SUPERBAsketball – Basket di Genova e Liguria

Notizie, notiziole e baggianate

Posts Tagged ‘Semifinali’

SuperCoppa Liguria – Vince Spezia, CUS battuto in finale. Vado regola Sarzana per il terzo posto

Posted by superbasketball su 2 ottobre 2017

Il weekend di Supercoppa consegna il primo titolo stagionale ai bianconeri dello Spezia Basket Club, e fornisce alcune indicazioni preliminari sulla consistenza delle formazioni che hanno disputato la due giorni del Figoi.

La giornata di sabato con le semifinali presentava un incrocio diverso dalle semifinali playoff della primavera scorsa, ma a conti fatti sabato sera si poteva affermare che “invertendo l’ordine dei fattori”, i risultati non erano cambiati.

Nella prima infatti si sono incrociate CUS e Vado: campione ligure contro eliminata in semifinale (dalla Tarros). Dopo un inizio con mani freddissime per entrambe le squadre, i genovesi (Dufour 21, Bestagno e Ferraro 10) hanno trovato il primo allungo: l’ormai proverbiale buzzer beater di Dufour da 3 dava il 18-8 di fine quarto. Nella seconda frazione Vado (Prato 13, Gualandi e Brignolo 9) vedeva il divario dilatarsi sino al 12-35 del 17′, poi riusciva a recuperare qualcosa e il 38-22 di metà gara non sembrava ancora una sentenza. Nella terza frazione lo scarto andava un po’ ad elastico, ma i ragazzi di Dagliano e Costa producevano un parziale che li riportava sotto, sino al 43-52, quando Pansolin chiedeva minuto e al rientro Bestagno forniva i 3 punti al 24″ che consentivano agli “universitari” di respirare meglio: 55-43 al 30′. Malgrado un paio di infortuni (Tsetserukou e Brignolo, entrambi caviglia, più serio quello del bielorusso) un paio di rubate permettevano a Prato & C. di tornare al -8, ma qui si esauriva la rimonta ed erano Dufour, e poi un no look dell’ex Zavaglio per Nicola Vallefuoco a dare il via all’ultimo allungo dei campioni in carica, che fiaccava le speranze dei vadesi, per il 69-55 finale.

Di seguito un po’ di foto e il video integrale della gara.

2017-2018 SuperCoppa SF CUS-Vado.

.

La serata del sabato proponeva la sfida spezzina tra Spezia Basket Club (finalista) e Sarzana Basket, semifinalista sconfitta da CUS qualche mese fa. I biancoverdi in questo weekend hanno avuto Bencaster nell’unica veste (benché avesse la canotta numero 7 canonica) di coach, stante un ginocchio gonfio che consigliava riposo: malgrado l’assenza dell’esperto leader in campo , i sarzanesi (Casini 20, Stagnari 10) partivano meglio, addirittura 13-4, per poi subire il risveglio spezzino (Visigalli 20, Bracci 14), culminato con il primo lampo di Peychinov, una schiacciata rovesciata sulla linea di fondo che ha dato il 14-17 di fine quarto, e un’idea della potenza del nuovo straniero bianconero. Nella seconda frazione Spezia perfezionava il sorpasso, anche grazie ad un’altra inchiodata del 20 in bianconero, che poi segnava in tap-in e forniva un assist a Bracci. Il vantaggio spezzino arrivava ai 10 punti di metà gara, 39-29, per poi crescere ancora dopo il riposo: Peychinov trovava il modo di piantare una bimane stavolta, ma poi Sarzana trovava alcune conclusioni dall’arco e delle buone iniziative di Casini per il -7. Momento che si trasformava però nel punto di svolta, Spezia reagiva e prima della fine del quarto dilagava fino al 61-43 del 30′. Niente miracoli nell’ultimo tempino: il divario saliva oltre i 20 punti e diventava vieppiù punitivo sino all’81-54 con cui si chiudeva il referto.

Anche qui, ecco foto e video.

2017-2018 SuperCoppa SF Spezia-Sarzana.

.

Domenica pomeriggio, sono le 16 e va in scena la prima delle finali, quella che decide il gradino più basso del podio. Nel riscaldamento si notava già l’assenza di Ferrari nelle file biancoverdi, mentre Vado non schierava gli infortunati del giorno prima. Contrariamente al giorno prima, Vado () partiva subito bene, e Sarzana (Casini 19, Bardi 11) restava indietro. I biancorossi sembravano da subito in giornata di tiro speciale (se non ho contato male le triple a buon fine sono state 17 o 18!) e il primo quarto, malgrado i tentativi sarzanesi di mantenere il ritmo. si chiudeva sul 23-12. Sotto le bordate vadesi il vascello biancoverde imbarcava acqua anche nella seconda frazione, che andava a referto sul 47-24, dando l’impressione di dover attendersi 20 minuti restanti di garbage time. La prima parte della terza frazione confermava questa sensazione, col vantaggio che saliva ancora sino al +28; qui era Sarzana a trovare finalmente una sequenza positiva, trascinata dal solito Casini, e con 8 punti di fila si tornava al -20, poi corretto in fine tempino al 40-61 del 30′. Altro sforzo supplementare biancoverde nell’ultima frazione, che faceva quasi pensare ad un’insperata rimonta: ma questa si arenava al -15, ed erano Cerisola e Gualandi a colpire alternativamente con i pugni del K.O., ristabilendo il massimo vantaggio e assegnando ai pappagallini la terza posizione grazie al netto 84-56.

Foto e video qua sotto.

2017-2018 SuperCoppa Fin3-4 Vado-Sarzana.

.

E così si arrivava all’atto conclusivo della manifestazione, la finalissima tra CUS Genova e Basket Spezia Club. Nelle file cussine tornava per l’occasione dopo il lungo stop per infortunio Angelo Bedini (poi anche a segno), mentre gli spezzini si presentavano nella stessa formazione del giorno prima. Anche in questo caso l’avvio è stato l’opposto di quanto visto il giorno prima nelle semifinali, perché i bianconeri (Visigalli 30, Peychinov 22) andavano subito avanti, sino al 13-5. CUS (Dufour 21, Vallefuoco S. e Zavaglio 10) tentava di restare in scia ma anche per alcune palle perse sotto il proprio canestro regalava punti e il parziale di 27-16 per gli spezzini sembrava già aver indirizzato la gara. Nella seconda frazione Spezia riusciva anche a correre, con Visigalli e Peychinov (schiacciata con and one!), ma CUS trovava ben 5 bombe e riusciva ad imporsi nel parziale, tornando al -8 (35-43) del 20′ e mantenendo aperta la questione. Al rientro anzi Zavaglio faceva 6 punti di fila e portava i suoi al -4, ma qui si generava il break decisivo, con Visigalli e Peychinov (altra bimane sempre in contropiede) a scavare il solco, dal +4 al +22, e al +25 a fine tempino. Gli ultimi 10′ di fatto sono un batti e ribatti in cui il divario non cambia granché, entrano tutti quelli che possono giocare e anche se CUS accorcia un po’ le distanze alla sirena finale il 90-69 certifica una vittoria bianconera ampia e fuori discussione. Coach Padovan porta a casa la Coppa per la gioia del presidente Caluri, e per quanto vale questo trofeo certamente le due prestazioni viste a Borzoli sono ottime credenziali per il campionato: credo sia difficile a questo punto non dare a Spezia la pole position nella corsa ai playoff della C Silver. E i nuovi acquisti Peychinov, in particolare, e Bracci, hanno dato segnali molto positivi.

CUS e Vado pagano certamente molta gioventù, e nel caso dei genovesi c’è chiaramente ancora da lavorare sulla coesione, che l’anno scorso era molto più immediata visto che il gruppo era rimasto abbastanza invariato. Sarzana deve ovviamente poter avere in campo Ferrari e Bencaster per essere competitiva con le suddette squadre. Il tutto ovviamente secondo il mio umilissimo parere.

Qui le foto e il video della finale, con le mie scuse perché dopo una domenica di intense riprese la batteria, pur essendo stata ricaricata a sprazzi negli intervalli tra le partite e tra i tempi di gioco, si è ammosciata (come l’indicatore della benzina quando improvvisamente crolla nel giro di qualche chilometro e rischi di restare a piedi) proprio nel finale della finale, e ho potuto riprendere a filmare solo dopo aver connesso la BraunCam ad una provvidenziale presa…sorry, bisognerà che mi doti di una batteria supplementare in queste occasioni. Ma non vi siete persi granché! 😉

2017-2018 Supercoppa Finale Spezia-CUS.

.

E ora, sotto con il campionato!

Annunci

Posted in Campionati, Eventi, SuperCoppa Liguria | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

SuperCoppa Liguria – Domani le semifinali Cus-Vado e Tarros-Sarzana

Posted by superbasketball su 29 settembre 2017

E allora arriviamo al basket giocato anche nel maschile: con la novità SuperCoppa Liguria parte la stagione dei gruppi senior di C Silver.

Nella cornice del PalaFigoi, la FIP Liguria ha organizzato una versione veloce, in stile Final Four, dei playoff di C Silver della stagione appena conclusa. Altra differenza, gli incroci: perché in primavera il CUS poi campione aveva giocato in semifinale con Sarzana, mentre la Tarros Spezia poi finalista si era scontrata con Vado. Una novità che sostituisce la Coppa Liguria, recentemente poco partecipata: vediamo se questa scelta si rivelerà intrigante.

L’evento si incastona in un weekend in cui sono programmati anche gli Oscar e il Cavaleri, dimodoché chi ne ha voglia potrà farsi una vera full immersion.

E soprattutto si tratterà di un anticipo di campionato, pur con la considerazione ovvia che siamo ancora a settembre (almeno domani) e che le squadre possono essere ancora un po’ nella fase “cantiere”. In fondo sono cambiate abbastanza queste 4 squadre, e la chimica può essere ancora un po’ lenta ad instaurarsi. Se siano ancora le 4 che alla fine si ritroveranno a disputarsi la Silver, non è ancora detto, però certamente tra queste ci saranno alcune delle protagoniste del girone che inizierà tra una settimana.

CUS ha salutato diversi senior: Bigoni (a Serravalle in C Silver Piemonte), Fabio Bedini (motivi di lavoro) e Macrì (al My Basket in D). In entrata ci sono i due ragazzi provenienti da Vado, ovvero Zavaglio e Stefano Vallefuoco che si affianca al fratello Nicola, e va considerato anche il ritorno al parquet di Angelo Bedini: si sono aggiunti ai veterani Dufour e Mangione. Poi tanti giovani, dall’Under 18 dell’annata scorsa, che proveranno a tenere il campo quando i senior avranno bisogno di boccate d’ossigeno. Tanti giovani si troveranno anche dall’altra parte del campo: come ha raccontato coach Dagliano nella videointervista di oggi, i biancorossi vadesi hanno una squadra Under 18 rinforzata solo da un paio di senior, Prato e Ottone (comunque non “anziani”), ragazzi giovani che si fanno le ossa per fare al meglio l’Under 18 d’Eccellenza e metteranno in campo tutta la loro energia.

Nell’altra semifinale abbiamo l’altra finalista Tarros, che ha perso Kuntic e Melley, ma ha aggiunto il bulgaro Angel Peychinov, guardia/ala oltre i 2 metri, il centro Jonas Bracci, un ’96 l’anno scorso in serie B a Valdiceppo, e il rientrante Niccolò Steffanini, mantenendo alla guida coach Padovan e l’assistente Lanza. Dall’altra parte, ovvero in casa Sarzana, l’estate ha portato alla fine del rapporto con coach Bertieri (ora al Versilia in D Toscana), che da quando scrivo su questo blog era sempre stato lì: il suo posto è stato preso da un’altra colonna biancoverde, Alessandro Bencaster, nel ruolo doppio di allenatore e giocatore. Altro volto noto di ritorno a Sarzana è Manuel Ferrari, proveniente dalla C Gold Toscana (Carrara), mentre si è fatto il nome del lungo Simone Maggiani che al momento però non sono in grado di confermarvi.

Il programma, come pubblicato da FIP Liguria:

Prima edizione della “Super Coppa Liguria”, torneo tra le prime quattro squadre classificate del Campionato di Serie C Regionale 2017.

Programma:
Sabato 30 Settembre
18.30 CUS Genova – Pallacanestro Vado
20.30 Spezia BC – Sarzana Basket

Domenica 1 Ottobre
16.00 Finale 3°-4° posto
18.00 Finale 1°-2° posto

Dunque se avete voglia di rituffarvi nella stagione, prendete la strada per Borzoli e sedetevi domani e dopodomani sulle tribune del PalaFigoi. E’ pure gratis! (nota speciale per i genovesi)

Posted in Campionati, Eventi, SuperCoppa Liguria | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Under 18/M – L’Italia chiude con un buon quinto posto negli europei in Slovacchia

Posted by superbasketball su 10 agosto 2017

L’Under 18 maschile ha chiuso al quinto posto nell’Europeo di Bratislava e Piestany (Slovacchia). Un piazzamento forse un po’ stretto, ottenuto di fatto perdendo solo due partite, nei quarti con la Lituania e nel girone con la Serbia che ha poi vinto il titolo, e battendo la Spagna finalista. Un piccolo passo indietro rispetto al terzo posto ottenuto negli europei “natalizi” in Turchia, ma almeno ora coach Capobianco potrà riposarsi un po’!

La gara dei quarti con la Lituania poteva aprirci le porte del podio, che forse non avremmo neanche demeritato, e a maggior ragione se fossimo riusciti ad imporci sulla nazionale gialloverde. E i ragazzi (Ebeling 13, Pajola e Bonacini 12; Miaschi 2), dopo un avvio un po’ pesante che portava gli avversari baltici al vantaggio in doppia cifra dell’intervallo lungo, ci avevano fatto davvero sperare, riuscendo prima ad arrivare a -1 e poi a ricucire nuovamente al -2 quando alla fine della gara mancavano appena due minuti. Non è bastato però, come spesso succede quando dopo le rimonte non riesci a mettere poi nemmeno il naso avanti, e sono stati i lituani (poi terzi battendo nella finalina la Turchia) ad accomodarsi nella parte alta del tabellone, peccato, perché in una gara “sliding door” persa di fatto per poco ti resta il rammarico per quella palla, quel tiro, quella difesa malriuscita, quel libero sul ferro, che dalla possibilità di lottare per le medaglie ti fa cadere nel gruppo 5°-8° posto. Amen!

Restava comunque la possibilità, facendo bene nella successive due gare, di arrivare al quinto posto. Nel primo turno, la semifinale, agli azzurri è stata opposta la Bosnia Erzegovina, che nei quarti era stata estromessa dalla Serbia. Molto bravi i ragazzi (Palumbo 26, Vigori 11; Miaschi 3) a mettersi alle spalle la sconfitta dolorosa del giorno prima, e ad infilare i bosniaci con una partita condotta sempre, e alla fine conquistata con netto divario. Prima parte del piano B eseguita con successo!

La finale per il quinto posto ci proponeva lo scontro classico con i francesi, un po’ delusi per l’esclusione dalle gare che contano dopo che i pronostici della vigilia li davano per essere tra le nazionali lanciate verso il podio. Ebbene, se con la Bosnia era andata bene, con la Francia è andata ancora meglio, partita controllata e chiusa dai nostri (Caruso 18, Trapani e Palumbo 12; Miaschi 3) addirittura dopo la terza frazione! Quinto posto conquistato in modo autorevole dunque, a dimostrare che magari anche al piano di sopra non avremmo sfigurato. Ma il campo ha deciso che non doveva essere.

Federico Miaschi ha chiuso il suo Europeo con statistiche praticamente invariate, 10 minuti di utilizzo per gara, con 3 punti e 1 rimbalzo. L’anno prossimo sarà l’europeo della leva 2000, e probabilmente queste cifre miglioreranno, bene così.

Posted in Europei, Giovanili, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Under 20/M – L’Italia è tredicesima e resta in Division A!

Posted by superbasketball su 26 luglio 2017

nazionaliItaliaL-top-bkgL’Europeo Under 20 maschile di Creta poteva essere una vera Caporetto per l’Italia, ma i ragazzi di Buscaglia sono riusciti a dare quel colpo di coda in extremis che ha fatto tirare a tutti un gran sospiro di sollievo: vincendo le ultime 2 gare a disposizione gli azzurri hanno agguantato il 13° posto, l’ultimo ancora buono per restare in Division A e passare il testimone al gruppo Under 19 di quest’anno che oggettivamente non meritava di finire a giocare la Division B l’anno prossimo pur essendo vicecampione mondiale.

Con la sconfitta nei quarti del tabellone basso contro la Svezia i nostri erano infatti con un record negativissimo di 0 vinte e 5 perse, e nelle ultime 2 partite si giocavano tutto: per salvarsi non c’era che una strada, vincerle entrambe. Sabato scorso il primo ostacolo era la Repubblica Ceca, sin lì a secco quanto i nostri. Che paura: la gara è stata decisa per fortuna a favore nostro da due tiri liberi, dopo che gli azzurri (Okeke 11 , Totè 10; Oxilia 3) erano riusciti a prendere un vantaggio nella prima parte. I cechi l’avevano annullato completamente, arrivando davanti nelle ultime azioni ma facendosi recuperare a loro volta (tripla di Bolpin a un minuto dalla fine) e poi sorpassare, commettendo fallo in attacco, con relativi liberi (insaccati entrambi glacialmente da Timperi), con 1 secondo e mezzo sul cronometro, e dovendo accomodarsi con certezza in Division B. Primo pericolo scampato, ma restava ancora un ostacolo!

Era un ostacolo…ostico, anche perché c’era il precedente del girone in cui gli sloveni ci avevano battuti in una gara piuttosto a senso unico. Venendo da una semifinale vinta in modo risicato, il pronostico non era granché favorevole. Invece i nostri l’hanno infilata bene: con un inizio positivo hanno messo sotto gli avversari, prendendo un margine che anche con la prevedibile reazione non si è azzerato e che gli azzurri (Moretti 30, Totè 22; Oxilia 2) sono riusciti a riaprire in modo definitivo nell’ultima frazione, fiaccando la convinzione slovena e portando ad una vittoria anche ampia e rassicurante. Salvi!

Da questo tredicesimo posto ora speriamo di risalire davvero alla grande l’anno prossimo: se non arriviamo agli Europei con troppa sicurezza, sulla carta siamo la squadra da battere…ma ovviamente ne parleremo a tempo debito. Per ora chiudiamo questa pagina con il sollievo di non dover raccontare cose troppo negative! Sarebbe stata veramente una disdetta.

Il nostro osservato speciale Tommaso Oxilia, che finalmente ora si può prendere un po’ di vacanza dopo un’inizio estate davvero impegnativo, sportivamente e scolasticamente, ma pieno di soddisfazioni (prima di tuffarsi nella sua nuova squadra, l’Assigeco Piacenza, in prestito), chiude con circa 13′ di utilizzo medio, che hanno fruttato 1.9 punti e 2.9 rimbalzi. Cifre da giocatore sottoleva: il suo Under 20 Tommy se possibile lo giocherà l’anno prossimo, e, anche qui, sulla carta, da protagonista!

Posted in Eventi, Giovanili, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Under 20/M – L’Italia rischia grosso, ora deve vincere 2 gare per evitare la retrocessione in Division B

Posted by superbasketball su 20 luglio 2017

nazionaliItaliaL-top-bkgL’Europeo Under 20 maschile di Creta si sta rivelando purtroppo un calvario per i nostri ragazzi. Gli azzurri di Buscaglia sono stati sconfitti negli ottavi da Israele e oggi purtroppo anche nei quarti di finale del tabellone basso dalla Svezia, e si trovano a dover giocare per i posti dal 13° al 16°. Dato che gli ultimi 3 retrocedono in Division B, i nostri devono assolutamente vincere le prossime due gare, altrimenti l’Italia scenderà di categoria e, paradosso dei paradossi, l’Under 20 dell’anno prossimo ovvero i vicecampioni del mondo Under 19 di quest’anno, si ritroveranno a non poter giocare con i migliori per il titolo continentale assoluto, che sulla carta sarebbe alla portata, ma solo per il titolo “B” e la promozione per l’anno successivo di nuovo in Division A. Sarebbe piuttosto triste.

Dopo il girone chiuso in ultima posizione con 3 sconfitte, l’ottavo era sulla carta già difficile, contro la prima del girone C, Israele. Paradossalmente i nostri (Totè 27, Okeke 13; Oxilia) hanno fatto forse la partita più positiva, costringendo gli israeliani a lottare sino agli ultimi possessi dopo essere riusciti a tornare ad un solo possesso di distanza a metà ultima frazione. Non è andata bene, ma magari finire nelle 8 dopo una prima fase così deludente era davvero troppo.

La sconfitta negli ottavi ha relegato il gruppo di Buscaglia a giocare per la metà bassa del tabellone, dove comunque si può ancora arrivare ad un dignitoso nono posto. Per far bene, e evitarsi rischi di retrocessione, ai ragazzi si offriva l’occasione d’oro, contro una Svezia che aveva vinto due gare nel girone iniziale, ma che l’altroieri negli ottavi era stata spazzata via 39-73 da quell’Islanda con la quale i nostri avevano giocato e vinto in preparazione. E’ finita male anche oggi invece, con i nostri (Moretti 23, Okeke 20; Oxilia) avanti nella prima parte in modo promettente, poi pian piano recuperati e sorpassati dagli scandinavi in un terzo quarto da quasi 30 punti subìti. Alla fine le lunghezze a favore degli avversari sono state 10, e per gli azzurri ora le prospettive sono piuttosto grigie.

Ora siamo spalle al muro: una sconfitta in una qualsiasi delle prossime due gare ci condannerebbe alla Division B. La semifinale per i posti dal 13° al 16° si gioca sabato alle 15.45 contro la Repubblica Ceca, ancora a secco in questi Europei come gli azzurri. In fondo, è anche giusto che chi non riesce a vincerne una in 6 partite debba accomodarsi nel secondo vagone l’anno prossimo. Vincendo, poi si dovrebbe ancora giocare contro Lettonia o Slovenia, e bisognerebbe vincere anche quella finale. Incrociamo le dita, una retrocessione sarebbe una delusione notevole, soprattutto per l’anno prossimo, come dicevo più sopra.

In queste ultime due gare le medie di Oxilia sono un po’ calate, speriamo che almeno in queste due gare finali possano rimigliorare e Tommy possa contribuire, finalmente, a queste due vittorie che ci servono come il pane.

Posted in Eventi, Giovanili, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Under 20/F – L’Italia chiude sesta

Posted by superbasketball su 16 luglio 2017

nazionaliItaliaL-top-bkgLa nazionale Under 20 femminile nell’Europeo di Matosinhos (Portogallo) ha ottenuto oggi il sesto posto dopo essere stata sconfitta nella relativa finale dall’Ungheria.

Avevo lasciato le ragazze di coach Liberalotto appena prima del decisivo quarto di finale contro la Francia. Non è stata una gran partita: le nostre (Andre 19, Pan 14; Valente ne) hanno subìto un passivo pesante in avvio, hanno recuperato, ne hanno subìto un altro e l’hanno sostanzialmente recuperato (-3), poi le transalpine (finite poi quarte) hanno ripreso il largo e vinto con distacco anche ampio, negandoci la possibilità di giocare per il podio. Ciliegina sulla torta (si fa per dire) lo scavigliamento di Pan nel finale.

Restava da lottare nella parte di tabellone che assegnava i posti dal quinto all’ottavo, iniziando dalla semifinale contro la Lettonia, peraltro già battuta nel girone. Il team di Liberalotto doveva però rinunciare all’utilizzo di Pan e durante la gara anche di Keys, e la partita ci vedeva quasi sempre dietro, a parte nel terzo quarto dove un parzialone ci riportava a mettere il naso avanti. Nell’ultima frazione lettoni avanti anche di 9 ma le nostre (Ciavarella 26, Santucci 15; Valente ne) riuscivano, anche grazie al provvidenziale errore avversario sulla sirena, a impattare. Ci sono voluti poi ben 2 supplementari, con alterne vicende, per darci la vittoria con un bel semigancio mancino di Costa a 5″ dalla sirena, una vittoria di spessore perché ottenuta con oggettive difficoltà fisiche.

Oggi si giocava per un comunque prestigioso quinto posto, avversaria l’Ungheria che nei quarti era stata superata dalla Spagna (poi in finale con la Slovenia, mentre scrivo la gara è ancora in corso in sostanziale equilibrio) e che ieri si era sbarazzata del Belgio. Le magiare peraltro nel girone iniziale avevano anche battuto la Francia che ci aveva estromesse dalla corsa al podio. Le azzurre (Santucci 21, Keys 15; Valente ne), che ritrovavano Keys ma avevano nel frattempo perso Policari (e poi durante la gara anche Ciavarella), dopo una parte iniziale difficile sembravano, a cavallo dell’intervallo lungo, aver trovato nel tiro pesante di Santucci e nel lavoro sotto i tabelloni di André le chiavi per portare a casa il risultato; invece nel terzo quarto la magia si è interrotta e le ungheresi hanno risorpassato, prendendo a loro volta un vantaggio che sembrava potesse portarle a chiudere il match. Le nostre hanno invece lottato sino in fondo, perdendo l’occasione quando sul -4 Santucci era riuscita a scippare il play avversario e subirne l’antisportivo nel contropiede. La nostra faceva solo 1, e poi nell’azione d’attacco successiva non si arrivava a risultato, perdendo anzi palla, e Santucci stessa era costretta a restituire l’antisportivo. Si andava poi avanti con le ungheresi in lunetta a difendere con successo i 3/5 punti di scarto. Peccato, ma se consideriamo che le ragazze hanno perso comunque solo 2 gare delle 7 disputate, non è certo un brutto Europeo.

Per quanto riguarda Emanuela Valente, poco utilizzo per lei, ferma dopo le partite del girone: la “spezzina” chiude il suo europeo con 2 punti e 2 rimbalzi di media in circa 8′ di utilizzo nelle 3 gare disputate.

Posted in Eventi, Giovanili, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Under 19/M – La STORICA medaglia d’argento mondiale della Nazionale e di Oxilia, top 5 del torneo!

Posted by superbasketball su 13 luglio 2017

Sono già passati alcuni giorni dalla conclusione di un incredibile Mondiale Under 19 del Cairo, in Egitto. L’Italia ne è tornata con al collo la medaglia d’argento di VICECAMPIONE DEL MONDO, e il nostro Tommaso Oxilia con il riconoscimento di essere stato inserito nel miglior quintetto della manifestazione! Dopo qualche giorno sembrano fake news, tanto pareva improbabile solo qualche settimana fa, che dite? E invece E’ TUTTO VERO!

Gli azzurri di Capobianco qui sul blog (su Facebook ho seguito malgrado le ferie, come potevo non seguire!?!) li avevo lasciati nell’attesa della semifinale con la Spagna. Una formazione  iberica che arrivava alla final four imbattuta, con anche lo scalpo del Canada nel girone e un quarto dominato con l’Argentina. Era cominciata anche molto male, con i giallorossi a volar via e i nostri (Bucarelli 15, Denegri 14; Oxilia 12) a carburare male, con una prima frazione in singola cifra, ma gli azzurri di Capobianco non sono tipi da arrendersi e hanno continuato a giocare senza perdersi d’animo. La perseveranza paga, e così, trascinati proprio dal nostro Oxilia nella seconda frazione, gli azzurri sono tornati sotto e hanno anche messo il naso avanti nel terzo quarto. L’ultimo tempino sembrava quello del tracollo, con i nostri bloccati e gli spagnoli a volar via: il 49-60 con cui si entrava nei 3′ finali pareva già una sentenza. E invece no, e come in altre partite erano stati altri i protagonisti, stavolta è stato Bucarelli a trovare con determinazione e anche un pochino di fortuna i punti determinanti per il riaggancio e il fantastico sorpasso con l’and one in penetrazione su una Spagna che ha dovuto inchinarsi alla remuntada a pochi secondi dalla sirena. FINALISSIMA! E medaglia d’argento certa! Clamorosi! Ho finito gli aggettivi e i superlativi…

Era dall’edizione 1991 (Edmonton, Canada), che una squadra azzurra non arrivava in una finalissima mondiale, allora persa di 5 con gli USA: leggete il roster di quella squadra, spero che ai ragazzi di Capobianco spetti di fare almeno la metà della carriera di gran parte di quel gruppo, che annoverava tra gli altri e magari non in ordine di importanza Fucka, Frosini, De Pol, Abbio e Portaluppi…Capite bene qual è stata la portata storica di questa impresa?

Sembrava si profilasse il remake della finale del ’91 con gli USA, ma gli statunitensi sono invece stati sconfitti da un grande Canada, trascinato dalla stella (classe 2000!!! Sottoleva di ben 2 anni!) R.J. Barrett. E così la finale ci opponeva ai più nordici ragazzi canadesi (per l’occasione anche Sky si accorgeva dei nostri ragazzi, programmando la diretta su Sport 3), mentre il basket a stelle e strisce doveva accontentarsi della terza piazza nella finalina con la Spagna.

Avremmo magari voluto vedere una partita da cardiopalma come le precedenti, e magari con un finale simile, ma purtroppo i biancorossi fiutato l’oro sono stati spietati: dominando fisicamente l’area, hanno costruito una vittoria tranquillissima, sempre in controllo totale, con divario ampio, pur non producendo percentuali di tiro così significativamente migliori dei nostri (Okeke 14, Oxilia e Penna 12). Sotto di 15 a metà, ben oltre i 20 durante il resto della partita, i nostri non hanno mai smesso di giocare neanche in una gara così a senso unico, e sono stati premiati potendo contenere alla fine sotto i 20 punti un divario che altrimenti sarebbe stato punitivo per il loro torneo. Bravi, anche in una partita persa nettamente c’è modo e modo di giocare.

E dopo la sirena, prima della premiazione delle squadre dove i nostri hanno potuto indossare la meritatissima medaglia d’argento, la proclamazione del miglior quintetto con la ciliegina sulla torta: oltre ai vincitori del titolo Barrett (MVP) e Kigab, e all’USA Pritchard, tra i 5 sono stati inseriti Bucarelli e il nostro Oxilia, che vedete qui sotto nella sua carrellata di highlights personale (e ne mancano).

Che volete di più? Oggettivamente, è mancato solo l’oro e poi potevamo chiudere tutto, baracca e burattini! Un torneo entusiasmante, una bella rivincita anche per coach Capobianco, per il quale oggi si vocifera anche di possibile promozione al dopo Messina nel maschile senior, dopo la delusione dell’Europeo femminile, una grande prestazione del nostro alfiere loano/pietrese, che chiude con 13 punti di media più 8 rimbalzi il suo mondiale… grazie alla Virtus Bologna che evidentemente riesce a farlo emergere! Tra l’altro, l’estate per Tommy prosegue con la convocazione in Under 20, ma questa, direbbe qualcuno, è un’altra storia 😉 . Bravo Tommy!!!

Si discute ora nei social sul futuro di questi ragazzi, molti prospettano gran panchinate e poco spazio per loro. Spero non sia così. Io non ho soluzioni: ci sono tanti fattori che fanno sì che oggi si preferisca uno straniero praticamente rookie ad un nostro giovane. Non so cosa serva, ma fatelo, perché se questi ragazzi non giocheranno quanto meriterebbero sarà davvero un brutto segnale.

Posted in Eventi, Giovanili, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Under 19/M – Oxilia brilla in una Nazionale capace di entrare nelle 4 al Mondiale! E non è finita!

Posted by superbasketball su 7 luglio 2017

Nel Mondiale Under 19 del Cairo, in Egitto, grande Italia e grande Tommaso Oxilia! No, un attimo, grande è poco. ENORME Italia, ENORME Oxilia!

Gli azzurri di Capobianco, che nel giro di pochi giorni è dovuto passare dagli Europei femminili a questa manifestazione, sabato 1 luglio hanno battuto l’Angola faticando moltissimo (Okeke 14, Visconti 11; Oxilia 10), dopo un overtime, superando anche l’infortunio a Visconti. Domenica 2 l’Iran si è dimostrato più arrendevole, e gli azzurri (Oxilia 16, Okeke 15 ) hanno messo su un bel ventello di scarto scarso, con Tommy top scorer dell’incontro. Lunedì 3 semaforo rosso invece contro gli USA: dopo due quarti in cui i nostri (Denegri 14, Okeke 11; Oxilia 5) sono stati anche avanti, gli americani hanno piazzato un paio di allunghi e sono scappati via grazie ad una fisicità straripante. Secondo posto nel girone, e incrocio con la terza del girone D, ovvero il Giappone, negli ottavi.

Malgrado i giapponesi storicamente non siano quotatissimi, gli asiatici ci hanno messo in difficoltà: dopo un nostro buon avvio, i nipponici, trascinati dal collegiale americano Hachimura, hanno completamente ribaltato la situazione andando negli spogliatoi sul +8. Ripresa la linea di galleggiamento nel terzo quarto, il resto della gara è stato un punto a punto che proprio il nostro Tommy, nuovamente top scorer dei nostri (Oxilia 19, Bucarelli 13), ha risolto a circa 3″ dalla fine con un tiro spettacolare dal mezz’angolo di sinistra, in movimento e quasi da dietro alla tabella. Gioco, partita, incontro! Fantastico, e accesso ai quarti ottenuto, e già entrare nelle prime 8 ad un mondiale è roba che a livello senior non vado neanche a vedere l’ultima volta che è successa…

Oggi c’era la sfida ad una Lituania vice campione d’europa l’anno scorso come Under 18, sin qui imbattuta e capace di vincere tutto con scarti abissali. Pronostico? Beh…Ebbene, gli azzurri (Denegri 18, Oxilia 16) non si sono fatti intimidire, e dopo un primo quarto chiuso sotto di un possesso hanno letteralmente messo la freccia e tenuto ben ben dietro gli avversari sino al terzo quarto, quando i lituani hanno infine tirato fuori le unghie e recuperato tiro su tiro (e fallo a favore su fallo a favore, a dir la verità) sino ad un finale de paura, ma in fondo ben gestito (peggio dai lituani, esemplare l’azione frettolosa sul -3 a 19 secondi dalla fine, in cui hanno cercato la bomba nei primi secondi dopo la propria rimessa invece che giocarsi l’ultimo tiro) e chiuso da Denegri dalla lunetta. Grandissima vittoria, che lancia i nostri ragazzi a un passo dal podio! Stupendo! E bravo anche Tommy che ha dato un contributo importantissimo anche oggi!

Naturalmente sul canale Youtube della FIBA trovate tutti gli highlights e i video integrali delle partite. Io vi linko solo questa Top 5 degli ottavi, andate a vedere chi c’è al numero 1! 😉

.

Domani si gioca per entrare nella storia: alle 18 semifinale con la Spagna. Anche lei imbattuta, capace di battere anche il Canada nel girone; oggi ha rifilato un ventello all’Argentina. Difficile, difficilissima. Dall’altra parte sfida nordamericana tra USA e Canada. Chissà che cosa faranno i ragazzi, ormai possono tutto. Ricordatevi la diretta video sul canale FIBA!

E forza Tommy!!!

 

Posted in Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Under 16 Ecc/M – Pallacanestro Vado TERZA IN ITALIA!

Posted by superbasketball su 25 giugno 2017

La Pallacanestro Vado migliora ulteriormente il suo record negli annali del basket ligure giovanile, vincendo la finale per il terzo e quarto posto alle finali nazionali di Eccellenza Under 16 maschili di Vasto e salendo quindi sul podio nazionale!

Il pronostico della semifinale con Bassano è stato rispettato infatti, con i biancorossi agGRAPPAti ai bassanesi (il gioco di parole mi piace troppo) per i primi 15 minuti, ma poi staccati e sconfitti in modo relativamente netto, dovendo lasciare la strada per la finalissima agli avversari. Neo ulteriore della gara la scavigliata di Jancic, che lo rendeva indisponibile per la finalina contro la Mens Sana Siena, nel frattempo sconfitta a sua volta dalla Stella Azzurra Roma.

Oggi invece i ragazzi di Prati e Imarisio si sono ricompattati, e pur senza Jancic hanno avuto la meglio sui senesi, nei quali milita anche il ligure Matteo Bogliardi, in una gara sostanzialmente sempre condotta, in cui piano piano hanno ammucchiato anche 21 punti di scarto, per poi vedersi parzialmente recuperati dai verdi: nei momenti critici però sono riusciti a rintuzzare il recupero toscano, chiudendo poi con relativa tranquillità oltre la doppia cifra, 66-52, per uno storico piazzamento sul podio.

Piazzamento impreziosito da due graditissimi riconoscimenti: posto nel quintetto ideale della manifestazione per il lungo Kyril Tsetserukou (per lui, a titolo d’esempio, 19 punti e 21 rimbalzi nella finale; terzo da sinistra nella foto a fianco), e premio al miglior coach per Marco Prati (al centro della foto con la coppa)! Complimenti ad entrambi, ma certamente bisognerebbe citare i ragazzi uno per uno, e il resto dello staff, i coaches Simone Imarisio e Piero Guarnieri, il dirigente Stefano Dellacasa, il presidente Emilio La Rocca, e tutti quanti hanno collaborato in una stagione dispendiosissima!

Per il titolo, la Stella ha superato Bassano, facendo un altro colpo grosso in una stagione clamorosa (scudetto U15 e U16, terzi in U18 e U20…salute!): tra i capitolini anche Abramo Pene, ex-Tigullio come Bogliardi stesso. Abbiamo un ligure campione (bravissimo!), quindi, una sfilza di terzi, e un quarto. Non malaccio!!!

Auguriamoci che questo exploit non sia un unicum, né per Pallacanestro Vado, né in generale per la pallacanestro ligure: quanto bene farebbe al nostro movimento se queste fossero cose non dico abituali, ma almeno ripetute negli anni. Magari aiuterebbe ad avere più attenzione e ad ottenere quelle strutture che rendono più agevole il lavoro altrove, per far sì che, appunto, questi piazzamenti (che nel femminile ci sono abbastanza regolarmente) diventino più normali anche nel movimento maschile. Forza Liguria! Ma, oggi, soprattutto COMPLIMENTI VADO!

Posted in Giovanili | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Nazionale femminile – Niente mondiale, tristemente. La settima posizione finale è ingenerosa

Posted by superbasketball su 25 giugno 2017

Le azzurre di coach Capobianco hanno chiuso con amarezza l’Eurobasket Women di Repubblica Ceca. Oggi c’è stata la vittoria nella finalina per il settimo posto con la Slovacchia, ma dobbiamo ancora tutti sbollire l’irritazione per il finale della gara di ieri con la Lettonia che ci ha estromessi dal mondiale spagnolo dell’anno prossimo.

La Lettonia ci ha infatti beffato negli ultimi secondi, dopo una partita il cui andamento praticamente è diventato poco interessante rispetto a quanto visto nel finale. L’Italia (Zandalasini 25, Sottana 13; De Pretto ne) era stata anche ben avanti nelle prime frazioni, ma la Lettonia aveva risorpassato e si era arrivati al finale punto a punto. Molte le chiamate e non chiamate arbitrali non favorevoli alle azzurre negli ultimi minuti; malgrado ciò Zandalasini di forza aveva insaccato il +1. Dall’altra parte, a meno di 10″ dalla fine, Zandalasini stessa, in un’azione in cui io, che non sono ovviamente un arbitro, avrei fischiato almeno un fallo in attacco precedente (blocco irregolare su Masciadri), si vede fischiato un fallo mentre difende contro Steinberga spalle a canestro. Ci si aspettava la rimessa e invece l’arbitro ha immediatamente indicato l’antisportivo, probabilmente immaginando una “tatticità” del fallo stesso, o chissà quale contatto illegale di Zandalasini (non visibile dalle immagini sinora disponibili), che onestamente sembrava solo aver cercato la palla con troppa noncuranza per il contatto con il braccio di Steinberga. 2 tiri per la lettone per il risorpasso, poi nel possesso lettone generato dall’antisportivo altri 2 tiri, stavolta entrambi sbagliati dalla stessa Steinberga, dalla lunetta, e sfortunato tentativo finale da 3 di Masciadri con la palla che beffardamente girava sul ferro e usciva. Disdetta, disdetta; per molti, premeditazione nel fischio di fatto decisivo. Non so. Certamente se si fischiasse antisportivo in tutte queste situazioni di “falli da spendere”, sarebbe una strage a tutti i livelli. Peccato, perché il mondiale sarebbe stato davvero un gran premio per un gruppo che ha onorato un europeo pieno di difficoltà di tutti i generi, basti ricordare il grave infortunio di Macchi (e molti aggiungono gli altri episodi dubbi nel finale di alcune gare). Complimenti a coach Capobianco per il grande aplomb con cui ha commentato a caldo la sconfitta, mentre si scatenava la reazione a tutti i livelli attorno a lui.

Qui il video degli highlights FIBA della gara, ai quali aggiungo un link al sito basketinside.com in cui potete vedere il video dell’azione incriminata, che singolarmente era presente nella prima versione circolata da FIBA degli highlights e poi è stata rimossa. Fatto questo piuttosto singolare: forse è “giusto” e “politically correct”, ma chi è stato a chiederne la rimozione? Perché il video era stato assemblato, giornalisticamente, in modo corretto: l’azione è stata fondamentale. Mah.

Oggi non era facile tornare in campo, ma le ragazze (Gorini 14, Sottana e Zandalasini 12; De Pretto 6) hanno onorato l’impegno e superato la Slovacchia stando di fatto sempre avanti. Per quel che vale, siamo le prime delle non qualificate per l’anno prossimo, e certamente sarebbe bastato poco per qualificarsi e fare anche meglio in questo Europeo, comunque molto positivo considerato che si era nella quarta fascia del ranking prima della manifestazione.

Chiudo queste cronache dalla Repubblica Ceca con 2 parole su De Pretto: poco più di 7 minuti di utilizzo, 6 partite disputate (ne con Lettonia), 6 il top dei punti, 3 la media. Ha tirato pochino ma con percentuali eccelse: 75% da 2, 50% da 3, 100% ai liberi, e ha chiuso con un plus/minus positivo. Insomma ovviamente non è stata centrale nel gioco di coach Capobianco ma si è fatta trovare pronta nei pochi minuti a disposizione. Brava!

Posted in Europei, Eventi, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Under 16 Ecc/M – Storica semifinale per una ligure, Pallacanestro Vado oggi contro Bassano per la finalissima! Ne parliamo con coach Prati

Posted by superbasketball su 24 giugno 2017

La Pallacanestro Vado mette il suo timbro negli annali del basket ligure giovanile, conquistando una storica semifinale nelle finali nazionali di Eccellenza Under 16 maschili di Vasto!

Infatti, dopo il girone iniziale vincente i vadesi hanno ieri affrontato nel proprio quarto di finale l’Azzurra Trieste che il giorno prima aveva superato Trento nel proprio spareggio, e l’hanno demolita perentoriamente, vincendo lo scontro diretto con uno scarto di un quarantello appena scarso! Pazzesco!

I ragazzi di Prati e Imarisio hanno approcciato bene la gara già nella prima parte, in cui sono riusciti a costruire un vantaggio che al momento di andare negli spogliatoi era già consistente, 14 punti (41-27). Anche con i triestini hanno poi sfoderato un’uscita dal riposo fenomenale, che ha prodotto un parziale “definitivo”, sino all’87-44 del 35′ sul quale oggettivamente non potevano che scorrere i titoli di coda. Impressionanti! Che il quarto fosse alla portata lo si era intuito, certo vincerlo con queste proporzioni sembra persino troppa grazia!

Ora una semifinale (palla a 2 alle 17 e diretta streaming sul sito FIP/Giovanile, non mancate!) che il pronostico dà per scontata a favore dell’Oxygen Bassano (ma…vediamo!); ma comunque vada, che si vinca o che si perda, i biancorossi sanno di essere impegnati anche domani per una delle due finali. E sarà un successo, e non è solo una formula di rito! Se arrivasse un posto sul podio, uno qualsiasi, sarebbe clamoroso, ma anche un quarto posto, la classica “medaglia di legno”, ci piacerebbe lo stesso; meno, immagino, ai diretti interessati, i ragazzi, che ora sono giustamente col morale alle stelle.

Parliamo di questo momento e della stagione biancorosso con coach Marco Prati: per l’occasione, ho sfoderato uno dei miei top tecnologici (…), l’intervista telefonica! Eccola qua, tirate su il volume che i cellulari non aiutano in questi casi:

.

Grazie Marco per la disponibilità, e forza Vado!

Posted in Giovanili | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Nazionale femminile – Sfumano le speranze di medaglia, Belgio spietato. Ma oggi con la Lettonia si gioca per il mondiale 2018!

Posted by superbasketball su 24 giugno 2017

Le azzurre di coach Capobianco hanno visto sfumare il sogno di medaglia nell’Eurobasket Women di Repubblica Ceca con la sconfitta nei quarti contro il Belgio, ma resta il secondo obbiettivo, molto importante: quello di qualificarsi per i Mondiali spagnoli del 2018!

Per ottenere questo target le azzurre scendono in campo oggi alle 12.30 contro la Lettonia nella semifinale della parte di tabellone per i posti tra il 5° e l’8°: dato che la Spagna si è qualificata ma è già ammessa di diritto come organizzatrice, non sono infatti le prime 5 di questo europeo a qualificarsi, ma anche la sesta, e pertanto chi vince le due semifinali di oggi di questa parte di tabellone (l’altra è Turchia-Slovacchia) si aggrega alle 4 semifinaliste assolute (Belgio, Francia, Spagna e Grecia). Importante, per tutto il movimento! Io non tenevo il conto, ma pare che l’ultimo mondiale femminile sia stato disputato dall’Italia 23 anni fa!

Ma torniamo alla gara dei quarti: una partita che purtroppo è stata sempre in mano alle avversarie, più precise e spietate delle nostre. Le azzurre (Zandalasini 23, Sottana 17; De Pretto) hanno avuto come sempre una superba Zandalasini che ha provato a tener duro, ma le belghe hanno sempre riallungato. Sembrava che la partita stesse girando a nostro favore quando la fiammata del terzo quarto ci ha riportato ad un solo possesso di distanza: ma il parziale di inizio quarta frazione ci ha spento e riportato alla doppia cifra di svantaggio, e neanche negli ultimi minuti è riuscito il riavvicinamento che avrebbe permesso di contestare il verdetto. Amen, molto brave le belghe che quest’anno sono davvero temibili e giocheranno, loro sì, per le medaglie.

Qui il video degli highlights FIBA della gara.

Le avversarie di oggi, le lettoni, vengono da un girone in cui si sono piazzate terze, davanti al Montenegro e dietro a Russia e Belgio: poi hanno superato negli ottavi la Serbia, ma nei quarti hanno sbattuto nel muro spagnolo. Credo, pur con tutte le ottime giocarici nel roster baltico, che sia una squadra alla nostra portata, e credo che le azzurre possano fare bene e portarsi a casa questo prestigioso risultato. Forza ragazze!!!

Posted in Europei, Eventi, Nazionali | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Prom/M – Fortitudo Savona batte MyBasket e sale in D Regionale!

Posted by superbasketball su 6 giugno 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaAnche la Promozione maschile ha emesso il suo verdetto, determinato attraverso i playoff: la squadra che ha conquistato la promozione (minuscola) in D Regionale 2016-2017 è la Fortitudo Savona!

Vi avevo lasciato all’inizio dei playoff, per cui vi devo qualche antefatto prima di parlarvi della finale.

Ricorderete che i quarti sono stati decisi dal ranking, ovvero dal fatto che le squadre qualificate sono state messe in fila per quoziente vittorie e quoziente punti. LA prima del ranking è stata quindi accoppiata con l’ottava, la seconda con la settima, e così via.

Prima contro ottava significava Athletic Genova contro Fortitudo Savona, e qui c’è stata già la prima sorpresa, sia per la vittoria dei savonesi sia per il fatto che essa è avvenuta col 2-0 e con ampi margini in entrambe le sfide. La seconda era il MyBasket, e anche qui si è sfiorato l’upturn, con l’Olimpia Taggia sconfitta solo a gara3 e per 2 punti. Nelle altre serie la Pontremolese si è imposta 2-0 sulla Scat Genova, mentre l’Atena ha rovesciato il fattore campo con Maremola (che era stata a lungo in testa in regular season nel suo girone).

In semifinale alla Fortitudo toccava dunque proprio l’Atena, ancora col campo a sfavore: anche qua i savonesi hanno infilato il percorso netto, iniziando bene a Genova e chiudendo i conti in una gara2 con molti strascichi per squalifiche. Dall’altra parte il MyBasket ha prima difeso il campo dell’Eridania e poi espugnato col minimo scarto quello del PalaBorzacca di Pontremoli, conquistando il diritto alla finale, con il vantaggio di poter giocare in casa gara1 e bella.

Bella la serie finale: se in gara1 i genovesi hanno nuovamente conservato il campo imbattuto (ancora con 1 punto di scarto!), dopo una gara2 vinta nettamente a Savona i fortitudini hanno compiuto l’impresa di soffiare la promozione ai genovesi proprio sul loro campo, vincendo con un solo canestro di scarto nella gara3 disputata alla Crocera il 2 giugno, in una cornice di pubblico molto bella e calda!

Complimenti a coach Morando e ai suoi ragazzi, che ora possono pensare a come presentarsi l’anno prossimo di nuovo sul palcoscenico della D! Ma anche per coach Brovia e i suoi, sconfitti in finale proprio sul filo di lana, credo si possa parlare di una grande stagione.

Complimenti ai promossi, ai non promossi, ai rimandati…qui non ci sono bocciati! Ci si riprova semmai l’anno prossimo!

Risultati e classifica:

.

Posted in Campionati, Prom M | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

D Reg/M – Imperia e Cogoleto si giocheranno la promozione!

Posted by superbasketball su 27 maggio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaLa D Regionale assegnerà la seconda promozione dopo una finale playoff che metterà una contro l’altra due squadre che in regular season erano finite piuttosto distanti dalla vetta e dalla promossa diretta Pro Recco: l’Imperia RIviera dei Fiori, settima a 10 punti dalla capolista, e il Cogoleto, addirittura nono a 13 punti di distanza (ma con 3 di penalizzazione). Direi che questi playoff sono stati abbastanza imprevedibili!

Mercoledì infatti in gara 3 i ragazzi di coach Risso (Berra, Borgna e Fossati L. 12) hanno conquistato in casa il punto decisivo nei confronti della Pallacanestro Sestri (Colangelo 18, Idili e Lando 10), che ha tenuto duro sino all’ultimo quarto, anzi agli ultimi minuti dell’ultimo quarto, malgrado l’espulsione di coach Mariotti e del dirigente Papaleo per proteste nella seconda frazione. Gli imperiesi hanno dato i colpi del ko e hanno poi anche un po’ dilagato a partita decisa. Si ferma la corsa dei sestresi, che, ricordo, a loro volta in campionato erano arrivati ottavi, ma che nei playoff hanno dato forse il meglio, quando contava. Bravi e ripravateci, dato che era la prima volta in questa serie è senz’altro una stagione iperpositiva. Quanto al Riviera, ora deve subito rimboccarsi le maniche, ma arriva anche questa volta alla finale col vantaggio del campo (l’anno scorso però con l’Alcione non servì a nulla): domenica alle 19 alla Maggi si gioca già gara 1 contro il Cogoleto!

Proprio i ragazzi di coach Dellarovere hanno fatto il colpo più eclatante, eliminando dopo Valpetronio (2a in stagione) anche Diego Bologna (sesta), andando a vincere al PalaPapini. I ragazzi di casa (Cirillo L. 15, Giachi 14) hanno giocato alla pari i primi 2 quarti, poi il loro gioco si è involuto nel terzo tempino e coach Grassi non ha potuto fare altro che osservare gli ospiti (Ciarlo 22, Bruzzone 17) prendere il largo e chiudere con largo margine la partita e la serie. Peccato per gli spezzini che negli ultimi turni hanno giocato davvero troppo a corrente alternata, e questo è spesso pericoloso, ma che, come nel caso della Pallacanestro Sestri, erano all’esordio nella categoria: quindi gli aspetti positivi devono prevalere sulla delusione della conclusione. Il Cogoleto invece compie la seconda “impresa” in fila, e ora proverà a conquistare la promozione dopo aver avuto la certezza di fare i playoff solo all’ultima giornata: sarebbe certo un evento singolare!

Come detto, si torna in campo subito: alla Maggi, domenica prossima al Paladamonte e poi l’eventuale bella il mercoledì successivo ancora ad Imperia. In palio un posto in C Silver!

Situazione:

.

 

Posted in Campionati, D Reg M | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

D Reg/M – Le gare2 delle semifinali rimandano tutte a gara3!

Posted by superbasketball su 23 maggio 2017

Logo Comitato Regionale FIP LiguriaSe il primo turno delle semifinali della D Regionale aveva premiato le squadre di casa, il secondo turno ha fatto lo stesso, e ci ritroviamo con entrambe le serie sull’1-1, da decidersi domani sera, mercoledì 24, nelle “belle”.

Al PalaFigoi si è disputata una gara2 punto a punto, in cui i sestresi di coach Mariotti (Zenobio M. 14, Lando 11) hanno visto l’Imperia (Giulini 13, Lo Piccolo 10) partire meglio e restare davanti sino al terzo quarto, per poi sorpassarla, e condurre in posto la vittoria nel finale sfruttando abbastanza bene i viaggi in lunetta concessi. Per i ragazzi di Risso l’occasione sprecata per un solo possesso si ripresenta comunque domani sera, ancora in casa alla Maggi, grazie alla migliore prestazione in regular season. Vedremo se il fattore campo li premierà o se i sestresi riusciranno a ribaltarlo.

Anche nell’altra semifinale siamo in parità, dopo che il Cogoleto ha vinto gara2 con la Scuola Basket Diego Bologna. La squadra spezzina (Menoni 14, Giachi 12) ha subito una sconfitta netta, come era successo a Genova con l’Auxilium nei quarti, cancellando la buona impressione che aveva destato nelle seguenti 3 partite, le due vincenti sui genovesi e quella in casa contro i ragazzi di Dellarovere. I quali ora devono tornare al Palapapini, ma con l’inerzia dalla propria. Palla a 2, come ad Imperia, alle 21!

Situazione:

.

 

Posted in Campionati, D Reg M | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: