SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

"la passione, solo la passione"

Posts Tagged ‘Playout’

B/F – La Polysport Lavagna è SALVA! Vittoria a Lucca e playout chiuso 2-0

Posted by superbasketball su 28 aprile 2018

La Polysport Lavagna ha raggiunto la salvezza!!!! Salvezza dopo una stagione complicata da tanti infortuni pesanti, per lunghezza (stagioni finite anche prima di cominciare) e per chirurgicità nel colpire ragazze che a coach Daneri avrebbero fatto davvero comodo, come Principi, De Scalzi e Fortunato. Ma tutto è bene quel che finisce bene!

A Lucca le biancoblu partendo 14-0 hanno subito messo spalle al muro le Spring, e spingendo ancora hanno portato il gap oltre il ventello, una distanza dalla quale hanno potuto far scorrere il cronometro verso la vittoria che ha sancito la loro permanenza nella categoria, e condannato le lucchesi a giocarsi le loro speranze nel turno finale playout contro Figline. BRAVE!

Avevo chiesto un buon inizio e si può dire che di meglio non avrei potuto chiedere“, racconta finalmente un po’ più rilassato coach Daneri. “Siamo riusciti a rompere le loro situazioni offensive preferite e questo ci ha permesso di correre in contropiede e di riuscire a scioglierci molto presto. Poi siamo state abbastanza brave a gestire il vantaggio prodotto fino alla sirena. Sicuramente non è stata una partita tecnicamente di alto livello, perché il caldo e la posta in palio hanno giocato un ruolo importante. Lucca ci ha provato fino alla fine a riaprire la partita, ma siamo riuscite sempre a frenare i loro tentativi. Finalmente siamo salve, abbiamo tenuto il diritto a giocare la Serie B con la speranza magari di poter essere anche il prossimo anno aggregate alle squadre toscane!“. Nelle difficoltà, nelle strette di questa annata disputata con un gruppo ridotto all’osso, si è fatta di necessità virtù, e il tecnico lavagnese ha avuto buone risposte da chi magari non era previsto si dovesse esporre così tanto: “Per concludere vorrei fare i miei complimenti alle ragazze, perché come ben si sa è stata una stagione difficile, ma nel momento più critico sono state brave ad unirsi e a creare uno zoccolo duro che potrebbe essere importante per il futuro della nostra società“. E i minutaggi concessi alle giovani potranno risultare importanti nelle prossime stagioni, che speriamo la Polysport possa disputare con un po’ più di tranquillità a questi livelli, e con un po’ più di soddisfazioni.

E allora non c’è per fortuna più bisogno di seguire quel che succederà nella restante parte di playout, che come detto vedrà impegnate Figline e Lucca con la perdente retrocessa in C!

Ancora brava Polysport!

Situazione:

.

Annunci

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

B/F – La Polysport Lavagna a Lucca, matchpoint salvezza

Posted by superbasketball su 26 aprile 2018

La Polysport Lavagna nei playout stasera al Palatagliate di Lucca ha la possibilità di chiudere la propria serie, e vincendo quindi si salverebbe in questo primo turno: sarebbe un bel sospiro di sollievo dopo una stagione travagliata.

La palla a due è prevista alle 19, e saranno 40′ importantissimi per le biancoblu. In gara 1, come ci si aspettava, le avversarie sono state ben più insidiose di quanto la differenza in classifica avrebbe indicato. Coach Daneri ha sempre sottolineato come non ci fossero avversarie facili, e in particolare che Lucca pur ultima risultava comunque indigesta a causa del gioco veloce e fisico. Così è stato, e per le lavagnesi il primo punto è arrivato, ma sudato. Sudare ci sta, ma se, come in campionato, la Polysport riuscirà ad espugnare il campo lucchese, potremo mandare in archivio questa stagione in cui ha dovuto buttare nella mischia le giovani e pagare giocoforza dazio tante volte, e arrivare a questo epilogo un po’ ansiogeno. In caso contrario, ci sarà comunque sabato una gara 3 in cui buttare tutto il residuo cuore (e poi, un eventuale secondo turno, naturalmente).

Ho chiesto a coach Daneri quali sono i suoi pensieri a poche ore dal match che potrebbe essere decisivo: “Curiosità di vedere come riusciremo ad approcciare la partita… Come ho detto alle ragazze,  l’obiettivo primario è cercare di gestire al meglio l’inizio, dove loro buttano sempre dentro grande aggressività e intensità. Dobbiamo avere lucidità, e voglia di mettere qualità sia nella parte offensiva e sia in quella difensiva. Limitare il loro contropiede e difendere con intelligenza sulle loro continue situazioni di pick and roll. Abbiamo una buona opportunità, vediamo se siamo cresciute caratterialmente dopo San Giovanni“.

E allora, forza Lavagna!!!

Nell’altro playout Rifredi ha avuto ieri sera la stessa chance in Valdarno contro Figline, e se non erro, ma manca il risultato ufficiale, ho sbirciato solo qualche video della gara e ne ho dedotto il finale interpretando le immagini sgranate del tabellone, ce l’ha fatta vincendo 45-42. Pertanto fiorentine salve, valdarnesi alla finale playout (chi la vince si salva, chi la perde scende). Salvo mia infermità mentale (o oculare); nel caso correggerò scusandomi con gli interessati!

B/F Toscana 2017-2018 – Playout – Semifinali – Gara2
26/04/2018 – 19:00 LE MURA SPRING BASKETBALL – POLYSPORT BASKET LAVAGNA A.D. (Serie 0-1)
25/04/2018 – 21:15 A.S.D.BASKET DON BOSCO FIGLINE – A.S.D AVVENIRE 2000 RIFREDI 42 – 45 (Serie 0-2)

Situazione:

.

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

B/F – La Polysport Lavagna soffre ma mette a segno l’1-0 su Lucca nel playout

Posted by superbasketball su 22 aprile 2018

La Polysport Lavagna (Bianchino 15, Donati 11) parte con una vittoria sudata nei playout e va sull’1-0 rispetto a Lucca. A una vittoria dalla salvezza.

Si era detto, che non sarebbe stato facile, e i 4 punti di divario tra le due squadre al 40′ sono lì a dire che in effetti non è stato facile davvero. Anche perché le lavagnesi sono partite ad handicap: “Approccio alla partita di bassissimo livello, siamo andati sotto 2 a 15, poi finalmente ci siamo un po’ sciolte e siamo andate all intervallo 33-30“, racconta coach Daneri. “Nel terzo quarto siamo riusciti a prendere una decina di punti di vantaggio che a fatica abbiamo tenuto fino alla sirena“, concedendo comunque qualcosa alle toscane. Ma tutto è bene quel che finisce bene, nei playoff l’importante è la fotografia del tabellone alla fine della gara, e basta un punto per progredire nella serie. Quindi brave, anche se non perfette: ma se così non fosse, magari in stagione non si sarebbe arrivati ai playout, direi. Certo non si può rilassare ora che basta un altro passo per ottenere l’obbiettivo, e ricocentrarsi subito perché già il 26 c’è gara 2. “Siamo 1-0 ma bisogna dimenticarsi velocemente di ieri sera e pensare a giovedì. Dobbiamo stare attenti perché quando alzano il livello fisico facciamo fatica a stare nelle nostre idee“. Però c’è il matchpoint, e sarebbe bene non sprecarlo: “Abbiamo una bella opportunità in mano, ma sarà necessario avere grande personalità e lucidità perché come sappiamo sono parecchio fastidiose“.

E allora, appuntamento a giovedì, alle 19, a Lucca!

Nell’altro playout Rifredi ha battuto Figline: in questo caso gara 2 sarà mercoledì, e se vincessero le fiorentine sarebbero pertanto le prime a salvarsi dalla retrocessione.

Situazione:

.

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

B/F – La Polysport al playout: gara1 al Cotonificio contro Lucca, coach Daneri chiede massima concentrazione e qualità

Posted by superbasketball su 19 aprile 2018

La Polysport Lavagna si gioca la permanenza in serie B nei playout, ai quali è stata relegata da quartultima. Sabato al Cotonificio inizia la serie di “semifinale” contro Lucca, arrivata ultima, ovviamente con un po’ di favore del pronostico, ma coach Daneri predica prudenza, concentrazione, e anche però speranza:

Sabato inizia una serie playout contro Lucca che come dico sempre sarà davvero complicata, perché comunque in stagione non abbiamo mai avuto facilità a giocare con loro. Sono giovani ma organizzate e sono una squadra tignosa. Ci hanno sempre messo un po’ in difficoltà, sabato bisogna essere bravi ad interpretare la partita nel migliore dei modi e cercare di metterla sul piano che noi preferiamo. Sarà ad ogni modo una prova importante per noi, per capire il grado di crescita delle nostre giovani e per capire se davvero in questi mesi siamo riusciti a creare un nucleo vero e solido. Dopo la partita buttata via di San Giovanni mi aspetto una bella reazione dalle ragazze, mettendo attenzione e qualità in ogni possesso sia difensivo che offensivo. Speriamo bene!!“. Assolutamente, speriamo tutti che avvenga questo!

Vi ricordo che questi playout sono su due turni (semifinali e finale), che nell’altro playout si incrociano Rifredi e Figline Valdarno, e che la finale sarà disputata delle perdenti delle semifinali, e sarà la perdente della finale a retrocedere. Lavagna da quartultima è agevolata giocando il primo turno con l’ultima, potendo quindi sulla carta tirarsi fuori dai problemi se infila una buona serie contro le Spring.

Che dire delle avversarie? Come sapete Lucca ha la squadra in A1, anzi, l’anno scorso, per la prima volta nella storia, ha addirittura vinto lo scudetto, mica pizza e fichi. Le Spring sono la squadra satellite, una squadra giovanissima, che nel torneo ha collezionato 20 sconfitte e 2 sole vittorie, proprio contro Rifredi e Figline, le altre che giocano i playout, entrambe in casa. Contro Lavagna avevano perso di 9 in casa all’andata, e hanno perso, di 4, anche al ritorno, ma dopo essere state avanti sul parquet lavagnese anche di 17 punti, a confermare quanto detto dal coach biancoblu. Il girone lo hanno finito con tre sconfitte consecutive, l’ultima il 7 aprile in casa del Ghezzano. A dir la tutta, Lavagna ha fatto poco meglio.

Sabato si affrontano i due peggiori attacchi del girone; speriamo che quello lavagnese sia un po’ più ispirato e che la difesa faccia comunque la differenza. Serve il massimo sostegno dalle tribune per le ragazze, che hanno avuto una stagione decisamente tormentata dagli infortuni, e credo sarebbe davvero giusto che potessero riprovare l’anno prossimo in condizioni un po’ meno difficili. Chi può vada a fare un po’ di tifo!

Palla a due alle 20.30, forza Polysport!

Partite in programma:

B/F Toscana 2017-2018 – Playout – Semifinali – Gara1
21/04/2018 – 20:30 POLYSPORT BASKET LAVAGNA A.D. – LE MURA SPRING BASKETBALL
21/04/2018 – 20:30 A.S.D AVVENIRE 2000 RIFREDI – A.S.D.BASKET DON BOSCO FIGLINE

Situazione:

.

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

B/F – La Polysport Lavagna perde con onore con la capolista. Nei playout affronterà Lucca

Posted by superbasketball su 9 aprile 2018

La Polysport Lavagna ormai condannata ai playout ha comunque giocato sabato al Cotonificio l’ultima gara di regular season.

Era una “mission impossible“, che anche in una situazione psicofisica migliore sarebbe stata durissima: infatti a Lavagna arrivava la capolista Palagiaccio Firenze, ormai lanciata verso gli spareggi, e sconfitta solo una volta in stagione, qualche settimana fa in casa con il Nico, a giochi già fatti. Poteva essere un massacro, e invece non lo è stato: le lavagnesi (Aldrighetti 14, Belfiore 8) hanno ceduto alla fine per una quindicina di punti, ma quasi tutto il gap si è creato nell’ultima frazione, perché sin là le ragazze di Daneri avevano tenuto botta, come ci racconta il coach: “Sabato era una partita che per la classifica non contava nulla per entrambe le squadre, poteva nascondere insidie a livello di concentrazione. Invece abbiamo giocato con grande dignità, con grande voglia. Abbiamo provato, e in qualche tratto di partita siamo anche riusciti, a metterle un po’ in difficoltà. Ad inizio ultimo periodo eravamo sotto di 6, poi alla fine la loro qualità è venuta fuori e il punteggio si è allargato. Però abbiamo avuto una reazione e sicuramente era questo l’obiettivo della serata“. Appunto, potevate crollare e invece lo stimolo vi ha fatto fare una buona prestazione: “Sì, sì, buona buona, certo abbiamo fatto 35 punti, dire buona mi fa quasi ridere. Però loro per noi ora sono di un altro livello e bisogna prendere le cose positive, pensare che siamo stati più o meno attaccati per 30 minuti e abbiamo anche tenuto Fantoni a riposo per precauzione“. E comunque se la Polysport ha segnato poco, sino al 30′ anche Firenze era stata tenuta a stecchetto (il punteggio era 31-37). Chiaramente ora però l’attenzione va focalizzata sui playout, partite da non sbagliare: “Adesso vediamo di prepararci al meglio e di provare a chiudere questa stagione con una soddisfazione. Il 21 iniziamo contro Lucca in casa nostra, poi il 26 da loro, e poi dobbiamo concordare l’eventuale terza“.

E quindi tra una decina di giorni inizia la serie salvezza, al meglio delle 3; chi vince si salva, chi perde gioca ancora il secondo turno contro la perdente dell’altro playout tra Rifredi e Figline Valdarno, e solo la perdente di questo secondo turno retrocede. Ma speriamo di poter smettere di parlare di B femminile Toscana a fine aprile 😉 …

Situazione:

.

Posted in B F Tosc, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C Silver – Ardita salva, Follo scende! CUS in affanno nel finale ma resiste al Vado, Spezia risponde con Ospedaletti, bene Tigullio e l’Aurora a “trazione Poltroneri”

Posted by superbasketball su 12 marzo 2018

La C Silver ha un primo verdetto definitivo: l’Ardita Juventus ha vinto il playout battendo in trasferta il Follo, per cui i nerviesi sono salvi mentre i follesi devono mestamente fare le valigie e scendere in D regionale.

Per una volta partiamo infatti col parlare della questione salvezza, perché da ieri sera l’Ardita Juventus 1906 può programmare la prossima stagione in questa categoria, mentre il Basket Follo deve rassegnarsi a scendere al piano di sotto. I ragazzi di Chiesa (Pietronave 29, Visca 15), non senza sudarla, hanno espugnato infatti il PalaBiagini, e con la vittoria del sabato precedente ottenuta in casa hanno cumulato il 2-0 che ha chiuso senza bisogno di gara3 il playout. Non è stato facile, e già il 69-72 finale potrebbe farlo capire, ma se aggiungiamo che i ragazzi di Cristelli (Petani 28, Canini 19) nella seconda parte di gara avevano preso il comando delle operazioni e che al 34′ il loro vantaggio era di ben 12 punti, mi pare che si possa davvero parlare di una grossissima occasione sprecata per i biancocelesti, che hanno buttato, anche per merito degli ospiti ovviamente, la possibilità di impattare la serie e di tornare sabato prossimo a Genova per la bella. Non è andata così, perché l’Ardita ha recuperato e ribaltato, e sulla sirena ha potuto festeggiare una salvezza che, pur essendo pronosticabile a bocce ferme, nelle due gare è stata meno tranquilla di quel che si poteva supporre: ma i genovesi mantengono i piedi in C Silver anche per la prossima stagione. Complimenti alla società del presidente Molisani! Per i follesi la stagione è stata certamente dura: schierati al via un po’ forzatamente quando avrebbero più facilmente rinunciato, hanno stretto i denti e subito anche sconfitte pesanti, ma nell’atto finale hanno davvero dato il massimo e chiuso, pur sconfitti, con la sensazione di aver fatto il possibile, anche se con la macchia dei minuti finali. Mestamente, come fa notare la società, Follo torna dove aveva iniziato oltre 20 anni fa (e in effetti da quando ne parlo nel mio blog, ma anche prima, quando me li ricordo nella stagione in cui l’Effe2000 salì in B, sono sempre stati non solo in questa categoria, ma come una delle migliori squadre, o addirittura in C nazionale o C1 che dir si voglia). In bocca al lupo per la società degli Amadori, che speriamo di veder risalire al più presto!

Parlando invece della seconda fase, abbastanza impropriamente definita “playoff” (a questo punto dovremmo parlare di “quarti di finale a gironi”?), il secondo turno ha avuto direi un andamento più prevedibile del primo.

Era iniziato venerdì, quando nell’anticipo chiavarese l’Aurora si era imposta in volata e in recupero sul Sarzana, soffocando praticamente le velleità dei biancoverdi di affacciarsi nella lotta per le semifinali. Partiti male, i gialloblu (Poltroneri 24, Costacurta 14) erano scivolati indietro sul parquet di casa, con i ragazzi sarzanesi (Dell’Innocenti e Ferrari 17), ancora agli ordini di coach Toffi, avanti anche di una ventina di punti; finché non si è scatenato Poltroneri, tra l’altro inizialmente in panca, che è entrato in quel particolare stato di trance in cui riusciresti anche a tirare un elefante dentro al cerchio, e con sette triple a segno ha materializzato una rimonta che sembrava improbabile, permettendo ai ragazzi di Benvenuto di giocarsi i 2 punti nel finale, e alla fine di ottenerli. Sarzana come in altre occasioni ha buttato via la partita negli ultimi minuti, ed è tornata a casa con un pugno di mosche: i 2 punti in classifica non permettono più di immaginare scenari di semifinale. Sabato prossimo i biancoverdi sono attesi ad Ospedaletti. L’Aurora, che ha riagganciato gli orange anche se è dietro per gli scontri diretti, nel prossimo turno giocherà ancora in casa, con Spezia, nel remake della gara più bella giocata quest’anno dai chiavaresi.

Sabato l’unica gara disputata è stata quella del PalaCUS, Cus-Vado. Non pochi i problemi logistici nell’occasione, perché una manifestazione alla fiera di Genova ha creato un ingorgo di proporzioni bibliche che ha fato varie “vittime”, tra cui coach Taverna tra l’altro, non arrivato alla gara, e l’intero gruppo vadese, arrivato alla spicciolata a pochi minuti dall’orario di inizio, che è stato poi posticipato di una quindicina di minuti. Scongiurato il rischio di no game, all’avvio però i ragazzi di coach Costa (Pelegi 12, Lo Piccolo 11) hanno avuto una partenza difficile, andando subito sotto 7-0 e ritrovandosi dopo il primo quarto con uno svantaggio già in doppia cifra (20-9), con Dufour già a quota 11. I genovesi (Dufour 27, Bedini 19), che hanno potuto finalmente rischierare Nicola Vallefuoco, nella seconda frazione raggiungevano anche il massimo vantaggio di 13 punti, per poi subire un po’ il recupero ospite: Vado vinceva infatti la seconda frazione e tornava al -8 a metà gara. Al rientro il CUS premeva sull’acceleratore, e col tiro pesante colpiva più volte con Bedini, Mangione e Dufour, costruendo una frazione fruttuosa vinta 27-15 che li portava ad un +20 che dava l’impressione di partita chiusa. E invece non era così: l’ultimo quarto vedeva i cussini trovare il canestro solo un paio di volte con Cassanello e per il resto solo dalla lunetta, e così pian piano gli ospiti limavano lo svantaggio, sinché a 2′ dalla fine Pelegi riceveva e scaricava nel canestro la sua seconda tripla del quarto, che valeva il 67-64. Di lì in poi però nessuno segnava più dal campo: Vado perdeva palla (rimessa assegnata a CUS, un po’ dubbia a dire il vero) sull’azione del possibile pareggio, poi prima Dufour e poi Bedini facevano 2/2 dalla lunetta e i padroni di casa potevano trarre un bel sospiro di sollievo. L’imbattibilità del PalaCUS tiene, ma Pallacanestro Vado ha davvero fatto una buona gara e sabato a Santa Margherita può andare a giocarsi un di match point per le semifinali, mentre il CUS andrà a Pegli venerdì per lo stesso obbiettivo.

Foto (poche) e video della BraunCam qui sotto!

2017-2018 C Silver 2a fase Cus-Vado

.

Nella gara del Palasprint tra Tarros Spezia e Ospedaletti, buona vittoria dei padroni di casa (Peychinov 18, Garibotto 15), che hanno disinnescato il pericolo orange con un primo quarto favorevole che ha dato ai bianconeri un vantaggio già in doppia cifra, che i ragazzi di Lupi (Cruz 12, Colombo e Cavallaro 9), pur lottando meglio nelle rimanenti frazioni, non sono riusciti a colmare. Ospedaletti ha avuto un momento in cui sembrava poter avvicinarsi ad inizio di terzo quarto, poi però gli spezzini hanno riallungato e solo nell’ultima frazione gli ospiti hanno potuto ridurre un po’ il gap. La Tarros sale quindi a quota 14, mentre gli ospedalettesi rimangono a 8, appaiati all’Aurora, anche se davanti per gli scontri diretti: il team del presidente Caluri è certo della qualificazione alle semifinali, perché è impossibile che Ospedaletti e Aurora passino entrambe davanti agli spezzini. Nel prossimo weekend trasferta del team di Padovan a Chiavari, un incrocio che qualche settimana fa aveva dato luogo ad una sorpresa per loro negativissima, mentre i ponentini ospiteranno in via Isnart il Sarzana con la speranza di approfittare di una congiuntura favorevole e tornare secondi da soli.

Infine, al Palasharkers è uscito il 2, con il Tigullio capace quindi di restare a punteggio pieno in questa seconda fase. I padroni di casa (Mozzone 10, Nicoletti 9), con molte assenze, tutto sommato hanno fatto una discreta partita, anche difensivamente, limitando i danni e restando aggrappati alla partita per più di tre quarti, ma i ragazzi di Annigoni e Pieranti (Caversazio 13, Vexina A. 11) hanno comunque tenuto sempre il vantaggio nel punteggio e chiuso con il +13 che, tra le altre cose, esclude matematicamente la qualificazione degli arancioblu alla fase successiva. I biancorossi tigullini sabato prossimo avranno un fondamentale scontro diretto casalingo con Pallacanestro Vado, che non sarà magari conclusivo ma è snodo cruciale per, almeno, il secondo posto e le semifinali, visto che la distanza in classifica è ora di solo 2 punti tra le due (ma i vadesi vantano il 2-0 e il +25 in differenza canestri). I pegliesi di coach Piastra invece giocheranno nuovamente in via Cialli, dove arriverà il CUS per l’ennesimo derby stagionale: si giocherà venerdì in anticipo.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

C Silver – 2° turno per gironcini e playout

Posted by superbasketball su 8 marzo 2018

Dopo il primo turno dei gironcini con già una sorpresa, siamo alla seconda giornata e ci saranno senz’altro gare utili per la classifica; ma soprattutto a Lerici si gioca gara2 del playout tra Follo e Ardita, con i follesi spalle al muro e a un referto giallo dalla discesa in D.

Nel girone A il KO subito dal CUS a Santa Margherita ha accorciato la classifica delle prime 3, Tigullio si è avvicinata ma non ha guadagnato su Vado, che ora è a 2 punti dai genovesi. Sulla carta, sabato sera al PalaCUS (ore 21) i vadesi potrebbero addirittura agganciare il team di Pansolin e Taverna, ma servirebbe un exploit dei ragazzi di Costa e una dèbacle casalinga dei cussini che sarebbe una notizia ancor più grossa di quella di sabato scorso. Precedenti a favore dei genovesi: 2-0 in campionato e vittoria in semifinale di Supercoppa a settembre. Quali che siano i risultati però, il CUS non avrà la certezza aritmetica delle semifinali, perché anche un +8 sul Tigullio con 4 gare potrebbe sulla carta non bastare ancora. Domenica alle 18.30 in via Cialli invece il Pegli di coach Piastra ospiterà i sicuramente galvanizzati ragazzi di Annigoni e Pieranti, che a loro volta, sperando in un esito “regular” (secondo pronostico insomma) della partita del giorno prima, con sconfitta del Vado, potrebbero invece vincendo accorciare le distanze dalla seconda in classifica, e puntare all’aggancio nella sfida diretta del sabato successivo. Gli arancioblu però sul campo di casa cercheranno di far dimenticare le ultime uscite piuttosto sotto tono, e di ottenere i primi punti in questa seconda fase.

Per lo Spezia di coach Padovan dopo la prima giornata la situazione è migliorata, perché il vantaggio sulla terza, l’Aurora, è salito a 6 punti Il secondo turno propone la sfida prima contro seconda, perché domenica al Palasprint alle 18 arriva l’Ospedaletti di coach Lupi. I bianconeri sono favoriti dal pronostico, ma servirà probabilmente una prestazione più convinta di quella di Sarzana, dove hanno a lungo consentito ai biancoverdi di cullare il sogno di vincere il derby. Gli orange hanno dovuto vincere la gara con l’Aurora un paio di volte, specialmente dovendo resistere nel finale al ritorno dei gialloblu, ma quando trovano la vena giusta possono mettere in difficoltà tutti (anche il CUS in via Isnart ha rischiato un po’ nel finale). Il girone inizia il turno in realtà già domani, venerdì, a Sanpierdicanne, quando alle 21 si sfideranno le due sconfitte della prima giornata, ovvero l’Aurora e Sarzana. Entrambe sulla carta possono ancora provare a inserirsi o quantomeno possono togliersi delle soddisfazioni, e così Marenco/Benvenuto e Giannetti/Bencaster proveranno a spronare i propri ragazzi per ottenere il primo referto rosa della seconda fase; per i chiavaresi potrebbe anche portare al riaggancio dell’Ospedaletti.

Ma il top della tensione del turno sarà al PalaBiagini sabato alle 21: gara 2 del playout potrebbe infatti già essere definitiva, se i nerviesi di coach Chiesa bisseranno con il Follo e conquisteranno il punto del 2-0. Coach Cristelli conta sul campo di casa e sui segnali positivi visti in gara 1, in cui i suoi ragazzi hanno tenuto viva la fiammella riuscendo a rientrare da un passivo pesante sino a rimettere in discussione il risultato. Il tempo è scaduto: o Follo trova la forza di vincere il suo primo incontro stagionale, o dovrà logicamente imboccare la via della serie D per la prossima stagione. L’Ardita spera ovviamente di chiudere il discorso e di imboccare la A12 per il ritorno a Genova con il pass per la C Silver per la stagione 2018-2019. Auguriamoci che sia una partita interessante al di là della posta in palio!

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – 2a fase – Girone A – Giornata n. 2
10/03/2018 – 21:00 CUS GENOVA ASD-PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA n.d.; Punti: 12+10=22
11/03/2018 – 18:30 AD BASKET PEGLI-AS D.TIGULLIO SPORT TEAM n.d.; Punti: 0+6=6

C Silver Liguria 2017-2018 – 2a fase – Girone B – Giornata n. 2
09/03/2018 – 21:00 AD AURORA BASKET CHIAVARI-SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL n.d.; Punti: 6+2=8
11/03/2018 – 18:00 SPEZIA BASKET CLUB AD-B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM n.d.; Punti: 12+8=20

C Silver/M 2017-2018 – Playout – Turno unico – Gara 2
10/03/2018 – 21:00 BASKET FOLLO AD-ASD ARDITA JUVENTUS  (serie 0-1)

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Colpaccio Tigullio col CUS; vittorie per Spezia, Vado e Ospedaletti. 1-0 sofferto per Ardita nel playout

Posted by superbasketball su 5 marzo 2018

La C Silver inizia la sua seconda fase con una sorpresa, la sconfitta del CUS a Santa Margherita! Spezia invece espugna Sarzana, e vincono Ospedaletti e Vado. Nel playout Follo spaventa il PalaMajorana ma poi cede e sabato sarà spalle al muro.

A Santa Margherita si consuma la prima sorpresa dunque di questa seconda fase. Il Tigullio di Annigoni e Pieranti (Caversazio 16, Arhangelski 13) ha steso il CUS di Pansolin e Taverna (Dufour 17, Bedini 12) sul parquet di via Generale Liuzzi, in una gara condotta con vantaggi anche ampi, che i genovesi non sono riusciti a ricucire. Peraltro, in situazione e con modalità diverse, anche al PalaCUS con Sarzana era andata così sino a metà dell’ultima frazione: qui i cussini non hanno trovato lo sprazzo giusto, e i ragazzi di casa a loro volta hanno tenuto duro e portato a casa una vittoria importante che riapre un po’ tutti i giochi nel gironcino. Come avevo accennato alla vigilia, una vittoria genovese avrebbe assegnato al CUS con certezza uno dei primi 2 posti con 5 turni di anticipo, e così non è stato. C’è quindi da fare i complimenti ai ragazzi e allo staff tecnico del Tigullio: “Ciao Bruno! Grazie intanto per i complimenti… sono due punti che ci fanno tanto morale per affrontare le prossime partite!“, risponde coach Marco Annigoni. “Ci siamo prefissati con i ragazzi di uscire da questo gironcino senza rimpianti. Quindi di dare tutto nelle 6 partite e vedere alla fine dove saremo in classifica. Siamo partiti con il piede giusto! Da sottolineare un’ottima prestazione corale e soprattutto una grande applicazione difensiva!“. Da segnalare la prestazione del rientrante Arhangelski, che stavolta è stato davvero un fattore. Da parte CUS, detto che le assenze di Nicola Vallefuoco e di capitan Bestagno qualche strascico se lo portano dietro, almeno in termini di ampiezza delle rotazioni, coach Pansolin ha individuato nell’errore strategico di voler giocare sullo stesso piano dei padroni di casa la motivazione principale della sconfitta: “Guarda, cerco di essere sintetico: la sconfitta è figlia del fatto che non siamo riusciti a imporre il nostro modo di fare pallacanestro. Loro hanno fatto una partita di grande ritmo, di grande intensità e di grande, se vogliamo, ‘confusione’ tattica: però è il loro modo di giocare, cioè sparigliare le carte in tavola per andare a gran velocità. Noi invece di fermarci a giocare a pallacanestro abbiamo giocato come come volevano loro“. Nessun dramma, d’altronde il CUS resta il candidato principale alla posizione di testa di serie numero uno anche dopo questo KO, né particolari recriminazioni per gli episodi: “Perdere una partita non è un dramma nel momento in cui fai un’analisi di quello che è andato storto e lo correggi per il futuro. Non ci siamo abituati, nel senso che noi fortunatamente negli ultimi due anni di partite ne abbiamo perso veramente molto poche, quindi a un certo momento sembravamo quasi straniti per essere sotto nel punteggio: questa cosa mi ha lasciato un po’ di stupore. Poi ci sono degli episodi, qualche fischio non condivisibile, ma episodi: la realtà delle cose è che noi abbiamo fatto una partita giocata secondo quello che loro volevano invece di imporre quello che piace fare a noi“. Da segnalare anche l’assenza del vostro blogger, che ovviamente nel giorno della vittoria contro pronostico del Tigullio sulla prima della classe non ha dunque potuto darvene conto in diretta, e poi in differita con le immagini. Scusate, ma tengo famiglia e ogni tanto 😉 devo considerare anche loro. Mi segno un punto in meno e vado avanti. Nel turno prossimo il CUS ospita in viale Gambaro il Vado, oggi vincente e quindi minacciosamente vicino; i sammargheritesi vanno in casa del Pegli, e se anche lì andassero a punti, come a questo punto il pronostico esigerebbe, diventerebbero effettivamente pericolosi per le prime due posizioni.

Tenendo gli avversari sotto i 40 punti, vincere è più semplice: è riuscito ai biancorossi della Pallacanestro Vado (Anaekwe 16,  Fazio 14), che hanno messo decisamente sotto i ragazzi del Pegli di coach Piastra (Zaio M. 9, Corba 8). Netto il divario finale, lievitato tempino per tempino e salito oltre il trentello alla sirena conclusiva, con i pegliesi veramente poco produttivi in avanti (5 e 9 punti segnati nelle frazioni centrali) e in difficoltà nel limitare i lunghi di casa. I ragazzi di Costa salgono pertanto a quota 10 e sabato avranno l’ebbrezza di andare al PalaCUS con addirittura la possibilità dell’aggancio ai genovesi in caso di vittoria (ma viceversa con una sconfitta si potrebbero ritrovare il Tigullio alle costole), mentre gli arancioblu tornano in via Cialli dove domenica proveranno ad arginare il prevedibile entusiasmo del Tigullio.

Non è stato banale il derby di Sarzana per la Tarros Spezia: i biancoverdi di coach Toffi (Tesconi 17, Ferrari e Dell’innocenti 12), in sostituzione per l’occasione di coach Giannetti, hanno proseguito sulla falsariga del match di Genova, mettendo in difficoltà i più quotati bianconeri (Peychinov 21, tutte triple, Garibotto 12). Partita praticamente punto a punto, con vantaggi sempre limitati per le due contendenti, risolta poi dai ragazzi di Padovan con un break ottenuto nell’ultima frazione, quando dal 52 pari gli ospiti sono pian piano saliti al +9 che hanno poi difeso negli ultimi giri di lancette. Ancora una buona prestazione sarzanese con calo esiziale nell’ultimo quarto, che però potrebbe essere sufficiente in futuri impegni come venerdì sera magari, nell’anticipo a Chiavari; non una grande prova degli spezzini, che però vincono e salgono a quota 12, il che non chiude i discorsi per la prima posizione, ma se arrivasse domenica il 3-0 sull’Ospedaletti con conseguente +8 in classifica, allora sì che i giochi sarebbero fatti, Chiavari ovviamente permettendo.

Nell’altra gara del girone, lo “spareggio” delle seconde, l’ha spuntata in volata l’Ospedaletti di coach Lupi (Cruz Salas 17, Cavallaro 16) sull’Aurora di coach Marenco (Ferri 26, Ciotoli 14). Privi di Colombo e con Cacace febbricitante, l’arma in più per gli orange è stato certamente il dominicano Cruz Salas, che ha imperversato sui due lati del campo; ma per i padroni di casa, che erano riusciti a scappar via nelle prime 3 frazioni, il finale è stato da brividi, con i chiavaresi a risalire la china a suon di triple, sbagliando però quella del possibile sorpasso, che avrebbe beffato gli ospedalettesi, nell’ultimo assalto. Con questi 2 punti Ospedaletti avanza la propria candidatura al “senato” della C Silver, ovvero il novero delle semifinaliste, avendo acquisito 2 punti in graduatoria e il 2-1 sui chiavaresi che li seguono al terzo posto: ma devono andare al Palasprint e se l’Aurora facesse invece risultato in casa con Sarzana, tutto tornerebbe in discussione (la differenza canestri sui chiavaresi è solo +9, ribaltabile al ritorno).

Last but not least, almeno in quanto a pathos, parliamo del playout. In via Allende in gara 1 del playout tra Ardita Juventus e Basket Follo si è imposta la squadra di casa (Pietronave 24, Visca 14), che però ha trovato davvero notevole resistenza nei ragazzi di Cristelli (Langone 18, Canini 14), che non hanno mollato sino alla fine e perso poi per solo due possessi dopo essere arrivati al -4 nelle ultime azioni risalendo dal +10 che i ragazzi di Chiesa avevano costruito nell’ultimo quarto (a 3′ dalla sirena conclusiva) dopo la parità assoluta a metà gara. Sabato sul campo di casa e con il sostegno del proprio pubblico i follesi devono riprovare e fare ancora meglio, ma è chiaro però che i nerviesi hanno confermato di poter vincere la serie. Ne riparleremo tra qualche giorno.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Al via la seconda fase e il playout

Posted by superbasketball su 1 marzo 2018

Siamo al primo weekend della seconda fase della C Silver: iniziano i gironcini e c’è anche gara1 del playout tra Ardita e Follo.

La prima fase ha infatti decretato la suddivisione delle prime otto nei due raggruppamenti: dopo andata e ritorno di questi gruppi le prime due di ogni girone giocheranno incrociandosi le semifinali playoff. Le classifiche iniziali determinate dagli scontri diretti già giocati sono ovviamente favorevoli soprattutto alle prime due della regular season, con CUS a quota 12 e Spezia a quota 10 nei rispettivi gironi, entrambe avanti di 4 punti rispetto all’inseguitrice più vicina, Vado per i genovesi e la coppia Ospedaletti-Aurora per gli spezzini.

Nel girone A Tigullio ragionevolmente è l’unica che può inserirsi nelle prime posizioni, ma chiaramente non deve assolutamente perdere colpi soprattutto rispetto al Vado, anche perché parte con lo 0-2 negli scontri diretti rispetto al team di coach Costa; quindi circoletto rosso intorno alla terza e alla sesta giornata per entrambe le formazioni perché sono probabilmente i turni chiave, quelli in cui si incrociano. Sabato pomeriggio alle 18.15 la truppa di Annigoni e Pieranti parte ospitando il CUS di Pansolin e Taverna, che in settimana ha incassato il responso negativo sul ginocchio di Bestagno (crociato, stagione di fatto conclusa per il capitano cussino) ma dovrebbe recuperare Bedini. I genovesi giocano per dare il colpo del knockout, perché avendo già un +8 dalla terza (facciamo conto +9 col 2-0), proprio il Tigullio stesso, con una vittoria sarebbero già certi della semifinale, anche se magari non da prima. Nell’altra gara del girone domenica i vadesi ospitano alle 18.15 il Pegli di coach Piastra, che senz’altro gioca questa seconda fase senza particolari pressioni: sarà una sfida tra giovanissimi probabilmente a ritmi alti, con i padroni di casa che ovviamente sperano di poter ritrovarsi domenica sera a loro volta a +6 rispetto alla terza.

Più complessa la situazione del girone B, con Spezia di coach Padovan avanti di 4 punti rispetto alla coppia a quota 6, e impegnato nel derby a Sarzana (sabato alle 20.30) contro un team che nelle ultime giornate ha fatto bene, come ad esempio al PalaCUS, anche se non ha raccolto tutto quello che avrebbe sperato coach Giannetti. Fatte le proporzioni, per la Tarros una vittoria darebbe in questo caso non la certezza aritmetica ma comunque il matchpoint per il turno successivo (in casa con Ospedaletti), mentre al contrario i biancoverdi vincendo potrebbero addirittura sperare in una rimonta, oltre ad averne sicuramente un giovamento psicologico globale. Alle 18 del sabato avranno già giocato invece Ospedaletti e Aurora, che spareggiano tra di loro per la seconda posizione provvisoria nel girone: negli scontri diretti gli orange di Lupi sono avanti solo per differenza canestri (+7), e pur essendoci anche il ritorno, chi vince chiaramente potrà arrivare alla seconda curva (leggi seconda giornata) sapendo di poter comunque restare davanti all’altra, avendo a quel punto il 2-1 a favore. Pronostico direi a favore dei padroni di casa, anche se i ragazzi di Marenco possono sempre dire la loro.

Ancora più significativa la gara 1 dei playout che è prevista al PalaMajorana  sabato alle 21.30, perché in al massimo 3 gare in questa serie si decide chi resta e chi scende. Sabato l’Ardita Juventus di coach Chiesa ha la missione di togliere sin da subito le speranze alla sfidante Follo: è chiaro che il pronostico, dopo una stagione così in cui l’ultima in classifica ha vinto solo una partita a tavolino, non può che preferire i nerviesi, ma certamente i ragazzi di Cristelli, in una situazione ora davvero di ultima (penultima) spiaggia, non possono lasciarsi retrocedere senza tentare il tutto per tutto. Vedremo, gara 1 è comunque solo il primo atto, gara 2 è prevista per sabato prossimo a Lerici e là comunque si andrà.

Situazione e partite in programma:

C Silver Liguria 2017-2018 – 2a fase – Girone A – Giornata n. 1
03/03/2018 – 18:15 AS D.TIGULLIO SPORT TEAM-CUS GENOVA ASD n.d.; Punti: 4+12=16
04/03/2018 – 18:15 PALL. VADO AZIMUT CONSULENZA-AD BASKET PEGLI n.d.; Punti: 8+0=8

C Silver Liguria 2017-2018 – 2a fase – Girone B – Giornata n. 1
03/03/2018 – 18:00 B.C.OSPEDALETTI SASTRI SAM-AD AURORA BASKET CHIAVARI n.d.; Punti: 6+6=12
03/03/2018 – 20:30 SARZANA BK LUNA ABRAVISI SRL-SPEZIA BASKET CLUB AD n.d.; Punti: 2+10=12

C Silver/M 2017-2018 – Playout – Turno unico
03/03/2018 – 21:30 ASD ARDITA JUVENTUS-BASKET FOLLO AD  (serie 0-0)

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

C Silver – Finita la prima fase, definiti i gironcini, ora seconda fase e playout

Posted by superbasketball su 26 febbraio 2018

La C Silver ha chiuso dunque la prima fase, assegnando tutte le posizioni dei due gironcini. Nella giornata finale le due partite più importanti per chiudere i conteggi sono terminate entrambe con vittorie esterne.

Al PalaCUS il pronostico che era favorevole ai padroni di casa rispetto agli ospiti del Sarzana si è confermato, ma la gara è stata divertente e tutt’altro che scontata. Il CUS aveva ben tre defezioni: oltre a Vallefuoco e Bestagno infortunati, anche Angelo Bedini si presentava in borghese, per qualche risentimento fisico, per cui Pansolin e Taverna avevano in panchina oltre ai ’99 anche due 2000. Un buon inizio genovese sembrava indicare una partita comunque controllata dal CUS, ma Sarzana reagiva e dopo aver riagganciato passava davanti. Sotto di 2 alla sirena, i biancorossi ripartivano meglio a inizio secondo quarto, ma ancora i biancoverdi, con Ferrari e Casini, tornavano sopra e anzi a metà gara erano davanti di 4 lunghezze. Anche al rientro dagli spogliatoi il CUS risaliva, ma implacabile il team di Giannetti arrivava all’ultima sirena intermedia sempre avanti di 4 lunghezze, e addirittura nell’ultimo tempino saliva al massimo vantaggio, sul 54-61 a 7’26” dal termine della gara. Qui però Dufour e Zavaglio nel giro di 90 secondi impattavano, e malgrado il timeout ospite i padroni di casa confezionavano un 14-0 complessivo, sempre ad opera del duo suddetto, che Ferrari provava a contrastare con una tripla che riapriva i giochi a circa 2′ dal termine. Subito dopo Dufour si inventava un tiro da 9 metri che tagliava le gambe alla resistenza sarzanese: gli ospiti non segnavano più e i cussini allungavano sino al +11 finale. L’imbattibilità del PalaCUS vacilla un po’ ma resiste quindi: CUS primo con 34 punti su 36 disponibili, e in attesa di capire se può recuperare qualcuno per il gironcino che inizierà a breve, e nel quale inizierà con già 12 punti di base, ritrovandosi con il Vado come secondo incomodo (8), Tigullio (4) e Pegli (0). Sarzana che ha fatto un’ottima partita, pur ottenendo poco ieri dal neo inserito Carnesi, chiude al settimo posto in virtù del risultato di Pegli, con un buona impressione complessiva, di squadra comunque in crescita rispetto agli inizi, alla quale qualche volta mancano gli ultimi minuti al livello sufficiente per portare a casa il referto rosa, ma che nella seconda fase, nel girone B insieme a Spezia, Ospedaletti e Aurora, può cercare di farsi valere, anche se probabilmente non può pensare di intrufolarsi tra le semifinaliste.

Qui sotto, foto e la consueta differita registrata in diretta durante l’effettuazione della diretta audio su Facebook (sempre grazie a chi ascolta live!).

2017-2018 C Silver CUS-Sarzana.

Non ci sono stati scossoni a Lerici, dove la Tarros Spezia (Garibotto 24, Steffanini 18) ha potuto tenere in panca Peychinov imponendosi comunque nettamente sul Follo (Canini 14, Petani 11). I bianconeri hanno segnato un centello esatto, chiudendo il discorso dopo un secondo quarto vinto 37-6. Dunque anche Spezia chiude la prima fase con un score impressionante, 32 punti su 36, è seconda con un vantaggio di 10 punti sulla terza, e guiderà il gironcino B che inizierà con 10 punti  in saccoccia. Coach Padovan non ha già la certezza ovviamente della semifinale, ma è difficile immaginare una inversione dei ruoli che impedisca di vedere Tarros e CUS impegnate nelle due diverse semifinali, per poi probabilmente (gli interessati si grattino pure 😉 ) rivedersi in finale come l’anno scorso. Quanto a coach Cristelli, dopo una lunga sofferenza in questa prima fase ora arrivano i giorni che decidono tutto: già sabato sera a Genova ci sarà gara 1 del playout con l’Ardita, dove i follesi arrivano senza aver mai ottenuto sul campo un referto rosa. Serve un colpo di reni davvero importante.

Ospedaletti (Zunino 21, Cruz Salas 19) sul campo di casa non ha lasciato speranze ad un Ardita (Visca 12, Pietronave 10), andata comunque a ponente già con una squadra “futuribile”, zeppa di under, per una partita già abbastanza chiusa nel pronostico. Netto il vantaggio dei padroni di casa già nelle prime frazioni, e chiusura con punteggio alto per gli orange, malgrado l’infortunio, da valutare, a Colombo: con la vittoria hanno escluso subito la possibilità di finire quinti, e il risultato di Santa Margherita ha lasciato poi loro il terzo posto. Posizione che molti assegnavano agli uomini di Lupi già a settembre, ma che non è stata facile da ottenere, perché l’Ospedaletti non ha disputato un girone continuo: decisive le 6 vittorie nelle ultime 7 gare.  Coach Chiesa pensa già a sabato, deve radunare le energie mentali del suo gruppo per assicurarsi la permanenza nella serie, cominciando bene in gara 1.

Sin qui le gare del sabato.

Nella giornata di oggi sono arrivati invece i 2 risultati che hanno chiuso la prima fase.

A Santa Margherita i vadesi di coach Costa (Pesce 20, Fazio 16) hanno ottenuto il referto rosa che ha loro consentito di appaiare l’Ospedaletti, il che ha dato loro il quarto posto finale (essendo dietro agli orange per gli scontri diretti). Il Tigullio di Annigoni e Pieranti (Caversazio 15, Wintour 14) ha pertanto dovuto accontentarsi della quinta posizione, aggiungendosi proprio ai vadesi nel girone con Cus e Pegli. La partita è stata combattuta, con i vadesi nettamente avanti nella prima parte, poi recuperati dai padroni di casa sino al 51 pari; i sammargheritesi però nel finale hanno visto gli ospiti riallungare senza riuscire più a ricucire, e dal possibile terzo posto (avrebbero avuto il vantaggio negli scontri diretti con Ospedaletti) i tigullini si sono ritrovati quinti, un piazzamento che li penalizza ulteriormente nel gironcino, dove ritrovano proprio i vadesi e quindi possono far valere solo i 4 punti ottenuti con il Pegli. Incrocio davvero strano questo nel finale di stagione. Entrambe le squadre comunque hanno saputo conquistare posizioni di prestigio e con compagini giovani, anzi, soprattutto nel caso dalla Pallacanestro Vado dopo il ko dei due senior, giovanissime!

Partita abbastanza a senso unico invece quella di Pegli, dove l’Aurora Chiavari (Ferri 16, Poltroneri 15) dopo 20′ era già avanti 16-45 e ha chiuso poi con un quarantello di scarto, prendendosi il sesto posto addirittura con 4 punti di vantaggio su Sarzana e, appunto, il Pegli di coach Piastra (Corba 11, Nicoletti 8), rimasto quindi ottavo dopo questa pesante sconfitta casalinga. L’Aurora si aggrega dunque al gironcino B portandosi dietro Sarzana, mentre i pegliesi, arrivati al finale un po’ in apnea (fondamentale la vittoria con l’Ardita) ma comunque salvandosi in anticipo e arrivando alla seconda fase, ritrovano il CUS per un altro paio di derby, il Vado e il Tigullio nel gironcino A, con 0 punti in quanto con le squadre in questione in stagione sono arrivate solo sconfitte. Obbiettivo degli arancioblu sarà senz’altro provare a togliersi quello zero; per i chiavaresi di Marenco invece, a pari merito con Ospedaletti al secondo posto, a 6 punti frutto di 3 vittorie casalinghe (attenzione al “fattore Sanpiedicanne” dunque!), c’è addirittura sulla carta la possibilità di lottare per la semifinale, anche se nel gironcino le favorite restano Spezia e gli orange. Già questo mi sembra un bel successo per la stagione dell’Aurora.

Dunque, ecco la composizione dei due gironcini, dei quali naturalmente si attende il calendario, che si articolerà nelle consuete (per gironi di andata a ritorno di 4 squadre) sei giornate:

Girone A: CUS GE pt. 12; Vado 8; Tigullio 4; Pegli 0

Girone B: Tarros SP pt. 10; Ospedaletti, Aurora Chiavari 6; Sarzana 2

I dettagli sono nelle mie tabelle che ormai da qualche erano già presenti, in via ufficiosa, sotto alla mia classifica generale.

Per inciso, la probabilità di questi gironcini per me era del 21.5%, la seconda più probabile dopo quella che vi avevo messo e che aveva il 25% totale. C’è di peggio! Sulla composizione, a parte Ospedaletti e Tigullio che sono “nel girone sbagliato”, sono quasi girone ponente e girone levante. E Pegli è l’unica macchia di colore diverso in un girone biancorosso. A parte queste considerazioni, ehm, di colore, i calendari saranno importanti, perché se arrivassero subito risultati che chiudessero il discorso per le prime due posizioni, sarebbe un po’ un peccato per l’interesse dei restanti turni.

E dal weekend prossimo, parte anche il playout, a quanto pare si parte alle 21.30 al PalaMajorana.

Ovviamente in settimana cercherò di informarvi non appena si saprà qualcosa.

Situazione:

.

Posted in C Silver, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

A1/F – Carispezia: capolinea, si scende

Posted by superbasketball su 13 aprile 2017

logo_cestistica_nuovoE stavolta mettiamo il punto. (punto)

La Carispezia perde la sua serie playout. Malino; tralasciando la sciagurata gara 3, anche gara 4 non è stata buona, salvo la voglia forse, ma male espressa, di recuperare la situazione quando i buoi erano ormai ampiamente scappati (di rimonte come quelle della partita precedente se ne vedono poche, figuriamoci due una dopo l’altra). Battipaglia ha travolto la resistenza bianconera proprio quando, sull’1-1, le cose sembravano mettersi bene per il team di Barbiero. Scherzi della psicologia e dello sport, e chissà che quell’esonero di Riga, all’indomani di gara 2, non sia stato davvero la svolta nella testa delle ragazze campane? E’ finita dunque 1-3, con la Treofan festeggiare in campo con i tifosi, e le bianconere mestamente a capo chino.

La gara (qua sotto il solito video integrale dello streaming dal sito della Lega Basket Femminile per chi volesse girare il dito nella piaga) ha visto di fatto le ospiti menare le danze sin dall’inizio, con Linguaglossa e compagne (Březinová 12, Striulli 9) in grado di arginarle nel primo quarto, ma in calo nel secondo, con le canotte nere a prendere il largo soprattutto a ridosso di metà gara, alla quale sono arrivate su un promettente (per loro) +12. E’ mancata la giusta reazione al rientro: le ragazze di Dragonetto hanno allungato ancora, e dal -21 a quel punto solo un miracolo sportivo avrebbe permesso alle spezzine di ribaltare la situazione. Ci hanno provato, tant’è vero che il divario è calato a -15 al 30′ e qualche altro punto qua e là è stato limato, ma col tiro pesante quasi completamente inceppato (2 triple su 20 tentativi contro un solo discreto 6/18 delle avversarie) non è facile recuperare. Alla fine la mannaia è calata inesorabile col passare dei minuti, e il 46-66, inequivocabile anche se forse un po’ punitivo, ha sancito la retrocessione delle ragazze.

Gara 4 poteva, nelle aspettative più rosee, essere quella della festa, e invece è stata quella delusione. D’altronde, tutto è coerente con una stagione nella quale le vittorie sono arrivate col contagocce (a parte lo sweep sulla evidentemente “predestinata” Broni, solo gara 2 a Battipaglia): far su 3 referti rosa in 5 gare dopo averne ottenuti 2 su 26 era forse troppo ottimistico da pensare.

Peccato: una stagione con tante sliding doors che apparentemente hanno sempre, o quasi, indirizzato nella direzione sbagliata. Tanti cambi in corsa, sia di panchina sia di giocatrici, alcuni forzati ma alcuni per scelta tecnica, un gioco che nel finale di stagione sembrava molto migliorato ma che evidentemente era “fragile” e non ha retto in questa sequenza finale. Sarà che c’era ancora in testa la cavalcata dell’anno scorso, ma la differenza è stata stridente. In alcune partite, mesi fa, si era colta la frustrazione e la sensazione di impotenza, sensazione che nelle ultime settimane non si avvertiva più, anche se i risultati restavano sfavorevoli, ma si lottava; nelle ultime gare qualche volta è apparso di nuovo un po’ di timore nell’esecuzione in attacco (quantomeno, questo ho avvertito io, e non vale per tutte le ragazze). Timore che non ho visto praticamente mai nelle battipagliesi, dalle più esperte sino alle più giovani, basti pensare a Verona. Peccato davvero, perché dopo il pareggio del PalaZauli, e l’inerzia tutta spezzina, sembrava che l’obbiettivo fosse lì, e si potesse afferrarlo.

Dunque, salvo stravolgimenti estivi, l’anno prossimo la Carispezia si ripresenterà al piano di sotto; vedremo con quali premesse e con quali ambizioni, credo che la voglia di tornare su ci sia, e “ci conto”. Speriamo. Nel frattempo, domani le più giovani iniziano la finale Under 20, chissà che qualche sassolino dalle scarpe non riescano a toglierselo. C’è anche Battipaglia!

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

A1/F – Carispezia fa la Penelope, perde dal +19 e butta il fattore campo

Posted by superbasketball su 9 aprile 2017

logo_cestistica_nuovoE stavolta è quasi difficile credere a quello che è successo ieri sera al Palasprint. La Carispezia è riuscita a perdere in un solo colpo partita casalinga, fattore campo e inerzia della serie, soprattutto nella testa delle avversarie: il tutto in una gara in cui, con meno di metà del tempo ancora da giocare, era sul +19, contro una squadra che arrivava da una settimana in cui era stato esonerato l’allenatore, e quindi era in uno stato di fragilità. E ora è imperativo per le ragazze di Barbiero intanto tenere il fattore campo in gara 4, e poi tornare a Battipaglia col coltello tra i denti per giocarsi in 40′ la A1.

La cronaca racconta di una squadra spezzina in grado di portarsi avanti già nella prima frazione, chiusa avanti di 5, e, pur in una gara in cui il vantaggio faceva fisarmonica, stare sempre davanti e anzi aggiungere qualcosa anche nel secondo quarto, cosicché alla pausa lunga il divario era di 8 punti, e soprattutto si notava il gran lavoro difensivo, con la Treofan tenuta a 17 punti! Quando poi giochi la terza frazione con un parziale che ti porta al +19 (43-24) a poco più di 3′ dalla sirena del 30′, sembra fatta, o almeno anche se scaramanticamente non lo si dice magari lo si pensa. Ed ecco il patatrac, la Carispezia si inceppa e sino a fine quarto segna solo 2 punti. Battipaglia raschia il fondo del barile, strappa già molto nel residuo della terza frazione chiusa su un dimezzato -9 e ovviamente il recupero la esalta, giunge al sorpasso sul 45-46 con la penetrazione di Strimboli a -6’37”, in 6′ circa un terrificante 2-22 di parziale, e Premasunac esce per falli. Si arriva al finale e come statisticamente è successo tante volte quest’anno, con praticamente l’unica eccezione di gara 2, a lasciarci le penne è proprio la squadra di casa, benché ci sia stata l’opportunità di segnare sulla sirena per Březinová dall’arco, ma il ferro ha detto no. Surreale, e allora stavolta è davvero interessante ricorrere al video integrale della gara come trasmesso in streaming dal sito della Lega Basket Femminile per capirci qualcosa di più.

Gara 4, martedì sera, a questo punto per le bianconere è da dentro o fuori, c’è solo un risultato utile, da ottenere anche con un libero a tempo scaduto al quinto supplementare. Certo che in questa serie tutte le gare si sono sinora concluse con 2 punti di scarto per una o per l’altra, direi che l’equilibrio è incredibile, speriamo che l’ago della bilancia possa spostarsi ancora verso Spezia…

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A1/F – Tanto tuonò che piovve! Carispezia espugna il PalaZauli e ora con gara 3 e 4 in casa inguaia Battipaglia (che esonera Riga)

Posted by superbasketball su 6 aprile 2017

logo_cestistica_nuovoEra ora! Dopo tante volate perse sotto lo striscione del traguardo, stavolta la Carispezia ha fatto il colpo, in trasferta, nella gara forse cruciale della serie, che ora è sull’1-1 e sorride alle bianconere, che hanno 2 chances casalinghe consecutive. E a Battipaglia il contraccolpo si è sentito.

Anche in questa gara 2 le spezzine (Premasunac 15, Březinová 11) sono partite meglio, addirittura sono andate sul +10 nel primo quarto, per poi subire il ritorno delle padrone di casa, che rosicchiavano sino ad impattare nella seconda frazione. Ancora però si risvegliavano le bianconere, malgrado l’espulsione di coach Loris Barbiero per il secondo tecnico: dal 25-22 per la Treofan e ragazze tornavano avanti anche di 7 e all’intervallo lungo si andava sul +4 Carispezia. Nel terzo quarto si lottava strenuamente, con punteggio altalenante, e si arrivava alla volata finale sul 50 pari. Le paure sembravano materializzarsi negli ultimi 10′: le salernitane allungavano anche a +5, Verona sembrava un folletto inarrestabile, insomma sembrava che come tutte le altre volte si dovesse restare con un pugno di mosche. Invece, pian piano le bianconere rientravano ancora, Sotiriou collezionava il 5 fallo in pochi istanti, e Battipaglia si ritrovava in bonus. Verona piazzava un’altra tripla micidiale, ma era l’ultimo fuoco della Treofan: dalla lunetta e con il canestro finale di Březinová le ragazze di Della Godenza, catapultato nel ruolo di head coach proprio in una gara così importante, hanno preso il vantaggio decisivo. La stessa ceca, davvero micidiale negli ultimi giri di lancette, prendeva il rimbalzo della sicurezza dopo che Striulli aveva sbagliato i 2 liberi che potevano comunque chiudere la contesa. Tripudio bianconero, per una volta un finale le ha premiate! E le ragazze sono state ancora una volta brave, e forse sono state ripagate delle tante gare ben giocate ma lasciate alle avversarie.

Come già accennavo e come sicuramente ogni appassionato sa, ora si va al Palasprint per 2 gare consecutive, sabato alle 20.30 gara 3 e martedì alla stessa ora gara 4. Il vantaggio del campo è stato di fatto ribaltato, e per Linguaglossa e compagne ora in teoria basterebbe vincere sul proprio campo. Fosse successo già più volte in stagione, sarebbe più semplice; di fatto è successo solo una volta e quindi non ci si può certamente rilassare! Ma se prima la situazione era grigetta, ora sta un po’ virando al rosa, merito del colore del referto dell’altra sera, sicuramente…forza, è il momento di non mollare!

Qui sotto il link al video integrale della gara come trasmesso in streaming dal sito della Lega Basket Femminile.

Promo SP-BP gara3La notizia di oggi è poi che a Battipaglia è saltata la panchina di coach Riga. La squadra al momento è affidata all’assistente Dragonetto, ma potrebbero esserci altri sviluppi. Staremo a vedere, a volte queste cose danno lo scossone decisivo in meglio, a volte certificano il peggio. La palla a due di sabato probabilmente fugherà i dubbi.

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A1/F – Gara 2 per la Carispezia a Battipaglia, bisogna vincere per ribaltare il fattore campo

Posted by superbasketball su 3 aprile 2017

logo_cestistica_nuovoE’ meglio, in una serie playout che decide della propria permanenza nella categoria, trovarsi sotto 2-0 dopo le prime 2 gare, o trovarsi 1-1 potendo poi giocare le 2 successive in casa? Ecco, direi che l’articolo più o meno potrebbe finire qui 😉

La Carispezia domani alle 20.30 ritrova la Treofan Battipaglia per gara 2. Sarebbe davvero auspicabile, verso le 22.30 di domani sera, che io potessi scrivere, magari sulla pagina facebook di SUPERBAsketball, che le bianconere hanno impattato la serie e ribaltato il fattore campo. Perché altrimenti le due gare casalinghe successive saranno da cardiopalma.

Certo, anche vincendo al PalaZauli, concretizzando finalmente le buone prestazioni che si sono viste nelle ultime settimane, alle quali è sempre mancato quel centesimo per fare l’euro, non finisce lì: le vittorie da mettere nel sacco sono ben 3, e quindi servirà ripetersi e ripetersi. Ma ci sarà almeno quel piccolo paracadute di riserva, che altrimenti, sullo 0-2, le ragazze di Barbiero non avranno.

Dunque, a 72 ore da gara 1, smaltite si spera un po’ di tossine, recuperato se possibile un po’ di smalto nel caso delle ragazze che erano arrivate a gara 1 appena uscite da problemi fisici, si torna a sudare su parquet per meritarsi la A1 nel 2017-2018. Dopo quanto visto in gara 1, la possibilità di tornare a casa col referto rosa c’è, e sarebbe davvero un peccato lasciare strada alle avversarie senza lottare col massimo della determinazione. Forza ragazze!

Ovviamente tutti sullo streaming sullo Youtube di Lega Basket Femminile a trepidare per Linguaglossa & C.!

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A1/F – Anche Gara1 dei playout vede una bella Carispezia sconfitta a Battipaglia in volata

Posted by superbasketball su 2 aprile 2017

logo_cestistica_nuovoUna chance è andata: gara 1 sfugge dalle mani della Carispezia ed è la Treofan Battipaglia a portarsi sull’1-0 nel playout che decide chi retrocederà nella serie inferiore. Martedì, stesso campo, si gioca gara 2.

Barbiero ha visto le sue ragazze (De Pretto 26, Striulli 8) condurre a lungo la partita: scattate meglio, nel primo quarto il vantaggio è salito addirittura in doppia cifra! Non poteva essere così facile, e allora Battipaglia è tornata sotto, ma ancora le bianconere hanno tenuto dietro le padrone di casa, purtroppo però caricandosi di falli: Premasunac 2 addirittura nel primo quarto. All’intervallo lungo comunque Carispezia ancora avanti di 3, e speranze rinfocolate. Purtroppo la terza frazione è stata appannaggio delle salernitane, e l’ultimo tempino si è iniziato sul punteggio piuttosto basso di 37 pari. Il trend però proseguiva e le ragazze di casa andavano addirittura a +8; qui toccava alle spezzine reagire, e piano piano si arrivava al finale in volata, dove sul -1 e palla in mano purtroppo le nostre perdevano palla sulla rimessa e la Treofan suggellava il primo punto nella serie con un solo possesso di differenza. Praticamente la fotocopia, a punteggio più basso, della gara di qualche settimana fa. Spiace scriverlo per l’ennesima volta, la ma parola più appropriata è: peccato! Tra le note positive metterei una superlativa De Pretto in formato Europei, e il recupero di Benić e Premasunac, che col passare dei giorni potrebbero dare ancora di più nelle gare successive. E stavolta tutte e dieci le ragazze scese a Battipaglia hanno giocato, chi più chi meno, allungando le rotazioni.

Qui sotto il link al video integrale della gara come trasmesso in streaming dal sito della Lega Basket Femminile.

Le campane cercheranno certamente di bissare martedì, per poter salire a La Spezia con 2 matchpoint in mano. Compito di Linguaglossa & C. è ovviamente di concretizzare per una volta i loro sforzi, e anche stavolta c’è mancato poco per cui non è una chimera irraggiungibile, e ritrovarsi in gara 3 sull’1-1 e con il fattore campo a favore. Massima concentrazione per gara 2, forza ragazze!!

Nei playoff grande equilibrio: l’hanno spuntata Vigarano ai danni del Torino di Sara Bocchetti, e a sorpresa Broni in trasferta ad Umbertide. Nei quarti le estensi troveranno Schio, mentre le pavesi andranno contro Lucca.

Situazione:

.

Posted in A1 F, Campionati | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: