società e del movimento cestistico Ligure. Vittorio era un Dirigente in grado di entrare in palestra, osservare me oppure gli altri allenatori del nostro settore giovanile od anche altri allenatori che allenavano in altre occasioni, ed osservare quello che proponevamo in campo ai nostri ragazzi. Poi ci faceva molte domande circa il perché e percome di alcune cose tecniche. Tale metodologia di confronto mi ha fatto molto crescere come istruttore: quindi abbiamo pensato di proporre anche due lezioni di Dirigenti di alto livello che, credo, saranno interessanti anche per i responsabili delle nostre società, che ovviamente sono fin da adesso invitate a partecipare alla riunione post-Clinic.

SBB: Concludo lasciandoti la parola e dando appuntamento al X Clinic Cavaleri nel 2016!

SP: Ringrazio te ed il suo seguitissimo blog, sempre molto interessante. Grazie ai partecipanti che continuano a darci credito con la loro presenza sulle gradinate. Grazie ai Relatori (ottime le tre relazioni tecniche ), grazie allo Staff MB Liguria (Prof. Varaldo, Paolo Mosto e Chiara Tallone), alla Fip Liguria (pres.te Bennati), all’Usap Liguria (referente Fede Filesi), alla società e Staff Ardita (Pres.te Molisani e Raoul Bozzo) ed al nutrito Gruppo “Amici Di Vittorio”, e cioè Giacobbe Alessandro, Chessa Alberto, Chiesa Fulvio, Contri Roberto, Morabito Mario, Cocchi Andrea, Cavaliere Francesco e Charlie Padula e Giulia Scarsi dagli Usa, Franco Covi Stolfa da Trieste, Ferrari Matteo (preziosissimo anche quest’anno), Palermo Riccardo, Mattioli Paolo, De Stefano Mimmo, Rezzano Gianluigi, mentre Fabrizio Giachero e Gaetano Frongia, unitamente a Lorenzo Mangini, sono dei preziosissimi Amici che fanno sì che la parte di post-produzione del Clinic fili liscia. Senza l’aiuto di tutte queste persone non potremmo fare quello che facciamo. Vittorio da lassù sarebbe contento di vedere tale gioco di Squadra in suo nome! A proposito, vorrei mandare un abbraccio ad un Allenatore speciale che ha raggiunto Vittorio nell’Olimpo del basket ligure e nazionale, Settimio Pagnini. L’anno di Mario Blasone relatore delle Prime Squadre, Settimio era venuto a salutare al nostro Clinic l’allenatore giramondo. Ebbene, era stato bello vederli insieme a parlare di basket come molti anni fa…Un abbraccio, Settimio, salutami Vittorio!
Grazie a tutti!

Credo di poter dire grazie a tutti voi che avete organizzato il Clinic per conto di tutti quelli che hanno potuto approfittare di questa bella offerta di cultura cestistica, contemporaneamente ricordando la figura di Vittorio Cavaleri!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

IX Clinic “Vittorio Cavaleri” – Un sabato di concetti per una larga platea di allenatori e studenti

Posted by superbasketball su 27 settembre 2015

Ieri mattina al PalaCus di Viale Gambaro a Genova più di mezza pallacanestro ligure era distribuita tra gli spalti e il parquet dell’impianto universitario per il IX Clinic “Vittorio Cavaleri”.

Come sapete chi vi parla cerca sempre di partecipare e anche quest’anno vi faccio omaggio di foto e video del clinic, che ancora una volta grazie a coach Stefano Passiatore e a tutti gli “Amici di Vittorio Cavaleri” e a tutti quelli che a titolo istituzionale e/o personale dànno una mano, è riuscito nell’obbiettivo di portare in Liguria relatori interessanti, il cui contributo ha sicuramente lasciato qualcosa su cui pensare ai tanti istruttori e allenatori presenti (e anche a me che non faccio parte di queste due categorie!). Nell’ordine di apparizione: Maurizio Cremonini, Maurizio Buscaglia e Marco Sanguettoli.

Naturalmente sia le foto (pur ritoccate!) sia il video sono tutt’altro che perfetti (micidiale il controluce del PalaCus da metà mattina in poi, a mia patetica e parziale discolpa), ma penso che possano far piacere. Complimenti a tutti, intanto, e torneremo sull’argomento poi con coach Passiatore come solito!

Foto:

Questo slideshow richiede JavaScript.

.

Video:

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

IX Clinic “Vittorio Cavaleri” – L’invito di coach Passiatore

Posted by superbasketball su 22 settembre 2015

Ormai è una specie di rubrica fissa…chi di voi segue questo blog sa che prima e dopo il Clinic “Vittorio Cavaleri” qui si parla con coach Stefano Passiatore, e si parla dell’evento. Dato che mancano 4 giorni a sabato 26, siamo giusto in tempo per dare la sveglia a chi magari se lo era dimenticato!

SBB: Ciao Stefano, come tutti gli anni ci sentiamo in prossimità del Clinic Cavaleri per anticiparne un po’ i contenuti. Cominciamo però dal…contenitore 😉 : l’anno scorso si doveva andare al PalaCus ma causa allerte e allagamenti dovesti spostare tutto al PalaDiamante, rimandando. Quest’anno di nuovo PalaCus; hai compilato il modulo 78H di richiesta del bel tempo, così non siamo costretti a spostare tutto in fretta e furia?

SP: Ciao Braun, a te ed ai tuoi lettori …quest’anno torniamo al Palacus di Genova un po’ per la capienza più ampia (avremo come uditori anche circa 150 studenti di Scienze Motorie) un po’ perché, anticipando la manifestazione di un mese, ho cercato di schivare il problema alluvione, possibile nel periodo autunnale, anche se con la pioggia nella nostra amata Genova non si può mai sapere…

SBB: E infatti abbiamo già avuto qualche assaggio giorni fa…Comunque, se l’anno scorso c’era molto entusiasmo nell’ambiente Ardita per la conquista della C regionale che mancava da tantissimo, quest’anno il contesto genovese che (scrivevo l’anno scorso nella presentazione dell’ottava edizione) sembrava in “risalita” ha invece dimostrato molta fragilità, e non mi riferisco alla squadra nerviese che la C l’ha mantenuta anche se soffrendo sino in fondo, ma alla perdita di varie esperienze maschili e femminili che avevano caratterizzato le ultime stagioni genovesi. Che idea ti sei fatto di quanto successo?

SP: L’unica idea che mi sono fatto è che la crisi ha messo in netta difficoltà non solo le aziende ma anche le società dove la componente famigliare era preponderante…ovvio che è più importante preservare i posti di lavoro piuttosto che il diritto di giocare sportivamente nei vari campionati, pur importanti che siano…

SBB: Veniamo al clinic. Raccontaci qualcosa dei relatori in modo che i nostri lettori del blog si possano fare un’idea migliore di quello che succederà sabato prossimo. Mi pare che come nelle edizioni precedenti anche in questo nono clinic il menù sia più che interessante.

SP: Certamente. L’istruttore federale Maurizio Cremonini (il nostro CT del Minibasket) è un sostenitore del Cavaleri (era già venuto alla prima edizione) ed ha sempre avuto un occhio di riguardo per il nostro Clinic, credo fortemente perché ha conosciuto Vittorio Cavaleri in vita, e quindi ci propone non solo relatori importanti del MB ma anche argomenti interessanti come quello di quest’anno sulle capacità motorie. Per il settore giovanile Marco Sanguettoli (ex responsabile Virtus Bologna ed adesso alla S. Benedetto 1964 Cento) oltre che scopritore di molti talenti, in primis Marco Belinelli, Barlera, Luca Vitali, Ravaglia, etc., lo inseguo da un paio d’anni e quest’anno, grazie all’anticipo ed al fatto che ha cambiato società, riesce a venire a Genova a portare una interessante relazione sul miglioramento dei fondamentali individuali all’interno di un allenamento di squadra. Infine Maurizio Buscaglia (molto caldeggiato da Pierre Varaldo) lo seguo da un paio di anni ed oltre al fatto che mi piace come fa giocare la sua Aquila Trento (serie A) probabilmente sarebbe piaciuto molto a Vittorio Cavaleri perché tutto quello che ha ottenuto lo ha avuto grazie alle sue squadre ed al suo lavoro salendo di categoria anno dopo anno…infatti porta come argomento “L’evoluzione del (suo) attacco dalle Minors fino alla serie A”: credo sarà una ottima lezione. Doppio ringraziamento per lui sia perché partecipa al nostro Clinic nel mezzo di un torneo a Livorno e sia perché ha avuto belle parole sulla nostra manifestazione sostenendo di conoscerla e di seguirla tramite internet…

SBB: Aha! Magari è capitato su qualche video di SBB 😉 Torniamo all’impianto: il PalaCus l’anno scorso era stato sostituito più che degnamente dal PalaDiamante, che aveva permesso maggior vicinanza tra relatori e uditori. L’anno prima in un caso infatti il relatore aveva fatto scendere tutti giù dalle tribune del PalaCus per farli accomodare a bordo campo. In fondo anche questo è un esempio dei limiti dei nostri impianti. Che ne dici?

SP: Credo che a Genova (se non sbaglio) forse solo il PalaCus porta i tifosi nel loggione mentre al Madison di Via Cagliari si era praticamente in campo come in altri campi della nostra regione…il PalaCus ha come pregio quello della capienza e come difetto l’assenza del bar…

SBB: Vero anche questo! Ma forse il fatto riduce un po’ le possibilità di distrazione…Parliamo un po’ dei ragazzi che faranno da dimostratori? Anche se i protagonisti non sono esattamente loro, mi sembra giusto offrire loro un po’ di spazio anche qui. In fondo dedicheranno la loro mattinata al Clinic…

SP: Senza i dimostratori, che ringraziamo anno dopo anno, non si potrebbe fare il Clinic e quindi sono parte integrante della buona riuscita dello stesso…grazie a te per averlo ricordato!

SBB: Concludiamo con lo spot! Tre motivi tre per venire in Viale Gambaro sabato mattina (presto!) invece di poltrire a letto…

SP: Beh in primis per ricordare degnamente Vittorio Cavaleri…cioè allenatore tra allenatori…in “secundis” per godere dal vivo del lavoro in campo di tre ottimi professionisti, ognuno di loro un piccolo tesoro all’interno della sua sfera di competenza…ed infine per scoprire anche un esercizio oppure metodica che possa aiutarci a far migliorare i nostri ragazzi (vero obiettivo del Clinic…che poneva nel nostro lavoro Coach Vittorio Cavaleri in vita ).

SBB: A sabato prossimo! In bocca al lupo!

SP: Grazie a te, ai tuoi lettori, agli uditori di tutti questi anni, alla Fip, all’Usap (referente Fede Filesi), allo staff Ardita (presidente Molisani e Raoul Bozzo) ed al nutrito gruppo “Amici Di Vitto” e cioè Fulvio Chiesa, Roberto Contri, Mario Morabito, Sandro Giacobbe, Matteo Ferrari (doppio ringraziamento a lui…), Riccardo Palermo, Andrea Cocchi, Pierre Varaldo, Paolo Mosto, Paolo Mattioli , Giuliano Scarsi dagli Usa, Charlie Padula dagli Usa, Francesco Cavaliere dagli Usa, Franco Covi Stolfa da Trieste, Enzo Galati, Mimmo De Stefano, Fabrizio Giachero e Gaetano Frongia, che mi aiutano nella fase post-produzione del Clinic…loro ogni anno mi aiutano a proporre tale evento…senza di loro non riuscirei a metterlo in scena…ed il successo del Clinic va ascritto a loro. A sabato.

Devo ripetere l’invito? Tutti al PalaCus (e per comodità, qui c’è il programma)!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

BREAKING NEWS – VIII Clinic “Vittorio Cavaleri” rinviato al 25/10 causa alluvione di Genova!

Posted by superbasketball su 10 ottobre 2014

Da coach Passiatore, isolato a causa del cedimento del suo collegamento internet, mi arriva la notizia, purtroppo prevedibile visto quanto sta succedendo a Genova, del RINVIO del clinic Cavaleri al 25 ottobre prossimo. Dettagli e conferme a seguire, ma nel frattempo aiutatelo ad evitare che qualcuno domattina si presenti lo stesso al Palacus magari rischiando anche la propria incolumità. Spargete la voce, grazie!!!

Posted in Allenatori, Eventi, Giovanili, Minibasket | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: